it opay

Il 1 maggio è la festa della disobbedienza?

Più precisamente, una celebrazione della protezione dei contenuti. Da questo giorno in poi, la Legge ci promette una certa protezione dallo stesso “contenuto richiesto” che tutti noi amiamo così sinceramente. Quanto è efficace la protezione e come usarla? Proviamo a capirlo.

Dal 1° maggio entrano in vigore gli emendamenti alla "Legge sulle comunicazioni" adottata dalla Duma di Stato la scorsa estate (Legge federale della Federazione Russa del 23 luglio 2013 N 229-FZ "Sugli emendamenti alla legge federale" Su Comunicazioni"" ). Gli operatori hanno avuto tempo sufficiente (esattamente 9 mesi) per prepararsi ai cambiamenti. È chiaro che se i "content master" ricevessero da noi termini reali per i loro "scherzi", non sarebbero necessari emendamenti. Sfortunatamente, in materia di contenuto, la presunzione di innocenza è esagerata in proporzioni indecenti. E la reazione degli organi ufficiali alle denunce degli ingannati nella maggior parte dei casi si riduce a lunghe spiegazioni del perché sei tu stesso "un pazzo". Ma gli operatori più spesso restituiscono denaro e persino gentilmente collegano tutti i tipi di "divieti di contenuto". Forse tutto è diventato felice con noi anche senza modifiche?

Testo

Le attuali modifiche sono importanti e valide in quanto ci danno ufficialmente un ulteriore vantaggio nella gestione dei contenuti. Va notato che le autorità di regolamentazione sono diventate più reattive ai reclami degli abbonati e gli operatori stessi non sono interessati all'escalation del furto di contenuti, le multe e le controversie sono più costose. Pertanto, l'ex contenuto baccanale non viene osservato ora. Ad ogni modo, nonostante la forzata “buona volontà” degli operatori, è gradita una regolamentazione formale. E poi oggi se ne sono pentiti e hanno restituito il denaro come favore personale, ma domani potrebbero non restituirlo, maestro padrone. La domanda è quanto sarà efficace il nuovo regolamento. È chiaro che nel processo di discussione e approvazione, gli operatori "hanno diligentemente piegato la loro linea" nel tentativo di ridurre al minimo le perdite future e vedono potenziali scappatoie molto meglio dei legislatori. Quello che è successo, è successo, e il nostro compito è prendere il massimo di ciò che la legge ha ancora. E prendilo per non peggiorare la situazione, anche questa opzione è possibile.

"Campana"

Possiamo vedere l'annuncio dell'inizio dei lavori in base alle nuove regole nel feed delle notizie sul sito web di MTS. Puoi leggere le notizie qui, citando:

“Dal 1 maggio 2014 sono apportate modifiche alla Procedura per l'erogazione dei servizi di contenuti da parte di MTS OJSC (di seguito denominata Procedura). Ulteriore servizio agli abbonati è offerto con le modifiche e integrazioni previste dalla presente Procedura. La mancata ricezione da parte dell'Operatore entro 10 giorni di calendario dalla data della presente comunicazione del rifiuto scritto dell'abbonato ad accettare le modifiche e/o integrazioni di cui sopra, nonché l'utilizzo dei Servizi dell'Operatore e/o il loro pagamento costituisce conferma del consenso dell'abbonato al servizio secondo la nuova versione della Procedura per l'erogazione dei servizi di contenuti”.

Puoi scaricare la "Procedura per la fornitura dei servizi di contenuto" sul sito di MTS qui, ma il link contiene ancora la versione dell'anno scorso della "Procedura", preparata dall'autore con il nome indicativo "Demonito". Anche se il fatto che il contenuto sia il prodotto del diavolo non necessita di ulteriori conferme. Parte del divertimento sta nel fatto che tu ed io siamo automaticamente d'accordo ciecamente con il "Nuovo Ordine". Forse questo non è fondamentale, poiché l'unico modo per dissentire dall'Accordo di Offerta è risolvere il contratto. E gli altri operatori non si sono preoccupati nemmeno di una notifica così intricata e evasiva sul passaggio al "Nuovo Ordine" di lavorare con i contenuti. E tutti dovranno cambiare, e sarebbe bello avvisare gli iscritti di nuove condizioni e opportunità.

Il testo della legge N 229-FZ "Sugli emendamenti alla legge federale "Sulle comunicazioni"" con un elenco di emendamenti può essere visualizzato sul sito Web della Rossiyskaya Gazeta, proviamo a capire le modifiche e le integrazioni più interessanti.

"1) L'articolo 2 è integrato dal comma 34, paragrafo 1, come segue:

"I servizi di contenuto 34(1) sono un tipo di servizi di comunicazione tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione radiotelefonica mobile e volti ad aumentarne il valore per il consumatore (compresi i servizi per fornire agli abbonati l'opportunità di ricevere sull'utente (terminale) apparecchiature nelle reti di comunicazione di riferimento, intrattenimento e (o) altre informazioni a pagamento, partecipare a votazioni, giochi, concorsi ed eventi simili) e il cui costo è pagato dall'abbonato all'operatore di telecomunicazioni con cui l'abbonato ha stipulato un accordo su la fornitura di servizi di comunicazione.

Definizione di servizi di contenuto come tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione e aumentandone il valore per il consumatore. Questi "valori" sono pagati dal consumatore direttamente all'operatore di telecomunicazioni.

“2) L'articolo 44 è integrato con il paragrafo 5 del seguente contenuto:

"5. Se l'operatore di telecomunicazioni impegna altre persone nella fornitura di servizi di contenuto, ad eccezione dei servizi di comunicazione forniti attraverso un portale unico dei servizi statali e comunali, l'operatore di telecomunicazioni, sulla base della richiesta dell'abbonato, è obbligato a creare un account personale separato destinato solo per il pagamento di questi servizi di comunicazione entro i fondi disponibili sul conto specificato. In mancanza della richiesta specificata, il pagamento di tali servizi di comunicazione viene effettuato secondo le modalità previste dal terzo comma della presente clausola.

Questo è già molto più interessante e, forse, il risultato più importante. Sulla base della richiesta dell'abbonato, l'operatore è obbligato a generare per lui un account personale separato e addebitare il contenuto di "altre persone" (la maggior parte dei fornitori di contenuti) solo da questo account. D'altra parte, gli operatori sono riusciti a far passare il rifiuto di introdurre un account separato obbligatorio per il pagamento dei contenuti, e un account separato verrà aperto solo per gli abbonati che lo richiedono direttamente. Probabilmente, potrebbe essere loro richiesto di recarsi in ufficio con un passaporto e scrivere una domanda. Un risultato prevedibile, scrivevo più di un anno fa che l'idea di un secondo account obbligatorio per il pagamento dei contenuti sarebbe stata pervertita o esercitata pressioni. Anche la dicitura ". Se l'operatore di telecomunicazioni impegna altre persone nella fornitura di servizi di contenuto ", significa chiaramente che questa regola non si applica ai servizi di contenuto dell'operatore stesso, puoi prelevare in sicurezza denaro dal saldo principale.

Passiamo al vero terzo paragrafo, che descrive la procedura per il servizio se l'abbonato non ha richiesto la creazione di un account separato per il pagamento dei contenuti, vedi la dicitura “. In mancanza dell'applicazione specificata, il pagamento di tali servizi di comunicazione viene effettuato secondo le modalità previste dal terzo comma del presente comma. In realtà, questo terzo paragrafo:

“Prima di ottenere il consenso dell'abbonato a fornire altri servizi di comunicazione tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione radiotelefonica mobile e volti ad accrescerne il valore per il consumatore, compresi i servizi di contenuto, l'operatore di telecomunicazioni deve fornire all'abbonato le informazioni sulle tariffe dei servizi e un riepilogo dei servizi dati, nonché la persona che fornisce il servizio specifico e il conto personale su cui vengono addebitati i fondi per pagare tali servizi.

A giudicare dalla formulazione degli emendamenti pubblicati (“. In assenza del ricorso specificato.”), l'operatore è legalmente obbligato a fornire un'informativa preliminare circa le tariffe dei contenuti, il prezzo degli SMS, i parametri di abbonamento e il nome del fornitore di contenuti di quegli abbonati che non hanno richiesto loro di creare un account personale separato per il pagamento dei contenuti. L'ordine di informare i “richiedenti” non è descritto e, a quanto pare, resta a discrezione dell'operatore. Dal momento in cui viene generata una fattura separata, l'operatore non è formalmente obbligato ad avvertire l'utente del prezzo del contenuto. In parole povere, creando un account separato per il pagamento dei contenuti e mettendo denaro in questo account, l'abbonato si assume la piena responsabilità del destino e della sicurezza di questi soldi, l'operatore può "lavarsi le mani". Forse esagero e l'operatore informerà tutti gli acquirenti del contenuto, ma tale obbligo per coloro che si sono organizzati un secondo account non è previsto dalla legge.

Ma fino a quando non viene creato un account separato, l'utente, per legge, deve essere informato in anticipo sul prezzo e sui parametri del servizio. Almeno prima del momento in cui esprime il suo consenso cliccando su qualche pulsante nell'interfaccia Web.

Come funzionerà?

Lo scopriremo dopo il 1° maggio dopo un approfondito studio dei "Nuovi Ordini" da parte degli operatori. È chiaro che nessuno di loro pubblicizzerà un account separato per i contenuti e dovranno andare a fondo della verità da soli. Poco cambierà per gli abbonati postpagati Beeline, che devono ancora creare un conto anticipato separato per pagare i contenuti, che differisce solo di una cifra nel prefisso (DEF). A mano, tra gli altri inconvenienti - ulteriore seccatura con il pagamento del parcheggio e altri "contenuti" utili. La legge non prevede la possibilità (o l'impossibilità) di ridurre questo account aggiuntivo, ma tali manipolazioni non dovrebbero in ogni caso influire sulle prestazioni del telefono. E capiamo tutti perfettamente che la principale leva di pressione sull'abbonato è un telefono bloccato. È possibile, ma irrazionale, citare in giudizio un cliente per contenuto non pagato "figa", perché tali cause raramente si concludono con decisioni in a vantaggio degli operatori. Cioè, coloro che hanno richiesto un account separato per pagare i contenuti si creano alcuni inconvenienti, ma si tolgono dai guai. Sperare. Tuttavia, il 90% (se non di più) dei "servizi" di contenuti è ora fornito da "altre persone".

Molto dipenderà dai dettagli di implementazione. Ad esempio, se gli operatori "per la comodità dei loro amati clienti" effettuano un facile trasferimento di denaro dal conto principale all'account dei contenuti, non c'è dubbio che presto appariranno i trojan con tale funzionalità. Se implementano anche il rifornimento automatico di un account di contenuti da una carta di credito, allora è piuttosto bello.

Coloro che "non hanno ceduto alla provocazione" e hanno lasciato tutto com'erano continueranno a godere delle toccanti cure e attenzioni degli operatori, risponderanno ai reclami ed, eventualmente, restituiranno il denaro rubato. Inoltre, vari "divieti di contenuti", "divieti di clic sul Web", "divieti di chiamate a numeri brevi" e Dio solo sa quali altri "divieti". D'altra parte, la maggior parte di queste "sicurezze" esistono come gesto di buona volontà e il loro destino è vago. MegaFon, ad esempio, ha introdotto un servizio speciale chiamato "banco abbonamento", attivabile chiamando il contact center. Buona? Buono ma non abbastanza. In un certo senso, i soldi sono diventati scarsi, ora hanno realizzato diversi servizi separati per vietare determinati tipi di abbonamenti. E hanno vietato al contact center di collegare più di una varietà. Ti sei innamorato di un abbonamento SMS e fai una lite, ti collegheranno con un divieto su questa particolare varietà, lasciando "umanamente" l'opportunità di catturare la stessa spazzatura, ad esempio su Internet. In MTS, non molto tempo fa, tutto ciò che veniva rubato e condizionalmente rubato dai lavoratori dei contenuti veniva restituito incondizionatamente, e ora leggo sempre più spesso lamentele sui rifiuti con la dicitura "lo sciocco stesso". E così via, il concetto di "buona volontà" è molto estensibile in qualsiasi direzione.

Riepilogo

Cercherò di raccogliere almeno qualche statistica sui risultati delle innovazioni entro la fine di maggio, poi ne scriveremo una sintesi. È difficile fare previsioni e le direzioni di sviluppo sono imprevedibili, troppo dipende dalla stessa “buona volontà”, dalla percentuale di chi vuole farsi un secondo conto per sé e dagli schemi per implementare questo “conto di contenuti”. Scrivi, condividi le tue impressioni.

Il 1 maggio è la festa della disobbedienza?

Più precisamente, una celebrazione della protezione dei contenuti. Da questo giorno in poi, la Legge ci promette una certa protezione dallo stesso “contenuto richiesto” che tutti noi amiamo così sinceramente. Quanto è efficace la protezione e come usarla? Proviamo a capirlo.

Dal 1° maggio entrano in vigore gli emendamenti alla "Legge sulle comunicazioni" adottata dalla Duma di Stato la scorsa estate (Legge federale della Federazione Russa del 23 luglio 2013 N 229-FZ "Sugli emendamenti alla legge federale" Su Comunicazioni"" ). Gli operatori hanno avuto tempo sufficiente (esattamente 9 mesi) per prepararsi ai cambiamenti. È chiaro che se i "content master" ricevessero da noi termini reali per i loro "scherzi", non sarebbero necessari emendamenti. Sfortunatamente, in materia di contenuto, la presunzione di innocenza è esagerata in proporzioni indecenti. E la reazione degli organi ufficiali alle denunce degli ingannati nella maggior parte dei casi si riduce a lunghe spiegazioni del perché sei tu stesso "un pazzo". Ma gli operatori più spesso restituiscono denaro e persino gentilmente collegano tutti i tipi di "divieti di contenuto". Forse tutto è diventato felice con noi anche senza modifiche?

Testo

Le attuali modifiche sono importanti e valide in quanto ci danno ufficialmente un ulteriore vantaggio nella gestione dei contenuti. Va notato che le autorità di regolamentazione sono diventate più reattive ai reclami degli abbonati e gli operatori stessi non sono interessati all'escalation del furto di contenuti, le multe e le controversie sono più costose. Pertanto, l'ex contenuto baccanale non viene osservato ora. Ad ogni modo, nonostante la forzata “buona volontà” degli operatori, è gradita una regolamentazione formale. E poi oggi se ne sono pentiti e hanno restituito il denaro come favore personale, ma domani potrebbero non restituirlo, maestro padrone. La domanda è quanto sarà efficace il nuovo regolamento. È chiaro che nel processo di discussione e approvazione, gli operatori "hanno diligentemente piegato la loro linea" nel tentativo di ridurre al minimo le perdite future e vedono potenziali scappatoie molto meglio dei legislatori. Quello che è successo, è successo, e il nostro compito è prendere il massimo di ciò che la legge ha ancora. E prendilo per non peggiorare la situazione, anche questa opzione è possibile.

"Campana"

Possiamo vedere l'annuncio dell'inizio dei lavori in base alle nuove regole nel feed delle notizie sul sito web di MTS. Puoi leggere le notizie qui, citando:

“Dal 1 maggio 2014 sono apportate modifiche alla Procedura per l'erogazione dei servizi di contenuti da parte di MTS OJSC (di seguito denominata Procedura). Ulteriore servizio agli abbonati è offerto con le modifiche e integrazioni previste dalla presente Procedura. La mancata ricezione da parte dell'Operatore entro 10 giorni di calendario dalla data della presente comunicazione del rifiuto scritto dell'abbonato ad accettare le modifiche e/o integrazioni di cui sopra, nonché l'utilizzo dei Servizi dell'Operatore e/o il loro pagamento costituisce conferma del consenso dell'abbonato al servizio secondo la nuova versione della Procedura per l'erogazione dei servizi di contenuti”.

Puoi scaricare la "Procedura per la fornitura dei servizi di contenuto" sul sito di MTS qui, ma il link contiene ancora la versione dell'anno scorso della "Procedura", preparata dall'autore con il nome indicativo "Demonito". Anche se il fatto che il contenuto sia il prodotto del diavolo non necessita di ulteriori conferme. Parte del divertimento sta nel fatto che tu ed io siamo automaticamente d'accordo ciecamente con il "Nuovo Ordine". Forse questo non è fondamentale, poiché l'unico modo per dissentire dall'Accordo di Offerta è risolvere il contratto. E gli altri operatori non si sono preoccupati nemmeno di una notifica così intricata e evasiva sul passaggio al "Nuovo Ordine" di lavorare con i contenuti. E tutti dovranno cambiare, e sarebbe bello avvisare gli iscritti di nuove condizioni e opportunità.

Il testo della legge N 229-FZ "Sugli emendamenti alla legge federale "Sulle comunicazioni"" con un elenco di emendamenti può essere visualizzato sul sito Web della Rossiyskaya Gazeta, proviamo a capire le modifiche e le integrazioni più interessanti.

"1) L'articolo 2 è integrato dal comma 34, paragrafo 1, come segue:

"I servizi di contenuto 34(1) sono un tipo di servizi di comunicazione tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione radiotelefonica mobile e volti ad aumentarne il valore per il consumatore (compresi i servizi per fornire agli abbonati l'opportunità di ricevere sull'utente (terminale) apparecchiature nelle reti di comunicazione di riferimento, intrattenimento e (o) altre informazioni a pagamento, partecipare a votazioni, giochi, concorsi ed eventi simili) e il cui costo è pagato dall'abbonato all'operatore di telecomunicazioni con cui l'abbonato ha stipulato un accordo su la fornitura di servizi di comunicazione.

Definizione di servizi di contenuto come tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione e aumentandone il valore per il consumatore. Questi "valori" sono pagati dal consumatore direttamente all'operatore di telecomunicazioni.

“2) L'articolo 44 è integrato con il paragrafo 5 del seguente contenuto:

"5. Se l'operatore di telecomunicazioni impegna altre persone nella fornitura di servizi di contenuto, ad eccezione dei servizi di comunicazione forniti attraverso un portale unico dei servizi statali e comunali, l'operatore di telecomunicazioni, sulla base della richiesta dell'abbonato, è obbligato a creare un account personale separato destinato solo per il pagamento di questi servizi di comunicazione entro i fondi disponibili sul conto specificato. In mancanza della richiesta specificata, il pagamento di tali servizi di comunicazione viene effettuato secondo le modalità previste dal terzo comma della presente clausola.

Questo è già molto più interessante e, forse, il risultato più importante. Sulla base della richiesta dell'abbonato, l'operatore è obbligato a generare per lui un account personale separato e addebitare il contenuto di "altre persone" (la maggior parte dei fornitori di contenuti) solo da questo account. D'altra parte, gli operatori sono riusciti a far passare il rifiuto di introdurre un account separato obbligatorio per il pagamento dei contenuti, e un account separato verrà aperto solo per gli abbonati che lo richiedono direttamente. Probabilmente, potrebbe essere loro richiesto di recarsi in ufficio con un passaporto e scrivere una domanda. Un risultato prevedibile, scrivevo più di un anno fa che l'idea di un secondo account obbligatorio per il pagamento dei contenuti sarebbe stata pervertita o esercitata pressioni. Anche la dicitura ". Se l'operatore di telecomunicazioni impegna altre persone nella fornitura di servizi di contenuto ", significa chiaramente che questa regola non si applica ai servizi di contenuto dell'operatore stesso, puoi prelevare in sicurezza denaro dal saldo principale.

Passiamo al vero terzo paragrafo, che descrive la procedura per il servizio se l'abbonato non ha richiesto la creazione di un account separato per il pagamento dei contenuti, vedi la dicitura “. In mancanza dell'applicazione specificata, il pagamento di tali servizi di comunicazione viene effettuato secondo le modalità previste dal terzo comma del presente comma. In realtà, questo terzo paragrafo:

“Prima di ottenere il consenso dell'abbonato a fornire altri servizi di comunicazione tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione radiotelefonica mobile e volti ad accrescerne il valore per il consumatore, compresi i servizi di contenuto, l'operatore di telecomunicazioni deve fornire all'abbonato le informazioni sulle tariffe dei servizi e un riepilogo dei servizi dati, nonché la persona che fornisce il servizio specifico e il conto personale su cui vengono addebitati i fondi per pagare tali servizi.

A giudicare dalla formulazione degli emendamenti pubblicati (“. In assenza della richiesta specificata.”), l'operatore è legalmente obbligato a fornire informazioni preliminari circa le tariffe dei contenuti, il prezzo degli SMS, i parametri di abbonamento e il nome del fornitore di contenuti di quegli abbonati che non hanno richiesto loro di creare un account personale separato per il pagamento dei contenuti. L'ordine di informare i “richiedenti” non è descritto e, a quanto pare, resta a discrezione dell'operatore. Dal momento in cui viene generata una fattura separata, l'operatore non è formalmente obbligato ad avvertire l'utente del prezzo del contenuto. In parole povere, creando un account separato per il pagamento dei contenuti e mettendo denaro in questo account, l'abbonato si assume la piena responsabilità del destino e della sicurezza di questi soldi, l'operatore può "lavarsi le mani". Forse esagero e l'operatore informerà tutti gli acquirenti del contenuto, ma tale obbligo per coloro che si sono organizzati un secondo account non è previsto dalla legge.

Ma fino a quando non viene creato un account separato, l'utente, per legge, deve essere informato in anticipo sul prezzo e sui parametri del servizio. Almeno prima del momento in cui esprime il suo consenso cliccando su qualche pulsante nell'interfaccia Web.

Come funzionerà?

Lo scopriremo dopo il 1° maggio dopo un approfondito studio dei "Nuovi Ordini" da parte degli operatori. È chiaro che nessuno di loro pubblicizzerà un account separato per i contenuti e dovranno andare a fondo della verità da soli. Poco cambierà per gli abbonati postpagati Beeline, che devono ancora creare un conto anticipato separato per pagare i contenuti, che differisce solo di una cifra nel prefisso (DEF). A mano, tra gli altri inconvenienti - ulteriore seccatura con il pagamento del parcheggio e altri "contenuti" utili. La legge non prevede la possibilità (o l'impossibilità) di ridurre questo account aggiuntivo, ma tali manipolazioni non dovrebbero in ogni caso influire sulle prestazioni del telefono. E capiamo tutti perfettamente che la principale leva di pressione sull'abbonato è un telefono bloccato. È possibile, ma irrazionale, citare in giudizio un cliente per contenuto non pagato "figa", perché tali cause raramente si concludono con decisioni in a vantaggio degli operatori. Cioè, coloro che hanno richiesto un account separato per pagare i contenuti si creano alcuni inconvenienti, ma si tolgono dai guai. Sperare. Tuttavia, il 90% (se non di più) dei "servizi" di contenuti è ora fornito da "altre persone".

Molto dipenderà dai dettagli di implementazione. Ad esempio, se gli operatori "per la comodità dei loro amati clienti" effettuano un facile trasferimento di denaro dal conto principale all'account dei contenuti, non c'è dubbio che presto appariranno i trojan con tale funzionalità. Se implementano anche il rifornimento automatico di un account di contenuti da una carta di credito, allora è piuttosto bello.

Coloro che "non hanno ceduto alla provocazione" e hanno lasciato tutto com'erano continueranno a godere delle toccanti cure e attenzioni degli operatori, risponderanno ai reclami ed, eventualmente, restituiranno il denaro rubato. Inoltre, vari "divieti di contenuti", "divieti di clic sul Web", "divieti di chiamate a numeri brevi" e Dio solo sa quali altri "divieti". D'altra parte, la maggior parte di queste "sicurezze" esistono come gesto di buona volontà e il loro destino è vago. MegaFon, ad esempio, ha introdotto un servizio speciale chiamato "banco abbonamento", attivabile chiamando il contact center. Buona? Buono ma non abbastanza. In un certo senso, i soldi sono diventati scarsi, ora hanno realizzato diversi servizi separati per vietare determinati tipi di abbonamenti. E hanno vietato al contact center di collegare più di una varietà. Ti sei innamorato di un abbonamento SMS e fai una lite, ti collegheranno con un divieto su questa particolare varietà, lasciando "umanamente" l'opportunità di catturare la stessa spazzatura, ad esempio su Internet. In MTS, non molto tempo fa, tutto ciò che veniva rubato e condizionalmente rubato dai lavoratori dei contenuti veniva restituito incondizionatamente, e ora leggo sempre più spesso lamentele sui rifiuti con la dicitura "lo sciocco stesso". E così via, il concetto di "buona volontà" è molto estensibile in qualsiasi direzione.

Riepilogo

Cercherò di raccogliere almeno qualche statistica sui risultati delle innovazioni entro la fine di maggio, poi ne scriveremo una sintesi. È difficile fare previsioni e le direzioni di sviluppo sono imprevedibili, troppo dipende dalla stessa “buona volontà”, dalla percentuale di chi vuole farsi un secondo conto per sé e dagli schemi per implementare questo “conto di contenuti”. Scrivi, condividi le tue impressioni.

Il 1 maggio è la festa della disobbedienza?

Più precisamente, una celebrazione della protezione dei contenuti. Da questo giorno in poi, la Legge ci promette una certa protezione dallo stesso “contenuto richiesto” che tutti noi amiamo così sinceramente. Quanto è efficace la protezione e come usarla? Proviamo a capirlo.

Dal 1° maggio entrano in vigore gli emendamenti alla "Legge sulle comunicazioni" adottata dalla Duma di Stato la scorsa estate (Legge federale della Federazione Russa del 23 luglio 2013 N 229-FZ "Sugli emendamenti alla legge federale" Su Comunicazioni"" ). Gli operatori hanno avuto tempo sufficiente (esattamente 9 mesi) per prepararsi ai cambiamenti. È chiaro che se i "content master" ricevessero da noi termini reali per i loro "scherzi", non sarebbero necessari emendamenti. Sfortunatamente, in materia di contenuto, la presunzione di innocenza è esagerata in proporzioni indecenti. E la reazione degli organi ufficiali alle denunce degli ingannati nella maggior parte dei casi si riduce a lunghe spiegazioni del perché sei tu stesso "un pazzo". Ma gli operatori più spesso restituiscono denaro e persino gentilmente collegano tutti i tipi di "divieti di contenuto". Forse tutto è diventato felice con noi anche senza modifiche?

Testo

Le attuali modifiche sono importanti e valide in quanto ci danno ufficialmente un ulteriore vantaggio nella gestione dei contenuti. Va notato che le autorità di regolamentazione sono diventate più reattive ai reclami degli abbonati e gli operatori stessi non sono interessati all'escalation del furto di contenuti, le multe e le controversie sono più costose. Pertanto, l'ex contenuto baccanale non viene osservato ora. Ad ogni modo, nonostante la forzata “buona volontà” degli operatori, è gradita una regolamentazione formale. E poi oggi se ne sono pentiti e hanno restituito il denaro come favore personale, ma domani potrebbero non restituirlo, maestro padrone. La domanda è quanto sarà efficace il nuovo regolamento. È chiaro che nel processo di discussione e approvazione, gli operatori "hanno diligentemente piegato la loro linea" nel tentativo di ridurre al minimo le perdite future e vedono potenziali scappatoie molto meglio dei legislatori. Quello che è successo, è successo, e il nostro compito è prendere il massimo di ciò che la legge ha ancora. E prendilo per non peggiorare la situazione, anche questa opzione è possibile.

"Campana"

Possiamo vedere l'annuncio dell'inizio dei lavori in base alle nuove regole nel feed delle notizie sul sito web di MTS. Puoi leggere le notizie qui, citando:

“Dal 1 maggio 2014 sono apportate modifiche alla Procedura per l'erogazione dei servizi di contenuti da parte di MTS OJSC (di seguito denominata Procedura). Ulteriore servizio agli abbonati è offerto con le modifiche e integrazioni previste dalla presente Procedura. La mancata ricezione da parte dell'Operatore entro 10 giorni di calendario dalla data della presente comunicazione del rifiuto scritto dell'abbonato ad accettare le modifiche e/o integrazioni di cui sopra, nonché l'utilizzo dei Servizi dell'Operatore e/o il loro pagamento costituisce conferma del consenso dell'abbonato al servizio secondo la nuova versione della Procedura per l'erogazione dei servizi di contenuti”.

Puoi scaricare la "Procedura per la fornitura dei servizi di contenuto" sul sito di MTS qui, ma il link contiene ancora la versione dell'anno scorso della "Procedura", preparata dall'autore con il nome indicativo "Demonito". Anche se il fatto che il contenuto sia il prodotto del diavolo non necessita di ulteriori conferme. Parte del divertimento sta nel fatto che tu ed io siamo automaticamente d'accordo ciecamente con il "Nuovo Ordine". Forse questo non è fondamentale, poiché l'unico modo per dissentire dall'Accordo di Offerta è risolvere il contratto. E gli altri operatori non si sono preoccupati nemmeno di una notifica così intricata e evasiva sul passaggio al "Nuovo Ordine" di lavorare con i contenuti. E tutti dovranno cambiare, e sarebbe bello avvisare gli iscritti di nuove condizioni e opportunità.

Il testo della legge N 229-FZ "Sugli emendamenti alla legge federale "Sulle comunicazioni"" con un elenco di emendamenti può essere visualizzato sul sito Web della Rossiyskaya Gazeta, proviamo a capire le modifiche e le integrazioni più interessanti.

"1) L'articolo 2 è integrato dal comma 34, paragrafo 1, come segue:

"I servizi di contenuto 34(1) sono un tipo di servizi di comunicazione tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione radiotelefonica mobile e volti ad aumentarne il valore per il consumatore (compresi i servizi per fornire agli abbonati l'opportunità di ricevere sull'utente (terminale) apparecchiature nelle reti di comunicazione di riferimento, intrattenimento e (o) altre informazioni a pagamento, partecipare a votazioni, giochi, concorsi ed eventi simili) e il cui costo è pagato dall'abbonato all'operatore di telecomunicazioni con cui l'abbonato ha stipulato un accordo su la fornitura di servizi di comunicazione.

Definizione di servizi di contenuto come tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione e aumentandone il valore per il consumatore. Questi "valori" sono pagati dal consumatore direttamente all'operatore di telecomunicazioni.

“2) L'articolo 44 è integrato con il paragrafo 5 del seguente contenuto:

"5. Se l'operatore di telecomunicazioni impegna altre persone nella fornitura di servizi di contenuto, ad eccezione dei servizi di comunicazione forniti attraverso un portale unico dei servizi statali e comunali, l'operatore di telecomunicazioni, sulla base della richiesta dell'abbonato, è obbligato a creare un account personale separato destinato solo per il pagamento di questi servizi di comunicazione entro i fondi disponibili sul conto specificato. In mancanza della richiesta specificata, il pagamento di tali servizi di comunicazione viene effettuato secondo le modalità previste dal terzo comma della presente clausola.

Questo è già molto più interessante e, forse, il risultato più importante. Sulla base della richiesta dell'abbonato, l'operatore è obbligato a generare per lui un account personale separato e addebitare il contenuto di "altre persone" (la maggior parte dei fornitori di contenuti) solo da questo account. D'altra parte, gli operatori sono riusciti a far passare il rifiuto di introdurre un account separato obbligatorio per il pagamento dei contenuti, e un account separato verrà aperto solo per gli abbonati che lo richiedono direttamente. Probabilmente, potrebbe essere loro richiesto di recarsi in ufficio con un passaporto e scrivere una domanda. Un risultato prevedibile, scrivevo più di un anno fa che l'idea di un secondo account obbligatorio per il pagamento dei contenuti sarebbe stata pervertita o esercitata pressioni. Anche la dicitura ". Se l'operatore di telecomunicazioni impegna altre persone nella fornitura di servizi di contenuto ", significa chiaramente che questa regola non si applica ai servizi di contenuto dell'operatore stesso, puoi prelevare in sicurezza denaro dal saldo principale.

Passiamo al vero terzo paragrafo, che descrive la procedura per il servizio se l'abbonato non ha richiesto la creazione di un account separato per il pagamento dei contenuti, vedi la dicitura “. In mancanza dell'applicazione specificata, il pagamento di tali servizi di comunicazione viene effettuato secondo le modalità previste dal terzo comma del presente comma. In realtà, questo terzo paragrafo:

“Prima di ottenere il consenso dell'abbonato a fornire altri servizi di comunicazione tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione radiotelefonica mobile e volti ad accrescerne il valore per il consumatore, compresi i servizi di contenuto, l'operatore di telecomunicazioni deve fornire all'abbonato le informazioni sulle tariffe dei servizi e un riepilogo dei servizi dati, nonché la persona che fornisce il servizio specifico e il conto personale su cui vengono addebitati i fondi per pagare tali servizi.

A giudicare dalla formulazione degli emendamenti pubblicati (“. In assenza della richiesta specificata.”), l'operatore è legalmente obbligato a fornire informazioni preliminari circa le tariffe dei contenuti, il prezzo degli SMS, i parametri di abbonamento e il nome del fornitore di contenuti di quegli abbonati che non hanno richiesto loro di creare un account personale separato per il pagamento dei contenuti. L'ordine di informare i “richiedenti” non è descritto e, a quanto pare, resta a discrezione dell'operatore. Dal momento in cui viene generata una fattura separata, l'operatore non è formalmente obbligato ad avvertire l'utente del prezzo del contenuto. In parole povere, creando un account separato per il pagamento dei contenuti e mettendo denaro in questo account, l'abbonato si assume la piena responsabilità del destino e della sicurezza di questi soldi, l'operatore può "lavarsi le mani". Forse esagero e l'operatore informerà tutti gli acquirenti del contenuto, ma tale obbligo per coloro che si sono organizzati un secondo account non è previsto dalla legge.

Ma fino a quando non viene creato un account separato, l'utente, per legge, deve essere informato in anticipo sul prezzo e sui parametri del servizio. Almeno prima del momento in cui esprime il suo consenso cliccando su qualche pulsante nell'interfaccia Web.

Come funzionerà?

Lo scopriremo dopo il 1° maggio dopo un approfondito studio dei "Nuovi Ordini" da parte degli operatori. È chiaro che nessuno di loro pubblicizzerà un account separato per i contenuti e dovranno andare a fondo della verità da soli. Poco cambierà per gli abbonati postpagati Beeline, che devono ancora creare un conto anticipato separato per pagare i contenuti, che differisce solo di una cifra nel prefisso (DEF). A mano, tra gli altri inconvenienti - ulteriore seccatura con il pagamento del parcheggio e altri "contenuti" utili. La legge non prevede la possibilità (o l'impossibilità) di ridurre questo account aggiuntivo, ma tali manipolazioni non dovrebbero in ogni caso influire sulle prestazioni del telefono. E capiamo tutti perfettamente che la principale leva di pressione sull'abbonato è un telefono bloccato. È possibile, ma irrazionale, citare in giudizio un cliente per contenuto non pagato "figa", perché tali cause raramente si concludono con decisioni in a vantaggio degli operatori. Cioè, coloro che hanno richiesto un account separato per pagare i contenuti si creano alcuni inconvenienti, ma si tolgono dai guai. Sperare. Tuttavia, il 90% (se non di più) dei "servizi" di contenuti è ora fornito da "altre persone".

Molto dipenderà dai dettagli di implementazione. Ad esempio, se gli operatori "per la comodità dei loro amati clienti" effettuano un facile trasferimento di denaro dal conto principale all'account dei contenuti, non c'è dubbio che presto appariranno i trojan con tale funzionalità. Se implementano anche il rifornimento automatico di un account di contenuti da una carta di credito, allora è piuttosto bello.

Coloro che "non hanno ceduto alla provocazione" e hanno lasciato tutto com'erano continueranno a godere delle toccanti cure e attenzioni degli operatori, risponderanno ai reclami ed, eventualmente, restituiranno il denaro rubato. Inoltre, vari "divieti di contenuti", "divieti di clic sul Web", "divieti di chiamate a numeri brevi" e Dio solo sa quali altri "divieti". D'altra parte, la maggior parte di queste "sicurezze" esistono come gesto di buona volontà e il loro destino è vago. MegaFon, ad esempio, ha introdotto un servizio speciale chiamato "banco abbonamento", attivabile chiamando il contact center. Buona? Buono ma non abbastanza. In un certo senso, i soldi sono diventati scarsi, ora hanno realizzato diversi servizi separati per vietare determinati tipi di abbonamenti. E hanno vietato al contact center di collegare più di una varietà. Ti sei innamorato di un abbonamento SMS e fai una lite, ti collegheranno con un divieto su questa particolare varietà, lasciando "umanamente" l'opportunità di catturare la stessa spazzatura, ad esempio su Internet. In MTS, non molto tempo fa, tutto ciò che veniva rubato e condizionalmente rubato dai lavoratori dei contenuti veniva restituito incondizionatamente, e ora leggo sempre più spesso lamentele sui rifiuti con la dicitura "lo sciocco stesso". E così via, il concetto di "buona volontà" è molto estensibile in qualsiasi direzione.

Riepilogo

Cercherò di raccogliere almeno qualche statistica sui risultati delle innovazioni entro la fine di maggio, poi ne scriveremo una sintesi. È difficile fare previsioni e le direzioni di sviluppo sono imprevedibili, troppo dipende dalla stessa “buona volontà”, dalla percentuale di chi vuole farsi un secondo conto per sé e dagli schemi per implementare questo “conto di contenuti”. Scrivi, condividi le tue impressioni.

Il 1 maggio è la festa della disobbedienza?

Più precisamente, una celebrazione della protezione dei contenuti. Da questo giorno in poi, la Legge ci promette una certa protezione dallo stesso “contenuto richiesto” che tutti noi amiamo così sinceramente. Quanto è efficace la protezione e come usarla? Proviamo a capirlo.

Dal 1° maggio entrano in vigore gli emendamenti alla "Legge sulle comunicazioni" adottata dalla Duma di Stato la scorsa estate (Legge federale della Federazione Russa del 23 luglio 2013 N 229-FZ "Sugli emendamenti alla legge federale" Su Comunicazioni"" ). Gli operatori hanno avuto tempo sufficiente (esattamente 9 mesi) per prepararsi ai cambiamenti. È chiaro che se i "content master" ricevessero da noi termini reali per i loro "scherzi", non sarebbero necessari emendamenti. Sfortunatamente, in materia di contenuto, la presunzione di innocenza è esagerata in proporzioni indecenti. E la reazione degli organi ufficiali alle denunce degli ingannati nella maggior parte dei casi si riduce a lunghe spiegazioni del perché sei tu stesso "un pazzo". Ma gli operatori più spesso restituiscono denaro e persino gentilmente collegano tutti i tipi di "divieti di contenuto". Forse tutto è diventato felice con noi anche senza modifiche?

Testo

Le attuali modifiche sono importanti e valide in quanto ci danno ufficialmente un ulteriore vantaggio nella gestione dei contenuti. Va notato che le autorità di regolamentazione sono diventate più reattive ai reclami degli abbonati e gli operatori stessi non sono interessati all'escalation del furto di contenuti, le multe e le controversie sono più costose. Pertanto, l'ex contenuto baccanale non viene osservato ora. Ad ogni modo, nonostante la forzata “buona volontà” degli operatori, è gradita una regolamentazione formale. E poi oggi se ne sono pentiti e hanno restituito il denaro come favore personale, ma domani potrebbero non restituirlo, maestro padrone. La domanda è quanto sarà efficace il nuovo regolamento. È chiaro che nel processo di discussione e approvazione, gli operatori "hanno diligentemente piegato la loro linea" nel tentativo di ridurre al minimo le perdite future e vedono potenziali scappatoie molto meglio dei legislatori. Quello che è successo, è successo, e il nostro compito è prendere il massimo di ciò che la legge ha ancora. E prendilo per non peggiorare la situazione, anche questa opzione è possibile.

"Campana"

Possiamo vedere l'annuncio dell'inizio dei lavori in base alle nuove regole nel feed delle notizie sul sito web di MTS. Puoi leggere le notizie qui, citando:

“Dal 1 maggio 2014 sono apportate modifiche alla Procedura per l'erogazione dei servizi di contenuti da parte di MTS OJSC (di seguito denominata Procedura). Ulteriore servizio agli abbonati è offerto con le modifiche e integrazioni previste dalla presente Procedura. La mancata ricezione da parte dell'Operatore entro 10 giorni di calendario dalla data della presente comunicazione del rifiuto scritto dell'abbonato ad accettare le modifiche e/o integrazioni di cui sopra, nonché l'utilizzo dei Servizi dell'Operatore e/o il loro pagamento costituisce conferma del consenso dell'abbonato al servizio secondo la nuova versione della Procedura per l'erogazione dei servizi di contenuti”.

Puoi scaricare la "Procedura per la fornitura dei servizi di contenuto" sul sito di MTS qui, ma il link contiene ancora la versione dell'anno scorso della "Procedura", preparata dall'autore con il nome indicativo "Demonito". Anche se il fatto che il contenuto sia il prodotto del diavolo non necessita di ulteriori conferme. Parte del divertimento sta nel fatto che tu ed io siamo automaticamente d'accordo ciecamente con il "Nuovo Ordine". Forse questo non è fondamentale, poiché l'unico modo per dissentire dall'Accordo di Offerta è risolvere il contratto. E gli altri operatori non si sono preoccupati nemmeno di una notifica così intricata e evasiva sul passaggio al "Nuovo Ordine" di lavorare con i contenuti. E tutti dovranno cambiare, e sarebbe bello avvisare gli iscritti di nuove condizioni e opportunità.

Il testo della legge N 229-FZ "Sugli emendamenti alla legge federale "Sulle comunicazioni"" con un elenco di emendamenti può essere visualizzato sul sito Web della Rossiyskaya Gazeta, proviamo a capire le modifiche e le integrazioni più interessanti.

"1) L'articolo 2 è integrato dal comma 34, paragrafo 1, come segue:

"I servizi di contenuto 34(1) sono un tipo di servizi di comunicazione tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione radiotelefonica mobile e volti ad aumentarne il valore per il consumatore (compresi i servizi per fornire agli abbonati l'opportunità di ricevere sull'utente (terminale) apparecchiature nelle reti di comunicazione di riferimento, intrattenimento e (o) altre informazioni a pagamento, partecipare a votazioni, giochi, concorsi ed eventi simili) e il cui costo è pagato dall'abbonato all'operatore di telecomunicazioni con cui l'abbonato ha stipulato un accordo su la fornitura di servizi di comunicazione.

Definizione di servizi di contenuto come tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione e aumentandone il valore per il consumatore. Questi "valori" sono pagati dal consumatore direttamente all'operatore di telecomunicazioni.

“2) L'articolo 44 è integrato con il paragrafo 5 del seguente contenuto:

"5. Se l'operatore di telecomunicazioni impegna altre persone nella fornitura di servizi di contenuto, ad eccezione dei servizi di comunicazione forniti attraverso un portale unico dei servizi statali e comunali, l'operatore di telecomunicazioni, sulla base della richiesta dell'abbonato, è obbligato a creare un account personale separato destinato solo per il pagamento di questi servizi di comunicazione entro i fondi disponibili sul conto specificato. In mancanza della richiesta specificata, il pagamento di tali servizi di comunicazione viene effettuato secondo le modalità previste dal terzo comma della presente clausola.

Questo è già molto più interessante e, forse, il risultato più importante. Sulla base della richiesta dell'abbonato, l'operatore è obbligato a generare per lui un account personale separato e addebitare il contenuto di "altre persone" (la maggior parte dei fornitori di contenuti) solo da questo account. D'altra parte, gli operatori sono riusciti a far passare il rifiuto di introdurre un account separato obbligatorio per il pagamento dei contenuti, e un account separato verrà aperto solo per gli abbonati che lo richiedono direttamente. Probabilmente, potrebbe essere loro richiesto di recarsi in ufficio con un passaporto e scrivere una domanda. Un risultato prevedibile, scrivevo più di un anno fa che l'idea di un secondo account obbligatorio per il pagamento dei contenuti sarebbe stata pervertita o esercitata pressioni. Anche la dicitura ". Se l'operatore di telecomunicazioni impegna altre persone nella fornitura di servizi di contenuto ", significa chiaramente che questa regola non si applica ai servizi di contenuto dell'operatore stesso, puoi prelevare in sicurezza denaro dal saldo principale.

Passiamo al vero terzo paragrafo, che descrive la procedura per il servizio se l'abbonato non ha richiesto la creazione di un account separato per il pagamento dei contenuti, vedi la dicitura “. In mancanza dell'applicazione specificata, il pagamento di tali servizi di comunicazione viene effettuato secondo le modalità previste dal terzo comma del presente comma. In realtà, questo terzo paragrafo:

“Prima di ottenere il consenso dell'abbonato a fornire altri servizi di comunicazione tecnologicamente indissolubilmente legati ai servizi di comunicazione radiotelefonica mobile e volti ad accrescerne il valore per il consumatore, compresi i servizi di contenuto, l'operatore di telecomunicazioni deve fornire all'abbonato le informazioni sulle tariffe dei servizi e un riepilogo dei servizi dati, nonché la persona che fornisce il servizio specifico e il conto personale su cui vengono addebitati i fondi per pagare tali servizi.

A giudicare dalla formulazione degli emendamenti pubblicati (“. In assenza della richiesta specificata.”), l'operatore è legalmente obbligato a fornire informazioni preliminari circa le tariffe dei contenuti, il prezzo degli SMS, i parametri di abbonamento e il nome del fornitore di contenuti di quegli abbonati che non hanno richiesto loro di creare un account personale separato per il pagamento dei contenuti. L'ordine di informare i “richiedenti” non è descritto e, a quanto pare, resta a discrezione dell'operatore. Dal momento in cui viene generata una fattura separata, l'operatore non è formalmente obbligato ad avvertire l'utente del prezzo del contenuto. In parole povere, creando un account separato per il pagamento dei contenuti e mettendo denaro in questo account, l'abbonato si assume la piena responsabilità del destino e della sicurezza di questi soldi, l'operatore può "lavarsi le mani". Forse esagero e l'operatore informerà tutti gli acquirenti del contenuto, ma tale obbligo per coloro che si sono organizzati un secondo account non è previsto dalla legge.

Ma fino a quando non viene creato un account separato, l'utente, per legge, deve essere informato in anticipo sul prezzo e sui parametri del servizio. Almeno prima del momento in cui esprime il suo consenso cliccando su qualche pulsante nell'interfaccia Web.

Come funzionerà?

Lo scopriremo dopo il 1° maggio dopo un approfondito studio dei "Nuovi Ordini" da parte degli operatori. È chiaro che nessuno di loro pubblicizzerà un account separato per i contenuti e dovranno andare a fondo della verità da soli. Poco cambierà per gli abbonati postpagati Beeline, che devono ancora creare un conto anticipato separato per pagare i contenuti, che differisce solo di una cifra nel prefisso (DEF). A mano, tra gli altri inconvenienti - ulteriore seccatura con il pagamento del parcheggio e altri "contenuti" utili. La legge non prevede la possibilità (o l'impossibilità) di ridurre questo account aggiuntivo, ma tali manipolazioni non dovrebbero in ogni caso influire sulle prestazioni del telefono. E capiamo tutti perfettamente che la principale leva di pressione sull'abbonato è un telefono bloccato. È possibile citare in giudizio un cliente per contenuti "figa" non pagati, ma è irrazionale, perché tali cause raramente si concludono con decisioni a favore degli operatori. Cioè, coloro che hanno richiesto un account separato per pagare i contenuti si creano alcuni inconvenienti, ma si tolgono dai guai. Sperare. Tuttavia, il 90% (se non di più) dei "servizi" di contenuti è ora fornito da "altre persone".

Lo scopriremo dopo il 1° maggio dopo un approfondito studio dei “Nuovi Ordini” da parte degli operatori. È chiaro che nessuno di loro pubblicizzerà un account separato per i contenuti e dovranno andare a fondo della verità da soli. Poco cambierà per gli abbonati postpagati Beeline, che devono ancora creare un conto anticipato separato per pagare i contenuti, che differisce solo di una cifra nel prefisso (DEF). A mano, tra gli altri inconvenienti - ulteriore seccatura con il pagamento del parcheggio e altri "contenuti" utili. La legge non prevede la possibilità (o l'impossibilità) di ridurre questo account aggiuntivo, ma tali manipolazioni non dovrebbero in ogni caso influire sulle prestazioni del telefono. E capiamo tutti perfettamente che la principale leva di pressione sull'abbonato è un telefono bloccato. È possibile citare in giudizio un cliente per "figa" di contenuti non pagati, ma è irrazionale, perché tali cause raramente si concludono con decisioni in a vantaggio degli operatori. Cioè, coloro che hanno richiesto un account separato per pagare i contenuti si creano alcuni inconvenienti, ma si tolgono dai guai. Sperare. Tuttavia, il 90% (se non di più) dei "servizi" di contenuti è ora fornito da "altre persone".

Molto dipenderà dai dettagli di implementazione. Ad esempio, se gli operatori "per la comodità dei loro amati clienti" effettuano un facile trasferimento di denaro dal conto principale all'account dei contenuti, non c'è dubbio che presto appariranno i trojan con tale funzionalità. Se implementano anche il rifornimento automatico di un account di contenuti da una carta di credito, allora è piuttosto bello.

Coloro che "non hanno ceduto alla provocazione" e hanno lasciato tutto com'erano continueranno a godere delle toccanti cure e attenzioni degli operatori, risponderanno ai reclami ed, eventualmente, restituiranno il denaro rubato. Inoltre, vari "divieti di contenuti", "divieti di clic sul Web", "divieti di chiamate a numeri brevi" e Dio solo sa quali altri "divieti". D'altra parte, la maggior parte di queste "sicurezze" esistono come gesto di buona volontà e il loro destino è vago. MegaFon, ad esempio, ha introdotto un servizio speciale chiamato "banco abbonamento", attivabile chiamando il contact center. Buona? Buono ma non abbastanza. In un certo senso, i soldi sono diventati scarsi, ora hanno realizzato diversi servizi separati per vietare determinati tipi di abbonamenti. E hanno vietato al contact center di collegare più di una varietà. Ti sei innamorato di un abbonamento SMS e fai una lite, ti collegheranno con un divieto su questa particolare varietà, lasciando "umanamente" l'opportunità di catturare la stessa spazzatura, ad esempio su Internet. In MTS, non molto tempo fa, tutto ciò che veniva rubato e condizionalmente rubato dai lavoratori dei contenuti veniva restituito incondizionatamente, e ora leggo sempre più spesso lamentele sui rifiuti con la dicitura "lo sciocco stesso". E così via, il concetto di "buona volontà" è molto estensibile in qualsiasi direzione.

Riepilogo

Cercherò di raccogliere almeno qualche statistica sui risultati delle innovazioni entro la fine di maggio, poi ne scriveremo una sintesi. È difficile fare previsioni e le direzioni di sviluppo sono imprevedibili, troppo dipende dalla stessa “buona volontà”, dalla percentuale di chi vuole farsi un secondo conto per sé e dagli schemi per implementare questo “conto di contenuti”. Scrivi, condividi le tue impressioni.