it opay

MWC 2013. Spare One: un telefono con una durata della batteria di 15 anni

Il Mobile World Congress di quest'anno non colpisce l'immaginazione con novità interessanti, per usare un eufemismo. Degli annunci impressionanti, si può notare solo il tablet Sony, così come, in una certa misura, il tablet Samsung, e anche allora con un tratto. Nokia ha mostrato dispositivi per la gamma, ZTE e Huawei: pale e smartphone di fascia media (ad eccezione di ZTE Grand S e Huawei D2, ma sono stati annunciati al CES 2013). Ma c'è anche l'altra faccia della medaglia: più noiosi diventano gli annunci MWC dei maggiori produttori, più interessanti sono le piccole aziende cinesi che portano le loro copie, cloni e persino smartphone originali al "congresso". Nell'ambito delle giornate espositive, vi parlerò di diversi produttori interessanti, ma voglio iniziare con il telefono Spare One.

I compagni hanno realizzato il telefono più semplice, che non ha nemmeno uno schermo, solo un tastierino numerico, pulsanti di controllo delle chiamate e una chiamata istantanea ai soccorritori: SOS. Come è stato detto al loro stand, questo è l'unico "telefono cellulare di emergenza" al mondo, e apparentemente è vero. L'essenza è semplice: il telefono è posizionato da qualche parte in macchina, in uno zaino, se si fa un'escursione, lasciato in campagna e così via, cioè dove potrebbe essere necessaria la comunicazione in caso di emergenza. In Giappone, mi sembra che un dispositivo del genere sarebbe utile nelle camere d'albergo in caso di terremoto, è logico metterlo insieme a una torcia, un attributo essenziale di ogni stanza di qualsiasi hotel giapponese. Il dispositivo viene fornito in una speciale custodia impermeabile e antipolvere, quindi può essere riposto almeno interrato.

La custodia è in plastica semplice, i pulsanti sono comodi, ma questo non è particolarmente importante, perché è pensato solo per situazioni di emergenza quando è necessario comporre il numero di emergenza o qualche altro numero utilizzando i tasti numerici. All'interno è presente una batteria Li-Batteria Energizer L91 (specifiche della batteria per i più curiosi). Secondo il produttore, il telefono può funzionare fino a 10 ore in modalità conversazione continua, fino a 24 ore in modalità torcia (c'è un LED nella parte superiore) e fino a 15 anni in modalità standby. Va notato qui che per 15 anni il telefono può semplicemente rimanere con una batteria all'interno ed essere pronto per funzionare, perché quando non squilla, non funziona affatto.

Il dispositivo è in grado di funzionare nell'intervallo di temperatura da 60 a -30 gradi. La temperatura di conservazione consigliata per la batteria, tra l'altro, è di 21 gradi, quindi durerà fino a 15 anni. Per le chiamate, è necessario inserire una scheda SIM nel dispositivo, all'interno è presente anche una graffetta per rimuoverla dall'iPhone e un adattatore per miniSIM. Non è necessaria alcuna scheda SIM per effettuare chiamate SOS.

I possibili scenari per l'utilizzo del telefono sono chiaramente descritti sul sito Web ufficiale, qui. Il prezzo al dettaglio del dispositivo è di circa $ 100, molto per un dispositivo così semplice, ma non ha nemmeno concorrenti diretti.

MWC 2013. Spare One: un telefono con una durata della batteria di 15 anni

Il Mobile World Congress di quest'anno non colpisce l'immaginazione con novità interessanti, per usare un eufemismo. Degli annunci impressionanti, si può notare solo il tablet Sony, così come, in una certa misura, il tablet Samsung, e anche allora con un tratto. Nokia ha mostrato dispositivi per la gamma, ZTE e Huawei: pale e smartphone di fascia media (ad eccezione di ZTE Grand S e Huawei D2, ma sono stati annunciati al CES 2013). Ma c'è anche l'altra faccia della medaglia: più noiosi diventano gli annunci MWC dei maggiori produttori, più interessanti sono le piccole aziende cinesi che portano le loro copie, cloni e persino smartphone originali al "congresso". Nell'ambito delle giornate espositive, vi parlerò di diversi produttori interessanti, ma voglio iniziare con il telefono Spare One.

I compagni hanno realizzato il telefono più semplice, che non ha nemmeno uno schermo, solo un tastierino numerico, pulsanti di controllo delle chiamate e una chiamata istantanea ai soccorritori: SOS. Come è stato detto al loro stand, questo è l'unico "telefono cellulare di emergenza" al mondo, e apparentemente è vero. L'essenza è semplice: il telefono è posizionato da qualche parte in macchina, in uno zaino, se si fa un'escursione, lasciato in campagna e così via, cioè dove potrebbe essere necessaria la comunicazione in caso di emergenza. In Giappone, mi sembra che un dispositivo del genere sarebbe utile nelle camere d'albergo in caso di terremoto, è logico metterlo insieme a una torcia, un attributo essenziale di ogni stanza di qualsiasi hotel giapponese. Il dispositivo viene fornito in una speciale custodia impermeabile e antipolvere, quindi può essere riposto almeno interrato.

La custodia è in plastica semplice, i pulsanti sono comodi, ma questo non è particolarmente importante, perché è pensato solo per situazioni di emergenza quando è necessario comporre il numero di emergenza o qualche altro numero utilizzando i tasti numerici. All'interno è presente una batteria Li-Batteria Energizer L91 (specifiche della batteria per i più curiosi). Secondo il produttore, il telefono può funzionare fino a 10 ore in modalità conversazione continua, fino a 24 ore in modalità torcia (c'è un LED nella parte superiore) e fino a 15 anni in modalità standby. Va notato qui che per 15 anni il telefono può semplicemente rimanere con una batteria all'interno ed essere pronto per funzionare, perché quando non squilla, non funziona affatto.

Il dispositivo è in grado di funzionare nell'intervallo di temperatura da 60 a -30 gradi. La temperatura di conservazione consigliata per la batteria, tra l'altro, è di 21 gradi, quindi durerà fino a 15 anni. Per le chiamate, è necessario inserire una scheda SIM nel dispositivo, all'interno è presente anche una graffetta per rimuoverla dall'iPhone e un adattatore per miniSIM. Non è necessaria alcuna scheda SIM per effettuare chiamate SOS.

I possibili scenari per l'utilizzo del telefono sono chiaramente descritti sul sito Web ufficiale, qui. Il prezzo al dettaglio del dispositivo è di circa $ 100, molto per un dispositivo così semplice, ma non ha nemmeno concorrenti diretti.

MWC 2013. Spare One: un telefono con una durata della batteria di 15 anni

Il Mobile World Congress di quest'anno non colpisce l'immaginazione con novità interessanti, per usare un eufemismo. Degli annunci impressionanti, si può notare solo il tablet Sony, così come, in una certa misura, il tablet Samsung, e anche allora con un tratto. Nokia ha mostrato dispositivi per la gamma, ZTE e Huawei: pale e smartphone di fascia media (ad eccezione di ZTE Grand S e Huawei D2, ma sono stati annunciati al CES 2013). Ma c'è anche l'altra faccia della medaglia: più noiosi diventano gli annunci MWC dei maggiori produttori, più interessanti sono le piccole aziende cinesi che portano le loro copie, cloni e persino smartphone originali al "congresso". Nell'ambito delle giornate espositive, vi parlerò di diversi produttori interessanti, ma voglio iniziare con il telefono Spare One.

I compagni hanno realizzato il telefono più semplice, che non ha nemmeno uno schermo, solo un tastierino numerico, pulsanti di controllo delle chiamate e una chiamata istantanea ai soccorritori: SOS. Come è stato detto al loro stand, questo è l'unico "telefono cellulare di emergenza" al mondo, e apparentemente è vero. L'essenza è semplice: il telefono è posizionato da qualche parte in macchina, in uno zaino, se si fa un'escursione, lasciato in campagna e così via, cioè dove potrebbe essere necessaria la comunicazione in caso di emergenza. In Giappone, mi sembra che un dispositivo del genere sarebbe utile nelle camere d'albergo in caso di terremoto, è logico metterlo insieme a una torcia, un attributo essenziale di ogni stanza di qualsiasi hotel giapponese. Il dispositivo viene fornito in una speciale custodia impermeabile e antipolvere, quindi può essere riposto almeno interrato.

La custodia è in plastica semplice, i pulsanti sono comodi, ma questo non è particolarmente importante, perché è pensato solo per situazioni di emergenza quando è necessario comporre il numero di emergenza o qualche altro numero utilizzando i tasti numerici. All'interno è presente una batteria Li-Batteria Energizer L91 (specifiche della batteria per i più curiosi). Secondo il produttore, il telefono può funzionare fino a 10 ore in modalità conversazione continua, fino a 24 ore in modalità torcia (c'è un LED nella parte superiore) e fino a 15 anni in modalità standby. Va notato qui che per 15 anni il telefono può semplicemente rimanere con una batteria all'interno ed essere pronto per funzionare, perché quando non squilla, non funziona affatto.

Il dispositivo è in grado di funzionare nell'intervallo di temperatura da 60 a -30 gradi. La temperatura di conservazione consigliata per la batteria, tra l'altro, è di 21 gradi, quindi durerà fino a 15 anni. Per le chiamate, è necessario inserire una scheda SIM nel dispositivo, all'interno è presente anche una graffetta per rimuoverla dall'iPhone e un adattatore per miniSIM. Non è necessaria alcuna scheda SIM per effettuare chiamate SOS.

I possibili scenari per l'utilizzo del telefono sono chiaramente descritti sul sito Web ufficiale, qui. Il prezzo al dettaglio del dispositivo è di circa $ 100, molto per un dispositivo così semplice, ma non ha nemmeno concorrenti diretti.

MWC 2013. Spare One: un telefono con una durata della batteria di 15 anni

Il Mobile World Congress di quest'anno non colpisce l'immaginazione con novità interessanti, per usare un eufemismo. Degli annunci impressionanti, si può notare solo il tablet Sony, così come, in una certa misura, il tablet Samsung, e anche allora con un tratto. Nokia ha mostrato dispositivi per la gamma, ZTE e Huawei: pale e smartphone di fascia media (ad eccezione di ZTE Grand S e Huawei D2, ma sono stati annunciati al CES 2013). Ma c'è anche l'altra faccia della medaglia: più noiosi diventano gli annunci MWC dei maggiori produttori, più interessanti sono le piccole aziende cinesi che portano le loro copie, cloni e persino smartphone originali al "congresso". Nell'ambito delle giornate espositive, vi parlerò di diversi produttori interessanti, ma voglio iniziare con il telefono Spare One.

I compagni hanno realizzato il telefono più semplice, che non ha nemmeno uno schermo, solo un tastierino numerico, pulsanti di controllo delle chiamate e una chiamata istantanea ai soccorritori: SOS. Come è stato detto al loro stand, questo è l'unico "telefono cellulare di emergenza" al mondo, e apparentemente è vero. L'essenza è semplice: il telefono è posizionato da qualche parte in macchina, in uno zaino, se si fa un'escursione, lasciato in campagna e così via, cioè dove potrebbe essere necessaria la comunicazione in caso di emergenza. In Giappone, mi sembra che un dispositivo del genere sarebbe utile nelle camere d'albergo in caso di terremoto, è logico abbinarlo a una torcia, attributo imprescindibile di ogni stanza di qualsiasi hotel giapponese. Il dispositivo viene fornito in una speciale custodia impermeabile e antipolvere, quindi può essere riposto almeno interrato.

I compagni hanno realizzato il telefono più semplice, che non ha nemmeno uno schermo, solo un tastierino numerico, pulsanti di controllo delle chiamate e una chiamata istantanea ai soccorritori: SOS. Come è stato detto al loro stand, questo è l'unico "telefono cellulare di emergenza" al mondo, e apparentemente è vero. L'essenza è semplice: il telefono è posizionato da qualche parte in macchina, in uno zaino, se si fa un'escursione, lasciato in campagna e così via, cioè dove potrebbe essere necessaria la comunicazione in caso di emergenza. In Giappone mi sembra che un apparato del genere possa tornare utile nelle camere d'albergo in caso di terremoto, è logico metterlo insieme torcia, un attributo essenziale di ogni stanza in qualsiasi hotel giapponese. Il dispositivo viene consegnato in una speciale custodia impermeabile e antipolvere, quindi può essere riposto almeno sepolto nel terreno.

La custodia è in plastica semplice, i pulsanti sono comodi, ma questo non è particolarmente importante, perché è pensato solo per situazioni di emergenza quando è necessario comporre il numero di emergenza o qualche altro numero utilizzando i tasti numerici. All'interno è presente una batteria Li-Batteria Energizer L91 (specifiche della batteria per i più curiosi). Secondo il produttore, il telefono può funzionare fino a 10 ore in modalità conversazione continua, fino a 24 ore in modalità torcia (c'è un LED nella parte superiore) e fino a 15 anni in modalità standby. Va notato qui che per 15 anni il telefono può semplicemente rimanere con una batteria all'interno ed essere pronto per funzionare, perché quando non squilla, non funziona affatto.

Il dispositivo è in grado di funzionare nell'intervallo di temperatura da 60 a -30 gradi. La temperatura di conservazione consigliata per la batteria, tra l'altro, è di 21 gradi, quindi durerà fino a 15 anni. Per le chiamate, è necessario inserire una scheda SIM nel dispositivo, all'interno è presente anche una graffetta per rimuoverla dall'iPhone e un adattatore per miniSIM. Non è necessaria alcuna scheda SIM per effettuare chiamate SOS.

I possibili scenari per l'utilizzo del telefono sono chiaramente descritti sul sito Web ufficiale, qui. Il prezzo al dettaglio del dispositivo è di circa $ 100, molto per un dispositivo così semplice, ma non ha nemmeno concorrenti diretti.