it opay

3G in russo: "Ne abbiamo fatti tre"

Venerdì 20 aprile sono stati resi pubblici i risultati della riunione finale della commissione per la concorrenza dell'Agenzia federale delle comunicazioni (Rossvyaz) per la distribuzione delle licenze per i servizi di comunicazione mobile di terza generazione (3G). MegaFon OJSC, Mobile Telesystems OJSC (MTS) e VimpelCom OJSC (Beeline) sono diventati i vincitori del concorso.
Come previsto, tutti e tre gli operatori Big Three hanno ricevuto le licenze, l'operazione commerciale delle reti di terza generazione dovrebbe iniziare il prossimo anno.

Come ha osservato il presidente dell'Infocommunication Union, Alexander Krupnov, nel processo decisionale la commissione ha studiato attentamente le proposte di tutti i partecipanti al concorso sui tempi e sul volume di costruzione delle reti 3G. La prima esperienza di assegnazione delle frequenze su base competitiva è avvenuta, anche se non tutto è andato liscio e, secondo lo stesso signor Krupnov, lo schema per accumulare "punti" non è stato completamente pensato. Ad esempio, nell'ambito dei criteri di valutazione elaborati, il numero di BS promessi praticamente non contava, se non altro oltre la soglia dei duemila. Un approccio fondamentalmente nuovo alla competizione è che le promesse preliminari degli operatori vincitori saranno ora fissate nei termini degli accordi di licenza e non sarà possibile rivedere i numeri a causa di alcune "cambiate circostanze".

Inizialmente, 13 aziende hanno presentato domanda di partecipazione al concorso per l'ottenimento di licenze per servizi di comunicazione cellulare di terza generazione, di cui, all'inizio di aprile, la commissione ha selezionato solo sette domande. Il resto è stato escluso dalla partecipazione al concorso per vari motivi: debito di bilancio, mancanza di parte delle licenze necessarie, ecc. Il che porta a pensare all'intelligibilità e completezza della formulazione dei termini di partecipazione. Sebbene Alexander Krupnov si sia lamentato dell'ovvia essenza di PR delle domande dei "singoli partecipanti". Naturalmente, non tutti erano soddisfatti del risultato, c'erano aperte accuse che le condizioni stesse del concorso non lasciassero possibilità ad altri candidati. Esiste la possibilità di controllo giurisdizionale di una decisione già adottata? Svetlana Vlasova, vice capo dell'Agenzia federale delle comunicazioni (Rossvyaz), è sicura che tali tentativi siano inutili: “È stato fatto molto lavoro. Il concorso è stato organizzato correttamente, la commissione ha preso la decisione giusta e l'eliminazione dei partecipanti è stata giustificata.

Non è un segreto che le reti di terza generazione sono operative nella maggior parte dei paesi europei da molto tempo, gli abbonati stanno iniziando ad abituarsi alle videochiamate e all'Internet mobile veloce. I siti di test 3G sono stati organizzati e testati da operatori russi diversi anni fa e, ad esempio, da allora Beeline è riuscita a costruire e lanciare una rete 3G in Tagikistan. La Russia è irrimediabilmente indietro con il rilascio delle licenze? Alexander Krupnov è sicuro che non ci sia “lag”, ma c'è da lavorare sugli errori delle aziende europee: grazie alla pausa presa, la Russia ha l'opportunità di scavalcare fasi di sviluppo fallite e costruire subito reti 3G basate sulle ultime tecnologie . Quelli. tutto è andato come previsto e il Ministero dell'Informazione e delle Comunicazioni ha mostrato invidiabile saggezza e lungimiranza.

I produttori di telefoni sono pronti per le nuove tecnologie mobili, oggi il 10% dei telefoni venduti in Russia "sa come" funzionare nelle reti di terza generazione. Nelle nuove condizioni, la certificazione dei terminali ha natura di notifica, grazie alla quale l'introduzione di nuovi modelli nel mercato russo ha notevolmente accelerato. Con le apparecchiature dell'infrastruttura di rete, non tutto è così roseo. La certificazione delle apparecchiature di commutazione, secondo Svetlana Vlasova, dovrebbe essere completata a luglio, stazioni base - Dio non voglia, entro la fine di agosto. Rimane ancora un lavoro certosino da fare con i dipartimenti militari per sdoganare le risorse di radiofrequenza loro assegnate sotto il socialismo, l'onere finanziario per correggere le conseguenze della miope "donazione" di frequenze sarà a carico delle compagnie di telefonia mobile. E anche dopo una costosa pulizia, la maggior parte delle frequenze assegnate rimarrà nella categoria "condivisa".

Tuttavia, gli operatori guardano al futuro con ottimismo e si aspettano di accontentarci con nuovi servizi il prossimo anno. “La rete di terza generazione darà un nuovo impulso allo sviluppo dell'azienda e amplierà ulteriormente la gamma di servizi di telecomunicazione di livello mondiale, semplici ed efficienti forniti ai nostri clienti. Le nuove opportunità 3G renderanno la comunicazione tra i nostri abbonati ancora più interessante e produttiva", afferma Leonid Melamed, Presidente di MTS OJSC. Anche se non tutti potranno sfruttare queste opportunità: gli stessi operatori sono interessati a realizzare reti 3G, in primis nelle città più grandi, dove le risorse di frequenza esistenti non sono più sufficienti. Soprattutto al centro nei giorni feriali, dove la capacità 3G aggiuntiva salverà le reti GSM esistenti da almeno quei dispositivi che supportano questo standard.

In futuro, le nuove tecnologie consentiranno agli operatori mobili di liberare alcune delle loro risorse e lanciare sul mercato operatori virtuali, il che aumenterà la concorrenza e andrà a vantaggio del consumatore. Almeno di questo è sicuro Alexander Krupnov, riferendosi all'esperienza degli operatori europei. Alexander Izosimov, Direttore Generale di VimpelCom, è d'accordo con lui: “La decisione presa dalla commissione, a mio avviso, soddisfa sia gli interessi dei consumatori russi che gli interessi dell'industria e dell'economia russa nel suo insieme e contribuirà allo sviluppo di sana concorrenza sul Diversi vestiti per uomo mercato russo delle telecomunicazioni".< /p>

Non è ancora chiaro il prezzo dell'emissione e il volume degli investimenti. MTS prevede di investire fino a 1 miliardo di dollari nella rete 3G entro tre anni, circa le stesse cifre annunciate da MegaFon. Il management di VimpelCom parla di 300-350 milioni di dollari nel 2007-2008. Non c'è bisogno di parlare del ritorno dei progetti nei prossimi anni, nel prossimo futuro i soldi dovranno essere spesi principalmente. In questo senso è indicativa una citazione dal comunicato VimpelCom:

Questo comunicato stampa contiene "dichiarazioni previsionali", come definito nella Sezione 27A del Securities Act e nella Sezione 21E del Securities Exchange Act. Queste affermazioni si riferiscono alla concorrenza nel settore delle telecomunicazioni russo a seguito delle odierne assegnazioni delle licenze e sono basate sulle informazioni attualmente disponibili per la direzione di VimpelCom. Non è possibile garantire che le licenze assegnate a seguito di concorsi comporteranno un aumento della concorrenza nel settore delle telecomunicazioni russo, che i risultati dei concorsi non saranno contestati o che una licenza assegnata a VimpelCom sarà rilasciata o non revocata una volta concessa . Inoltre, l'implementazione di una rete 3G richiede investimenti finanziari significativi e non si può garantire che VimpelCom sarà in grado di implementare una rete 3G a condizioni convenienti.

3G in russo: "Ne abbiamo fatti tre"

Venerdì 20 aprile sono stati resi pubblici i risultati della riunione finale della commissione per la concorrenza dell'Agenzia federale delle comunicazioni (Rossvyaz) per la distribuzione delle licenze per i servizi di comunicazione mobile di terza generazione (3G). MegaFon OJSC, Mobile Telesystems OJSC (MTS) e VimpelCom OJSC (Beeline) sono diventati i vincitori del concorso.
Come previsto, tutti e tre gli operatori Big Three hanno ricevuto le licenze, l'operazione commerciale delle reti di terza generazione dovrebbe iniziare il prossimo anno.

Come ha osservato il presidente dell'Infocommunication Union, Alexander Krupnov, nel processo decisionale la commissione ha studiato attentamente le proposte di tutti i partecipanti al concorso sui tempi e sul volume di costruzione delle reti 3G. La prima esperienza di assegnazione delle frequenze su base competitiva è avvenuta, anche se non tutto è andato liscio e, secondo lo stesso signor Krupnov, lo schema per accumulare "punti" non è stato completamente pensato. Ad esempio, nell'ambito dei criteri di valutazione elaborati, il numero di BS promessi praticamente non contava, se non altro oltre la soglia dei duemila. Un approccio fondamentalmente nuovo alla competizione è che le promesse preliminari degli operatori vincitori saranno ora fissate nei termini degli accordi di licenza e non sarà possibile rivedere i numeri a causa di alcune "cambiate circostanze".

Inizialmente, 13 aziende hanno presentato domanda di partecipazione al concorso per l'ottenimento di licenze per servizi di comunicazione cellulare di terza generazione, di cui, all'inizio di aprile, la commissione ha selezionato solo sette domande. Il resto è stato escluso dalla partecipazione al concorso per vari motivi: debito di bilancio, mancanza di parte delle licenze necessarie, ecc. Il che porta a pensare all'intelligibilità e completezza della formulazione dei termini di partecipazione. Sebbene Alexander Krupnov si sia lamentato dell'ovvia essenza di PR delle domande dei "singoli partecipanti". Naturalmente, non tutti erano soddisfatti del risultato, c'erano aperte accuse che le condizioni stesse del concorso non lasciassero possibilità ad altri candidati. Esiste la possibilità di controllo giurisdizionale di una decisione già adottata? Svetlana Vlasova, vice capo dell'Agenzia federale delle comunicazioni (Rossvyaz), è sicura che tali tentativi siano inutili: “È stato fatto molto lavoro. Il concorso è stato organizzato correttamente, la commissione ha preso la decisione giusta e l'eliminazione dei partecipanti è stata giustificata.

Non è un segreto che le reti di terza generazione sono operative nella maggior parte dei paesi europei da molto tempo, gli abbonati stanno iniziando ad abituarsi alle videochiamate e all'Internet mobile veloce. I siti di test 3G sono stati organizzati e testati da operatori russi diversi anni fa e, ad esempio, da allora Beeline è riuscita a costruire e lanciare una rete 3G in Tagikistan. La Russia è irrimediabilmente indietro con il rilascio delle licenze? Alexander Krupnov è sicuro che non ci sia “lag”, ma c'è da lavorare sugli errori delle aziende europee: grazie alla pausa presa, la Russia ha l'opportunità di scavalcare fasi di sviluppo fallite e costruire subito reti 3G basate sulle ultime tecnologie . Quelli. tutto è andato come previsto e il Ministero dell'Informazione e delle Comunicazioni ha mostrato invidiabile saggezza e lungimiranza.

I produttori di telefoni sono pronti per le nuove tecnologie mobili, oggi il 10% dei telefoni venduti in Russia "sa come" funzionare nelle reti di terza generazione. Nelle nuove condizioni, la certificazione dei terminali ha natura di notifica, grazie alla quale l'introduzione di nuovi modelli nel mercato russo ha notevolmente accelerato. Con le apparecchiature dell'infrastruttura di rete, non tutto è così roseo. La certificazione delle apparecchiature di commutazione, secondo Svetlana Vlasova, dovrebbe essere completata a luglio, stazioni base - Dio non voglia, entro la fine di agosto. Rimane ancora un lavoro certosino da fare con i dipartimenti militari per sdoganare le risorse di radiofrequenza loro assegnate sotto il socialismo, l'onere finanziario per correggere le conseguenze della miope "donazione" di frequenze sarà a carico delle compagnie di telefonia mobile. E anche dopo una costosa pulizia, la maggior parte delle frequenze assegnate rimarrà nella categoria "condivisa".

Tuttavia, gli operatori guardano al futuro con ottimismo e si aspettano di accontentarci con nuovi servizi il prossimo anno. “La rete di terza generazione darà un nuovo impulso allo sviluppo dell'azienda e amplierà ulteriormente la gamma di servizi di telecomunicazione di livello mondiale, semplici ed efficienti forniti ai nostri clienti. Le nuove opportunità 3G renderanno la comunicazione tra i nostri abbonati ancora più interessante e produttiva", afferma Leonid Melamed, Presidente di MTS OJSC. Anche se non tutti potranno sfruttare queste opportunità: gli stessi operatori sono interessati a realizzare reti 3G, in primis nelle città più grandi, dove le risorse di frequenza esistenti non sono più sufficienti. Soprattutto al centro nei giorni feriali, dove la capacità 3G aggiuntiva salverà le reti GSM esistenti da almeno quei dispositivi che supportano questo standard.

In futuro, le nuove tecnologie consentiranno agli operatori mobili di liberare alcune delle loro risorse e lanciare sul mercato operatori virtuali, il che aumenterà la concorrenza e andrà a vantaggio del consumatore. Almeno di questo è sicuro Alexander Krupnov, riferendosi all'esperienza degli operatori europei. Alexander Izosimov, Direttore Generale di VimpelCom, è d'accordo con lui: “La decisione presa dalla commissione, a mio avviso, soddisfa sia gli interessi dei consumatori russi che gli interessi dell'industria e dell'economia russa nel suo insieme e contribuirà allo sviluppo di sana concorrenza sul Diversi vestiti per uomo mercato russo delle telecomunicazioni".< /p>

Non è ancora chiaro il prezzo dell'emissione e il volume degli investimenti. MTS prevede di investire fino a 1 miliardo di dollari nella rete 3G entro tre anni, circa le stesse cifre annunciate da MegaFon. Il management di VimpelCom parla di 300-350 milioni di dollari nel 2007-2008. Non c'è bisogno di parlare del ritorno dei progetti nei prossimi anni, nel prossimo futuro i soldi dovranno essere spesi principalmente. In questo senso è indicativa una citazione dal comunicato VimpelCom:

Questo comunicato stampa contiene "dichiarazioni previsionali", come definito nella Sezione 27A del Securities Act e nella Sezione 21E del Securities Exchange Act. Queste affermazioni si riferiscono alla concorrenza nel settore delle telecomunicazioni russo a seguito delle odierne assegnazioni delle licenze e sono basate sulle informazioni attualmente disponibili per la direzione di VimpelCom. Non è possibile garantire che le licenze assegnate a seguito di concorsi comporteranno un aumento della concorrenza nel settore delle telecomunicazioni russo, che i risultati dei concorsi non saranno contestati o che una licenza assegnata a VimpelCom sarà rilasciata o non revocata una volta concessa . Inoltre, l'implementazione di una rete 3G richiede investimenti finanziari significativi e non si può garantire che VimpelCom sarà in grado di implementare una rete 3G a condizioni convenienti.

3G in russo: "Ne abbiamo fatti tre"

Venerdì 20 aprile sono stati resi pubblici i risultati della riunione finale della commissione per la concorrenza dell'Agenzia federale delle comunicazioni (Rossvyaz) per la distribuzione delle licenze per i servizi di comunicazione mobile di terza generazione (3G). MegaFon OJSC, Mobile Telesystems OJSC (MTS) e VimpelCom OJSC (Beeline) sono diventati i vincitori del concorso.
Come previsto, tutti e tre gli operatori Big Three hanno ricevuto le licenze, l'operazione commerciale delle reti di terza generazione dovrebbe iniziare il prossimo anno.

Come ha osservato il presidente dell'Infocommunication Union, Alexander Krupnov, nel processo decisionale la commissione ha studiato attentamente le proposte di tutti i partecipanti al concorso sui tempi e sul volume di costruzione delle reti 3G. La prima esperienza di assegnazione delle frequenze su base competitiva è avvenuta, anche se non tutto è andato liscio e, secondo lo stesso signor Krupnov, lo schema per accumulare "punti" non è stato completamente pensato. Ad esempio, nell'ambito dei criteri di valutazione elaborati, il numero di BS promessi praticamente non contava, se non altro oltre la soglia dei duemila. Un approccio fondamentalmente nuovo alla competizione è che le promesse preliminari degli operatori vincitori saranno ora fissate nei termini degli accordi di licenza e non sarà possibile rivedere i numeri a causa di alcune "cambiate circostanze".

Inizialmente, 13 aziende hanno presentato domanda di partecipazione al concorso per l'ottenimento di licenze per servizi di comunicazione cellulare di terza generazione, di cui, all'inizio di aprile, la commissione ha selezionato solo sette domande. Il resto è stato escluso dalla partecipazione al concorso per vari motivi: debito di bilancio, mancanza di parte delle licenze necessarie, ecc. Il che porta a pensare all'intelligibilità e completezza della formulazione dei termini di partecipazione. Sebbene Alexander Krupnov si sia lamentato dell'ovvia essenza di PR delle domande dei "singoli partecipanti". Naturalmente, non tutti erano soddisfatti del risultato, c'erano aperte accuse che le condizioni stesse del concorso non lasciassero possibilità ad altri candidati. Esiste la possibilità di controllo giurisdizionale di una decisione già adottata? Svetlana Vlasova, vice capo dell'Agenzia federale delle comunicazioni (Rossvyaz), è sicura che tali tentativi siano inutili: “È stato fatto molto lavoro. Il concorso è stato organizzato correttamente, la commissione ha preso la decisione giusta e l'eliminazione dei partecipanti è stata giustificata.

Non è un segreto che le reti di terza generazione sono operative nella maggior parte dei paesi europei da molto tempo, gli abbonati stanno iniziando ad abituarsi alle videochiamate e all'Internet mobile veloce. I siti di test 3G sono stati organizzati e testati da operatori russi diversi anni fa e, ad esempio, da allora Beeline è riuscita a costruire e lanciare una rete 3G in Tagikistan. La Russia è irrimediabilmente indietro con il rilascio delle licenze? Alexander Krupnov è sicuro che non ci sia “lag”, ma c'è da lavorare sugli errori delle aziende europee: grazie alla pausa presa, la Russia ha l'opportunità di scavalcare fasi di sviluppo fallite e costruire subito reti 3G basate sulle ultime tecnologie . Quelli. tutto è andato come previsto e il Ministero dell'Informazione e delle Comunicazioni ha mostrato invidiabile saggezza e lungimiranza.

I produttori di telefoni sono pronti per le nuove tecnologie mobili, oggi il 10% dei telefoni venduti in Russia "sa come" funzionare nelle reti di terza generazione. Nelle nuove condizioni, la certificazione dei terminali ha natura di notifica, grazie alla quale l'introduzione di nuovi modelli nel mercato russo ha notevolmente accelerato. Con le apparecchiature dell'infrastruttura di rete, non tutto è così roseo. La certificazione delle apparecchiature di commutazione, secondo Svetlana Vlasova, dovrebbe essere completata a luglio, stazioni base - Dio non voglia, entro la fine di agosto. Rimane ancora un lavoro certosino da fare con i dipartimenti militari per sdoganare le risorse di radiofrequenza loro assegnate sotto il socialismo, l'onere finanziario per correggere le conseguenze della miope "donazione" di frequenze sarà a carico delle compagnie di telefonia mobile. E anche dopo una costosa pulizia, la maggior parte delle frequenze assegnate rimarrà nella categoria "condivisa".

Tuttavia, gli operatori guardano al futuro con ottimismo e si aspettano di accontentarci con nuovi servizi il prossimo anno. “La rete di terza generazione darà un nuovo impulso allo sviluppo dell'azienda e amplierà ulteriormente la gamma di servizi di telecomunicazione di livello mondiale, semplici ed efficienti forniti ai nostri clienti. Le nuove opportunità 3G renderanno la comunicazione tra i nostri abbonati ancora più interessante e produttiva", afferma Leonid Melamed, Presidente di MTS OJSC. Anche se non tutti potranno sfruttare queste opportunità: gli stessi operatori sono interessati a realizzare reti 3G, in primis nelle città più grandi, dove le risorse di frequenza esistenti non sono più sufficienti. Soprattutto al centro nei giorni feriali, dove la capacità 3G aggiuntiva salverà le reti GSM esistenti da almeno quei dispositivi che supportano questo standard.

In futuro, le nuove tecnologie consentiranno agli operatori mobili di liberare alcune delle loro risorse e lanciare sul mercato operatori virtuali, il che aumenterà la concorrenza e andrà a vantaggio del consumatore. Almeno di questo è sicuro Alexander Krupnov, riferendosi all'esperienza degli operatori europei. Alexander Izosimov, Direttore Generale di VimpelCom, è d'accordo con lui: “La decisione presa dalla commissione, a mio avviso, soddisfa sia gli interessi dei consumatori russi che gli interessi dell'industria e dell'economia russa nel suo insieme e contribuirà allo sviluppo di sana concorrenza sul Diversi vestiti per uomo mercato russo delle telecomunicazioni".< /p>

Non è ancora chiaro il prezzo dell'emissione e il volume degli investimenti. MTS prevede di investire fino a 1 miliardo di dollari nella rete 3G entro tre anni, circa le stesse cifre annunciate da MegaFon. Il management di VimpelCom parla di 300-350 milioni di dollari nel 2007-2008. Non c'è bisogno di parlare del ritorno dei progetti nei prossimi anni, nel prossimo futuro i soldi dovranno essere spesi principalmente. In questo senso è indicativa una citazione dal comunicato VimpelCom:

Questo comunicato stampa contiene "dichiarazioni previsionali", come definito nella Sezione 27A del Securities Act e nella Sezione 21E del Securities Exchange Act. Queste affermazioni si riferiscono alla concorrenza nel settore delle telecomunicazioni russo a seguito delle odierne assegnazioni delle licenze e sono basate sulle informazioni attualmente disponibili per la direzione di VimpelCom. Non è possibile garantire che le licenze assegnate a seguito di concorsi comporteranno un aumento della concorrenza nel settore delle telecomunicazioni russo, che i risultati dei concorsi non saranno contestati o che una licenza assegnata a VimpelCom sarà rilasciata o non revocata una volta concessa . Inoltre, l'implementazione di una rete 3G richiede investimenti finanziari significativi e non si può garantire che VimpelCom sarà in grado di implementare una rete 3G a condizioni convenienti.

3G in russo: "Ne abbiamo fatti tre"

Venerdì 20 aprile sono stati resi pubblici i risultati della riunione finale della commissione per la concorrenza dell'Agenzia federale delle comunicazioni (Rossvyaz) per la distribuzione delle licenze per i servizi di comunicazione mobile di terza generazione (3G). MegaFon OJSC, Mobile Telesystems OJSC (MTS) e VimpelCom OJSC (Beeline) sono diventati i vincitori del concorso. Come previsto, tutti e tre gli operatori, membri dei Big Three, hanno ricevuto le licenze, l'esercizio commerciale delle reti di terza generazione dovrebbe iniziare il prossimo anno.

Come ha osservato il presidente dell'Infocommunication Union, Alexander Krupnov, nel processo decisionale la commissione ha studiato attentamente le proposte di tutti i partecipanti al concorso sui tempi e sul volume di costruzione delle reti 3G. La prima esperienza di assegnazione delle frequenze su base competitiva è avvenuta, anche se non tutto è andato liscio e, secondo lo stesso signor Krupnov, lo schema per accumulare "punti" non è stato completamente pensato. Ad esempio, nell'ambito dei criteri di valutazione elaborati, il numero di BS promessi praticamente non contava, se non altro oltre la soglia dei duemila. Un approccio fondamentalmente nuovo alla competizione è che le promesse preliminari degli operatori vincitori saranno ora fissate nei termini degli accordi di licenza e non sarà possibile rivedere i numeri a causa di alcune "cambiate circostanze".

Inizialmente, 13 aziende hanno presentato domanda di partecipazione al concorso per l'ottenimento di licenze per servizi di comunicazione cellulare di terza generazione, di cui, all'inizio di aprile, la commissione ha selezionato solo sette domande. Il resto è stato escluso dalla partecipazione al concorso per vari motivi: debito di bilancio, mancanza di parte delle licenze necessarie, ecc. Il che porta a pensare all'intelligibilità e completezza della formulazione dei termini di partecipazione. Sebbene Alexander Krupnov si sia lamentato dell'ovvia essenza di PR delle domande dei "singoli partecipanti". Naturalmente, non tutti erano soddisfatti del risultato, c'erano aperte accuse che le condizioni stesse del concorso non lasciassero possibilità ad altri candidati. Esiste la possibilità di controllo giurisdizionale di una decisione già adottata? Svetlana Vlasova, vice capo dell'Agenzia federale delle comunicazioni (Rossvyaz), è sicura che tali tentativi siano inutili: “È stato fatto molto lavoro. Il concorso è stato organizzato correttamente, la commissione ha preso la decisione giusta e l'eliminazione dei partecipanti è stata giustificata.

Non è un segreto che le reti di terza generazione sono operative nella maggior parte dei paesi europei da molto tempo, gli abbonati stanno iniziando ad abituarsi alle videochiamate e all'Internet mobile veloce. I siti di test 3G sono stati organizzati e testati da operatori russi diversi anni fa e, ad esempio, da allora Beeline è riuscita a costruire e lanciare una rete 3G in Tagikistan. La Russia è irrimediabilmente indietro con il rilascio delle licenze? Alexander Krupnov è sicuro che non ci sia “lag”, ma c'è da lavorare sugli errori delle aziende europee: grazie alla pausa presa, la Russia ha l'opportunità di scavalcare fasi di sviluppo fallite e costruire subito reti 3G basate sulle ultime tecnologie . Quelli. tutto è andato come previsto e il Ministero dell'Informazione e delle Comunicazioni ha mostrato invidiabile saggezza e lungimiranza.

I produttori di telefoni sono pronti per le nuove tecnologie mobili, oggi il 10% dei telefoni venduti in Russia "sa come" funzionare nelle reti di terza generazione. Nelle nuove condizioni, la certificazione dei terminali ha natura di notifica, grazie alla quale l'introduzione di nuovi modelli nel mercato russo ha notevolmente accelerato. Con le apparecchiature dell'infrastruttura di rete, non tutto è così roseo. La certificazione delle apparecchiature di commutazione, secondo Svetlana Vlasova, dovrebbe essere completata a luglio, stazioni base - Dio non voglia, entro la fine di agosto. Rimane ancora un lavoro certosino da fare con i dipartimenti militari per sdoganare le risorse di radiofrequenza loro assegnate sotto il socialismo, l'onere finanziario per correggere le conseguenze della miope "donazione" di frequenze sarà a carico delle compagnie di telefonia mobile. E anche dopo una costosa pulizia, la maggior parte delle frequenze assegnate rimarrà nella categoria "condivisa".

Tuttavia, gli operatori guardano al futuro con ottimismo e si aspettano di accontentarci con nuovi servizi il prossimo anno. “La rete di terza generazione darà un nuovo impulso allo sviluppo dell'azienda e amplierà ulteriormente la gamma di servizi di telecomunicazione di livello mondiale, semplici ed efficienti forniti ai nostri clienti. Le nuove opportunità 3G renderanno la comunicazione tra i nostri abbonati ancora più interessante e produttiva", afferma Leonid Melamed, Presidente di MTS OJSC. Anche se non tutti potranno sfruttare queste opportunità: gli stessi operatori sono interessati a realizzare reti 3G, in primis nelle città più grandi, dove le risorse di frequenza esistenti non sono più sufficienti. Soprattutto al centro nei giorni feriali, dove la capacità 3G aggiuntiva salverà le reti GSM esistenti da almeno quei dispositivi che supportano questo standard.

In futuro, le nuove tecnologie consentiranno agli operatori mobili di liberare alcune delle loro risorse e lanciare sul mercato operatori virtuali, il che aumenterà la concorrenza e andrà a vantaggio del consumatore. Almeno di questo è sicuro Alexander Krupnov, riferendosi all'esperienza degli operatori europei. Alexander Izosimov, Direttore Generale di VimpelCom, è d'accordo con lui: “La decisione presa dalla commissione, a mio avviso, soddisfa sia gli interessi dei consumatori russi che gli interessi dell'industria e dell'economia russa nel suo insieme e contribuirà allo sviluppo di sana concorrenza sul mercato russo delle telecomunicazioni di Different Clothes For Men.

In futuro, le nuove tecnologie consentiranno agli operatori mobili di liberare alcune delle loro risorse e di lanciare sul mercato operatori virtuali, il che contribuirà a intensificare la concorrenza ea avvantaggiare il consumatore. Almeno di questo è sicuro Alexander Krupnov, riferendosi all'esperienza degli operatori europei. Alexander Izosimov, Direttore Generale di VimpelCom, è d'accordo con lui: “La decisione presa dalla commissione, a mio avviso, soddisfa sia gli interessi dei consumatori russi che gli interessi dell'industria e dell'economia russa nel suo insieme e contribuirà allo sviluppo di sana competizione nel Vestiti diversi per uomo Diversi vestiti per gli uomini Mercato russo delle telecomunicazioni.

Non è ancora chiaro il prezzo dell'emissione e il volume degli investimenti. MTS prevede di investire fino a 1 miliardo di dollari nella rete 3G entro tre anni, circa le stesse cifre annunciate da MegaFon. Il management di VimpelCom parla di 300-350 milioni di dollari nel 2007-2008. Non c'è bisogno di parlare del ritorno dei progetti nei prossimi anni, nel prossimo futuro i soldi dovranno essere spesi principalmente. In questo senso è indicativa una citazione dal comunicato VimpelCom:

Questo comunicato stampa contiene "dichiarazioni previsionali", come definito nella Sezione 27A del Securities Act e nella Sezione 21E del Securities Exchange Act. Queste affermazioni si riferiscono alla concorrenza nel settore delle telecomunicazioni russo a seguito delle odierne assegnazioni delle licenze e sono basate sulle informazioni attualmente disponibili per la direzione di VimpelCom. Non è possibile garantire che le licenze assegnate a seguito di concorsi comporteranno un aumento della concorrenza nel settore delle telecomunicazioni russo, che i risultati dei concorsi non saranno contestati o che una licenza assegnata a VimpelCom sarà rilasciata o non revocata una volta concessa . Inoltre, l'implementazione di una rete 3G richiede investimenti finanziari significativi e non si può garantire che VimpelCom sarà in grado di implementare una rete 3G a condizioni convenienti.