it opay

HTC Desire Z - primo sguardo

Il rilascio degli slider laterali con una tastiera QWERTY per HTC è una cosa comune. Si può dire che i taiwanesi sono uno di quelli che hanno presentato nuovi dispositivi in ​​questo form factor anche quando altre aziende hanno rifiutato o hanno iniziato a farlo meno spesso. Tuttavia, con il passaggio ad Android, HTC ha intrapreso la strada della creazione di monoblocchi touch e fino a poco tempo l'unico "robot" dell'azienda con una tastiera hardware era il loro primo Android: il test HTC Dream, noto anche come HTC G1.

Un anno e mezzo dopo il rilascio di HTC Dream, l'azienda presenta una nuova, seconda tastiera basata su Android: HTC Desire Z. E secondo le prime impressioni, questo è uno di quei dispositivi che troverà il suo utente nonostante il costo elevato e una serie di controversi più familiari a molti produttori, ahimè) momenti.

Design, materiali della custodia

Mi piace l'aspetto del Desire Z sullo sfondo dell'HTC Desire HD. E sebbene questo smartphone abbia anche accenni di lavoro a cottimo, ad esempio, la parte posteriore è composta da due elementi, una cover metallica e un bordo perimetrale, tuttavia, il design di questo dispositivo sembra essere più solido e logicamente completato rispetto al design del monoblocco Desire HD.

Il dispositivo è realizzato in plastica con elementi in metallo. In particolare, detto copribatteria è realizzato in metallo, nonché una cornice perimetrale dello schermo. Plastica con effetto soft touch. Impossibile non citare l'utilizzo della combinazione di colori già familiare ad HTC, per i miei gusti una combinazione di più sfumature di grigio è la scelta migliore quando il produttore realizza il dispositivo in una variante di colore o al massimo due o tre, il colore grigio è universale.

Il dispositivo è relativamente sottile, soprattutto considerando che abbiamo un tastierista di fronte a noi. Confronta lo spessore di HTC Desire Z (14,2 mm) con quello, ad esempio, di HTC Touch Pro 2 (17,3 mm) o HTC Dream (17,1 mm).

Non posso ancora giudicare la qualità costruttiva, ne parleremo in una recensione completa dello smartphone. In conclusione di questo breve capitolo, voglio dire che personalmente mi è piaciuto Desire Z con il suo aspetto, così come l'approccio alla combinazione di materiali e Teatro musicale a Kigali selezione dei colori. Questo non è più il primo vero "robot" con QWERTY (HTC Dream) e non il paffuto tastierista su Windows Mobile (Touch Pro 2). In termini di design, lo smartphone si è rivelato rigoroso, serio e dava la sensazione di una cosa davvero costosa, cosa che non era il caso dello stesso Touch Pro 2 a tal punto.

Gestione

In termini di controlli e tasti in generale, l'HTC Desire Z ha diversi miglioramenti da parte dell'azienda rispetto ad altri nuovi prodotti. Quindi, questo dispositivo ha almeno un pannello touch come elemento di controllo, con l'aiuto di tocchi su di esso, puoi navigare nel menu, spostare il cursore all'interno del testo o del documento ed eseguire altre azioni.

Un altro piacevole momento è il ritorno al corpo della chiave hardware per lo scatto. Il modulo della fotocamera stesso si trova sul lato posteriore, a filo con la cavità del coperchio della batteria, un flash è visibile vicino all'occhio della fotocamera.

Sotto lo schermo c'è un blocco di tasti touch (ahimè e ah): Casa (torna alla schermata principale, avviando il gestore dell'applicazione), Menu, Indietro, Cerca. Questo pannello a sfioramento è illuminato con una retroilluminazione bianca, quando si tocca un pulsante il dispositivo vibra. Tasti di risposta e di fine chiamata sullo schermo. Vicino al pulsante della fotocamera c'è una leva per rimuovere il coperchio della batteria, ma sembrava molto simile a un pulsante di blocco hardware ...

I connettori per cuffie e microUSB da 3,5 mm per la ricarica e il collegamento a un PC si trovano rispettivamente sui lati superiore e sinistro dello smartphone.

Tastiera

HTC Desire Z ha una tastiera QWERTY hardware. L'utente può accedervi aprendo il dispositivo. Il meccanismo di apertura ricorda quello del Nokia N97 e, probabilmente, è proprio per questo meccanismo che lo smartphone ha ricevuto la lettera Z nel nome, il design stesso ricorda questo simbolo.

La tastiera ha quattro file, i tasti sono rettangolari, leggermente arrotondati e di larghezza allungata, i pulsanti sono separati l'uno dall'altro. Per quanto riguarda la forma dei tasti, il loro principio di ubicazione, la spaziatura sull'area, la tastiera ricorda molto la tastiera dell'HTC Touch Pro2. Lascia che ti ricordi una delle tastiere QWERTY più convenienti, soprattutto se chiudi gli occhi sulla sua localizzazione non riuscita per la Russia (ciao, la lettera B tramite la combinazione di tasti FN +).

Tastiera con 48 tasti, inclusi TAB, FN e molti altri tasti ausiliari. Sono quasi sicuro che la tastiera in Desire Z sarà buona come in Touch Pro 2 in termini di praticità, ma non so quale sarà la sua versione per la Russia e sto aspettando con il fiato sospeso. Dopotutto, è la localizzazione che renderà questa tastiera finalmente super comoda o super scomoda.

Schermo

Lo smartphone utilizza un display da 3,7" con supporto multi-touch. Display S-LCD di Sony, l'azienda è passata a questo tipo di schermi non molto tempo fa da AMOLED di Samsung e ora vediamo questo schermo nelle nuove consegne di HTC Desire, così come negli smartphone Desire HD e Z appena annunciati.

Lo schermo è protetto da vetro, non è graffiato, anche se rimangono segni e impronte sulla superficie del display. In termini di nitidezza dell'immagine, il display in Desire Z, ovviamente, risulta essere leggermente migliore rispetto a Desire HD e persino al semplice Desire grazie alla stessa risoluzione (800x480 pixel) di questi dispositivi, con una diagonale dello schermo più piccola.

Fotocamera

HTC Desire Z ha una fotocamera da 5 megapixel con autofocus e registrazione video a 720p (1280x720 pixel e titolo e piatto di risoluzione per i curiosi). Parleremo dell'interfaccia, oltre che della qualità della foto e della videocamera nella recensione dello smartphone.

Interfaccia, htcsense.com

Lo smartphone funziona su Android 2.2 con l'ultima versione dell'interfaccia proprietaria HTC Sense. Nel nuovo HTC Sense, l'utente ottiene la possibilità di controllare a distanza lo smartphone, l'azienda introduce il servizio htcsense.com, dove i possessori di smartphone HTC possono creare il proprio account. E poi qualsiasi utente potrà sincronizzare i dati dal telefono con il servizio, chiamare da remoto il proprio dispositivo o cancellarne i dati in caso di furto, trasferire la rubrica dal vecchio HTC a quello nuovo, leggere e memorizzare la sua corrispondenza su il server. Parleremo di questo servizio separatamente, non appena avrò accesso ad esso (ehi, HTC!).

Piattaforma

Il dispositivo è basato sulla piattaforma Qualcomm MSM 7230 con una frequenza del processore di 800 MHz. Less than Desire, ma non credo che si noterà nel lavoro di tutti i giorni. Lo smartphone dispone di 521 MB di RAM e 1,5 GB di memoria per la memorizzazione dei dati utente e del software installato. Un set di interfacce wireless è standard per un moderno smartphone Android: Wi-Fi, Bluetooth e GPS.

Parleremo della velocità di lavoro, delle capacità di riproduzione video in seguito, quando sarà possibile testare tutto questo sul campione finale.

Impressioni

Aggiungerò soggettività. Prima dell'avvento dell'HTC Desire Z, credevo sinceramente che il fattore di forma del cursore laterale QWERTY fosse completamente sopravvissuto. E ho iniziato a pensare in questo modo dopo l'avvento di Google Nexus One e HTC Desire. In entrambi i dispositivi, la tastiera su schermo (soprattutto in Desire, la tastiera proprietaria di HTC) si è rivelata così comoda che non ho visto il punto nell'attesa di smartphone con hardware QWERTY. Anche prima del rilascio di Desire, c'era HTC HD2, ma la tastiera non era così comoda, non così reattiva alla pressione, aveva una risposta più lenta, sebbene fosse vicina all'ideale. E il rilascio di HTC Desire mi ha mostrato che una tastiera morbida può essere comoda tanto quanto una rigida. E così ho cominciato a portare questa verità alle masse, o meglio, a citarla nelle recensioni e nei litigi con conoscenti e amici. A tutti quelli che balbettavano per smartphone con hardware QWERTY, ho detto: “Perché? Guarda la tastiera su schermo su HTC Desire, è a portata di mano!".

E poi HTC rilascia una nuova tastiera, che non mi piace per via della tastiera e sullo sfondo di un altro smartphone annunciato, il flagship. Non presumo di giudicare le motivazioni dell'azienda, come si prevedeva di posizionare lo smartphone HTC Desire Z sullo sfondo di Desire HD quasi allo stesso prezzo, ma l'oggettiva superiorità tecnica di quest'ultimo. Sì, Desire Z sarà costoso all'inizio (il prezzo promesso è di 26.000 rubli, ma rimarrà?), anche se non sarà costoso come lo stesso HTC Touch Pro 2 all'inizio delle vendite.

Da tutto quanto scritto possiamo trarre la seguente conclusione: tecnicamente l'HTC Desire Z è più vicino al semplice Desire e per certi versi ancora più semplice, in termini di design questo dispositivo, secondo me, è uno tra i più forti per l'azienda, questo è lo smartphone in cui l'utilizzo di materiali di alta qualità e il loro abbinamento sono realizzati con gusto e senso dello stile. Sì, come tutti gli altri nuovi HTC, la Z ha tasti touch, non ha pulsanti di chiamata hardware e ha una batteria da 1300 mAh che durerà a malapena un'intera giornata di lavoro. Ma, secondo me, HTC Desire Z merita il favore di un pubblico rispettabile più di un semplice Desire o Desire HD. Perché questo smartphone è riconoscibile come un HTC adulto, un'azienda in grado di realizzare dispositivi non solo con effetto “wow” o con un massimo di funzionalità, ma anche bellissimi smartphone “accattivanti” e pratici allo stesso tempo. Anche se non fino in fondo...

HTC Desire Z - primo sguardo

Il rilascio degli slider laterali con una tastiera QWERTY per HTC è una cosa comune. Si può dire che i taiwanesi sono uno di quelli che hanno presentato nuovi dispositivi in ​​questo form factor anche quando altre aziende hanno rifiutato o hanno iniziato a farlo meno spesso. Tuttavia, con il passaggio ad Android, HTC ha intrapreso la strada della creazione di monoblocchi touch e fino a poco tempo l'unico "robot" dell'azienda con una tastiera hardware era il loro primo Android: il test HTC Dream, noto anche come HTC G1.

Un anno e mezzo dopo il rilascio di HTC Dream, l'azienda presenta una nuova, seconda tastiera basata su Android: HTC Desire Z. E secondo le prime impressioni, questo è uno di quei dispositivi che troverà il suo utente nonostante il costo elevato e una serie di controversi più familiari a molti produttori, ahimè) momenti.

Design, materiali della custodia

Mi piace l'aspetto del Desire Z sullo sfondo dell'HTC Desire HD. E sebbene questo smartphone abbia anche accenni di lavoro a cottimo, ad esempio, la parte posteriore è composta da due elementi, una cover metallica e un bordo perimetrale, tuttavia, il design di questo dispositivo sembra essere più solido e logicamente completato rispetto al design del monoblocco Desire HD.

Il dispositivo è realizzato in plastica con elementi in metallo. In particolare, detto copribatteria è realizzato in metallo, nonché una cornice perimetrale dello schermo. Plastica con effetto soft touch. Impossibile non citare l'utilizzo della combinazione di colori già familiare ad HTC, per i miei gusti una combinazione di più sfumature di grigio è la scelta migliore quando il produttore realizza il dispositivo in una variante di colore o al massimo due o tre, il colore grigio è universale.

Il dispositivo è relativamente sottile, soprattutto considerando che abbiamo un tastierista di fronte a noi. Confronta lo spessore di HTC Desire Z (14,2 mm) con quello, ad esempio, di HTC Touch Pro 2 (17,3 mm) o HTC Dream (17,1 mm).

Non posso ancora giudicare la qualità costruttiva, ne parleremo in una recensione completa dello smartphone. In conclusione di questo breve capitolo, voglio dire che personalmente mi è piaciuto Desire Z con il suo aspetto, così come l'approccio alla combinazione di materiali e Teatro musicale a Kigali selezione dei colori. Questo non è il primo "robot" in assoluto con QWERTY (HTC Dream) e tastiera grassoccia su Windows Mobile (Touch Pro 2). In termini di design, lo smartphone si è rivelato rigoroso, serio e dava la sensazione di una cosa davvero costosa, cosa che non era il caso dello stesso Touch Pro 2 a tal punto.

Gestione

In termini di controlli e tasti in generale, l'HTC Desire Z ha diversi miglioramenti da parte dell'azienda rispetto ad altri nuovi prodotti. Quindi, questo dispositivo ha almeno un pannello touch come elemento di controllo, con l'aiuto di tocchi su di esso, puoi navigare nel menu, spostare il cursore all'interno del testo o del documento ed eseguire altre azioni.

Un altro piacevole momento è il ritorno al corpo della chiave hardware per lo scatto. Il modulo della fotocamera stesso si trova sul lato posteriore, a filo con la cavità del coperchio della batteria, un flash è visibile vicino all'occhio della fotocamera.

Sotto lo schermo c'è un blocco di tasti touch (ahimè e ah): Casa (torna alla schermata principale, avviando il gestore dell'applicazione), Menu, Indietro, Cerca. Questo pannello a sfioramento è illuminato con una retroilluminazione bianca, quando si tocca un pulsante il dispositivo vibra. Tasti di risposta e di fine chiamata sullo schermo. Vicino al pulsante della fotocamera c'è una leva per rimuovere il coperchio della batteria, ma sembrava molto simile a un pulsante di blocco hardware ...

I connettori per cuffie e microUSB da 3,5 mm per la ricarica e il collegamento a un PC si trovano rispettivamente sui lati superiore e sinistro dello smartphone.

Tastiera

HTC Desire Z ha una tastiera QWERTY hardware. L'utente può accedervi aprendo il dispositivo. Il meccanismo di apertura ricorda quello del Nokia N97 e, probabilmente, è proprio per questo meccanismo che lo smartphone ha ricevuto la lettera Z nel nome, il design stesso ricorda questo simbolo.

La tastiera ha quattro file, i tasti sono rettangolari, leggermente arrotondati e di larghezza allungata, i pulsanti sono separati l'uno dall'altro. Per quanto riguarda la forma dei tasti, il loro principio di ubicazione, la spaziatura sull'area, la tastiera ricorda molto la tastiera dell'HTC Touch Pro2. Lascia che ti ricordi una delle tastiere QWERTY più convenienti, soprattutto se chiudi gli occhi sulla sua localizzazione non riuscita per la Russia (ciao, la lettera B tramite la combinazione di tasti FN +).

Tastiera con 48 tasti, inclusi TAB, FN e molti altri tasti ausiliari. Sono quasi sicuro che la tastiera in Desire Z sarà buona come in Touch Pro 2 in termini di praticità, ma non so quale sarà la sua versione per la Russia e sto aspettando con il fiato sospeso. Dopotutto, è la localizzazione che renderà questa tastiera finalmente super comoda o super scomoda.

Schermo

Lo smartphone utilizza un display da 3,7" con supporto multi-touch. Display S-LCD di Sony, l'azienda è passata a questo tipo di schermi non molto tempo fa da AMOLED di Samsung e ora vediamo questo schermo nelle nuove consegne di HTC Desire, così come negli smartphone Desire HD e Z appena annunciati.

Lo schermo è protetto da vetro, non è graffiato, anche se rimangono segni e impronte sulla superficie del display. In termini di nitidezza dell'immagine, il display in Desire Z, ovviamente, risulta essere leggermente migliore rispetto a Desire HD e persino al semplice Desire grazie alla stessa risoluzione (800x480 pixel) di questi dispositivi, con una diagonale dello schermo più piccola.

Fotocamera

HTC Desire Z ha una fotocamera da 5 megapixel con autofocus e registrazione video a 720p (1280x720 pixel e titolo e piatto di risoluzione per i curiosi). Parleremo dell'interfaccia, oltre che della qualità della foto e della videocamera nella recensione dello smartphone.

Interfaccia, htcsense.com

Lo smartphone funziona su Android 2.2 con l'ultima versione dell'interfaccia proprietaria HTC Sense. Nel nuovo HTC Sense, l'utente ottiene la possibilità di controllare a distanza lo smartphone, l'azienda introduce il servizio htcsense.com, dove i possessori di smartphone HTC possono creare il proprio account. E poi qualsiasi utente potrà sincronizzare i dati dal telefono con il servizio, chiamare da remoto il proprio dispositivo o cancellarne i dati in caso di furto, trasferire la rubrica dal vecchio HTC a quello nuovo, leggere e memorizzare la sua corrispondenza su il server. Parleremo di questo servizio separatamente, non appena avrò accesso ad esso (ehi, HTC!).

Piattaforma

Il dispositivo è basato sulla piattaforma Qualcomm MSM 7230 con una frequenza del processore di 800 MHz. Less than Desire, ma non credo che si noterà nel lavoro di tutti i giorni. Lo smartphone dispone di 521 MB di RAM e 1,5 GB di memoria per la memorizzazione dei dati utente e del software installato. Un set di interfacce wireless è standard per un moderno smartphone Android: Wi-Fi, Bluetooth e GPS.

Parleremo della velocità di lavoro, delle capacità di riproduzione video in seguito, quando sarà possibile testare tutto questo sul campione finale.

Impressioni

Aggiungerò soggettività. Prima dell'avvento dell'HTC Desire Z, credevo sinceramente che il fattore di forma del cursore laterale QWERTY fosse completamente sopravvissuto. E ho iniziato a pensare in questo modo dopo l'avvento di Google Nexus One e HTC Desire. In entrambi i dispositivi, la tastiera su schermo (soprattutto in Desire, la tastiera proprietaria di HTC) si è rivelata così comoda che non ho visto il punto nell'attesa di smartphone con hardware QWERTY. Anche prima del rilascio di Desire, c'era HTC HD2, ma la tastiera non era così comoda, non così reattiva alla pressione, aveva una risposta più lenta, sebbene fosse vicina all'ideale. E il rilascio di HTC Desire mi ha mostrato che una tastiera morbida può essere comoda tanto quanto una rigida. E così ho cominciato a portare questa verità alle masse, o meglio, a citarla nelle recensioni e nei litigi con conoscenti e amici. A tutti quelli che balbettavano per smartphone con hardware QWERTY, ho detto: “Perché? Guarda la tastiera su schermo su HTC Desire, è a portata di mano!".

E poi HTC rilascia una nuova tastiera, che non mi piace per via della tastiera e sullo sfondo di un altro smartphone annunciato, il flagship. Non presumo di giudicare le motivazioni dell'azienda, come si prevedeva di posizionare lo smartphone HTC Desire Z sullo sfondo di Desire HD quasi allo stesso prezzo, ma l'oggettiva superiorità tecnica di quest'ultimo. Sì, Desire Z sarà costoso all'inizio (il prezzo promesso è di 26.000 rubli, ma rimarrà?), anche se non sarà costoso come lo stesso HTC Touch Pro 2 all'inizio delle vendite.

Da tutto quanto scritto possiamo trarre la seguente conclusione: tecnicamente l'HTC Desire Z è più vicino al semplice Desire e per certi versi ancora più semplice, in termini di design questo dispositivo, secondo me, è uno tra i più forti per l'azienda, questo è lo smartphone in cui l'utilizzo di materiali di alta qualità e il loro abbinamento sono realizzati con gusto e senso dello stile. Sì, come tutti gli altri nuovi HTC, la Z ha tasti touch, non ha pulsanti di chiamata hardware e ha una batteria da 1300 mAh che durerà a malapena un'intera giornata di lavoro. Ma, secondo me, HTC Desire Z merita il favore di un pubblico rispettabile più di un semplice Desire o Desire HD. Perché questo smartphone è riconoscibile come un HTC adulto, un'azienda in grado di realizzare dispositivi non solo con effetto “wow” o con un massimo di funzionalità, ma anche bellissimi smartphone “accattivanti” e pratici allo stesso tempo. Anche se non fino in fondo...

HTC Desire Z - primo sguardo

Il rilascio degli slider laterali con una tastiera QWERTY per HTC è una cosa comune. Si può dire che i taiwanesi sono uno di quelli che hanno presentato nuovi dispositivi in ​​questo form factor anche quando altre aziende hanno rifiutato o hanno iniziato a farlo meno spesso. Tuttavia, con il passaggio ad Android, HTC ha intrapreso la strada della creazione di monoblocchi touch e fino a poco tempo l'unico "robot" dell'azienda con una tastiera hardware era il loro primo Android: il test HTC Dream, noto anche come HTC G1.

Un anno e mezzo dopo il rilascio di HTC Dream, l'azienda presenta una nuova, seconda tastiera basata su Android: HTC Desire Z. E secondo le prime impressioni, questo è uno di quei dispositivi che troverà il suo utente nonostante il costo elevato e una serie di controversi più familiari a molti produttori, ahimè) momenti.

Design, materiali della custodia

Mi piace l'aspetto del Desire Z sullo sfondo dell'HTC Desire HD. E sebbene questo smartphone abbia anche accenni di lavoro a cottimo, ad esempio, la parte posteriore è composta da due elementi, una cover metallica e un bordo perimetrale, tuttavia, il design di questo dispositivo sembra essere più solido e logicamente completato rispetto al design del monoblocco Desire HD.

Il dispositivo è realizzato in plastica con elementi in metallo. In particolare, detto copribatteria è realizzato in metallo, nonché una cornice perimetrale dello schermo. Plastica con effetto soft touch. Impossibile non citare l'utilizzo della combinazione di colori già familiare ad HTC, per i miei gusti una combinazione di più sfumature di grigio è la scelta migliore quando il produttore realizza il dispositivo in una variante di colore o al massimo due o tre, il colore grigio è universale.

Il dispositivo è relativamente sottile, soprattutto considerando che abbiamo un tastierista di fronte a noi. Confronta lo spessore di HTC Desire Z (14,2 mm) con quello, ad esempio, di HTC Touch Pro 2 (17,3 mm) o HTC Dream (17,1 mm).

Non posso ancora giudicare la qualità costruttiva, ne parleremo in una recensione completa dello smartphone. In conclusione di questo breve capitolo, voglio dire che personalmente mi è piaciuto Desire Z con il suo aspetto, così come l'approccio alla combinazione di materiali e Teatro musicale a Kigali selezione dei colori. Questo non è il primo "robot" in assoluto con QWERTY (HTC Dream) e tastiera grassoccia su Windows Mobile (Touch Pro 2). In termini di design, lo smartphone si è rivelato rigoroso, serio e dava la sensazione di una cosa davvero costosa, cosa che non era il caso dello stesso Touch Pro 2 a tal punto.

Gestione

In termini di controlli e tasti in generale, l'HTC Desire Z ha diversi miglioramenti da parte dell'azienda rispetto ad altri nuovi prodotti. Quindi, questo dispositivo ha almeno un pannello touch come elemento di controllo, con l'aiuto di tocchi su di esso, puoi navigare nel menu, spostare il cursore all'interno del testo o del documento ed eseguire altre azioni.

Un altro piacevole momento è il ritorno al corpo della chiave hardware per lo scatto. Il modulo della fotocamera stesso si trova sul lato posteriore, a filo con la cavità del coperchio della batteria, un flash è visibile vicino all'occhio della fotocamera.

Sotto lo schermo c'è un blocco di tasti touch (ahimè e ah): Casa (torna alla schermata principale, avviando il gestore dell'applicazione), Menu, Indietro, Cerca. Questo pannello a sfioramento è illuminato con una retroilluminazione bianca, quando si tocca un pulsante il dispositivo vibra. Tasti di risposta e di fine chiamata sullo schermo. Vicino al pulsante della fotocamera c'è una leva per rimuovere il coperchio della batteria, ma sembrava molto simile a un pulsante di blocco hardware ...

I connettori per cuffie e microUSB da 3,5 mm per la ricarica e il collegamento a un PC si trovano rispettivamente sui lati superiore e sinistro dello smartphone.

Tastiera

HTC Desire Z ha una tastiera QWERTY hardware. L'utente può accedervi aprendo il dispositivo. Il meccanismo di apertura ricorda quello del Nokia N97 e, probabilmente, è proprio per questo meccanismo che lo smartphone ha ricevuto la lettera Z nel nome, il design stesso ricorda questo simbolo.

La tastiera ha quattro file, i tasti sono rettangolari, leggermente arrotondati e di larghezza allungata, i pulsanti sono separati l'uno dall'altro. Per quanto riguarda la forma dei tasti, il loro principio di ubicazione, la spaziatura sull'area, la tastiera ricorda molto la tastiera dell'HTC Touch Pro2. Lascia che ti ricordi una delle tastiere QWERTY più convenienti, soprattutto se chiudi gli occhi sulla sua localizzazione non riuscita per la Russia (ciao, la lettera B tramite la combinazione di tasti FN +).

Tastiera con 48 tasti, inclusi TAB, FN e molti altri tasti ausiliari. Sono quasi sicuro che la tastiera in Desire Z sarà buona come in Touch Pro 2 in termini di praticità, ma non so quale sarà la sua versione per la Russia e sto aspettando con il fiato sospeso. Dopotutto, è la localizzazione che renderà questa tastiera finalmente super comoda o super scomoda.

Schermo

Lo smartphone utilizza un display da 3,7" con supporto multi-touch. Display S-LCD di Sony, l'azienda è passata a questo tipo di schermi non molto tempo fa da AMOLED di Samsung e ora vediamo questo schermo nelle nuove consegne di HTC Desire, così come negli smartphone Desire HD e Z appena annunciati.

Lo schermo è protetto da vetro, non è graffiato, anche se rimangono segni e impronte sulla superficie del display. In termini di nitidezza dell'immagine, il display in Desire Z, ovviamente, risulta essere leggermente migliore rispetto a Desire HD e persino al semplice Desire grazie alla stessa risoluzione (800x480 pixel) di questi dispositivi, con una diagonale dello schermo più piccola.

Fotocamera

HTC Desire Z ha una fotocamera da 5 megapixel con autofocus e registrazione video a 720p (1280x720 pixel e titolo e piatto di risoluzione per i curiosi). Parleremo dell'interfaccia, oltre che della qualità della foto e della videocamera nella recensione dello smartphone.

Interfaccia, htcsense.com

Lo smartphone funziona su Android 2.2 con l'ultima versione dell'interfaccia proprietaria HTC Sense. Nel nuovo HTC Sense, l'utente ottiene la possibilità di controllare a distanza lo smartphone, l'azienda introduce il servizio htcsense.com, dove i possessori di smartphone HTC possono creare il proprio account. E poi qualsiasi utente potrà sincronizzare i dati dal telefono con il servizio, chiamare da remoto il proprio dispositivo o cancellarne i dati in caso di furto, trasferire la rubrica dal vecchio HTC a quello nuovo, leggere e memorizzare la sua corrispondenza su il server. Parleremo di questo servizio separatamente, non appena avrò accesso ad esso (ehi, HTC!).

Piattaforma

Il dispositivo è basato sulla piattaforma Qualcomm MSM 7230 con una frequenza del processore di 800 MHz. Less than Desire, ma non credo che si noterà nel lavoro di tutti i giorni. Lo smartphone dispone di 521 MB di RAM e 1,5 GB di memoria per la memorizzazione dei dati utente e del software installato. Un set di interfacce wireless è standard per un moderno smartphone Android: Wi-Fi, Bluetooth e GPS.

Parleremo della velocità di lavoro, delle capacità di riproduzione video in seguito, quando sarà possibile testare tutto questo sul campione finale.

Impressioni

Aggiungerò soggettività. Prima dell'avvento dell'HTC Desire Z, credevo sinceramente che il fattore di forma del cursore laterale QWERTY fosse completamente sopravvissuto. E ho iniziato a pensare in questo modo dopo l'avvento di Google Nexus One e HTC Desire. In entrambi i dispositivi, la tastiera su schermo (soprattutto in Desire, la tastiera proprietaria di HTC) si è rivelata così comoda che non ho visto il punto nell'attesa di smartphone con hardware QWERTY. Anche prima del rilascio di Desire, c'era HTC HD2, ma la tastiera non era così comoda, non così reattiva alla pressione, aveva una risposta più lenta, sebbene fosse vicina all'ideale. E il rilascio di HTC Desire mi ha mostrato che una tastiera morbida può essere comoda tanto quanto una rigida. E così ho cominciato a portare questa verità alle masse, o meglio, a citarla nelle recensioni e nei litigi con conoscenti e amici. A tutti quelli che balbettavano per smartphone con hardware QWERTY, ho detto: “Perché? Guarda la tastiera su schermo su HTC Desire, è a portata di mano!".

E poi HTC rilascia una nuova tastiera, che non mi piace per via della tastiera e sullo sfondo di un altro smartphone annunciato, il flagship. Non presumo di giudicare le motivazioni dell'azienda, come si prevedeva di posizionare lo smartphone HTC Desire Z sullo sfondo di Desire HD quasi allo stesso prezzo, ma l'oggettiva superiorità tecnica di quest'ultimo. Sì, Desire Z sarà costoso all'inizio (il prezzo promesso è di 26.000 rubli, ma rimarrà?), anche se non sarà costoso come lo stesso HTC Touch Pro 2 all'inizio delle vendite.

Da tutto quanto scritto possiamo trarre la seguente conclusione: tecnicamente l'HTC Desire Z è più vicino al semplice Desire e per certi versi ancora più semplice, in termini di design questo dispositivo, secondo me, è uno tra i più forti per l'azienda, questo è lo smartphone in cui l'utilizzo di materiali di alta qualità e il loro abbinamento sono realizzati con gusto e senso dello stile. Sì, come tutti gli altri nuovi HTC, la Z ha tasti touch, non ha pulsanti di chiamata hardware e ha una batteria da 1300 mAh che durerà a malapena un'intera giornata di lavoro. Ma, secondo me, HTC Desire Z merita il favore di un pubblico rispettabile più di un semplice Desire o Desire HD. Perché questo smartphone è riconoscibile come un HTC adulto, un'azienda in grado di realizzare dispositivi non solo con effetto “wow” o con un massimo di funzionalità, ma anche bellissimi smartphone “accattivanti” e pratici allo stesso tempo. Anche se non fino in fondo...

HTC Desire Z - primo sguardo

Il rilascio degli slider laterali con una tastiera QWERTY per HTC è una cosa comune. Si può dire che i taiwanesi sono uno di quelli che hanno presentato nuovi dispositivi in ​​questo form factor anche quando altre aziende hanno rifiutato o hanno iniziato a farlo meno spesso. Tuttavia, con il passaggio ad Android, HTC ha intrapreso la strada della creazione di monoblocchi touch e fino a poco tempo l'unico "robot" dell'azienda con una tastiera hardware era il loro primo Android: il test HTC Dream, noto anche come HTC G1.

Un anno e mezzo dopo il rilascio di HTC Dream, l'azienda presenta una nuova, seconda tastiera basata su Android: HTC Desire Z. E secondo le prime impressioni, questo è uno di quei dispositivi che troverà il suo utente nonostante il costo elevato e una serie di controversi più familiari a molti produttori, ahimè) momenti.

Design, materiali della custodia

Mi piace l'aspetto del Desire Z sullo sfondo dell'HTC Desire HD. E sebbene questo smartphone abbia anche accenni di lavoro a cottimo, ad esempio, la parte posteriore è composta da due elementi, una cover metallica e un bordo perimetrale, tuttavia, il design di questo dispositivo sembra essere più solido e logicamente completato rispetto al design del monoblocco Desire HD.

Il dispositivo è realizzato in plastica con elementi in metallo. In particolare, detto copribatteria è realizzato in metallo, nonché una cornice perimetrale dello schermo. Plastica con effetto soft touch. Impossibile non menzionare l'uso della combinazione di colori già familiare ad HTC, per i miei gusti, una combinazione di più sfumature di grigio è la scelta migliore quando il produttore realizza il dispositivo in una variante di colore o un massimo di due o tre, il colore grigio è universale.

Il dispositivo è relativamente sottile, soprattutto considerando che abbiamo un tastierista di fronte a noi. Confronta lo spessore di HTC Desire Z (14,2 mm) con quello, ad esempio, di HTC Touch Pro 2 (17,3 mm) o HTC Dream (17,1 mm).

Non posso ancora giudicare la qualità costruttiva, ne parleremo in una recensione completa dello smartphone. In conclusione di questo breve capitolo, voglio dire che personalmente il Desire Z mi è piaciuto per il suo aspetto, oltre che per l'approccio all'accostamento dei materiali e alla scelta dei colori da parte del Teatro Musicale di Kigali. Questo non è il primo "robot" in assoluto con QWERTY (HTC Dream) e tastiera grassoccia su Windows Mobile (Touch Pro 2). In termini di design, lo smartphone si è rivelato rigoroso, serio e dava la sensazione di una cosa davvero costosa, cosa che non era il caso dello stesso Touch Pro 2 a tal punto.

Non posso ancora giudicare la qualità costruttiva, ne parleremo in una recensione completa dello smartphone. In conclusione di questo breve capitolo, voglio dire che personalmente mi è piaciuto Desire Z per il suo aspetto, oltre che per l'approccio alla combinazione di materiali e Teatro musicale di Kigali Teatro musicale a Kigali scelta dei colori. Questo non è il primo "robot" in assoluto con QWERTY (HTC Dream) e tastiera grassoccia su Windows Mobile (Touch Pro 2). In termini di design, lo smartphone si è rivelato severo, serio e dando la sensazione di una cosa davvero costosa, cosa che non era il caso dello stesso Touch Pro 2 a tal punto.

Gestione

In termini di controlli e tasti in generale, l'HTC Desire Z ha diversi miglioramenti da parte dell'azienda rispetto ad altri nuovi prodotti. Quindi, questo dispositivo ha almeno un pannello touch come elemento di controllo, con l'aiuto di tocchi su di esso, puoi navigare nel menu, spostare il cursore all'interno del testo o del documento ed eseguire altre azioni.

Un altro piacevole momento è il ritorno al corpo della chiave hardware per lo scatto. Il modulo della fotocamera stesso si trova sul lato posteriore, a filo con la cavità del coperchio della batteria, un flash è visibile vicino all'occhio della fotocamera.

Sotto lo schermo c'è un blocco di tasti touch (ahimè e ah): Casa (torna alla schermata principale, avviando il gestore dell'applicazione), Menu, Indietro, Cerca. Questo pannello a sfioramento è illuminato con una retroilluminazione bianca, quando si tocca un pulsante il dispositivo vibra. Tasti di risposta e di fine chiamata sullo schermo. Vicino al pulsante della fotocamera c'è una leva per rimuovere il coperchio della batteria, ma sembrava molto simile a un pulsante di blocco hardware ...

I connettori per cuffie e microUSB da 3,5 mm per la ricarica e il collegamento a un PC si trovano rispettivamente sui lati superiore e sinistro dello smartphone.

Tastiera

HTC Desire Z ha una tastiera QWERTY hardware. L'utente può accedervi aprendo il dispositivo. Il meccanismo di apertura ricorda quello del Nokia N97 e, probabilmente, è proprio per questo meccanismo che lo smartphone ha ricevuto la lettera Z nel nome, il design stesso ricorda questo simbolo.

La tastiera ha quattro file, i tasti sono rettangolari, leggermente arrotondati e di larghezza allungata, i pulsanti sono separati l'uno dall'altro. Per quanto riguarda la forma dei tasti, il loro principio di ubicazione, la spaziatura sull'area, la tastiera ricorda molto la tastiera dell'HTC Touch Pro2. Lascia che ti ricordi una delle tastiere QWERTY più convenienti, soprattutto se chiudi gli occhi sulla sua localizzazione non riuscita per la Russia (ciao, la lettera B tramite la combinazione di tasti FN +).

Tastiera con 48 tasti, inclusi TAB, FN e molti altri tasti ausiliari. Sono quasi sicuro che la tastiera in Desire Z sarà buona come in Touch Pro 2 in termini di praticità, ma non so quale sarà la sua versione per la Russia e sto aspettando con il fiato sospeso. Dopotutto, è la localizzazione che renderà questa tastiera finalmente super comoda o super scomoda.

Schermo

Lo smartphone utilizza un display da 3,7" con supporto multi-touch. Display S-LCD di Sony, l'azienda è passata a questo tipo di schermi non molto tempo fa da AMOLED di Samsung e ora vediamo questo schermo nelle nuove consegne di HTC Desire, così come negli smartphone Desire HD e Z appena annunciati.

Lo schermo è protetto da vetro, non è graffiato, anche se rimangono segni e impronte sulla superficie del display. In termini di nitidezza dell'immagine, il display in Desire Z, ovviamente, risulta essere leggermente migliore rispetto a Desire HD e persino al semplice Desire grazie alla stessa risoluzione (800x480 pixel) di questi dispositivi, con una diagonale dello schermo più piccola.

Fotocamera

HTC Desire Z ha una fotocamera da 5 megapixel con autofocus e registrazione video a 720p (1280x720 pixel e titolo e piatto di risoluzione per i curiosi). Parleremo dell'interfaccia, oltre che della qualità della foto e della videocamera nella recensione dello smartphone.

Interfaccia, htcsense.com

Lo smartphone funziona su Android 2.2 con l'ultima versione dell'interfaccia proprietaria HTC Sense. Nel nuovo HTC Sense, l'utente ottiene la possibilità di controllare a distanza lo smartphone, l'azienda introduce il servizio htcsense.com, dove i possessori di smartphone HTC possono creare il proprio account. E poi qualsiasi utente potrà sincronizzare i dati dal telefono con il servizio, chiamare da remoto il proprio dispositivo o cancellarne i dati in caso di furto, trasferire la rubrica dal vecchio HTC a quello nuovo, leggere e memorizzare la sua corrispondenza su il server. Parleremo di questo servizio separatamente, non appena avrò accesso ad esso (ehi, HTC!).

Piattaforma

Il dispositivo è basato sulla piattaforma Qualcomm MSM 7230 con una frequenza del processore di 800 MHz. Less than Desire, ma non credo che si noterà nel lavoro di tutti i giorni. Lo smartphone dispone di 521 MB di RAM e 1,5 GB di memoria per la memorizzazione dei dati utente e del software installato. Un set di interfacce wireless è standard per un moderno smartphone Android: Wi-Fi, Bluetooth e GPS.

Parleremo della velocità di lavoro, delle capacità di riproduzione video in seguito, quando sarà possibile testare tutto questo sul campione finale.

Impressioni

Aggiungerò soggettività. Prima dell'avvento dell'HTC Desire Z, credevo sinceramente che il fattore di forma del cursore laterale QWERTY fosse completamente sopravvissuto. E ho iniziato a pensare in questo modo dopo l'avvento di Google Nexus One e HTC Desire. In entrambi i dispositivi, la tastiera su schermo (soprattutto in Desire, la tastiera proprietaria di HTC) si è rivelata così comoda che non ho visto il punto nell'attesa di smartphone con hardware QWERTY. Anche prima del rilascio di Desire, c'era HTC HD2, ma la tastiera non era così comoda, non così reattiva alla pressione, aveva una risposta più lenta, sebbene fosse vicina all'ideale. E il rilascio di HTC Desire mi ha mostrato che una tastiera morbida può essere comoda tanto quanto una rigida. E così ho cominciato a portare questa verità alle masse, o meglio, a citarla nelle recensioni e nei litigi con conoscenti e amici. A tutti quelli che balbettavano per smartphone con hardware QWERTY, ho detto: “Perché? Guarda la tastiera su schermo su HTC Desire, è a portata di mano!".

E poi HTC rilascia una nuova tastiera, che non mi piace per via della tastiera e sullo sfondo di un altro smartphone annunciato, il flagship. Non presumo di giudicare le motivazioni dell'azienda, come si prevedeva di posizionare lo smartphone HTC Desire Z sullo sfondo di Desire HD quasi allo stesso prezzo, ma l'oggettiva superiorità tecnica di quest'ultimo. Sì, Desire Z sarà costoso all'inizio (il prezzo promesso è di 26.000 rubli, ma rimarrà?), anche se non sarà costoso come lo stesso HTC Touch Pro 2 all'inizio delle vendite.

Da tutto quanto scritto possiamo trarre la seguente conclusione: tecnicamente l'HTC Desire Z è più vicino al semplice Desire e per certi versi ancora più semplice, in termini di design questo dispositivo, secondo me, è uno tra i più forti per l'azienda, questo è lo smartphone in cui l'utilizzo di materiali di alta qualità e il loro abbinamento sono realizzati con gusto e senso dello stile. Sì, come tutti gli altri nuovi HTC, la Z ha tasti touch, non ha pulsanti di chiamata hardware e ha una batteria da 1300 mAh che durerà a malapena un'intera giornata di lavoro. Ma, secondo me, HTC Desire Z merita il favore di un pubblico rispettabile più di un semplice Desire o Desire HD. Perché questo smartphone è riconoscibile come un HTC adulto, un'azienda in grado di realizzare dispositivi non solo con effetto “wow” o con un massimo di funzionalità, ma anche bellissimi smartphone “accattivanti” e pratici allo stesso tempo. Anche se non fino in fondo...