it opay

Fallimento di Svyaznoy, note a margine

Hai sentito che la società Svyaznoy è in bancarotta? Fallimento: ecco come viene descritta la situazione attorno ai problemi di Svyaznoy CJSC, e poi ci sono argomenti sulla chiusura dei negozi di comunicazione con lo stesso nome, enormi debiti verso tutti, dal servizio fiscale ai fornitori di beni, cioè i produttori . Gli eroi delle dispute in rete hanno stretto le mani sulle tastiere sul nulla, assaporando i dettagli e il calo dei prezzi in arrivo. Svendere il resto della proprietà è il sacro dovere di ogni azienda che ha dichiarato bancarotta. Secondo loro.

Ad essere onesto, non volevo assolutamente scrivere del presunto fallimento della rete di vendita al dettaglio di Svyaznoy e di questa situazione. E il punto non è che tutti gli imputati in questo caso conoscano bene, siamo amici di alcuni di loro da molti anni. Così ho scritto e ho pensato: dopotutto, è del tutto possibile scrivermi come persona interessata, che la mia professione non implica affatto. Per calmare la mia coscienza, voglio sottolineare che l'amicizia con persone di altre aziende o le relazioni amichevoli non sono meno forti, il che è giusto passare in un altro campo di attività. Vero, certo, e lì, nel corso del lavoro, appariranno nuovi amici, amici, che dovrai cercare una nuova sfera di applicazione delle tue capacità.

Cosa ti ha spinto a mettere da parte i tuoi dubbi e sederti per scrivere questo articolo? Probabilmente, il desiderio di punteggiare tutti i casi, che sembra estremamente semplice, si spiega in cinque minuti, ma attorno al quale https://cars45.com. gh/ jUUbBY9iV266jRSFw1WSxsy4 hanno già escogitato un mucchio di bugie, fatti contorti e storie. Inoltre, la presentazione include solo miei pensieri, riflessioni, si basa sulla conoscenza generale del mercato, dei meccanismi del suo lavoro e non è in alcun modo collegata alla posizione ufficiale o ufficiosa dell'una o dell'altra parte in questo caso di fallimento. Una scusa così ingombrante è fatta appositamente per i cinici che considereranno che il tuo obbediente servitore ha una conoscenza segreta, numeri di conto nelle banche austriache ed è generalmente interessato a questa questione più di altri. Mi affretto a deludere, il mio interesse è esclusivamente immateriale. Ma proviamo a rispondere alla domanda, c'era un ragazzo?

Alla fine di settembre 2007, non ricordo in quale data, io e il mio amico di un'azienda in competizione con Svyaznoy eravamo seduti davanti a un boccale di birra. Il buon umore, il calore in contrasto con la giornata piovosa all'esterno, hanno portato a uno scambio casuale di voci, pettegolezzi e fatti. Di passaggio, un amico ha osservato che il servizio fiscale ha presentato una denuncia contro Svyaznoy per consegne all'ingrosso di telefoni in periodi precedenti, un importo significativo, ma non fatale. L'informazione non ha causato esattamente alcuna risposta ed eccitazione nella mia anima. La ragione di tale passività era che Svyaznoy non era la prima e non l'ultima azienda ad avere una domanda simile.Ci siamo lamentati a lungo che le regole del gioco vengono modificate dallo Stato con effetto retroattivo, che le viti si stringono sempre di più, che le elezioni sono avanti. La conversazione si è spostata senza intoppi sulla politica, sulle donne ed è andata dall'altra parte. Tutte le grandi aziende, persone di loro, impegnate nella fornitura di telefoni in Russia, queste informazioni hanno causato all'incirca la stessa reazione. Le affermazioni delle autorità fiscali in quel momento erano come parlare del tempo, diversi giocatori potevano competere per l'importo degli arretrati che erano loro fatturati.

Calma olimpica? No no e ancora una volta no. La situazione era considerata semplicemente da un'angolazione diversa e aveva un significato diverso. Nella crisi doganale del 2005, quando il servizio doganale scoprì “inaspettatamente” il mercato dei cellulari e il fatto che questi si materializzassero all'interno del Paese senza oltrepassare il confine, la domanda principale per lo Stato era come imbiancare il mercato, renderlo trasparente , ufficiale e aumentare la riscossione delle tasse. Invece di cercare e correre dietro a imprese sfuggenti di un giorno, è stato inferto un colpo ai grandi giocatori, gli assegni hanno toccato letteralmente tutte le società. Il lavoro di alcuni è rimasto paralizzato, altri sono stati "fortunati", ad esempio all'Euroset sono stati trovati telefoni "dannosi", che erano prima contraffatti, poi importati con violazioni, poi semplicemente distrutti. Tuttavia, in seguito si è scoperto che non tutti erano stati distrutti e che era già stata avviata una nuova causa penale contro coloro che avrebbero dovuto distruggere i dispositivi. Si è scoperto che i telefoni Motorola terribilmente "dannosi" sono stati venduti sul mercato interno e che gli autori sono stati promessi di essere puniti. Nessuna informazione, invece, sui risultati di quel caso è apparsa, tutto è stato tranquillo.

Ora immaginiamo la situazione nella realtà. C'è un mercato nel Paese con un fatturato annuo di 5-6 miliardi di dollari, lo Stato non se ne accorge e non riscuote le tasse. Gli attori di questo mercato erano così ben nascosti da non poter essere trovati? Sembra di no. In qualsiasi città esci e ti imbatti costantemente in tende e negozi di Euroset, Svyaznoy e altri giocatori. Il business non è nell'ombra, non è una vendita da mani o da sotto il pavimento. Si scopre che le tasse non sono state pagate alla dogana e solo, cioè lo stato ha perso le tasse non dalle vendite al dettaglio, ma dalle consegne all'ingrosso. Puoi anche ricordare gli stipendi in busta, ma all'inizio del secolo era un segno della maggior parte delle aziende e dell'"ottimizzazione" del business.

In effetti, le persone che controllavano la fornitura di beni al Paese dalla parte dello stato erano interessate al fatto che il mercato non fosse trasparente. Al momento della consegna della merce, si può chiedere denaro per il servizio di importazione sotto gli occhi chiusi dei doganieri e riceverla; all'interno del Paese altre persone in divisa potrebbero ritirare la merce senza spiegarne i motivi e senza conseguenze. Il motivo del ritiro della merce è contraffatto. E vai a dimostrare che hai importato la merce, l'hai pagata. Gli schemi applicati erano confusi, opachi, che davano spazio a tutti i tipi di azioni. La debolezza dello Stato è la ragione di questo stato di cose. Alcuni funzionari hanno fatto milioni di fortune in pochi giorni e l'appetito viene dal mangiare.

Nel 2005 è arrivato dall'alto un segnale chiaro e inequivocabile: è necessario riscuotere le tasse per l'erario dello Stato. È giunto un momento travagliato. Da un lato c'erano mercanti con i quali erano già stati stabiliti legami, dall'altro c'era una reale opportunità di perdere un punto di ristoro per non aver seguito gli ordini dell'alto comando. Le teste calde a terra hanno proposto uno schema di "compromesso": importare alcune delle merci come prima e imbianchiamo completamente il resto. Ma l'auto iniziò a girare e i loro stessi compagni fermarono tali schemi, non c'era accordo nei ranghi. Gli affari in un paio di mesi divennero improvvisamente bianchi come la prima neve. All'inizio, le aziende in qualche modo "aiutavano" i loro "parenti" nel servizio pubblico, ma poi si sono poste una domanda ragionevole: per cosa stiamo pagando? Tutto secondo la lettera e nello spirito della legge, non vengono effettuate transazioni non ufficiali, cosa pagare? Le ricevute nelle tasche private si sono prosciugate.

Durante l'anno è iniziato un gioco di nervi, gli ispettori hanno fatto il giro delle aziende e hanno studiato le merci, le lettere di vettura, gli schemi di consegna, tutti i dettagli. Rendendosi conto che sarebbe stato impossibile scavare nelle forniture, è stata utilizzata una minaccia banale ma efficace. Finché tutte le circostanze non saranno chiarite, sigilleremo il magazzino e poi lo sistemeremo. Per un prodotto come i telefoni cellulari, anche una settimana può incidere seriamente sul valore, quindi le minacce a volte hanno funzionato. Ma poi, inaspettatamente, è venuto in soccorso il servizio doganale, che non aveva proprio bisogno dell'intervento degli alleati. Di tanto in tanto, i funzionari doganali segnalavano prontamente che questo o quel prodotto era ufficiale, consegnato non oltre la tesoreria e fornivano prontamente tutti i documenti. Si è verificata una situazione di stallo.

I giornalisti o i commentatori che cercano di presentare l'azienda e le persone che ne fanno parte come personaggi che sognano solo di carpirne di più, rubare qualcosa e bere ciò che è stato rubato si sbagliano di grosso. Per le imprese è importante lavorare secondo le regole del gioco, che sono chiare a tutte le parti, la stabilità è importante. Fino alla metà del 2005, lo stato giocava con le stesse regole, qualsiasi tentativo di seguire la lettera della legge porterebbe al fatto che qualsiasi azienda all'ingrosso o al dettaglio andrebbe immediatamente in malora. Da idealista che segue ideali irrealizzabili. È impossibile chiamare idioti gli uomini d'affari russi, hanno sempre capito la situazione del mercato.

Così, il mercato è diventato bianco, dietro le quinte sono stati dimenticati i vecchi peccati, così come l'incapacità dello Stato in quegli anni di controllare la situazione, o meglio, la riluttanza delle persone che rappresentano il potere in qualsiasi controllo ufficiale. Lo stato concedeva tacitamente indulgenza alle società, costringendole a diventare completamente legali in breve tempo, gli statisti vincevano in tasse. Inoltre, non ci sono state ricerche di catene di approvvigionamento, una storia confusa con gite di un giorno e simili, il colpo è stato affrontato in modo sgarbato e senza complicazioni. La logica era qualcosa del genere. Sappiamo che le merci arrivano da te, è difficile e lungo cercare un giorno e dimostrare le tue connessioni. Considera tutte le azioni dei vari organismi di ispezione e regolamentazione come un avvertimento, devi diventare bianco. L'attività ha reagito in breve tempo ed è diventata legale.

Per tutta la prima metà del 2007 sembrava che ci fosse felicità: lo stato riscuote le tasse, le vendite sono stabili, il margine è piccolo, ma costante, in qualche modo le catene di vendita al dettaglio si sono adattate, hanno iniziato ad entrare nel gusto del commercio legale. Ma poi è nata un'altra storia: il fisco ha scoperto “inaspettatamente” che quegli schemi per la fornitura di telefoni che erano prima dell'agosto 2005 sì, a dire il vero, e anche fino al 2006, anche compreso, hanno permesso di risparmiare le tasse . Qualcuno ne dubitava? L'auto ha ripreso a girare, hanno iniziato a calcolare il "danno" dello stato. Per me, e questa è la mia personale opinione, alcune storie valgono la pena dimenticare e ricominciare la vita da zero. Tornare al passato e scavare dentro, trovare problemi individuali e fare pressione sugli attori esistenti non porta al rafforzamento dello stato, ma alla scomparsa delle vendite, alla complicazione degli affari e, di conseguenza, a un calo del riscossione delle imposte correnti.

Ma formalmente, tutti i diritti sono dalla parte del servizio fiscale, che può riscuotere le tasse non riscosse, calcolare multe, in una parola, eseguire l'intera gamma di misure. Qui sorge la domanda: in relazione a chi? Le aziende di oggi che gestiscono determinate catene di vendita al dettaglio spesso non hanno nulla in comune con le aziende del passato. Alcuni sono chiusi, altri sono falliti perché non necessari, la storia è sempre più o meno la stessa. Nessuno dei giocatori conduce la propria attività attraverso società che in passato hanno avuto consegne che hanno attirato l'attenzione degli organismi di ispezione, nella migliore delle ipotesi sono tenute a galla per qualche motivo.

E qui, secondo i giornalisti della stampa online, Svyaznoy CJSC è legato all'attività di vendita al dettaglio dell'azienda. Sebbene su una dozzina di società che fanno parte del gruppo Svyaznoy, questa chiaramente non era impegnata nella vendita al dettaglio, ma fungeva da cuscinetto per le consegne all'ingrosso. Lavorando con un numero enorme di telefoni per un giorno, e questo è il modo in cui gli affari erano organizzati ovunque, l'azienda ha passato un grande flusso di telefoni attraverso se stessa. Prendo atto che i destinatari finali della merce dovevano pagare le tasse. Ma dove trovarli oggi? Uguale alla ricerca del vento in campo, ci sono centinaia di società del genere, tutte chiuse e il gioco non vale la candela. Pertanto, le pretese fiscali sono state appese a Svyaznoy CJSC. Non tutto è così semplice nella situazione, non così inequivocabilmente, ma il descritto avviene.

Ad esempio, conosci il nome della società che gestisce tutti i saloni, non la rete commerciale Euroset, ma? Sono sicuro che non lo sai. Il volume del caso Svyaznoy è solo in una cosa: la consonanza del grossista con la rete di vendita al dettaglio, sebbene non siano né legalmente né effettivamente collegati in alcun modo. Si tratta di aziende diverse che combinano personalità e niente di più. In effetti, è possibile avanzare pretese nei confronti di una società e delle persone ad essa collegate, ma queste pretese non si applicano ad altre persone giuridiche.

Nell'ultimo anno, il fallimento di numerose società che hanno dovuto far fronte a grandi quantità di pretese fiscali è diventato un luogo comune. Ma non ha avuto un'ampia risonanza, dal momento che i nomi delle società non erano associati a questa o quella attività di vendita al dettaglio. In questa situazione, si è rivelato magnificamente. La maggior parte dei giornalisti (Vedomosti, il primo a scrivere su questo, erano estremamente corretti, a differenza di tutti gli altri) non si sono presi la briga di pensare in linea di principio. Quindi la bici sta girando per il mercato che la catena di vendita al dettaglio Svyaznoy è in bancarotta, anche se tutti capiscono dove si trova l'anziano e dove si trova lo zio. Mi è piaciuto il ragionamento in una delle pubblicazioni sull'ammontare dei debiti verso i produttori. La cosa principale è che puoi controllare queste informazioni con un paio di chiamate a uno qualsiasi degli uffici di rappresentanza delle società fornitrici. Penso che sarebbero felici di confermare che non ci sono debiti e che le merci vengono regolarmente consegnate alla rete di vendita al dettaglio di Svyaznoy.

I sostenitori delle teorie del complotto hanno ricordato che durante il periodo di verifica della purezza dei beni di Svyaznoy, questo destino era passato e hanno immediatamente iniziato a scrivere che erano altri attori del mercato a "si vendicare". Se così fosse, la vendetta sarebbe strana, perché è successa esattamente la stessa cosa con altre società. Un'altra cosa è che i nomi delle loro figlie sono diversi e non sono in alcun modo collegati a marchi di catene di vendita al dettaglio, poco conosciute.

Lo stato, dopo aver ricostruito le regole del gioco in movimento, si aspetta che gli affari sopportino diligentemente e paghino volentieri tutte le bollette, aumentando la riscossione delle tasse per ciascuno dei dipartimenti. Il business aderisce a un punto di vista diverso, credendo di essere diventato legale e di averlo pagato con i suoi profitti, è arrivato sull'orlo della redditività. Non c'è bisogno di idealizzare il business in quanto tale, ma in questa situazione la posizione dello stesso Svyaznoy è comprensibile e facilmente spiegabile. Il fallimento di una controllata è una risposta alle pretese del servizio fiscale per forniture ante crisi doganale, cioè per un periodo in cui l'intero mercato viveva diversamente. La società sta giocando in campo legale e sta ancora surclassando lo stato. In effetti, per dimostrare il collegamento di Svyaznoy CJSC con altre società, per tracciare il percorso della merce, il suo destino, è necessario compiere sforzi. Questo è qualcosa che i vari dipartimenti non possono fare, semplicemente non hanno gli specialisti, il tempo, l'esperienza e il desiderio appropriati. Per qualche ragione, invece di abili oggetti di persuasione, i funzionari preferiscono ancora un club.

Probabilmente a causa di tutto quanto sopra, sembra che la situazione con il fallimento di una delle filiali di Svyaznoy non sembri critica, non influisca sull'attività della società nel suo insieme. Questo è uno sbuffo rumoroso che non influisce direttamente sul mercato in alcun modo.

Ancora una volta, farò una riserva sul fatto che questa è la mia posizione personale su questo argomento e non si interseca in alcun modo con quella di altri lati di questa storia. Se Svyaznoy, il servizio fiscale della Federazione Russa o uno degli statisti vogliono discutere pubblicamente di questa situazione, saremo felici di tornare su questo argomento e offrire le nostre pagine per tale discussione. Ma mi sembra che questa storia non sia di quelle che vivono a lungo, nonostante le dichiarazioni ad alta voce.

Fallimento di Svyaznoy, note a margine

Hai sentito che la società Svyaznoy è in bancarotta? Fallimento: ecco come viene descritta la situazione attorno ai problemi di Svyaznoy CJSC, e poi ci sono argomenti sulla chiusura dei negozi di comunicazione con lo stesso nome, enormi debiti verso tutti, dal servizio fiscale ai fornitori di beni, cioè i produttori . Gli eroi delle dispute in rete hanno stretto le mani sulle tastiere sul nulla, assaporando i dettagli e il calo dei prezzi in arrivo. Svendere il resto della proprietà è il sacro dovere di ogni azienda che ha dichiarato bancarotta. Secondo loro.

Ad essere onesto, non volevo assolutamente scrivere del presunto fallimento della rete di vendita al dettaglio di Svyaznoy e di questa situazione. E il punto non è che tutti gli imputati in questo caso conoscano bene, siamo amici di alcuni di loro da molti anni. Così ho scritto e ho pensato: dopotutto, è del tutto possibile scrivermi come persona interessata, che la mia professione non implica affatto. Per calmare la mia coscienza, voglio sottolineare che l'amicizia con persone di altre aziende o le relazioni amichevoli non sono meno forti, il che è giusto passare in un altro campo di attività. Vero, certo, e lì, nel corso del lavoro, appariranno nuovi amici, amici, che dovrai cercare una nuova sfera di applicazione delle tue capacità.

Cosa ti ha spinto a mettere da parte i tuoi dubbi e sederti per scrivere questo articolo? Probabilmente, il desiderio di punteggiare tutti i casi, che sembra estremamente semplice, si spiega in cinque minuti, ma attorno al quale https://cars45.com. gh/ jUUbBY9iV266jRSFw1WSxsy4 hanno già escogitato un mucchio di bugie, fatti contorti e storie. Inoltre, la presentazione include solo miei pensieri, riflessioni, si basa sulla conoscenza generale del mercato, dei meccanismi del suo lavoro e non è in alcun modo collegata alla posizione ufficiale o ufficiosa dell'una o dell'altra parte in questo caso di fallimento. Una scusa così ingombrante è fatta appositamente per i cinici che considereranno che il tuo obbediente servitore ha una conoscenza segreta, numeri di conto nelle banche austriache ed è generalmente interessato a questa questione più di altri. Mi affretto a deludere, il mio interesse è esclusivamente immateriale. Ma proviamo a rispondere alla domanda, c'era un ragazzo?

Alla fine di settembre 2007, non ricordo in quale data, io e il mio amico di un'azienda in competizione con Svyaznoy eravamo seduti davanti a un boccale di birra. Il buon umore, il calore in contrasto con la giornata piovosa all'esterno, hanno portato a uno scambio casuale di voci, pettegolezzi e fatti. Di passaggio, un amico ha osservato che il servizio fiscale ha presentato una denuncia contro Svyaznoy per consegne all'ingrosso di telefoni in periodi precedenti, un importo significativo, ma non fatale. L'informazione non ha causato esattamente alcuna risposta ed eccitazione nella mia anima. La ragione di tale passività era che Svyaznoy non era la prima e non l'ultima azienda ad avere una domanda simile. Ci siamo lamentati a lungo che le regole del gioco vengono modificate dallo Stato con effetto retroattivo, che le viti si stringono sempre di più, che le elezioni sono avanti. La conversazione si è spostata senza intoppi sulla politica, sulle donne ed è andata dall'altra parte. Tutte le grandi aziende, persone di loro, impegnate nella fornitura di telefoni in Russia, queste informazioni hanno causato all'incirca la stessa reazione. Le affermazioni delle autorità fiscali in quel momento erano come parlare del tempo, diversi giocatori potevano competere per l'importo degli arretrati che erano loro fatturati.

Calma olimpica? No no e ancora una volta no. La situazione era considerata semplicemente da un'angolazione diversa e aveva un significato diverso. Nella crisi doganale del 2005, quando il servizio doganale scoprì “inaspettatamente” il mercato dei cellulari e il fatto che questi si materializzassero all'interno del Paese senza oltrepassare il confine, la domanda principale per lo Stato era come imbiancare il mercato, renderlo trasparente , ufficiale e aumentare la riscossione delle tasse. Invece di cercare e correre dietro a imprese sfuggenti di un giorno, è stato inferto un colpo ai grandi giocatori, gli assegni hanno toccato letteralmente tutte le società. Il lavoro di alcuni è rimasto paralizzato, altri sono stati "fortunati", ad esempio all'Euroset sono stati trovati telefoni "dannosi", che erano prima contraffatti, poi importati con violazioni, poi semplicemente distrutti. Tuttavia, in seguito si è scoperto che non tutti erano stati distrutti e che era già stata avviata una nuova causa penale contro coloro che avrebbero dovuto distruggere i dispositivi. Si è scoperto che i telefoni Motorola terribilmente "dannosi" sono stati venduti sul mercato interno e che gli autori sono stati promessi di essere puniti. Nessuna informazione, invece, sui risultati di quel caso è apparsa, tutto è stato tranquillo.

Ora immaginiamo la situazione nella realtà. C'è un mercato nel Paese con un fatturato annuo di 5-6 miliardi di dollari, lo Stato non se ne accorge e non riscuote le tasse. Gli attori di questo mercato erano così ben nascosti da non poter essere trovati? Sembra di no. In qualsiasi città esci e ti imbatti costantemente in tende e negozi di Euroset, Svyaznoy e altri giocatori. Il business non è nell'ombra, non è una vendita da mani o da sotto il pavimento. Si scopre che le tasse non sono state pagate alla dogana e solo, cioè lo stato ha perso le tasse non dalle vendite al dettaglio, ma dalle consegne all'ingrosso. Puoi anche ricordare gli stipendi in busta, ma all'inizio del secolo era un segno della maggior parte delle aziende e dell'"ottimizzazione" del business.

In effetti, le persone che controllavano la fornitura di beni al Paese dalla parte dello stato erano interessate al fatto che il mercato non fosse trasparente. Al momento della consegna della merce, si può chiedere denaro per il servizio di importazione sotto gli occhi chiusi dei doganieri e riceverla; all'interno del Paese altre persone in divisa potrebbero ritirare la merce senza spiegarne i motivi e senza conseguenze. Il motivo del ritiro della merce è contraffatto. E vai a dimostrare che hai importato la merce, l'hai pagata. Gli schemi applicati erano confusi, opachi, che davano spazio a tutti i tipi di azioni. La debolezza dello Stato è la ragione di questo stato di cose. Alcuni funzionari hanno fatto milioni di fortune in pochi giorni e l'appetito viene dal mangiare.

Nel 2005 è arrivato dall'alto un segnale chiaro e inequivocabile: è necessario riscuotere le tasse per l'erario dello Stato. È giunto un momento travagliato. Da un lato c'erano mercanti con i quali erano già stati stabiliti legami, dall'altro c'era una reale opportunità di perdere un punto di ristoro per non aver seguito gli ordini dell'alto comando. Le teste calde a terra hanno proposto uno schema di "compromesso": importare parte della merce come prima, e imbianchiamo completamente il resto. Ma l'auto iniziò a girare e i loro stessi compagni fermarono tali schemi, non c'era accordo nei ranghi. Gli affari in un paio di mesi divennero improvvisamente bianchi come la prima neve. All'inizio, le aziende in qualche modo "aiutavano" i loro "parenti" nel servizio pubblico, ma poi si sono poste una domanda ragionevole: per cosa stiamo pagando? Tutto secondo la lettera e nello spirito della legge, non vengono effettuate transazioni non ufficiali, cosa pagare? Le ricevute nelle tasche private si sono prosciugate.

Durante l'anno è iniziato un gioco di nervi, gli ispettori hanno fatto il giro delle aziende e hanno studiato le merci, le lettere di vettura, gli schemi di consegna, tutti i dettagli. Rendendosi conto che sarebbe stato impossibile scavare nelle forniture, è stata utilizzata una minaccia banale ma efficace. Finché tutte le circostanze non saranno chiarite, sigilleremo il magazzino e poi lo sistemeremo. Per un prodotto come i telefoni cellulari, anche una settimana può incidere seriamente sul valore, quindi le minacce a volte hanno funzionato. Ma poi, inaspettatamente, è venuto in soccorso il servizio doganale, che non ha avuto proprio bisogno dell'azione dei partner alleati. Di tanto in tanto, i funzionari doganali segnalavano prontamente che questo o quel prodotto era ufficiale, consegnato non oltre la tesoreria e fornivano prontamente tutti i documenti. Si è verificata una situazione di stallo.

I giornalisti o i commentatori che cercano di presentare l'azienda e le persone che ne fanno parte come personaggi che sognano solo di carpirne di più, rubare qualcosa e bere ciò che è stato rubato si sbagliano di grosso. Per le imprese è importante lavorare secondo le regole del gioco, che sono chiare a tutte le parti, la stabilità è importante. Fino alla metà del 2005, lo stato giocava con le stesse regole, qualsiasi tentativo di seguire la lettera della legge porterebbe al fatto che qualsiasi azienda all'ingrosso o al dettaglio andrebbe immediatamente in malora. Da idealista che segue ideali irrealizzabili. È impossibile chiamare idioti gli uomini d'affari russi, hanno sempre capito la situazione del mercato.

Così, il mercato è diventato bianco, dietro le quinte sono stati dimenticati i vecchi peccati, così come l'incapacità dello Stato in quegli anni di controllare la situazione, o meglio, la riluttanza delle persone che rappresentano il potere in qualsiasi controllo ufficiale. Lo stato concedeva tacitamente indulgenza alle società, costringendole a diventare completamente legali in breve tempo, gli statisti vincevano in tasse. Inoltre, non ci sono state ricerche di catene di approvvigionamento, una storia confusa con gite di un giorno e simili, il colpo è stato affrontato in modo sgarbato e senza complicazioni. La logica era qualcosa del genere. Sappiamo che le merci arrivano da te, è difficile e lungo cercare un giorno e dimostrare le tue connessioni. Considera tutte le azioni dei vari organismi di ispezione e regolamentazione come un avvertimento, devi diventare bianco. L'attività ha reagito in breve tempo ed è diventata legale.

Per tutta la prima metà del 2007 sembrava che ci fosse felicità: lo stato riscuote le tasse, le vendite sono stabili, il margine è piccolo, ma costante, in qualche modo le catene di vendita al dettaglio si sono adattate, hanno iniziato ad entrare nel gusto del commercio legale. Ma poi è nata un'altra storia: il fisco ha scoperto “inaspettatamente” che quegli schemi per la fornitura di telefoni che erano prima dell'agosto 2005 sì, a dire il vero, e anche fino al 2006, anche compreso, hanno permesso di risparmiare le tasse . Qualcuno ne dubitava? L'auto ha ripreso a girare, hanno iniziato a calcolare il "danno" dello stato. Per me, e questa è la mia personale opinione, alcune storie valgono la pena dimenticare e ricominciare la vita da zero. Tornare al passato e scavare dentro, trovare problemi individuali e fare pressione sugli attori esistenti non porta al rafforzamento dello stato, ma alla scomparsa delle vendite, alla complicazione degli affari e, di conseguenza, a un calo del riscossione delle imposte correnti.

Ma formalmente, tutti i diritti sono dalla parte del servizio fiscale, che può riscuotere le tasse non riscosse, calcolare multe, in una parola, eseguire l'intera gamma di misure. Qui sorge la domanda: in relazione a chi? Le aziende di oggi che gestiscono determinate catene di vendita al dettaglio spesso non hanno nulla in comune con le aziende del passato. Alcuni sono chiusi, altri sono falliti perché non necessari, la storia è sempre più o meno la stessa. Nessuno dei giocatori conduce la propria attività attraverso società che in passato hanno avuto consegne che hanno attirato l'attenzione degli organismi di ispezione, nella migliore delle ipotesi sono tenute a galla per qualche motivo.

E qui, secondo i giornalisti della stampa online, Svyaznoy CJSC è legato all'attività di vendita al dettaglio dell'azienda. Sebbene su una dozzina di società che fanno parte del gruppo Svyaznoy, questa chiaramente non era impegnata nella vendita al dettaglio, ma fungeva da cuscinetto per le consegne all'ingrosso. Lavorando con un numero enorme di telefoni per un giorno, e questo è il modo in cui gli affari erano organizzati ovunque, l'azienda ha passato un grande flusso di telefoni attraverso se stessa. Prendo atto che i destinatari finali della merce dovevano pagare le tasse. Ma dove trovarli oggi? Uguale alla ricerca del vento in campo, ci sono centinaia di società del genere, tutte chiuse e il gioco non vale la candela. Pertanto, le pretese fiscali sono state appese a Svyaznoy CJSC. Non tutto è così semplice nella situazione, non così inequivocabilmente, ma il descritto avviene.

Ad esempio, conosci il nome della società che gestisce tutti i saloni, non la rete commerciale Euroset, ma? Sono sicuro che non lo sai. Il volume del caso Svyaznoy è solo in una cosa: la consonanza del grossista con la rete di vendita al dettaglio, sebbene non siano né legalmente né effettivamente collegati in alcun modo. Si tratta di aziende diverse che combinano personalità e niente di più. In effetti, è possibile avanzare pretese nei confronti di una società e delle persone ad essa collegate, ma queste pretese non si applicano ad altre persone giuridiche.

Nell'ultimo anno, il fallimento di numerose società che hanno dovuto far fronte a grandi quantità di pretese fiscali è diventato un luogo comune. Ma non ha avuto un'ampia risonanza, dal momento che i nomi delle società non erano associati a questa o quella attività di vendita al dettaglio. In questa situazione, si è rivelato magnificamente. La maggior parte dei giornalisti (Vedomosti, il primo a scrivere su questo, erano estremamente corretti, a differenza di tutti gli altri) non si sono presi la briga di pensare in linea di principio. Quindi la bici sta girando per il mercato che la catena di vendita al dettaglio Svyaznoy è in bancarotta, anche se tutti capiscono dove si trova l'anziano e dove si trova lo zio. Mi è piaciuto il ragionamento in una delle pubblicazioni sull'ammontare dei debiti verso i produttori. La cosa principale è che puoi controllare queste informazioni con un paio di chiamate a uno qualsiasi degli uffici di rappresentanza delle società fornitrici. Penso che sarebbero felici di confermare che non ci sono debiti e che le merci vengono regolarmente consegnate alla rete di vendita al dettaglio di Svyaznoy.

I sostenitori delle teorie del complotto hanno ricordato che durante il periodo di verifica della purezza dei beni di Svyaznoy, questo destino era passato e hanno immediatamente iniziato a scrivere che erano altri attori del mercato a "si vendicare". Se così fosse, la vendetta sarebbe strana, perché è successa esattamente la stessa cosa con altre società. Un'altra cosa è che i nomi delle loro figlie sono diversi e non sono in alcun modo collegati a marchi di catene di vendita al dettaglio, poco conosciute.

Lo stato, dopo aver ricostruito le regole del gioco in movimento, si aspetta che gli affari sopportino diligentemente e paghino volentieri tutte le bollette, aumentando la riscossione delle tasse per ciascuno dei dipartimenti. Il business aderisce a un punto di vista diverso, credendo di essere diventato legale e di averlo pagato con i suoi profitti, è arrivato sull'orlo della redditività. Non c'è bisogno di idealizzare il business in quanto tale, ma in questa situazione la posizione dello stesso Svyaznoy è comprensibile e facilmente spiegabile. Il fallimento di una controllata è una risposta alle pretese del servizio fiscale per forniture ante crisi doganale, cioè per un periodo in cui l'intero mercato viveva diversamente. La società sta giocando in campo legale e sta ancora surclassando lo stato. In effetti, per dimostrare il collegamento di Svyaznoy CJSC con altre società, per tracciare il percorso della merce, il suo destino, è necessario compiere sforzi. Questo è qualcosa che i vari dipartimenti non possono fare, semplicemente non hanno gli specialisti, il tempo, l'esperienza e il desiderio appropriati. Per qualche ragione, invece di abili oggetti di persuasione, i funzionari preferiscono ancora un club.

Probabilmente a causa di tutto quanto sopra, sembra che la situazione con il fallimento di una delle filiali di Svyaznoy non sembri critica, non influisca sull'attività della società nel suo insieme. Questo è uno sbuffo rumoroso che non influisce direttamente sul mercato in alcun modo.

Ancora una volta, farò una riserva sul fatto che questa è la mia posizione personale su questo argomento e non si interseca in alcun modo con quella di altri lati di questa storia. Se Svyaznoy, il servizio fiscale della Federazione Russa o uno degli statisti vogliono discutere pubblicamente di questa situazione, saremo felici di tornare su questo argomento e offrire le nostre pagine per tale discussione. Ma mi sembra che questa storia non sia di quelle che vivono a lungo, nonostante le dichiarazioni ad alta voce.

Fallimento di Svyaznoy, note a margine

Hai sentito che la società Svyaznoy è in bancarotta? Fallimento: ecco come viene descritta la situazione attorno ai problemi di Svyaznoy CJSC, e poi ci sono argomenti sulla chiusura dei negozi di comunicazione con lo stesso nome, enormi debiti verso tutti, dal servizio fiscale ai fornitori di beni, cioè i produttori . Gli eroi delle dispute in rete sul nulla hanno stretto le mani sulla tastiera, assaporando i dettagli e il calo dei prezzi in arrivo. Svendere il resto della proprietà è il sacro dovere di ogni azienda che ha dichiarato bancarotta. Secondo loro.

Ad essere onesto, non volevo assolutamente scrivere del presunto fallimento della rete di vendita al dettaglio di Svyaznoy e di questa situazione. E il punto non è che tutti gli imputati in questo caso conoscano bene, siamo amici di alcuni di loro da molti anni. Così ho scritto e ho pensato: dopotutto, è del tutto possibile scrivermi come persona interessata, che la mia professione non implica affatto. Per calmare la mia coscienza, voglio sottolineare che l'amicizia con persone di altre aziende o le relazioni amichevoli non sono meno forti, il che è giusto passare in un altro campo di attività. Vero, certo, e lì, nel corso del lavoro, appariranno nuovi amici, amici, che dovrai cercare una nuova sfera di applicazione delle tue capacità.

Cosa ti ha spinto a mettere da parte i tuoi dubbi e sederti per scrivere questo articolo? Probabilmente, il desiderio di punteggiare tutti i casi, che sembra estremamente semplice, si spiega in cinque minuti, ma attorno al quale https://cars45.com. gh/ jUUbBY9iV266jRSFw1WSxsy4 hanno già escogitato un mucchio di bugie, fatti contorti e storie. Inoltre, la presentazione include solo miei pensieri, riflessioni, si basa sulla conoscenza generale del mercato, dei meccanismi del suo lavoro e non è in alcun modo collegata alla posizione ufficiale o ufficiosa dell'una o dell'altra parte in questo caso di fallimento. Una scusa così ingombrante è fatta appositamente per i cinici che considereranno che il tuo obbediente servitore ha una conoscenza segreta, numeri di conto nelle banche austriache ed è generalmente interessato a questa questione più di altri. Mi affretto a deludere, il mio interesse è esclusivamente immateriale. Ma proviamo a rispondere alla domanda, c'era un ragazzo?

Alla fine di settembre 2007, non ricordo in quale data, io e il mio amico di un'azienda in competizione con Svyaznoy eravamo seduti davanti a un boccale di birra. Il buon umore, il calore in contrasto con la giornata piovosa all'esterno, hanno portato a uno scambio casuale di voci, pettegolezzi e fatti. Di passaggio, un amico ha osservato che il servizio fiscale ha presentato una denuncia contro Svyaznoy per consegne all'ingrosso di telefoni in periodi precedenti, un importo significativo, ma non fatale. L'informazione non ha causato esattamente alcuna risposta ed eccitazione nella mia anima. La ragione di tale passività era che Svyaznoy non era la prima e non l'ultima azienda ad avere una domanda simile. Ci siamo lamentati a lungo che le regole del gioco vengono modificate dallo Stato con effetto retroattivo, che le viti si stringono sempre di più, che le elezioni sono avanti. La conversazione si è spostata senza intoppi sulla politica, sulle donne ed è andata dall'altra parte. Tutte le grandi aziende, persone di loro, impegnate nella fornitura di telefoni in Russia, queste informazioni hanno causato all'incirca la stessa reazione. Le affermazioni delle autorità fiscali in quel momento erano come parlare del tempo, diversi giocatori potevano competere per l'importo degli arretrati che erano loro fatturati.

Calma olimpica? No no e ancora una volta no. La situazione era vista semplicemente da un'angolazione diversa e aveva un significato diverso. Nella crisi doganale del 2005, quando il servizio doganale scoprì “inaspettatamente” il mercato dei cellulari e il fatto che questi si materializzassero all'interno del Paese senza oltrepassare il confine, la domanda principale per lo Stato era come imbiancare il mercato, renderlo trasparente , ufficiale e aumentare la riscossione delle tasse. Invece di cercare e correre dietro a imprese sfuggenti di un giorno, è stato inferto un colpo ai grandi giocatori, gli assegni hanno toccato letteralmente tutte le società. Il lavoro di alcuni è rimasto paralizzato, altri sono stati "fortunati", ad esempio all'Euroset sono stati trovati telefoni "dannosi", che erano prima contraffatti, poi importati con violazioni, poi semplicemente distrutti. È vero, in seguito si è scoperto che non tutti erano stati distrutti e un nuovo procedimento penale era già stato aperto contro coloro che avrebbero dovuto distruggere i dispositivi. Si è scoperto che i telefoni Motorola terribilmente "dannosi" sono stati venduti sul mercato interno e che gli autori sono stati promessi di essere puniti. Nessuna informazione, invece, sui risultati di quel caso è apparsa, tutto è stato tranquillo.

Ora immaginiamo la situazione nella realtà. C'è un mercato nel Paese con un fatturato annuo di 5-6 miliardi di dollari, lo Stato non se ne accorge e non riscuote le tasse. Gli attori di questo mercato erano così ben nascosti da non poter essere trovati? Sembra di no. In qualsiasi città esci e ti imbatti costantemente in tende e negozi di Euroset, Svyaznoy e altri giocatori. Il business non è nell'ombra, non è una vendita da mani o da sotto il pavimento. Si scopre che le tasse non sono state pagate alla dogana e solo, cioè lo stato ha perso le tasse non dalle vendite al dettaglio, ma dalle consegne all'ingrosso. Puoi anche ricordare gli stipendi in busta, ma all'inizio del secolo era un segno di "ottimizzazione" della maggior parte delle aziende e degli affari.

In effetti, le persone che controllavano la fornitura di beni al Paese dalla parte dello stato erano interessate al fatto che il mercato non fosse trasparente. Al momento della consegna della merce, si può chiedere denaro per il servizio di importazione sotto gli occhi chiusi dei doganieri e riceverla; all'interno del Paese altre persone in divisa potrebbero ritirare la merce senza spiegarne i motivi e senza conseguenze. Il motivo del ritiro della merce è contraffatto. E vai a dimostrare che hai importato la merce, l'hai pagata. Gli schemi applicati erano confusi, opachi, che davano spazio a tutti i tipi di azioni. La debolezza dello Stato è la ragione di questo stato di cose. Alcuni funzionari hanno fatto milioni di fortune in pochi giorni e l'appetito viene dal mangiare.

Nel 2005 è arrivato dall'alto un segnale chiaro e inequivocabile: è necessario riscuotere le tasse per l'erario dello Stato. È giunto un momento travagliato. Da un lato c'erano mercanti con i quali erano già stati stabiliti legami, dall'altro c'era una reale opportunità di perdere un punto di ristoro per non aver seguito gli ordini dell'alto comando. Le teste calde a terra hanno proposto uno schema di "compromesso": importare alcune delle merci come prima e imbianchiamo completamente il resto. Ma l'auto iniziò a girare e i loro stessi compagni fermarono tali schemi, non c'era accordo nei ranghi. Gli affari in un paio di mesi divennero improvvisamente bianchi come la prima neve. All'inizio, le aziende in qualche modo "aiutavano" i loro "parenti" nel servizio pubblico, ma poi si sono poste una domanda ragionevole: per cosa stiamo pagando? Tutto secondo la lettera e nello spirito della legge, non vengono effettuate transazioni non ufficiali, cosa pagare? Le ricevute nelle tasche private si sono prosciugate.

Durante l'anno è iniziato un gioco di nervi, gli ispettori hanno fatto il giro delle aziende e hanno studiato le merci, le lettere di vettura, gli schemi di consegna, tutti i dettagli. Rendendosi conto che sarebbe stato impossibile scavare nelle forniture, è stata utilizzata una minaccia banale ma efficace. Finché tutte le circostanze non saranno chiarite, sigilleremo il magazzino e poi lo sistemeremo. Per un prodotto come i telefoni cellulari, anche una settimana può incidere seriamente sul valore, quindi le minacce a volte hanno funzionato. Ma poi, inaspettatamente, è venuto in soccorso il servizio doganale, che non aveva proprio bisogno dell'intervento degli alleati. Di tanto in tanto, i funzionari doganali segnalavano prontamente che questo o quel prodotto era ufficiale, consegnato non oltre la tesoreria e fornivano prontamente tutti i documenti. Si è verificata una situazione di stallo.

I giornalisti o i commentatori che cercano di presentare l'azienda e le persone che ne fanno parte come personaggi che sognano solo di carpirne di più, rubare qualcosa e bere ciò che è stato rubato si sbagliano di grosso. Per le imprese è importante lavorare secondo le regole del gioco, che sono chiare a tutte le parti, la stabilità è importante. Fino alla metà del 2005, lo stato giocava con le stesse regole, qualsiasi tentativo di seguire la lettera della legge porterebbe al fatto che qualsiasi azienda all'ingrosso o al dettaglio andrebbe immediatamente in malora. Da idealista che segue ideali irrealizzabili. È impossibile chiamare idioti gli uomini d'affari russi, hanno sempre capito la situazione del mercato.

Così, il mercato è diventato bianco, dietro le quinte sono stati dimenticati i vecchi peccati, così come l'incapacità dello Stato in quegli anni di controllare la situazione, o meglio, la riluttanza delle persone che rappresentano il potere in qualsiasi controllo ufficiale. Lo stato concedeva tacitamente indulgenza alle società, costringendole a diventare completamente legali in breve tempo, gli statisti vincevano in tasse. Inoltre, non ci sono state ricerche di catene di approvvigionamento, una storia confusa con gite di un giorno e simili, il colpo è stato affrontato in modo sgarbato e senza complicazioni. La logica era qualcosa del genere. Sappiamo che le merci arrivano da te, è difficile e lungo cercare un giorno e dimostrare le tue connessioni. Considera tutte le azioni dei vari organismi di ispezione e regolamentazione come un avvertimento, devi diventare bianco. L'attività ha reagito in breve tempo ed è diventata legale.

Per tutta la prima metà del 2007 sembrava che ci fosse felicità: lo stato riscuote le tasse, le vendite sono stabili, il margine è piccolo, ma costante, in qualche modo le catene di vendita al dettaglio si sono adattate, hanno iniziato ad entrare nel gusto del commercio legale. Ma poi è nata un'altra storia: il fisco ha scoperto “inaspettatamente” che quegli schemi per la fornitura di telefoni che erano prima dell'agosto 2005 sì, a dire il vero, e anche fino al 2006, anche compreso, hanno permesso di risparmiare le tasse . Qualcuno ne dubitava? L'auto ha ripreso a girare, hanno iniziato a calcolare il "danno" dello stato. Per me, e questa è la mia personale opinione, alcune storie valgono la pena dimenticare e ricominciare la vita da zero. Tornare al passato e scavare dentro, trovare problemi individuali e fare pressione sugli attori esistenti non porta al rafforzamento dello stato, ma alla scomparsa delle vendite, alla complicazione degli affari e, di conseguenza, a un calo del riscossione delle imposte correnti.

Ma formalmente, tutti i diritti sono dalla parte del servizio fiscale, che può riscuotere le tasse non riscosse, calcolare multe, in una parola, eseguire l'intera gamma di misure. Qui sorge la domanda: in relazione a chi? Le aziende di oggi che gestiscono determinate catene di vendita al dettaglio spesso non hanno nulla in comune con le aziende del passato. Alcuni sono chiusi, altri sono falliti perché non necessari, la storia è sempre più o meno la stessa. Nessuno dei giocatori conduce la propria attività attraverso società che in passato hanno avuto consegne che hanno attirato l'attenzione degli organismi di ispezione, nella migliore delle ipotesi sono tenute a galla per qualche motivo.

E qui, secondo i giornalisti della stampa online, Svyaznoy CJSC è legato all'attività di vendita al dettaglio dell'azienda. Sebbene su una dozzina di società che fanno parte del gruppo Svyaznoy, questa chiaramente non era impegnata nella vendita al dettaglio, ma fungeva da cuscinetto per le consegne all'ingrosso. Lavorando con un numero enorme di telefoni per un giorno, e questo è il modo in cui gli affari erano organizzati ovunque, l'azienda ha passato un grande flusso di telefoni attraverso se stessa. Prendo atto che i destinatari finali della merce dovevano pagare le tasse. Ma dove trovarli oggi? Uguale alla ricerca del vento in campo, ci sono centinaia di società del genere, tutte chiuse e il gioco non vale la candela. Pertanto, le pretese fiscali sono state appese a Svyaznoy CJSC. Non tutto è così semplice nella situazione, non così inequivocabilmente, ma il descritto avviene.

Ad esempio, conosci il nome della società che gestisce tutti i saloni, non la rete commerciale Euroset, ma? Sono sicuro che non lo sai. Il volume del caso Svyaznoy è solo in una cosa: la consonanza del grossista con la rete di vendita al dettaglio, sebbene non siano né legalmente né effettivamente collegati in alcun modo. Si tratta di aziende diverse che combinano personalità e niente di più. In effetti, è possibile avanzare pretese nei confronti di una società e delle persone ad essa collegate, ma queste pretese non si applicano ad altre persone giuridiche.

Nell'ultimo anno, il fallimento di numerose società che hanno dovuto far fronte a grandi quantità di pretese fiscali è diventato un luogo comune. Ma non ha avuto un'ampia risonanza, dal momento che i nomi delle società non erano associati a questa o quella attività di vendita al dettaglio. In questa situazione, si è rivelato magnificamente. La maggior parte dei giornalisti (Vedomosti, il primo a scrivere su questo, erano estremamente corretti, a differenza di tutti gli altri) non si sono presi la briga di pensare in linea di principio. Quindi la bici sta girando per il mercato che la catena di vendita al dettaglio Svyaznoy è in bancarotta, anche se tutti capiscono dove si trova l'anziano e dove si trova lo zio. Mi è piaciuto il ragionamento in una delle pubblicazioni sull'ammontare dei debiti verso i produttori. La cosa principale è che puoi controllare queste informazioni con un paio di chiamate a uno qualsiasi degli uffici di rappresentanza delle società fornitrici. Penso che sarebbero felici di confermare che non ci sono debiti e che le merci vengono regolarmente consegnate alla rete di vendita al dettaglio di Svyaznoy.

I sostenitori delle teorie del complotto hanno ricordato che durante il periodo di verifica della purezza dei beni di Svyaznoy, questo destino era passato e hanno immediatamente iniziato a scrivere che erano altri attori del mercato a "si vendicare". Se così fosse, la vendetta sarebbe strana, perché è successa esattamente la stessa cosa con altre società. Un'altra cosa è che i nomi delle loro figlie sono diversi e non sono in alcun modo collegati a marchi di catene di vendita al dettaglio, poco conosciute.

Lo stato, dopo aver ricostruito le regole del gioco in movimento, si aspetta che gli affari sopportino diligentemente e paghino volentieri tutte le bollette, aumentando la riscossione delle tasse per ciascuno dei dipartimenti. Il business aderisce a un punto di vista diverso, credendo di essere diventato legale e di averlo pagato con i suoi profitti, è arrivato sull'orlo della redditività. Non c'è bisogno di idealizzare il business in quanto tale, ma in questa situazione la posizione dello stesso Svyaznoy è comprensibile e facilmente spiegabile. Il fallimento di una controllata è una risposta alle pretese del servizio fiscale per forniture ante crisi doganale, cioè per un periodo in cui l'intero mercato viveva diversamente. La società sta giocando in campo legale e sta ancora surclassando lo stato. In effetti, per dimostrare il collegamento di Svyaznoy CJSC con altre società, per tracciare il percorso della merce, il suo destino, è necessario compiere sforzi. Questo è qualcosa che i vari dipartimenti non possono fare, semplicemente non hanno gli specialisti, il tempo, l'esperienza e il desiderio appropriati. Per qualche ragione, invece di abili oggetti di persuasione, i funzionari preferiscono ancora un club.

Probabilmente a causa di tutto quanto sopra, sembra che la situazione con il fallimento di una delle filiali di Svyaznoy non sembri critica, non influisca sull'attività della società nel suo insieme. Questo è uno sbuffo rumoroso che non influisce direttamente sul mercato in alcun modo.

Ancora una volta, farò una riserva sul fatto che questa è la mia posizione personale su questo argomento e non si interseca in alcun modo con quella di altri lati di questa storia. Se Svyaznoy, il servizio fiscale della Federazione Russa o uno degli statisti vogliono discutere pubblicamente di questa situazione, saremo felici di tornare su questo argomento e offrire le nostre pagine per tale discussione. Ma mi sembra che questa storia non sia di quelle che vivono a lungo, nonostante le dichiarazioni ad alta voce.

Fallimento di Svyaznoy, note a margine

Hai sentito che la società Svyaznoy è in bancarotta? Fallimento: ecco come viene descritta la situazione attorno ai problemi di Svyaznoy CJSC, e poi ci sono argomenti sulla chiusura dei negozi di comunicazione con lo stesso nome, enormi debiti verso tutti, dal servizio fiscale ai fornitori di beni, cioè i produttori . Gli eroi delle dispute in rete hanno stretto le mani sulle tastiere sul nulla, assaporando i dettagli e il calo dei prezzi in arrivo. Svendere il resto della proprietà è il sacro dovere di ogni azienda che ha dichiarato bancarotta. Secondo loro.

Ad essere onesto, non volevo assolutamente scrivere del presunto fallimento della rete di vendita al dettaglio di Svyaznoy e di questa situazione. E il punto non è che tutti gli imputati in questo caso conoscano bene, siamo amici di alcuni di loro da molti anni. Così ho scritto e ho pensato: dopotutto, è del tutto possibile scrivermi come persona interessata, che la mia professione non implica affatto. Per calmare la mia coscienza, voglio sottolineare che l'amicizia con persone di altre aziende o le relazioni amichevoli non sono meno forti, il che è giusto passare in un altro campo di attività. Vero, certo, e lì, nel corso del lavoro, appariranno nuovi amici, amici, che dovrai cercare una nuova sfera di applicazione delle tue capacità.

Cosa ti ha spinto a mettere da parte i tuoi dubbi e sederti per scrivere questo articolo? Probabilmente, il desiderio di punteggiare il caso, che sembra estremamente semplice, viene spiegato in cinque minuti, ma attorno al quale https://cars45.com.gh/jUUbBY9iV266jRSFw1WSxsy4 hanno già accumulato un mucchio di bugie, fatti mischiati e favole. Inoltre, la presentazione include solo miei pensieri, riflessioni, si basa sulla conoscenza generale del mercato, dei meccanismi del suo lavoro e non è in alcun modo collegata alla posizione ufficiale o ufficiosa dell'una o dell'altra parte in questo caso di fallimento. Una scusa così ingombrante è fatta appositamente per i cinici che considereranno che il tuo obbediente servitore ha una conoscenza segreta, numeri di conto nelle banche austriache ed è generalmente interessato a questa questione più di altri. Mi affretto a deludere, il mio interesse è esclusivamente immateriale. Ma proviamo a rispondere alla domanda, c'era un ragazzo?

Cosa ti ha spinto a mettere da parte i tuoi dubbi e sederti per scrivere questo articolo? Probabilmente, la voglia di punteggiare tutti i casi, che sembra estremamente semplice, si spiega in cinque minuti, ma intorno a quale https://cars45.com.gh/jUUbBY9iV266jRSFw1WSxsy4 https://cars45.com.gh/jUUbBY9iV266jRSFw1WSxsy4 già accumulato un mucchio di bugie, fatti e favole mescolati. Inoltre, la presentazione include solo miei pensieri, riflessioni, si basa sulla conoscenza generale del mercato, dei meccanismi del suo lavoro e non è in alcun modo collegata alla posizione ufficiale o ufficiosa dell'una o dell'altra parte in questo caso di fallimento. Una scusa così ingombrante è fatta appositamente per i cinici che considereranno che il tuo obbediente servitore ha una conoscenza segreta, numeri di conto nelle banche austriache ed è generalmente interessato a questa questione più di altri. Mi affretto a deludere, il mio interesse è esclusivamente immateriale. Ma proviamo a rispondere alla domanda, c'era un ragazzo?

Alla fine di settembre 2007, non ricordo in quale data, io e il mio amico di un'azienda in competizione con Svyaznoy eravamo seduti davanti a un boccale di birra. Il buon umore, il calore in contrasto con la giornata piovosa all'esterno, hanno portato a uno scambio casuale di voci, pettegolezzi e fatti. Di passaggio, un amico ha osservato che il servizio fiscale ha presentato una denuncia contro Svyaznoy per consegne all'ingrosso di telefoni in periodi precedenti, un importo significativo, ma non fatale. L'informazione non ha causato esattamente alcuna risposta ed eccitazione nella mia anima. La ragione di tale passività era che Svyaznoy non era la prima e non l'ultima azienda ad avere una domanda simile.Ci siamo lamentati a lungo che le regole del gioco vengono modificate dallo Stato con effetto retroattivo, che le viti si stringono sempre di più, che le elezioni sono avanti. La conversazione si è spostata senza intoppi sulla politica, sulle donne ed è andata dall'altra parte. Tutte le grandi aziende, persone di loro, impegnate nella fornitura di telefoni in Russia, queste informazioni hanno causato all'incirca la stessa reazione. Le affermazioni delle autorità fiscali in quel momento erano come parlare del tempo, diversi giocatori potevano competere per l'importo degli arretrati che erano loro fatturati.

Calma olimpica? No no e ancora una volta no. La situazione era considerata semplicemente da un'angolazione diversa e aveva un significato diverso. Nella crisi doganale del 2005, quando il servizio doganale scoprì “inaspettatamente” il mercato dei cellulari e il fatto che questi si materializzassero all'interno del Paese senza oltrepassare il confine, la domanda principale per lo Stato era come imbiancare il mercato, renderlo trasparente , ufficiale e aumentare la riscossione delle tasse. Invece di cercare e correre dietro a imprese sfuggenti di un giorno, è stato inferto un colpo ai grandi giocatori, gli assegni hanno toccato letteralmente tutte le società. Il lavoro di alcuni è rimasto paralizzato, altri sono stati "fortunati", ad esempio all'Euroset sono stati trovati telefoni "dannosi", che erano prima contraffatti, poi importati con violazioni, poi semplicemente distrutti. Tuttavia, in seguito si è scoperto che non tutti erano stati distrutti e che era già stata avviata una nuova causa penale contro coloro che avrebbero dovuto distruggere i dispositivi. Si è scoperto che i telefoni Motorola terribilmente "dannosi" sono stati venduti sul mercato interno e che gli autori sono stati promessi di essere puniti. Nessuna informazione, invece, sui risultati di quel caso è apparsa, tutto è stato tranquillo.

Ora immaginiamo la situazione nella realtà. C'è un mercato nel Paese con un fatturato annuo di 5-6 miliardi di dollari, lo Stato non se ne accorge e non riscuote le tasse. Gli attori di questo mercato erano così ben nascosti da non poter essere trovati? Sembra di no. In qualsiasi città esci e ti imbatti costantemente in tende e negozi di Euroset, Svyaznoy e altri giocatori. Il business non è nell'ombra, non è una vendita da mani o da sotto il pavimento. Si scopre che le tasse non sono state pagate alla dogana e solo, cioè lo stato ha perso le tasse non dalle vendite al dettaglio, ma dalle consegne all'ingrosso. Puoi anche ricordare gli stipendi in busta, ma all'inizio del secolo era un segno della maggior parte delle aziende e dell'"ottimizzazione" del business.

In effetti, le persone che controllavano la fornitura di beni al Paese dalla parte dello stato erano interessate al fatto che il mercato non fosse trasparente. Al momento della consegna della merce, si può chiedere denaro per il servizio di importazione sotto gli occhi chiusi dei doganieri e riceverla; all'interno del Paese altre persone in divisa potrebbero ritirare la merce senza spiegarne i motivi e senza conseguenze. Il motivo del ritiro della merce è contraffatto. E vai a dimostrare che hai importato la merce, l'hai pagata. Gli schemi applicati erano confusi, opachi, che davano spazio a tutti i tipi di azioni. La debolezza dello Stato è la ragione di questo stato di cose. Alcuni funzionari hanno fatto milioni di fortune in pochi giorni e l'appetito viene dal mangiare.

Nel 2005 è arrivato dall'alto un segnale chiaro e inequivocabile: è necessario riscuotere le tasse per l'erario dello Stato. È giunto un momento travagliato. Da un lato c'erano mercanti con i quali erano già stati stabiliti legami, dall'altro c'era una reale opportunità di perdere un punto di ristoro per non aver seguito gli ordini dell'alto comando. Le teste calde a terra hanno proposto uno schema di "compromesso": importare alcune delle merci come prima e imbianchiamo completamente il resto. Ma l'auto iniziò a girare e i loro stessi compagni fermarono tali schemi, non c'era accordo nei ranghi. Gli affari in un paio di mesi divennero improvvisamente bianchi come la prima neve. All'inizio, le aziende in qualche modo "aiutavano" i loro "parenti" nel servizio pubblico, ma poi si sono poste una domanda ragionevole: per cosa stiamo pagando? Tutto secondo la lettera e nello spirito della legge, non vengono effettuate transazioni non ufficiali, cosa pagare? Le ricevute nelle tasche private si sono prosciugate.

Durante l'anno è iniziato un gioco di nervi, gli ispettori hanno fatto il giro delle aziende e hanno studiato le merci, le lettere di vettura, gli schemi di consegna, tutti i dettagli. Rendendosi conto che sarebbe stato impossibile scavare nelle forniture, è stata utilizzata una minaccia banale ma efficace. Finché tutte le circostanze non saranno chiarite, sigilleremo il magazzino e poi lo sistemeremo. Per un prodotto come i telefoni cellulari, anche una settimana può incidere seriamente sul valore, quindi le minacce a volte hanno funzionato. Ma poi, inaspettatamente, è venuto in soccorso il servizio doganale, che non aveva proprio bisogno dell'intervento degli alleati. Di tanto in tanto, i funzionari doganali segnalavano prontamente che questo o quel prodotto era ufficiale, consegnato non oltre la tesoreria e fornivano prontamente tutti i documenti. Si è verificata una situazione di stallo.

I giornalisti o i commentatori che cercano di presentare l'azienda e le persone che ne fanno parte come personaggi che sognano solo di carpirne di più, rubare qualcosa e bere ciò che è stato rubato si sbagliano di grosso. Per le imprese è importante lavorare secondo le regole del gioco, che sono chiare a tutte le parti, la stabilità è importante. Fino alla metà del 2005, lo stato giocava con le stesse regole, qualsiasi tentativo di seguire la lettera della legge porterebbe al fatto che qualsiasi azienda all'ingrosso o al dettaglio andrebbe immediatamente in malora. Da idealista che segue ideali irrealizzabili. È impossibile chiamare idioti gli uomini d'affari russi, hanno sempre capito la situazione del mercato.

Così, il mercato è diventato bianco, dietro le quinte sono stati dimenticati i vecchi peccati, così come l'incapacità dello Stato in quegli anni di controllare la situazione, o meglio, la riluttanza delle persone che rappresentano il potere in qualsiasi controllo ufficiale. Lo stato concedeva tacitamente indulgenza alle società, costringendole a diventare completamente legali in breve tempo, gli statisti vincevano in tasse. Inoltre, non ci sono state ricerche di catene di approvvigionamento, una storia confusa con gite di un giorno e simili, il colpo è stato affrontato in modo sgarbato e senza complicazioni. La logica era qualcosa del genere. Sappiamo che le merci arrivano da te, è difficile e lungo cercare un giorno e dimostrare le tue connessioni. Considera tutte le azioni dei vari organismi di ispezione e regolamentazione come un avvertimento, devi diventare bianco. L'attività ha reagito in breve tempo ed è diventata legale.

Per tutta la prima metà del 2007 sembrava che ci fosse felicità: lo stato riscuote le tasse, le vendite sono stabili, il margine è piccolo, ma costante, in qualche modo le catene di vendita al dettaglio si sono adattate, hanno iniziato ad entrare nel gusto del commercio legale. Ma poi è nata un'altra storia: il fisco ha scoperto “inaspettatamente” che quegli schemi per la fornitura di telefoni che erano prima dell'agosto 2005 sì, a dire il vero, e anche fino al 2006, anche compreso, hanno permesso di risparmiare le tasse . Qualcuno ne dubitava? L'auto ha ripreso a girare, hanno iniziato a calcolare il "danno" dello stato. Per me, e questa è la mia personale opinione, alcune storie valgono la pena dimenticare e ricominciare la vita da zero. Tornare al passato e scavare dentro, trovare problemi individuali e fare pressione sugli attori esistenti non porta al rafforzamento dello stato, ma alla scomparsa delle vendite, alla complicazione degli affari e, di conseguenza, a un calo del riscossione delle imposte correnti.

Ma formalmente, tutti i diritti sono dalla parte del servizio fiscale, che può riscuotere le tasse non riscosse, calcolare multe, in una parola, eseguire l'intera gamma di misure. Qui sorge la domanda: in relazione a chi? Le aziende di oggi che gestiscono determinate catene di vendita al dettaglio spesso non hanno nulla in comune con le aziende del passato. Alcuni sono chiusi, altri sono falliti perché non necessari, la storia è sempre più o meno la stessa. Nessuno dei giocatori conduce la propria attività attraverso società che in passato hanno avuto consegne che hanno attirato l'attenzione degli organismi di ispezione, nella migliore delle ipotesi sono tenute a galla per qualche motivo.

E qui, secondo i giornalisti della stampa online, Svyaznoy CJSC è legato all'attività di vendita al dettaglio dell'azienda. Sebbene su una dozzina di società che fanno parte del gruppo Svyaznoy, questa chiaramente non era impegnata nella vendita al dettaglio, ma fungeva da cuscinetto per le consegne all'ingrosso. Lavorando con un numero enorme di telefoni per un giorno, e questo è il modo in cui gli affari erano organizzati ovunque, l'azienda ha passato un grande flusso di telefoni attraverso se stessa. Prendo atto che i destinatari finali della merce dovevano pagare le tasse. Ma dove trovarli oggi? Uguale alla ricerca del vento in campo, ci sono centinaia di società del genere, tutte chiuse e il gioco non vale la candela. Pertanto, le pretese fiscali sono state appese a Svyaznoy CJSC. Non tutto è così semplice nella situazione, non così inequivocabilmente, ma il descritto avviene.

Ad esempio, conosci il nome della società che gestisce tutti i saloni, non la rete commerciale Euroset, ma? Sono sicuro che non lo sai. Il volume del caso Svyaznoy è solo in una cosa: la consonanza del grossista con la rete di vendita al dettaglio, sebbene non siano né legalmente né effettivamente collegati in alcun modo. Si tratta di aziende diverse che combinano personalità e niente di più. In effetti, è possibile avanzare pretese nei confronti di una società e delle persone ad essa collegate, ma queste pretese non si applicano ad altre persone giuridiche.

Nell'ultimo anno, il fallimento di numerose società che hanno dovuto far fronte a grandi quantità di pretese fiscali è diventato un luogo comune. Ma non ha avuto un'ampia risonanza, dal momento che i nomi delle società non erano associati a questa o quella attività di vendita al dettaglio. In questa situazione, si è rivelato magnificamente. La maggior parte dei giornalisti (Vedomosti, il primo a scrivere su questo, erano estremamente corretti, a differenza di tutti gli altri) non si sono presi la briga di pensare in linea di principio. Quindi la bici sta girando per il mercato che la catena di vendita al dettaglio Svyaznoy è in bancarotta, anche se tutti capiscono dove si trova l'anziano e dove si trova lo zio. Mi è piaciuto il ragionamento in una delle pubblicazioni sull'ammontare dei debiti verso i produttori. La cosa principale è che puoi controllare queste informazioni con un paio di chiamate a uno qualsiasi degli uffici di rappresentanza delle società fornitrici. Penso che sarebbero felici di confermare che non ci sono debiti e che le merci vengono regolarmente consegnate alla rete di vendita al dettaglio di Svyaznoy.

I sostenitori delle teorie del complotto hanno ricordato che durante il periodo di verifica della purezza dei beni di Svyaznoy, questo destino era passato e hanno immediatamente iniziato a scrivere che erano altri attori del mercato a "si vendicare". Se così fosse, la vendetta sarebbe strana, perché è successa esattamente la stessa cosa con altre società. Un'altra cosa è che i nomi delle loro figlie sono diversi e non sono in alcun modo collegati a marchi di catene di vendita al dettaglio, poco conosciute.

Lo stato, dopo aver ricostruito le regole del gioco in movimento, si aspetta che gli affari sopportino diligentemente e paghino volentieri tutte le bollette, aumentando la riscossione delle tasse per ciascuno dei dipartimenti. Il business aderisce a un punto di vista diverso, credendo di essere diventato legale e di averlo pagato con i suoi profitti, è arrivato sull'orlo della redditività. Non c'è bisogno di idealizzare il business in quanto tale, ma in questa situazione la posizione dello stesso Svyaznoy è comprensibile e facilmente spiegabile. Il fallimento di una controllata è una risposta alle pretese del servizio fiscale per forniture ante crisi doganale, cioè per un periodo in cui l'intero mercato viveva diversamente. La società sta giocando in campo legale e sta ancora surclassando lo stato. In effetti, per dimostrare il collegamento di Svyaznoy CJSC con altre società, per tracciare il percorso della merce, il suo destino, è necessario compiere sforzi. Questo è qualcosa che i vari dipartimenti non possono fare, semplicemente non hanno gli specialisti, il tempo, l'esperienza e il desiderio appropriati. Per qualche ragione, invece di abili oggetti di persuasione, i funzionari preferiscono ancora un club.

Probabilmente a causa di tutto quanto sopra, sembra che la situazione con il fallimento di una delle filiali di Svyaznoy non sembri critica, non influisca sull'attività della società nel suo insieme. Questo è uno sbuffo rumoroso che non influisce direttamente sul mercato in alcun modo.

Ancora una volta, farò una riserva sul fatto che questa è la mia posizione personale su questo argomento e non si interseca in alcun modo con quella di altri lati di questa storia. Se Svyaznoy, il servizio fiscale della Federazione Russa o uno degli statisti vogliono discutere pubblicamente di questa situazione, saremo felici di tornare su questo argomento e offrire le nostre pagine per tale discussione. Ma mi sembra che questa storia non sia di quelle che vivono a lungo, nonostante le dichiarazioni ad alta voce.