it opay

SE K750i - come una fotocamera per tutti custodia

Fa paura ammetterlo, ma sono comunque soddisfatto del Nokia 6310, che è arcaico per gli standard odierni: dalla polifonia e dallo schermo a colori, non provo le stesse sensazioni ed emozioni di una moglie (Samsung E530) o la figlia maggiore (Alcatel OT557) ottenere. L'unica cosa che sognavo fin dall'infanzia era una macchina fotografica in miniatura: essendo un fan dell'attrezzatura a specchio da un chilogrammo, tirata fuori da un baule impolverato una volta all'anno in occasione di un altro periodo di fotografia, ho pensato a lungo a un portatile dispositivo che è "per ogni evenienza".

E poiché solo un telefono può ricoprire un ruolo del genere nella tasca dei jeans, che, a differenza di un palmare o anche di una fotocamera super compatta, non viene mai dimenticato a casa o al lavoro, mi sono convinto a sostituire il Nokia 6310 con il Sony Ericsson K750i. Per verificare personalmente le sue capacità fotografiche, cantata da Martin Parr http://www.sonyericsson.com/k750 (vedi illustrazione numero 1) e allo stesso tempo credere che non ci sia modo senza polifonia nel mondo di oggi.

Per motivi di design

SE K750i è buono! Ma fino a quando non lo porti all'orecchio: la forma rettangolare e la posizione dell'altoparlante vicino al bordo superiore ti fanno cercare una posizione in cui non eserciti pressione sul padiglione auricolare. A questo proposito Nokia 6310 era molto più conveniente. Nel caso del K750i, non si può evitare di utilizzare un auricolare cablato o Bluetooth, di cui non sono un fan. Nel primo caso si ha a che fare con i fili sempre aggrovigliati, e nel secondo ci sono sospetti latenti sull'innocuità del "dente blu" in generale e il fatto stesso di uno schiaffo in testa in particolare è fastidioso . Pertanto, al chiuso, preferisco utilizzare la modalità vivavoce e per strada, sopportando il disagio, premo il telefono all'orecchio.

Troppo alto è anche il bilanciere del volume, che è anche responsabile dello “zoom” della fotocamera: quando si parla, il pollice si appoggia due centimetri sotto di esso, motivo per cui bisogna “allungare la mano” verso il tasto. Inoltre, lo "swing" si trova di fronte al "pulsante multimediale" situato sul lato opposto del telefono. Il che spesso fa sì che vengano premuti contemporaneamente.

E lo schermo: la sua superficie lucida è sempre unta, brilla solo sulle brochure e dopo una lunga usura in tasca. Tracce di grasso rimangono sia dopo un tocco accidentale con le dita delle mani, sia dopo una conversazione, a causa della quale brilla ancora di più al sole. Pertanto, diventa ancora più difficile distinguere ciò che viene evidenziato su uno schermo accecante. Anche sull'Alcatel OT557 della figlia durante il giorno, l'immagine è più luminosa e le tracce non sono così evidenti. Per non parlare del display ad alto contrasto e sempre nitido (fattore di forma a conchiglia) del Samsung E530 “femminile”. Forse una finitura opaca, simile allo strato esterno delle matrici LCD nei laptop, potrebbe risolvere questo problema.

Anche il retro del telefono è specifico: se fossi un designer di K750i, cercherei di assicurarmi che la cover fotografica non sporga dal piano della custodia. In primo luogo, a causa di ciò, il dispositivo non giace "sulla schiena" - oscilla. In secondo luogo, è un extra di 4 mm di spessore. E terzo: se la parte anteriore ha un bell'aspetto, la parte posteriore, a causa del gran numero di pezzi d'argento, delle diverse trame, livelli ed elementi, è estremamente goffa. Si ha la sensazione che la parte anteriore sia stata sviluppata da un designer e quella posteriore da un altro.

L'occhiello per attaccare il laccio non è nel modo migliore: dall'angolo del telefono. Di conseguenza, è appeso al collo non verticalmente, ma ad angolo, oscillando costantemente da un lato all'altro come una campana sul collo di un toro da fattoria collettiva. Che cosa è fastidioso.

Non ci sono altre pretese in termini di design e funzionalità: la custodia è resistente, senza fronzoli, solida sia nell'aspetto che al tatto. Si adatta facilmente alla tasca dei pantaloni e quindi non richiede il trasporto in una "fondina" separata per cintura. Durante l'uso, non si è verificato lo sblocco accidentale della tastiera o l'apertura dell'otturatore della fotocamera. Una risposta prematura a una chiamata - anche tirando fuori il taschino dei pantaloni -: i tasti sono abbastanza stretti, esclusa la loro pressione accidentale.

Come una fotocamera

La prima cosa che mi ha fatto piacere non è stata tanto la presenza di una fotocamera da 2 megapixel quanto la presenza dell'autofocus: non importa quanto siano belle le immagini del telefono di mia moglie (Samsung E530), sono “piatte” per via la mancanza di controllo della profondità di campo. Il K750i ha tutto.

L'autofocus è relativamente veloce (circa 1 secondo) e, inoltre, non blocca il pulsante di scatto quando non c'è proprio tempo per mettere a fuoco: puoi, senza aspettare un segnale, premere subito il pulsante - in qualche modo, ma mette a fuoco e rilascia l'otturatore. Quando si utilizza la modalità macro, la messa a fuoco richiede un po' più di tempo, ma è più precisa. Il che richiede l'immobilità del soggetto e delle mani: un leggero spostamento comporterà una perdita di nitidezza. In modalità normale, la fotocamera non è critica per le vibrazioni.

Cosa mi ha sconvolto: il pulsante stretto "otturatore". Quando si scatta in condizioni di scarsa illuminazione, la sfocatura del fotogramma non può essere evitata! In questo caso, è utile ricorrere al classico trucco: appoggiando il telefono con fotocamera su una superficie fissa (o tenendolo ben stretto tra le mani), selezionare l'“autoscatto”. Un altro modo è premere immediatamente il pulsante, senza attendere la messa a fuoco: la foto verrà scattata con un leggero ritardo, ma senza sfocature.

L'uso del controluce è appropriato per le riprese macro, in condizioni di controluce per gli scatti di ritratti o, nel peggiore dei casi, di notte, quando si scatta da distanze molto ravvicinate e la modalità notturna è attiva. Il controluce non è un flash: non ha senso scattare con esso nel buio più completo e da distanze superiori al metro.

Di sfuggita, sulla modalità "notte": non ci sono miracoli. Questa modalità aumenta la sensibilità alla luce (che causa la granulosità) e rallenta la velocità dell'otturatore. Ma solo automaticamente: è impossibile impostare arbitrariamente, diciamo, "30 secondi di un otturatore aperto". Puoi riprendere il cielo notturno e altri paesaggi in questa modalità, ma la qualità sarà tutt'altro che ideale. È un peccato che i creatori del K750i non abbiano previsto questa funzionalità software, che non è così difficile da implementare, ma che rappresenterebbe un vantaggio significativo per viaggiatori e turisti. E se sul lato sinistro ci fosse ancora un posto per un nido per un mini-treppiede, allora non c'è dubbio che questa è una fotocamera! - non ce n'erano.

Un'altra cosa fastidiosa è che il "suono dell'otturatore" funziona un momento prima che avvenga effettivamente la ripresa. Di conseguenza, il dispositivo viene rimosso nella tasca prima che venga scattata la foto stessa, che per questo motivo è sfocata. A quanto pare, ciò è stato fatto apposta: in modo da scaricare il più possibile il processore al momento dello scatto. Inoltre, l'immagine fissata sullo schermo al momento dello scatto non è la stessa che risulterà alla fine. Si prega di notare.

In alcuni casi, per evitare che il suono dell'otturatore si intrometta o distragga, lo spengo. Affatto. Questo è facile da fare: in modalità standby, passa alla modalità "silenziosa" (tieni premuto il tasto "cancelletto" - #). Aiuta quando si riprendono le persone inaspettatamente ea distanza ravvicinata: il suono dell'otturatore è molto più forte di quello effettivamente prodotto da una cinepresa, può spaventare.

A proposito, delle persone: se parliamo di piani su larga scala e di assenza di rischi per la propria salute, allora si può girare solo con discrezione. La specificità dello zoom digitale è tale che senza un significativo deterioramento della qualità, si possono ottenere solo 1,5 - 2 volte. Che è sufficiente per inquadrare, ma non abbastanza per avvicinarsi al soggetto. Di conseguenza, la modalità normale è grandangolare. In cui una persona occuperà la maggior parte dell'inquadratura solo se ti avvicini a lui.

Per renderlo meno evidente è utile:

  1. disattiva il suono dell'otturatore;
  2. abilita la modalità di scatto continuo (4 fotogrammi in una frazione di secondo; in questo caso, la risoluzione massima dei fotogrammi possibile sarà di soli 640 x 480; punizione per la cadenza di fuoco)
  3. scattare dall'orecchio, tenendo la fotocamera in verticale o in modo da non essere sospettati di nulla; uno dei 4 frame, ma avrà successo.

Non ci sono limiti quando si tratta di fotografare paesaggi o macrofotografia: c'è molto spazio per la creatività.

Una soluzione molto comoda nella modalità "foto" è usare le scorciatoie da tastiera: premendo i "quattro" si richiama la modalità macro, "7" - la modalità notturna e il pulsante "*" accende la retroilluminazione o spento. Le modalità di scatto vengono ricordate quando l'otturatore è chiuso, ma lo zoom viene ripristinato di uno.

È meglio puntare la fotocamera verso il punto scuro più grande dell'inquadratura. Se necessario, puoi schiarirlo o, al contrario, scurirlo spostando il joystick del telefono verso destra o sinistra. Aiuta quando si riprendono nuvole, superficie dell'acqua, in condizioni di scarsa illuminazione.

È più comodo tenere la fotocamera quando si fotografa la "lunghezza dell'inquadratura" capovolta, la tastiera in alto e lo schermo in basso. Come una normale fotocamera: in modo che il pulsante di scatto sia in alto a sinistra mentre scatti. La lancetta dei secondi svolge il ruolo di assicurazione e controlla lo zoom: con posizione orizzontale con l'indice, con posizione verticale - con il pollice della mano sinistra. (Vedere l'illustrazione numero 4, 5).

Giocare con gli effetti non è per tutti: tutto questo si può fare in un editor di foto. Curiose, secondo me, sono solo la modalità bianco e nero e il seppia: se la cromia della cornice prevista non è piacevole alla vista o si parla di crepuscolo/notte, allora potete provare. La stessa discarica della città con i corvi che si librano su di essa nella modalità "b / n" sembrerà un'immagine artistica e nella modalità "colore", proprio come una discarica. "Sepia" è molto utile per fotografare oggetti architettonici e dame con balze: conferisce all'inquadratura un tocco di antichità.

È anche ragionevole utilizzare il "bilanciamento del bianco": quando l'inquadratura è eccessivamente saturata con qualsiasi colore o luce (luce diurna, incandescente, fluorescente), non è possibile evitare i volti viola di parenti e amici.

Riguardo alla riduzione dell'effetto occhi rossi nella K750i, di cui mi è capitato di leggere in una delle recensioni: non è qui e non può esserci. Gli "occhi rossi" si verificano solo quando si utilizza un flash: il fondo sanguigno si illumina quando la pupilla è aperta. Quando si utilizzano una serie di diversi pre-flash, la pupilla si restringe e quindi "chiude" l'occhio. Non c'è nessun flash qui, solo una torcia (il percorso e con l'intensità del bagliore che aumenta al momento dello scatto) con tutte le conseguenze.

La scheda di memoria inclusa (64 MB) è sufficiente per le foto (la dimensione massima dell'immagine è di 400 - 500 KB). E non abbastanza per tutto il resto, in particolare per i file mp3: quanto basta per un paio di decine di minuti.

Copio i dati dalla MemoryStick tramite il cavo USB incluso. Sul campo, al laptop o al telefono della moglie - tramite Bluetooth: funziona un po' più lentamente, ma funziona. Comunico con il telefono di mia figlia attraverso il porto di Irda. Scatto principalmente con la massima qualità e dimensione. Quindi, se vuoi trasferire le foto su altri telefoni, le riduco. Ma raramente: lo faccio principalmente in un editor di foto, dove rimuovo l'eccesso, correggo il contrasto, la luminosità e la nitidezza. Utilità integrate, incluso PhotoDJ mai utilizzato: scomode. Non invano si trovano nella scheda "intrattenimento".

SE K750i - come una fotocamera per tutti custodia

Fa paura ammetterlo, ma sono comunque soddisfatto del Nokia 6310, che è arcaico per gli standard odierni: dalla polifonia e dallo schermo a colori, non provo le stesse sensazioni ed emozioni di una moglie (Samsung E530) o la figlia maggiore (Alcatel OT557) ottenere. L'unica cosa che sognavo fin dall'infanzia era una macchina fotografica in miniatura: essendo un fan dell'attrezzatura a specchio da un chilogrammo, tirata fuori da un baule impolverato una volta all'anno in occasione di un altro periodo di fotografia, ho pensato a lungo a un portatile dispositivo che è "per ogni evenienza".

E poiché solo un telefono può ricoprire un ruolo del genere nella tasca dei jeans, che, a differenza di un palmare o anche di una fotocamera super compatta, non viene mai dimenticato a casa o al lavoro, mi sono convinto a sostituire il Nokia 6310 con il Sony Ericsson K750i. Per verificare personalmente le sue capacità fotografiche, cantata da Martin Parr http://www.sonyericsson.com/k750 (vedi illustrazione numero 1) e allo stesso tempo credere che non ci sia modo senza polifonia nel mondo di oggi.

Per motivi di design

SE K750i è buono! Ma fino a quando non lo porti all'orecchio: la forma rettangolare e la posizione dell'altoparlante vicino al bordo superiore ti fanno cercare una posizione in cui non eserciti pressione sul padiglione auricolare. A questo proposito Nokia 6310 era molto più conveniente. Nel caso del K750i, non si può evitare di utilizzare un auricolare cablato o Bluetooth, di cui non sono un fan. Nel primo caso si ha a che fare con i fili sempre aggrovigliati, e nel secondo ci sono sospetti latenti sull'innocuità del "dente blu" in generale e il fatto stesso di uno schiaffo in testa in particolare è fastidioso . Pertanto, al chiuso, preferisco utilizzare la modalità vivavoce e per strada, sopportando il disagio, premo il telefono all'orecchio.

Troppo alto è anche il bilanciere del volume, che è anche responsabile dello “zoom” della fotocamera: quando si parla, il pollice si appoggia due centimetri sotto di esso, motivo per cui bisogna “allungare la mano” verso il tasto. Inoltre, lo "swing" si trova di fronte al "pulsante multimediale" situato sul lato opposto del telefono. Il che spesso fa sì che vengano premuti contemporaneamente.

E lo schermo: la sua superficie lucida è sempre unta, brilla solo sulle brochure e dopo una lunga usura in tasca. Tracce di grasso rimangono sia dopo un tocco accidentale con le dita delle mani, sia dopo una conversazione, a causa della quale brilla ancora di più al sole. Pertanto, diventa ancora più difficile distinguere ciò che viene evidenziato su uno schermo accecante. Anche sull'Alcatel OT557 della figlia durante il giorno, l'immagine è più luminosa e le tracce non sono così evidenti. Per non parlare del display ad alto contrasto e sempre nitido (fattore di forma a conchiglia) del Samsung E530 “femminile”. Forse una finitura opaca, simile allo strato esterno delle matrici LCD nei laptop, potrebbe risolvere questo problema.

Anche il retro del telefono è specifico: se fossi un designer di K750i, cercherei di assicurarmi che la cover fotografica non sporga dal piano della custodia. In primo luogo, a causa di ciò, il dispositivo non giace "sulla schiena" - oscilla. In secondo luogo, è un extra di 4 mm di spessore. E terzo: se la parte anteriore ha un bell'aspetto, la parte posteriore, a causa del gran numero di pezzi d'argento, delle diverse trame, livelli ed elementi, è estremamente goffa. Si ha la sensazione che la parte anteriore sia stata sviluppata da un designer e quella posteriore da un altro.

L'occhiello per attaccare il laccio non è nel modo migliore: dall'angolo del telefono. Di conseguenza, è appeso al collo non verticalmente, ma ad angolo, oscillando costantemente da un lato all'altro come una campana sul collo di un toro da fattoria collettiva. Che cosa è fastidioso.

Non ci sono altre pretese in termini di design e funzionalità: la custodia è resistente, senza fronzoli, solida sia nell'aspetto che al tatto. Si adatta facilmente alla tasca dei pantaloni e quindi non richiede il trasporto in una "fondina" separata per cintura. Durante l'uso, non si è verificato lo sblocco accidentale della tastiera o l'apertura dell'otturatore della fotocamera. Una risposta prematura a una chiamata - anche tirando fuori il taschino dei pantaloni -: i tasti sono abbastanza stretti, esclusa la loro pressione accidentale.

Come una fotocamera

La prima cosa che mi ha fatto piacere non è stata tanto la presenza di una fotocamera da 2 megapixel quanto la presenza dell'autofocus: non importa quanto siano belle le immagini del telefono di mia moglie (Samsung E530), sono “piatte” per via la mancanza di controllo della profondità di campo. Il K750i ha tutto.

L'autofocus è relativamente veloce (circa 1 secondo) e, inoltre, non blocca il pulsante di scatto quando non c'è proprio tempo per mettere a fuoco: puoi, senza aspettare un segnale, premere subito il pulsante - in qualche modo, ma mette a fuoco e rilascia l'otturatore. Quando si utilizza la modalità macro, la messa a fuoco richiede un po' più di tempo, ma è più precisa. Il che richiede l'immobilità del soggetto e delle mani: un leggero spostamento comporterà una perdita di nitidezza. In modalità normale, la fotocamera non è critica per le vibrazioni.

Cosa mi ha sconvolto: il pulsante stretto "otturatore". Quando si scatta in condizioni di scarsa illuminazione, la sfocatura del fotogramma non può essere evitata! In questo caso, è utile ricorrere al classico trucco: appoggiando il telefono con fotocamera su una superficie fissa (o tenendolo ben stretto tra le mani), selezionare l'“autoscatto”. Un altro modo è premere immediatamente il pulsante, senza attendere la messa a fuoco: la foto verrà scattata con un leggero ritardo, ma senza sfocature.

L'uso del controluce è appropriato per le riprese macro, in condizioni di controluce per gli scatti di ritratti o, nel peggiore dei casi, di notte, quando si scatta da distanze molto ravvicinate e la modalità notturna è attiva. Il controluce non è un flash: non ha senso scattare con esso nel buio più completo e da distanze superiori al metro.

Di sfuggita, sulla modalità "notte": non ci sono miracoli. Questa modalità aumenta la sensibilità alla luce (che causa la granulosità) e rallenta la velocità dell'otturatore. Ma solo automaticamente: è impossibile impostare arbitrariamente, diciamo, "30 secondi di un otturatore aperto". Puoi riprendere il cielo notturno e altri paesaggi in questa modalità, ma la qualità sarà tutt'altro che ideale. È un peccato che i creatori del K750i non abbiano previsto questa funzionalità software, che non è così difficile da implementare, ma che rappresenterebbe un vantaggio significativo per viaggiatori e turisti. E se sul lato sinistro ci fosse ancora un posto per un nido per un mini-treppiede, allora non c'è dubbio che questa è una fotocamera! - non ce n'erano.

Un'altra cosa fastidiosa è che il "suono dell'otturatore" funziona un momento prima che avvenga effettivamente la ripresa. Di conseguenza, il dispositivo viene rimosso nella tasca prima che venga scattata la foto stessa, che per questo motivo è sfocata. A quanto pare, ciò è stato fatto apposta: in modo da scaricare il più possibile il processore al momento dello scatto. Inoltre, l'immagine fissata sullo schermo al momento dello scatto non è la stessa che risulterà alla fine. Si prega di notare.

In alcuni casi, per evitare che il suono dell'otturatore si intrometta o distragga, lo spengo. Affatto. Questo è facile da fare: in modalità standby, passa alla modalità "silenziosa" (tieni premuto il tasto "cancelletto" - #). Aiuta quando si riprendono le persone inaspettatamente ea distanza ravvicinata: il suono dell'otturatore è molto più forte di quello effettivamente prodotto da una cinepresa, può spaventare.

A proposito, delle persone: se parliamo di piani su larga scala e di assenza di rischi per la propria salute, allora non si può che girare inosservati. La specificità dello zoom digitale è tale che senza un significativo deterioramento della qualità, si possono ottenere solo 1,5 - 2 volte. Che è sufficiente per inquadrare, ma non abbastanza per avvicinarsi al soggetto. Di conseguenza, la modalità normale è grandangolare. In cui una persona occuperà la maggior parte dell'inquadratura solo se ti avvicini a lui.

Per renderlo meno evidente è utile:

  1. disattiva il suono dell'otturatore;
  2. abilita la modalità di scatto continuo (4 fotogrammi in una frazione di secondo; in questo caso, la risoluzione massima dei fotogrammi possibile sarà di soli 640 x 480; punizione per la cadenza di fuoco)
  3. scattare dall'orecchio, tenendo la fotocamera in verticale o in modo da non essere sospettati di nulla; uno dei 4 frame, ma avrà successo.

Non ci sono limiti quando si tratta di fotografare paesaggi o macrofotografia: c'è molto spazio per la creatività.

Una soluzione molto comoda nella modalità "foto" è usare le scorciatoie da tastiera: premendo i "quattro" si richiama la modalità macro, "7" - la modalità notturna e il pulsante "*" accende la retroilluminazione o spento. Le modalità di scatto vengono ricordate quando l'otturatore è chiuso, ma lo zoom viene ripristinato di uno.

È meglio puntare la fotocamera verso il punto scuro più grande dell'inquadratura. Se necessario, puoi schiarirlo o, al contrario, scurirlo spostando il joystick del telefono verso destra o sinistra. Aiuta quando si riprendono nuvole, superficie dell'acqua, in condizioni di scarsa illuminazione.

È più comodo tenere la fotocamera quando si fotografa la "lunghezza dell'inquadratura" capovolta, la tastiera in alto e lo schermo in basso. Come una normale fotocamera: in modo che il pulsante di scatto sia in alto a sinistra mentre scatti. La lancetta dei secondi svolge il ruolo di assicurazione e controlla lo zoom: con posizione orizzontale con l'indice, con posizione verticale - con il pollice della mano sinistra. (Vedere l'illustrazione numero 4, 5).

Giocare con gli effetti non è per tutti: tutto questo si può fare in un editor di foto. Curiose, secondo me, sono solo la modalità bianco e nero e il seppia: se la cromia della cornice prevista non è piacevole alla vista o si parla di crepuscolo/notte, allora potete provare. La stessa discarica della città con i corvi che si librano su di essa nella modalità "b / n" sembrerà un'immagine artistica e nella modalità "colore", proprio come una discarica. "Sepia" è molto utile per fotografare oggetti architettonici e dame con balze: conferisce all'inquadratura un tocco di antichità.

È anche ragionevole utilizzare il "bilanciamento del bianco": quando l'inquadratura è eccessivamente saturata con qualsiasi colore o luce (luce diurna, a incandescenza, fluorescente), i volti viola di parenti e amici non possono essere evitati.

Riguardo alla riduzione degli occhi rossi nella K750i, di cui mi è capitato di leggere in una delle recensioni: non è qui e non può esserci. Gli "occhi rossi" si verificano solo quando si utilizza un flash: il fondo sanguigno dell'occhio si illumina quando la pupilla è aperta. Quando si utilizzano una serie di diversi pre-flash, la pupilla si restringe e quindi "chiude" l'occhio. Non c'è nessun flash qui, solo una torcia (il percorso e con l'intensità del bagliore che aumenta al momento dello scatto) con tutte le conseguenze.

La scheda di memoria inclusa (64 MB) è sufficiente per le foto (la dimensione massima dell'immagine è di 400 - 500 KB). E non abbastanza per tutto il resto, in particolare per i file mp3: quanto basta per un paio di decine di minuti.

Copio i dati dalla MemoryStick tramite il cavo USB incluso. Sul campo, al laptop o al telefono della moglie - tramite Bluetooth: funziona un po' più lentamente, ma funziona. Comunico con il telefono di mia figlia attraverso il porto di Irda. Scatto principalmente con la massima qualità e dimensione. Quindi, se vuoi trasferire le foto su altri telefoni, le riduco. Ma raramente: lo faccio principalmente in un editor di foto, dove rimuovo l'eccesso, correggo il contrasto, la luminosità e la nitidezza. Utilità integrate, incluso PhotoDJ mai utilizzato: scomode. Non per niente si trovano nella scheda "intrattenimento".

SE K750i - come una fotocamera per tutti custodia

Fa paura ammetterlo, ma sono comunque soddisfatto del Nokia 6310, che è arcaico per gli standard odierni: dalla polifonia e dallo schermo a colori, non provo le stesse sensazioni ed emozioni di una moglie (Samsung E530) o la figlia maggiore (Alcatel OT557) ottenere. L'unica cosa che sognavo fin dall'infanzia era una macchina fotografica in miniatura: essendo un fan dell'attrezzatura a specchio da un chilogrammo, tirata fuori da un baule impolverato una volta all'anno in occasione di un altro periodo di fotografia, ho pensato a lungo a un portatile dispositivo che è "per ogni evenienza".

E poiché solo un telefono può ricoprire un ruolo del genere nella tasca dei jeans, che, a differenza di un palmare o anche di una fotocamera super compatta, non viene mai dimenticato a casa o al lavoro, mi sono convinto a sostituire il Nokia 6310 con il Sony Ericsson K750i. Per verificare personalmente le sue capacità fotografiche, cantata da Martin Parr http://www.sonyericsson.com/k750 (vedi illustrazione numero 1) e allo stesso tempo credere che non ci sia modo senza polifonia nel mondo di oggi.

Per motivi di design

SE K750i è buono! Ma fino a quando non lo porti all'orecchio: la forma rettangolare e la posizione dell'altoparlante vicino al bordo superiore ti fanno cercare una posizione in cui non eserciti pressione sul padiglione auricolare. A questo proposito Nokia 6310 era molto più conveniente. Nel caso del K750i, non si può evitare di utilizzare un auricolare cablato o Bluetooth, di cui non sono un fan. Nel primo caso si ha a che fare con i fili sempre aggrovigliati, e nel secondo ci sono sospetti latenti sull'innocuità del "dente blu" in generale e il fatto stesso di uno schiaffo in testa in particolare è fastidioso . Pertanto, al chiuso, preferisco utilizzare la modalità vivavoce e per strada, sopportando il disagio, premo il telefono all'orecchio.

Troppo alto è anche il bilanciere del volume, che è anche responsabile dello “zoom” della fotocamera: quando si parla, il pollice si appoggia due centimetri sotto di esso, motivo per cui bisogna “allungare la mano” verso il tasto. Inoltre, lo "swing" si trova di fronte al "pulsante multimediale" situato sul lato opposto del telefono. Il che spesso fa sì che vengano premuti contemporaneamente.

E lo schermo: la sua superficie lucida è sempre unta, brilla solo sulle brochure e dopo una lunga usura in tasca. Tracce di grasso rimangono sia dopo un tocco accidentale con le dita delle mani, sia dopo una conversazione, a causa della quale brilla ancora di più al sole. Pertanto, diventa ancora più difficile distinguere ciò che viene evidenziato su uno schermo accecante. Anche sull'Alcatel OT557 della figlia durante il giorno, l'immagine è più luminosa e le tracce non sono così evidenti. Per non parlare del display ad alto contrasto e sempre nitido (fattore di forma a conchiglia) del Samsung E530 “femminile”. Forse una finitura opaca, simile allo strato esterno delle matrici LCD nei laptop, potrebbe risolvere questo problema.

Anche il retro del telefono è specifico: se fossi un designer di K750i, cercherei di assicurarmi che la cover fotografica non sporga dal piano della custodia. In primo luogo, a causa di ciò, il dispositivo non giace "sulla schiena" - oscilla. In secondo luogo, è un extra di 4 mm di spessore. E terzo: se la parte anteriore ha un bell'aspetto, la parte posteriore, a causa del gran numero di pezzi d'argento, delle diverse trame, livelli ed elementi, è estremamente goffa. Si ha la sensazione che la parte anteriore sia stata sviluppata da un designer e quella posteriore da un altro.

L'occhiello per attaccare il laccio non è nel modo migliore: dall'angolo del telefono. Di conseguenza, è appeso al collo non verticalmente, ma ad angolo, oscillando costantemente da un lato all'altro come una campana sul collo di un toro da fattoria collettiva. Che cosa è fastidioso.

Non ci sono altre pretese in termini di design e funzionalità: la custodia è resistente, senza fronzoli, solida sia nell'aspetto che al tatto. Si adatta facilmente alla tasca dei pantaloni e quindi non richiede il trasporto in una "fondina" separata per cintura. Durante l'uso, non si è verificato lo sblocco accidentale della tastiera o l'apertura dell'otturatore della fotocamera. Una risposta prematura a una chiamata - anche tirando fuori il taschino dei pantaloni -: i tasti sono abbastanza stretti, esclusa la loro pressione accidentale.

Come una fotocamera

La prima cosa che mi ha fatto piacere non è stata tanto la presenza di una fotocamera da 2 megapixel quanto la presenza dell'autofocus: non importa quanto siano belle le immagini del telefono di mia moglie (Samsung E530), sono “piatte” per via la mancanza di controllo della profondità di campo. Il K750i ha tutto.

L'autofocus è relativamente veloce (circa 1 secondo) e, inoltre, non blocca il pulsante di scatto quando non c'è proprio tempo per mettere a fuoco: puoi, senza aspettare un segnale, premere subito il pulsante - in qualche modo, ma mette a fuoco e rilascia l'otturatore. Quando si utilizza la modalità macro, la messa a fuoco richiede un po' più di tempo, ma è più precisa. Il che richiede l'immobilità del soggetto e delle mani: un leggero spostamento comporterà una perdita di nitidezza. In modalità normale, la fotocamera non è critica per le vibrazioni.

Cosa mi ha sconvolto: il pulsante stretto "otturatore". Quando si scatta in condizioni di scarsa illuminazione, la sfocatura del fotogramma non può essere evitata! In questo caso, è utile ricorrere al classico trucco: appoggiando il telefono con fotocamera su una superficie fissa (o tenendolo ben stretto tra le mani), selezionare l'“autoscatto”. Un altro modo è premere immediatamente il pulsante, senza attendere la messa a fuoco: la foto verrà scattata con un leggero ritardo, ma senza sfocature.

L'uso del controluce è appropriato per le riprese macro, in condizioni di controluce per gli scatti di ritratti o, nel peggiore dei casi, di notte, quando si scatta da distanze molto ravvicinate e la modalità notturna è attiva. Il controluce non è un flash: non ha senso scattare con esso nel buio più completo e da distanze superiori al metro.

Di sfuggita, sulla modalità "notte": non ci sono miracoli. Questa modalità aumenta la sensibilità alla luce (che causa la granulosità) e rallenta la velocità dell'otturatore. Ma solo automaticamente: è impossibile impostare arbitrariamente, diciamo, "30 secondi di un otturatore aperto". Puoi riprendere il cielo notturno e altri paesaggi in questa modalità, ma la qualità sarà tutt'altro che ideale. È un peccato che i creatori del K750i non abbiano previsto questa funzionalità software, che non è così difficile da implementare, ma che rappresenterebbe un vantaggio significativo per viaggiatori e turisti. E se sul lato sinistro ci fosse ancora un posto per un nido per un mini-treppiede, allora non c'è dubbio che questa è una fotocamera! - non ce n'erano.

Un'altra cosa fastidiosa è che il "suono dell'otturatore" funziona un momento prima che avvenga effettivamente la ripresa. Di conseguenza, il dispositivo viene rimosso nella tasca prima che venga scattata la foto stessa, che per questo motivo è sfocata. A quanto pare, ciò è stato fatto apposta: in modo da scaricare il più possibile il processore al momento dello scatto. Inoltre, l'immagine fissata sullo schermo al momento dello scatto non è la stessa che risulterà alla fine. Si prega di notare.

In alcuni casi, per evitare che il suono dell'otturatore si intrometta o distragga, lo spengo. Affatto. Questo è facile da fare: in modalità standby, passa alla modalità "silenziosa" (tieni premuto il tasto "cancelletto" - #). Aiuta quando si riprendono le persone inaspettatamente ea distanza ravvicinata: il suono dell'otturatore è molto più forte di quello effettivamente prodotto da una cinepresa, può spaventare.

A proposito, delle persone: se parliamo di piani su larga scala e di assenza di rischi per la propria salute, allora si può girare solo con discrezione. La specificità dello zoom digitale è tale che senza un significativo deterioramento della qualità, si possono ottenere solo 1,5 - 2 volte. Che è sufficiente per inquadrare, ma non abbastanza per avvicinarsi al soggetto. Di conseguenza, la modalità normale è grandangolare. In cui una persona occuperà la maggior parte dell'inquadratura solo se ti avvicini a lui.

Per renderlo meno evidente è utile:

  1. disattiva il suono dell'otturatore;
  2. abilita la modalità di scatto continuo (4 fotogrammi in una frazione di secondo; in questo caso, la risoluzione massima dei fotogrammi possibile sarà di soli 640 x 480; punizione per la cadenza di fuoco)
  3. scattare dall'orecchio, tenendo la fotocamera in verticale o in modo da non essere sospettati di nulla; uno dei 4 frame, ma avrà successo.

Non ci sono limiti quando si tratta di fotografare paesaggi o macrofotografia: c'è molto spazio per la creatività.

Una soluzione molto comoda nella modalità "foto" è usare le scorciatoie da tastiera: premendo i "quattro" si richiama la modalità macro, "7" - la modalità notturna e il pulsante "*" accende la retroilluminazione o spento. Le modalità di scatto vengono ricordate quando l'otturatore è chiuso, ma lo zoom viene ripristinato di uno.

È meglio puntare la fotocamera verso il punto scuro più grande dell'inquadratura. Se necessario, puoi schiarirlo o, al contrario, scurirlo spostando il joystick del telefono verso destra o sinistra. Aiuta quando si riprendono nuvole, superficie dell'acqua, in condizioni di scarsa illuminazione.

È più comodo tenere la fotocamera quando si fotografa la "lunghezza dell'inquadratura" capovolta, la tastiera in alto e lo schermo in basso. Come una normale fotocamera: in modo che il pulsante di scatto sia in alto a sinistra mentre scatti. La lancetta dei secondi svolge il ruolo di assicurazione e controlla lo zoom: con posizione orizzontale con l'indice, con posizione verticale - con il pollice della mano sinistra. (Vedere l'illustrazione numero 4, 5).

Giocare con gli effetti non è per tutti: tutto questo si può fare in un editor di foto. Curiose, secondo me, sono solo la modalità bianco e nero e il seppia: se la cromia della cornice prevista non è piacevole alla vista o si parla di crepuscolo/notte, allora potete provare. La stessa discarica della città con i corvi che si librano su di essa nella modalità "b / n" sembrerà un'immagine artistica e nella modalità "colore", proprio come una discarica. "Sepia" è molto utile per fotografare oggetti architettonici e dame con balze: conferisce all'inquadratura un tocco di antichità.

È anche ragionevole utilizzare il "bilanciamento del bianco": quando l'inquadratura è eccessivamente saturata con qualsiasi colore o luce (luce diurna, incandescente, fluorescente), non è possibile evitare i volti viola di parenti e amici.

Riguardo alla riduzione dell'effetto occhi rossi nella K750i, di cui mi è capitato di leggere in una delle recensioni: non è qui e non può esserci. Gli "occhi rossi" si verificano solo quando si utilizza un flash: il fondo sanguigno si illumina quando la pupilla è aperta. Quando si utilizzano una serie di diversi pre-flash, la pupilla si restringe e quindi "chiude" l'occhio. Non c'è nessun flash qui, solo una torcia (il percorso e con l'intensità del bagliore che aumenta al momento dello scatto) con tutte le conseguenze.

La scheda di memoria inclusa (64 MB) è sufficiente per le foto (la dimensione massima dell'immagine è di 400 - 500 KB). E non abbastanza per tutto il resto, in particolare per i file mp3: quanto basta per un paio di decine di minuti.

Copio i dati dalla MemoryStick tramite il cavo USB incluso. Sul campo, al laptop o al telefono della moglie - tramite Bluetooth: funziona un po' più lentamente, ma funziona. Comunico con il telefono di mia figlia attraverso il porto di Irda. Scatto principalmente con la massima qualità e dimensione. Quindi, se vuoi trasferire le foto su altri telefoni, le riduco. Ma raramente: lo faccio principalmente in un editor di foto, dove rimuovo l'eccesso, correggo il contrasto, la luminosità e la nitidezza. Utilità integrate, incluso PhotoDJ mai utilizzato: scomode. Non invano si trovano nella scheda "intrattenimento".

SE K750i - come una fotocamera per tutti custodia

SE K750i - come una fotocamera per tutti succedendo

Fa paura ammetterlo, ma sono comunque soddisfatto del Nokia 6310, che è arcaico per gli standard odierni: dalla polifonia e dallo schermo a colori, non provo le stesse sensazioni ed emozioni di una moglie (Samsung E530) o la figlia maggiore (Alcatel OT557) ottenere. L'unica cosa che sognavo fin dall'infanzia era una macchina fotografica in miniatura: essendo un fan dell'attrezzatura a specchio da un chilogrammo, tirata fuori da un baule impolverato una volta all'anno in occasione di un altro periodo di fotografia, ho pensato a lungo a un portatile dispositivo che è "per ogni evenienza".

E poiché solo un telefono può ricoprire un ruolo del genere nella tasca dei jeans, che, a differenza di un palmare o anche di una fotocamera super compatta, non viene mai dimenticato a casa o al lavoro, mi sono convinto a sostituire il Nokia 6310 con il Sony Ericsson K750i. Per verificare personalmente le sue capacità fotografiche, cantata da Martin Parr http://www.sonyericsson.com/k750 (vedi illustrazione numero 1) e allo stesso tempo credere che non ci sia modo senza polifonia nel mondo di oggi.

Per motivi di design

SE K750i è buono! Ma fino a quando non lo porti all'orecchio: la forma rettangolare e la posizione dell'altoparlante vicino al bordo superiore ti fanno cercare una posizione in cui non eserciti pressione sul padiglione auricolare. A questo proposito Nokia 6310 era molto più conveniente. Nel caso del K750i, non si può evitare di utilizzare un auricolare cablato o Bluetooth, di cui non sono un fan. Nel primo caso si ha a che fare con i fili sempre aggrovigliati, e nel secondo ci sono sospetti latenti sull'innocuità del "dente blu" in generale e il fatto stesso di uno schiaffo in testa in particolare è fastidioso . Pertanto, al chiuso, preferisco utilizzare la modalità vivavoce e per strada, sopportando il disagio, premo il telefono all'orecchio.

Troppo alto è anche il bilanciere del volume, che è anche responsabile dello “zoom” della fotocamera: quando si parla, il pollice si appoggia due centimetri sotto di esso, motivo per cui bisogna “allungare la mano” verso il tasto. Inoltre, lo "swing" si trova di fronte al "pulsante multimediale" situato sul lato opposto del telefono. Il che spesso fa sì che vengano premuti contemporaneamente.

E lo schermo: la sua superficie lucida è sempre unta, brilla solo sulle brochure e dopo una lunga usura in tasca. Tracce di grasso rimangono sia dopo un tocco accidentale con le dita delle mani, sia dopo una conversazione, a causa della quale brilla ancora di più al sole. Pertanto, diventa ancora più difficile distinguere ciò che viene evidenziato su uno schermo accecante. Anche sull'Alcatel OT557 della figlia durante il giorno, l'immagine è più luminosa e le tracce non sono così evidenti. Per non parlare del display ad alto contrasto e sempre nitido (fattore di forma a conchiglia) del Samsung E530 “femminile”. Forse una finitura opaca, simile allo strato esterno delle matrici LCD nei laptop, potrebbe risolvere questo problema.

Anche il retro del telefono è specifico: se fossi un designer di K750i, cercherei di assicurarmi che la cover fotografica non sporga dal piano della custodia. In primo luogo, a causa di ciò, il dispositivo non giace "sulla schiena" - oscilla. In secondo luogo, è un extra di 4 mm di spessore. E terzo: se la parte anteriore ha un bell'aspetto, la parte posteriore, a causa del gran numero di pezzi d'argento, delle diverse trame, livelli ed elementi, è estremamente goffa. Si ha la sensazione che la parte anteriore sia stata sviluppata da un designer e quella posteriore da un altro.

L'occhiello per attaccare il laccio non è nel modo migliore: dall'angolo del telefono. Di conseguenza, è appeso al collo non verticalmente, ma ad angolo, oscillando costantemente da un lato all'altro come una campana sul collo di un toro da fattoria collettiva. Che cosa è fastidioso.

Non ci sono altre pretese in termini di design e funzionalità: la custodia è resistente, senza fronzoli, solida sia nell'aspetto che al tatto. Si adatta facilmente alla tasca dei pantaloni e quindi non richiede il trasporto in una "fondina" separata per cintura. Durante l'uso, non si è verificato lo sblocco accidentale della tastiera o l'apertura dell'otturatore della fotocamera. Una risposta prematura a una chiamata - anche tirando fuori il taschino dei pantaloni -: i tasti sono abbastanza stretti, esclusa la loro pressione accidentale.

Come una fotocamera

La prima cosa che mi ha fatto piacere non è stata tanto la presenza di una fotocamera da 2 megapixel quanto la presenza dell'autofocus: non importa quanto siano belle le immagini del telefono di mia moglie (Samsung E530), sono “piatte” per via la mancanza di controllo della profondità di campo. Il K750i ha tutto.

L'autofocus è relativamente veloce (circa 1 secondo) e, inoltre, non blocca il pulsante di scatto quando non c'è proprio tempo per mettere a fuoco: puoi, senza aspettare un segnale, premere subito il pulsante - in qualche modo, ma mette a fuoco e rilascia l'otturatore. Quando si utilizza la modalità macro, la messa a fuoco richiede un po' più di tempo, ma è più precisa. Il che richiede l'immobilità del soggetto e delle mani: un leggero spostamento comporterà una perdita di nitidezza. In modalità normale, la fotocamera non è critica per le vibrazioni.

Cosa mi ha sconvolto: il pulsante stretto "otturatore". Quando si scatta in condizioni di scarsa illuminazione, la sfocatura del fotogramma non può essere evitata! In questo caso, è utile ricorrere al classico trucco: appoggiando il telefono con fotocamera su una superficie fissa (o tenendolo ben stretto tra le mani), selezionare l'“autoscatto”. Un altro modo è premere immediatamente il pulsante, senza attendere la messa a fuoco: la foto verrà scattata con un leggero ritardo, ma senza sfocature.

L'uso del controluce è appropriato per le riprese macro, in condizioni di controluce per gli scatti di ritratti o, nel peggiore dei casi, di notte, quando si scatta da distanze molto ravvicinate e la modalità notturna è attiva. Il controluce non è un flash: non ha senso scattare con esso nel buio più completo e da distanze superiori al metro.

Di sfuggita, sulla modalità "notte": non ci sono miracoli. Questa modalità aumenta la sensibilità alla luce (che causa la granulosità) e rallenta la velocità dell'otturatore. Ma solo automaticamente: è impossibile impostare arbitrariamente, diciamo, "30 secondi di un otturatore aperto". Puoi riprendere il cielo notturno e altri paesaggi in questa modalità, ma la qualità sarà tutt'altro che ideale. È un peccato che i creatori del K750i non abbiano previsto questa funzionalità software, che non è così difficile da implementare, ma che rappresenterebbe un vantaggio significativo per viaggiatori e turisti. E se sul lato sinistro ci fosse ancora un posto per un nido per un mini-treppiede, allora non c'è dubbio che questa è una fotocamera! - non ce n'erano.

Un'altra cosa fastidiosa è che il "suono dell'otturatore" funziona un momento prima che avvenga effettivamente la ripresa. Di conseguenza, il dispositivo viene rimosso nella tasca prima che venga scattata la foto stessa, che per questo motivo è sfocata. A quanto pare, ciò è stato fatto apposta: in modo da scaricare il più possibile il processore al momento dello scatto. Inoltre, l'immagine fissata sullo schermo al momento dello scatto non è la stessa che risulterà alla fine. Si prega di notare.

In alcuni casi, per evitare che il suono dell'otturatore si intrometta o distragga, lo spengo. Affatto. Questo è facile da fare: in modalità standby, passa alla modalità "silenziosa" (tieni premuto il tasto "cancelletto" - #). Aiuta quando si riprendono le persone inaspettatamente ea distanza ravvicinata: il suono dell'otturatore è molto più forte di quello effettivamente prodotto da una cinepresa, può spaventare.

A proposito, delle persone: se parliamo di piani su larga scala e di assenza di rischi per la propria salute, allora non si può che girare inosservati. La specificità dello zoom digitale è tale che senza un significativo deterioramento della qualità, si possono ottenere solo 1,5 - 2 volte. Che è sufficiente per inquadrare, ma non abbastanza per avvicinarsi al soggetto. Di conseguenza, la modalità normale è grandangolare. In cui una persona occuperà la maggior parte dell'inquadratura solo se ti avvicini a lui.

Per renderlo meno evidente è utile:

  1. disattiva il suono dell'otturatore;
  2. abilita la modalità di scatto continuo (4 fotogrammi in una frazione di secondo; in questo caso, la risoluzione massima dei fotogrammi possibile sarà di soli 640 x 480; punizione per la cadenza di fuoco)
  3. scattare dall'orecchio, tenendo la fotocamera in verticale o in modo da non essere sospettati di nulla; uno dei 4 frame, ma avrà successo.

Non ci sono limiti quando si tratta di fotografare paesaggi o macrofotografia: c'è molto spazio per la creatività.

Una soluzione molto comoda nella modalità "foto" è usare le scorciatoie da tastiera: premendo i "quattro" si richiama la modalità macro, "7" - la modalità notturna e il pulsante "*" accende la retroilluminazione o spento. Le modalità di scatto vengono ricordate quando l'otturatore è chiuso, ma lo zoom viene ripristinato di uno.

È meglio puntare la fotocamera verso il punto scuro più grande dell'inquadratura. Se necessario, puoi schiarirlo o, al contrario, scurirlo spostando il joystick del telefono verso destra o sinistra. Aiuta quando si riprendono nuvole, superficie dell'acqua, in condizioni di scarsa illuminazione.

È più comodo tenere la fotocamera quando si fotografa la "lunghezza dell'inquadratura" capovolta, la tastiera in alto e lo schermo in basso. Come una normale fotocamera: in modo che il pulsante di scatto sia in alto a sinistra mentre scatti. La lancetta dei secondi svolge il ruolo di assicurazione e controlla lo zoom: con posizione orizzontale con l'indice, con posizione verticale - con il pollice della mano sinistra. (Vedere l'illustrazione numero 4, 5).

Giocare con gli effetti non è per tutti: tutto questo si può fare in un editor di foto. Curiose, secondo me, sono solo la modalità bianco e nero e il seppia: se la cromia della cornice prevista non è piacevole alla vista o si parla di crepuscolo/notte, allora potete provare. La stessa discarica della città con i corvi che si librano su di essa nella modalità "b / n" sembrerà un'immagine artistica e nella modalità "colore", proprio come una discarica. "Sepia" è molto utile per fotografare oggetti architettonici e dame con balze: conferisce all'inquadratura un tocco di antichità.

È anche ragionevole utilizzare il "bilanciamento del bianco": quando l'inquadratura è eccessivamente saturata con qualsiasi colore o luce (luce diurna, incandescente, fluorescente), non è possibile evitare i volti viola di parenti e amici.

Riguardo alla riduzione degli occhi rossi nella K750i, di cui mi è capitato di leggere in una delle recensioni: non è qui e non può esserci. Gli "occhi rossi" si verificano solo quando si utilizza un flash: il fondo sanguigno dell'occhio si illumina quando la pupilla è aperta. Quando si utilizzano una serie di diversi pre-flash, la pupilla si restringe e quindi "chiude" l'occhio. Non c'è nessun flash qui, solo una torcia (il percorso e con l'intensità del bagliore che aumenta al momento dello scatto) con tutte le conseguenze.

La scheda di memoria inclusa (64 MB) è sufficiente per le foto (la dimensione massima dell'immagine è di 400 - 500 KB). E non abbastanza per tutto il resto, in particolare per i file mp3: quanto basta per un paio di decine di minuti.

Copio i dati dalla MemoryStick tramite il cavo USB incluso. Sul campo, al laptop o al telefono della moglie - tramite Bluetooth: funziona un po' più lentamente, ma funziona. Comunico con il telefono di mia figlia attraverso il porto di Irda. Scatto principalmente con la massima qualità e dimensione. Quindi, se vuoi trasferire le foto su altri telefoni, le riduco. Ma raramente: lo faccio principalmente in un editor di foto, dove rimuovo l'eccesso, correggo il contrasto, la luminosità e la nitidezza. Utilità integrate, incluso PhotoDJ mai utilizzato: scomode. Non per niente si trovano nella scheda "intrattenimento".