it opay

jukebox

Tra gli altri lettori MP3, i jukebox occupano storicamente una posizione speciale. Forse, la posizione dei dispositivi di classe business tra i telefoni cellulari può fungere da parallelo.

I jukebox non perfezionano le ultime tecnologie, non mettono alla prova idee audaci e innovative: questo ruolo è riservato ai PMP e ad alcune categorie di dispositivi flash. Non occupano una posizione dominante nelle vendite né in termini unitari né monetari: questo posto è assegnato a budget, penny "flash drive".

Hanno una missione diversa, sono il "volto" del produttore, un prodotto di status che forma l'immagine dell'azienda sul mercato. Le affermazioni di qualsiasi azienda sono considerate insufficientemente motivate fino a quando non rilascia un dispositivo degno in questa classe. E se un produttore finisce la sua linea di Jukebox, allora non importa quello che dice sulla "futilità" di questo tipo di lettori, sulle sue intenzioni di "concentrarsi su settori più interessanti", per molti questo indicherà l'inizio dell'attività dell'azienda rifiuto, sarà un motivo ragionevole per perdere interesse nei suoi prodotti.

A differenza delle innumerevoli e, di regola, asiatiche "orde" di produttori di dispositivi flash che hanno invaso tutte le parti del mondo, il numero di produttori seri di Jukebox durante l'intera esistenza del mercato difficilmente supererà l'uno e mezzo due dozzine. Tra queste, una percentuale anormalmente alta di società americane, europee e giapponesi, questo sottolinea ancora una volta il loro status speciale. Tecnicamente, nulla impedisce a una piccola azienda cinese di assumere lo sviluppo e la produzione di tali giocatori, ma anche i produttori cinesi che non hanno molta esperienza nel marketing capiscono che noname non sarà venduto in questo mercato.

Se confronti il ​​Jukebox con un SUV, il Godot di Taiwan può essere chiamato GreatWall. Nel corso degli anni, ha rilasciato numerosi modelli di Jukebox, molti dei quali hanno raggiunto l'Europa e l'America come prodotti OEM. Nessuno di loro, tuttavia, ha ottenuto un successo significativo.

Per avere successo qui, non è sufficiente "rivettare" il dispositivo e mettere un buon prezzo. Pertanto, mentre centinaia di dispositivi flash nascono, vivono e lasciano il mercato nella più completa oscurità, un raro modello Jukebox non attirerà l'attenzione sia dei media che della stampa e del normale pubblico del tempo libero.

Come i telefoni aziendali, i Jukebox hanno un pubblico distinto. Ovviamente, qualsiasi adolescente può risparmiare denaro / implorare i propri genitori per un dispositivo del genere e tali vendite occupano una quota considerevole del totale. Ma sono creati, tuttavia, per consumatori di tipo diverso, persone mature, solide e con gusti indipendenti. La grande capacità del magazzino integrato serve già come una sorta di qualifica, sia di proprietà che intellettuale. Nei paesi del Primo Mondo, dove tutta la musica dovrebbe essere acquisita legalmente, la possibilità di spendere più di 20 GB (nella regione di $ 4.000) per una raccolta musicale indica già un certo status di una persona. Dimostra anche la sua eccezionale erudizione musicale: non è facile mettere insieme canzoni “pop” per un tale volume.

Tra i dispositivi di questa classe, non troveremo soluzioni in miniatura. Da un lato, questa limitazione è imposta dalle dimensioni fisiche del trasportino, ma le dimensioni serie sono diventate una sorta di biglietto da visita per i Jukebox. Anche qui non troveremo disegni artistici, estremi, esperimenti con materiali e colori. I jukebox sono, prima di tutto, sano conservatorismo, moderazione, stile calmo, ma allo stesso tempo non noioso e non banale. Dispositivi chiaramente "maschili" nel loro concetto. Ciò non significa che non saremo in grado di trovare un giocatore del genere nello zaino rosa di una studentessa americana, anzi. Ma in questo caso, l'idea, il mito, l'immagine del pubblico di destinazione è più importante dello stato attuale delle cose. In effetti, grazie al fatto che puoi vedere sempre più ragazze glamour al volante di enormi SUV, queste auto non hanno perso l'immagine di "auto per uomini veri".

Anche i SUV "Parquet" sono una buona analogia per i jukebox. Si interseca bene con le peculiarità delle preferenze geografiche per questo tipo di giocatore. Come le ingombranti Jeep, i lettori MP3 ad alta capacità sono riusciti a conquistare il cuore di un vasto pubblico americano, ma hanno ricevuto solo una popolarità piuttosto limitata in Europa e in Asia. In queste parti del mondo - il regno delle minicar e dei flash player economici. Se nel caso delle auto possiamo ancora cogliere ragioni ragionevoli e logiche delle preferenze dei consumatori (“poco spazio” e prezzi elevati della benzina in Europa, ecc.), allora con i giocatori non possiamo che speculare sulle peculiarità della mentalità nazionale. Considerando lo stato dei SUV in Russia, la popolarità dei Jukebox e l'atteggiamento speciale nei loro confronti qui era abbastanza prevedibile. In effetti - sembrerebbe che questi dispositivi occupino solo il 10% circa delle vendite - e quante conversazioni e controversie li circondano.

Questa classe deve il suo nome a dispositivi musicali fissi pubblici che si sono diffusi negli anni '30 del secolo scorso.

Il jukebox più imponente nella storia del Wurlitzer 1015 "Bubbler" del 1946 conteneva solo 24 canzoni, qualsiasi Jukebox moderno ne starebbe mille volte di più (foto da www.jukebox-collections.com)

L'unica cosa che hanno in comune con questi frivoli dispositivi per l'intrattenimento dei poveri americani è la capacità di memorizzare incredibili quantità di musica. Il cuore di un moderno Jukebox è sicuramente un disco rigido di almeno 30 GB - i modelli da 20 GB stanno rapidamente cadendo fuori moda. Il volume è soprattutto: questo è lo slogan di questa classe, quindi per il momento nient'altro che i dischi rigidi non sono degni di svolgere il ruolo di unità al loro interno. Questo è storicamente il caso, finché gli HDD superano gli altri tipi di supporto in termini di prezzo ragionevole/grande volume, questo non cambierà. I modelli su hard disk da 1 pollice non raggiungono lo stato di Jukebox, si tratta di lettori "per ragazze e adolescenti". Sì, un moderno microdrive ha una capacità tre volte superiore a un disco rigido da 2,5" che era la memoria del primo Jukebox. Ma in questo caso, la capacità è un concetto relativo e ciò che era molto ieri, oggi è un avaro.

Jukebox è progettato per archiviare molti file, migliaia e migliaia. Affinché l'utente possa trovare qualsiasi brano in qualsiasi momento nel minor tempo e con il minimo sforzo, un dispositivo di questa classe deve semplicemente avere:

  • Un sistema di catalogazione di qualità. Oggi di solito si basa sui metadati: ID3 e altri tag multimediali.
  • Comodo organizzazione di ricerca. La ricerca di solito passa attraverso le directory dai metadati e l'approccio più tipico è cercare per titolo del brano, titolo dell'album, nome dell'artista. Spesso come criterio di ricerca vengono utilizzati anche il genere musicale, l'anno di creazione, l'ora di trasferimento al giocatore. I dispositivi più avanzati implementano la ricerca in categorie per lettere dell'alfabeto. Per facilitare le attività di ricerca, è ampiamente praticato l'uso di playlist, sia preparate su un PC che compilate su un lettore.
  • Comandi adattati alle attività tipiche: scorrimento di lunghi elenchi e rapida selezione delle posizioni, navigazione tra i livelli del catalogo. Un buon esempio di tale controllo è il Click-Wheel di Apple. Ci sono anche barre di scorrimento touch, rotelle di scorrimento, joystick.
  • Un display ad alta risoluzione ampio e di alta qualità che può contenere nomi di tracce abbastanza lunghi senza scorrere - in larghezza e almeno cinque o sei posizioni nell'elenco - in altezza. Oggi, un display con risoluzione QVGA da due pollici, solitamente a colori, è standard, sebbene non sia necessario per le attività di ricerca dei file.

I jukebox sono una vecchia classe di lettori MP3, quasi della stessa età dell'intero settore. Oggi possiamo parlare di quattro generazioni che sono cambiate in sette anni, ognuna delle quali ha avuto i suoi rappresentanti brillanti e memorabili.

Prima generazione

La storia della prima generazione copre il periodo 1999-2002. Ingombranti, fragili, goffi e incredibilmente costosi, i Jukebox di quest'epoca erano lontani dallo status di dispositivi di massa di allora, come, in effetti, tutti i lettori MP3 come classe di dispositivi. Tuttavia, hanno parlato e scritto molto su di loro, le loro capacità di gigabyte hanno affascinato, indipendentemente dalle dimensioni, dal tempo di funzionamento e dal prezzo del dispositivo. Hanno fornito uno sguardo su un futuro in cui anche l'amante della musica più "congelato" potrebbe archiviare l'intera vasta collezione di musica su un piccolo dispositivo. Così, subito alla nascita di dispositivi di questo tipo, è stata data loro l'immagine di dispositivi costosi per gli “eletti” che “vogliono di più”.

La prima generazione di Jukebox presentava dischi rigidi con un diametro del piatto da 2,5", che si trova comunemente nei laptop. A quel tempo, era l'unico tipo di unità portatile che ti permetteva di occupare una barra di gigabyte con un margine.

Jukebox personale Hango PJB-100

Il design del primo lettore hard disk al mondo è stato sviluppato dalla società americana Compaq nel 1998. Non si trattava dello sviluppo di un prodotto commerciale, sul quale si scommetteva seriamente, quindi il lavoro si svolse lentamente. Nella seconda metà del 99esimo anno, la licenza per la produzione del lettore secondo il progetto finito è stata venduta alla coreana Hango Electronics. Questa azienda è diventata la prima azienda produttrice di Jukebox e anche la prima a usare questo nome: il lettore si chiamava Personal Jukebox o PJB-100.

Progettato da zero dagli ingegneri di un'importante azienda americana, il PJB-100 era un dispositivo originale e di discreto successo. Molti concetti, come l'organizzazione gerarchica di una libreria di file, le playlist, sono diventati parte integrante di tali dispositivi in ​​futuro. Secondo alcuni indicatori, come la stabilità del firmware e la possibilità di modifica da parte dell'utente, il Personal Jukebox può essere un esempio per la maggior parte dei giocatori moderni.

Il design del PJB-100 a quel tempo non era male e in una certa misura prevedeva la moda di forme rigorose e concise, sebbene per gli standard odierni possa essere definito sia ingombrante che angolare. Il display era ampio (3” in diagonale) e nitido, seppur con una bassa risoluzione di 128 per 64 pixel (i display con questa risoluzione oggi non hanno diagonali maggiori di 1 pollice). Il carattere più piccolo ha permesso di posizionare su di esso fino a sette righe di testo. La gestione è stata effettuata da tre coppie di chiavi. Il giocatore aveva un orientamento orizzontale del display e dei controlli, che non ha mai guadagnato popolarità nei jukebox, principalmente perché tali lettori sono difficili da usare con una mano. Il dispositivo riproduceva esclusivamente file MP3, che però all'epoca bastavano per tutti. Il dispositivo utilizzava l'ultima interfaccia USB 1.0 in quel momento.

Il supporto utilizzato era un disco rigido da 2,5 pollici con una capacità di 4,86 ​​GB. Ricordiamo che i produttori di flash player quindi, a cavallo del 1999-2000, potevano spremere dai propri dispositivi non più di 64 MB di capacità integrata. Ciò ha conferito al PJB-100 un vantaggio di quasi 80 volte: in confronto, il più grande Jukebox di oggi, l'iPod da 80 GB, ha solo un guadagno di memoria 10 volte superiore rispetto ai migliori lettori flash.

Non sorprende che il dispositivo, sebbene proposto dall'oscuro Hango, abbia rapidamente guadagnato popolarità e fan. Anche se la loro cerchia non era grande, ma erano le persone più esperte di tecnologia che erano pronte a spendere una cifra pazzesca di $ 1.000 in più per un gadget. Tali utenti, grazie alla loro attività su Internet, hanno formato un interesse pubblico per la neonata classe di Jukebox, hanno mostrato ai produttori che tali dispositivi avrebbero trovato i loro acquirenti.

Per gli standard dei lettori MP3, il PJB-100 ha avuto una durata anormalmente lunga, essendo stato prodotto tra il 2000 e il 2003. Alla fine, il volume del suo disco rigido integrato è cresciuto fino a 60 gigabyte. Secondo alcune indiscrezioni, Compaq Research ha continuato a svilupparsi in questa direzione e aveva persino prototipi che ricordavano il futuro iPod. Tuttavia, questo non è stato sviluppato e l'acquisizione di Compaq da parte di Hewlett-Packard nel 2002 ha posto fine alla direzione. Non una mossa molto intelligente da parte di HP: due anni dopo, si interessò ancora al mercato degli MP3, ma le bastava solo il co-branding con lo stesso iPod. Ma se le cose fossero andate un po' diversamente, oggi potremmo avere due colossi americani (senza contare Microsoft) che lottano per il mercato dei Jukebox, invece di un noioso assolo di Apple.

Jukebox creativo nomade

La prima mossa della creatività su questa bacheca è di pochi mesi in ritardo. Il suo primo Jukebox, prevedibilmente chiamato Creative Nomad Jukebox, è stato lanciato sul mercato nella primavera del 2000. Novika ha corrotto più del Jukebox personale con una capacità (6 GB) e metà del prezzo: $ 500.

In termini di design, il giocatore contrastava nettamente con PJB. Se gli ingegneri di Compaq stavano creando un nuovo tipo di design diverso da quello che era stato precedentemente nel campo della tecnologia portatile, i designer di Creative hanno scelto un percorso diverso. La fonte della loro ispirazione era il buon vecchio lettore CD. Il messaggio era di facile lettura: "un lettore delle dimensioni di un normale Discman, ma con una capacità fino a 150 CD!". Sebbene il Nomad fosse più ingombrante del Personal Jukebox a causa di questo design, era più familiare ed era adatto per trasportare borse tradizionali per lettori CD. Il display aveva una risoluzione simile ma dimensioni ridotte. Questo è stato uno svantaggio: uno scarso rapporto area display / area della cornice disattivava sempre l'acquirente, indipendentemente dalla risoluzione. Ma il lettore, oltre all'MP3, supportava i formati WMA e WAV ed era anche in grado di digitalizzare un segnale analogico da un ingresso di linea. La scelta allora era piccola e il nuovo Jukebox era popolare. In molti modi, è stato lui a consentire a Creative di prendere piede nel mercato degli MP3, di creare una reputazione di lettore serio, i cui prodotti dovrebbero essere considerati.

Fino al 2002, l'azienda ha rilasciato diverse modifiche al Nomad Jukebox prima di abbandonare questo progetto. Nomad Jukebox 2 attratto dal supporto del protocollo USB 2.0, Jukebox 3 era compatibile con il protocollo Firewire. Anche la capacità dell'unità è cresciuta, raggiungendo i 20 GB nelle ultime versioni. Nel 2002, in risposta alla crescente minaccia del Jukebox originale di seconda generazione, l'Apple iPod, Creative ha riprogettato i suoi lettori con la serie Zen.

Un piccolo numero di utenti esperti attribuisce alla serie Nomad Jukebox un'eccezionale qualità del suono, principalmente grazie al codec Philips. A loro avviso, le soluzioni di Texas Instruments, a cui l'azienda è passata nelle serie successive, erano già di qualità inferiore.

Jukebox Archos 6000

Fino al dicembre 2000, l'azienda francese Archos si occupava principalmente dello sviluppo e della vendita di drive portatili, che, tuttavia, all'epoca erano piuttosto innovativi. La creazione del Jukebox sembrava uno sviluppo logico per la loro offerta di dischi rigidi mobili. Nasce così il primo lettore MP3 di Archos. Nel suo nome, l'azienda non ha mostrato ingegno: Jukebox 6000, dove 6000 significava (non esattamente) seimila megabyte di capacità (o 6 GB).

Come prodotto più recente, il lettore era in qualche modo superiore ai suoi predecessori. Prima di tutto, era molto più compatto. Inoltre, è stato il primo Jukebox con una disposizione "ritratto" di comandi e display, destinato a diventare tradizionale. È vero, il design era alquanto radicale e non assomigliava in alcun modo alle caratteristiche rigorose dei futuri dispositivi di Archos.

Nei prossimi due anni, l'azienda rilascerà diversi dispositivi sul "telaio" del Jukebox 6000. Il più notevole è stato il Jukebox MultiMedia del 2002, che aveva un display a colori e capacità di riproduzione video DivX. Per Archos, questo lettore è diventato un punto di svolta: l'azienda ha deciso di concentrarsi su un nuovo segmento di lettori multimediali portatili, abbandonando in generale le sue ambizioni nella classe Jukebox. Nel tempo, si è evoluto in un produttore di dispositivi di fascia alta per una ristretta cerchia di clienti, rilasciando di tanto in tanto i Jukebox come articolo di gamma.

Archos Jukebox 6000, tuttavia, è riuscito a lasciare il segno nella storia. Esso (più precisamente, il suo firmware poco stabile e funzionale) deve la sua fisionomia al progetto Rockbox, lo sviluppo di un software interno alternativo per lettori MP3, che nel tempo è cresciuto fino a diventare un movimento su larga scala che ha unito molti sostenitori e già oggi supporta oltre una dozzina di dispositivi.

Rivolta di Rio

Diamond Multimedia è stata la prima a introdurre un lettore MP3 nel mercato statunitense, ma è entrata nell'industria dei jukebox, già chiamata Sonicblue, all'inizio del 2002 con un certo ritardo. La sua prima esperienza è stata difficile da biasimare per la non originalità, anche se alcune caratteristiche sono state sicuramente mutuate dall'Hango PJB-100: orientamento orizzontale del controllo e del display, display LCD di grandi dimensioni (nel caso di Riot - semplicemente enorme, con una risoluzione di 240x160) . L'immagine è stata completata da un'interfaccia user-friendly che utilizzava la rotellina di scorrimento originale (ciao Apple qui), disco rigido da 2,5 pollici da 10 GB, sintonizzatore FM.

Sembra che il lettore andasse bene per tutti, ma era difficile definirlo portatile. L'ingombro straordinario, combinato con un fattore di forma scomodo, lo ha reso un buon giocatore di auto, ma niente di più. Anche se forse Sonicblue ha visto un tale uso per il suo primo Jukebox.

1,5 generazione

(foto da www.minidisc.org)

Alla fine del 2001 si è svolto un evento importante e, come si è scoperto, un punto di riferimento nel mercato dei lettori MP3. Apple Computer ha introdotto il suo primo dispositivo in questa classe. Ed era un Jukebox, e non solo un Jukebox, ma un Jukebox di seconda generazione.

Il resto dei giocatori non aveva fretta di abbandonare i propri sviluppi della generazione precedente e ha continuato a sviluppare giocatori su dischi rigidi da 2,5". Questo sembrava molto logico, perché a un costo inferiore hanno superato i nuovi dischi rigidi da 1,8” in termini di capacità fino a quattro volte! Sembrava sufficiente prendere in prestito i motivi di design di base dell'iPod, rivestire le loro unità collaudate, economiche e capienti, e sarebbe stato possibile schiacciare Apple a un prezzo.

È stato un errore. Gli acquirenti erano disposti a pagare un sacco di soldi per un design di iPod o accontentarsi di un volume inferiore allo stesso prezzo. Pertanto, i dispositivi di generazione 1.5 che hanno cercato di combinare la nuova forma e il vecchio contenuto hanno avuto solo un successo limitato.

Ciò non significa che non fossero interessanti. Possiamo ancora ricordare la nostra analogia con i SUV. Dopotutto, se comprendiamo alla lettera il concetto di "SUV", il meglio del meglio non saranno i modelli che portano nelle vendite. Inoltre, la 1,5a generazione di Jukebox non ha ancora eguali in termini di parametro principale per questi giocatori a prima vista: la capacità di memoria. Oggi sono 300 GB (disco rigido da 2,5 pollici di capacità massima), che è tre volte la capacità massima teorica dei Jukebox di 2-4 generazioni. Cioè, sullo sfondo dei "vecchi", tutti i nuovi Jukebox sono patetici "SUV", che scivolano irrimediabilmente in qualsiasi raccolta audio più o meno seria. Ma proprio come una "jeep" viene scelta oggi da un marchio sonoro e da un'abbondanza di cromo sul "kenguryatnik", così sono comparsi nuovi criteri nella scelta di un Jukebox.

Jukebox Zen creativo nomade

Ci è voluto circa un anno a Creative per costruire la sua risposta alla sfida di Apple, il giocatore con forse il titolo più lungo tra i prodotti dell'azienda: Creative Nomad Jukebox Zen. Quindi parti separate voleranno via gradualmente da esso fino a quando lo Zen rimane, in modo succinto e breve, come un iPod.

Finora, il prestito non è andato oltre i limiti della decenza. Il nuovo giocatore ha ripetuto il fattore di forma "ritratto" del prodotto Apple, ma il sistema di controllo era completamente diverso, il corpo interamente in alluminio - più spigoloso. Il primo Zen trasportava 20 gigabyte di capacità di archiviazione, costando quasi la metà del prezzo di un iPod delle stesse dimensioni. Era dotato di interfacce USB e Firewire per attaccare con successo le posizioni dell'iPod nel territorio nemico senza perdere posizioni nel mondo dei PC compatibili con IBM.

ZenNX - 30 GB e batteria sostituibile

ZenXtra: ultima generazione, ampio display e fino a 60 GB di memoria

Il giocatore e le sue modifiche hanno ricevuto la propria e una considerevole quota di vendite e popolarità. Eppure, è rimasta seriamente indietro rispetto a quella che è andata ad Apple e questo divario è cresciuto continuamente. Secondo gli utenti, i case angolari in metallo dei primi Zens, all'interno dei quali l'unità da 2,5 pollici era riscaldata e sferragliata, ricordavano loro soprattutto... i dischi rigidi da 3,5 pollici tradizionalmente utilizzati nei PC. Non è la migliore analogia per un costoso gadget di moda. La compagnia di Singapore ha impiegato due anni per rendersene conto. Nel 2004, Zen attendeva un nuovo radicale restyling, per adeguarlo alle esigenze della seconda generazione. Questi tre anni mancati sono stati fatali per l'azienda?

Digitalway Mpio HD100

Nel 2002-2003, Mpio è stato giustamente considerato uno dei principali attori nell'elettronica audio portatile. Ancora: una presenza globale in tutto il mondo e un ingresso stabile tra i primi cinque nelle vendite. Tuttavia, sebbene l'azienda fosse il re riconosciuto in termini di giocatori flash, a questa corona mancava chiaramente la perla principale di fronte a Jukebox.

Un dispositivo del genere, anche se tardivamente, è stato presentato. L'HD100 è stato un tipico tentativo di realizzare l'iPod basato sulla tecnologia di prima generazione, anche con controlli simili. I pro ei contro erano simili a quelli del Nomad Jukebox Zen: grande capacità, prezzo contenuto ma dimensioni ingombranti, rumore, calore e vibrazioni.

Allo stesso modo, l'HD100 ha avuto una certa popolarità, alcune vendite, ma non si è comportato bene nel ruolo dell'ambito prodotto di stato che il Jukebox dovrebbe svolgere.

Multicanale Labs Xclef HD500

Xclef HD500 di Korean MultiChannel Labs è diventato, nel complesso, l'unico modello significativo di questa azienda. È stato rilasciato nel 2003 e, come i due lettori sopra descritti, ha cercato di ritagliarsi un pezzo del mercato dei Jukebox con il suo design in stile iPod e il prezzo contenuto grazie al suo disco rigido da 2,5”. Ha attirato acquirenti con enormi volumi di 40, 60, 80 e fino a "137" GB. Il modello era noto, ma a parte quelli a cui piace risparmiare dove possibile, poche persone ne sono state attratte.

Seconda generazione

La seconda generazione di Jukebox è iniziata con il rilascio dell'Apple iPod alla fine del 2001 e ha lasciato il posto a una terza generazione nel corso dell'anno 2004. La sua caratteristica principale è un disco rigido compatto con un piatto da 1,8 pollici di diametro come unità. Il cambiamento nel form factor dell'hard disk ha avuto gravi conseguenze: minor consumo di energia (che ha permesso di cavarsela con una batteria più piccola), meno calore, vibrazioni, rumore, maggiore resistenza agli urti e alle vibrazioni. Tutto ciò ha fondamentalmente migliorato le caratteristiche di consumo del giocatore. I vecchi Jukebox da 2,5 pollici erano difficili da immaginare nelle mani di un utente "normale". I nuovi dispositivi avevano il potenziale per diventare un prodotto per il mercato di massa.

Apple iPod 1-4G

Pioniere e scopritore di tutta la generazione. Puoi essere scettico sull'alone che si è formato attorno ai prodotti Apple Computer, ma nulla può cambiare il fatto che sono stati gli ingegneri di questa azienda a avere per primi l'idea di utilizzare i dischi rigidi di nuova dimensione di Toshiba nei loro lettori. Sembra una mossa perfettamente logica ora, ma ci sono voluti molto coraggio nel marketing per sacrificare un prezzo attraente e una capacità di archiviazione da record a favore di un concetto così effimero come il design. Apple l'ha trovato in sé non tre anni prima dei suoi concorrenti.

La formula del successo del primo iPod era semplice. Per controbilanciare il prezzo elevato, l'azienda ha buttato su un'altra ciotola, oltre a dimensioni ridotte, calore ridotto, vibrazioni e rumore, anche un design accattivante in stile iMac, un fattore di forma conveniente, una rotellina di scorrimento comoda quando si scorre lungo liste, un display ampio e chiaro con retroilluminazione brillante. . Infine, un'offerta che semplicemente non poteva essere rifiutata era il concetto di "Solo per Mac". Tra gli utenti Macintosh, purtroppo, ci sono sempre molte persone per le quali l'opportunità di sentirsi "meglio" rispetto agli utenti di PC compatibili con IBM è una necessità vitale. Inoltre, tra loro ci sono molte persone davvero eccezionali e, almeno, notevoli. L'iPod è stato un'altra testimonianza della loro esclusività, offrendo ad Apple non solo un'ampia base di clienti, ma anche potere di pubbliche relazioni gratuito, fortunatamente gli utenti Macintosh sono particolarmente numerosi tra i giornalisti e gli operatori dei media.

L'effetto cumulativo di ciò sarebbe estremamente potente, spingendo un giocatore con una base di utenti apparentemente per definizione limitata alla menzione della stampa, oltre a fornirgli vendite eccezionali. Per la maggior parte, gli utenti di computer Apple si sono rivelati il ​​pubblico ideale per i jukebox: con un buon reddito, gusti sviluppati, incl. nel campo della musica, amando le innovazioni tecniche. Per quasi due anni l'azienda ci ha lavorato, fino a quando, finalmente, ha rilasciato il primo lettore con connessione USB. Era già la terza generazione.

Fantastica tra loro, la seconda generazione aveva una rotellina sensibile al tocco, a differenza di quella meccanica del primo iPod. Terzo, oltre alla possibilità di connettersi a quasi tutti i PC, ha anche tasti a sfioramento. Questa innovazione, ovviamente, è sembrata ad Apple non così vincente, dal momento che la quarta generazione le ha perse, avendo invece ricevuto l'ormai famosa Click-Wheel.

Allo stesso tempo, i giocatori hanno perso peso e il volume delle loro unità è cresciuto, raggiungendo i 40 GB nella terza e quarta generazione.

Con l'annuncio dell'iPod Photo alla fine del 2004, il passaggio alla terza generazione di Jukebox, Apple potrebbe essere orgogliosa del lavoro svolto. Sì, puoi dire che il seme del primo iPod è caduto nel terreno già fertilizzato. I predecessori dell'iPod hanno già formato una classe di lettori Jukebox per utenti con richieste disposte a spendere molti soldi per un nuovo dispositivo. Quando fu rilasciato il primo iPod, questo tipo di lettore aveva già attirato l'attenzione del pubblico e aveva una domanda stabile. Indubbiamente, Apple ha utilizzato tutto questo quando ha introdotto il suo prodotto sul mercato. Ma il suo lavoro non può ancora essere sottovalutato: ha dato ai Jukebox ciò che mancava così tanto: attrattiva e desiderabilità, ha completato la formazione di questa classe come prodotti di status. E di solito, i frutti del lavoro non lo gode chi lo inizia, ma chi lo porta alla fine.

Tocco Zen creativo / Zen / Zen elegante

Abbiamo lasciato Creative nel momento in cui si è finalmente resa conto che era destinata a sconfiggere nella lotta contro l'iPod con l'aiuto dei giocatori di 1,5 generazione. Potrebbe offrire un lettore da 100 GB per la metà del prezzo di un iPod da 40 GB, ma il cliente sceglierebbe comunque l'iPod. L'azienda ha ingoiato il suo orgoglio e ha iniziato a copiare abitualmente.

Il primo Zen della nuova generazione era sorprendentemente simile all'iPod. Il modello Touch aveva una custodia in plastica bianca, controlli touch (la ruota brevettata è stata sostituita da una striscia) e, grazie all'unità da 1,8 "finalmente padroneggiata, era di dimensioni simili a quelle dell'iPod. Si stava solo avvicinando, perché Creative credeva che il suo lettore dovesse almeno avere qualcosa di meglio dell'iPod e inserire una batteria potente. Questo ha dato lunghi tempi di lavoro, ma anche grandi dimensioni.

Il giocatore è stato ben accolto dal mercato, ma, come qualsiasi prodotto aftermarket, le vendite sono state significativamente inferiori a quelle dell'originale. Nel tentativo di superare la concorrenza, Creative ha saturato i propri lettori con funzionalità (registratore vocale, sintonizzatore FM), che hanno portato alla complessità della gestione. Inoltre, l'azienda era di nuovo in una posizione di ritardo. Mentre era impegnata nello sviluppo di Zen Touch, Apple ha lanciato il negozio online iTunes, dando all'iPod uno status completamente nuovo come parte del sistema iTunes.com—iTunes—iPod software. Ora Zen Touch è stato costretto a lottare con una soluzione di un livello fondamentalmente diverso, e il suo software in bundle era un miscuglio di due shell software indipendenti e di scarso successo ZEN Media Explorer e Creative MediaSource, non esisteva ancora un serio servizio di musica online.

L'azienda era in preda alla febbre per i continui fallimenti nella lotta contro l'iPod. Nel 2005, quando la maggior parte dei produttori offriva già la terza generazione di Jukebox, l'azienda ha continuato a lanciare sul mercato dispositivi di seconda generazione e due modelli contemporaneamente.

Durante lo sviluppo di Creative Zen, l'azienda ha ceduto alla mania nel 2005 di sviluppare gli stessi design per i lettori su unità da 1" e 1,8".

Così, questo sviluppo potrebbe essere chiamato