it opay

Huawei Musica. Occhio critico

I servizi di musica in streaming hanno prosperato come funghi dopo la pioggia e sembra che ogni azienda più o meno grande stia cercando di creare un proprio servizio simile per ampliare il portafoglio di servizi forniti e raggiungere un vasto pubblico, non dipendere da altri e, ovviamente, fare soldi, se possibile.

Huawei ha lanciato il proprio servizio musicale in Russia (puoi scaricarlo da AppGallery o da risorse di terze parti. L'applicazione non è disponibile nel Play Market), che non potevo passare da me, un appassionato amante della musica portatile e un utente di lunga data di servizi di streaming.

Al momento, il mio servizio musicale principale è da molto tempo Spotify, che, sebbene non sia più il migliore in termini di qualità del suono tra tutti i servizi, come una volta, ha un sacco di altri vantaggi, tra cui un'ampia libreria musicale, impostazioni flessibili della playlist e fantastici algoritmi per selezionare la musica in base agli interessi e ai brani ascoltati in precedenza.

Ma anche le cose e i fenomeni più convenienti e buoni tendono a dare fastidio, quindi la ricerca del meglio non si ferma. Così, il servizio musicale Huawei è entrato nel mio campo visivo.

Un ulteriore motivo per provare il servizio è stato il fatto che il mio telefono principale è un dispositivo Huawei, in cui questo servizio musicale era preinstallato nel firmware, poiché faceva parte del lettore musicale standard "Music". Dato che agli utenti dei telefoni Huawei viene fornito un periodo di prova gratuito di tre mesi, è stata sollevata la questione se provare o meno.

Realtà e prospettive del mercato delle professioni informatiche

Quali sono le professioni più popolari e altamente pagate?

Recensione dello smartphone Samsung Galaxy A22s 5G (SM A226B/DSN)

Uno smartphone di nicchia con supporto 5G a un prezzo minimo: non è nemmeno sul sito Web Samsung, ma è venduto in Russia. Confronta con Galaxy A22: ne vale la pena?

Test Kia Picanto. L'ultima delle city car

In qualche modo impercettibilmente, quasi tutte le city car compatte hanno lasciato la Russia, che ha sostituito le berline di classe compatta e le liftback come Hyundai Solaris e Skoda Rapid. Ci sono sempre due vere city car rimaste sul nostro mercato, questo è l'eroe del nostro materiale Kia Picanto e Chevrolet Spark, insieme alla sua controparte con il marchio Ravon.

Recensione delle cuffie TCL TW30 MoveAudio S600 TWS

Qualsiasi produttore di smartphone decente è obbligato a offrire le proprie cuffie TWS con sé. Così TCL ha introdotto a dicembre sul mercato russo non solo uno smartphone di punta, ma anche un headset di punta. Vediamo cosa è successo...

Guardando al futuro, devo dire che questa non è una recensione, ma piuttosto un primo sguardo, una storia su ciò che è stato notato, ciò che ha attirato la mia attenzione, ciò che mi ha sorpreso nel bene e nel male.

Interfaccia

Quindi, la prima cosa che noti è l'interfaccia: è realizzata nello stile di una shell proprietaria e supporta l'installazione di temi.

La gestione viene eseguita in modo insolito: si tratta di elenchi verticali con sezioni orizzontali, ognuno dei quali ha accesso a impostazioni flessibili, per accedervi è necessario toccare i quattro punti nell'angolo in alto a destra. Dell'insolito: la modalità party, che consente di combinare più telefoni collegati a un punto di accesso e riprodurre la stessa melodia su tutti i telefoni, creando un suono surround. Curioso. Dovrò provare a scrivere delle impressioni in una recensione completa, che scriverò entro giovedì prossimo.

Al primo avvio, ti viene richiesto di specificare le tue preferenze musicali e ciò a cui presti immediatamente attenzione è che l'elenco di queste preferenze è piuttosto breve... Dopo aver scelto le tue preferenze, ti viene chiesto di selezionare gli artisti, il elenco di cui anche non brilla di varietà. E questa caratteristica non è un'omissione, ma una conseguenza di uno dei maggiori svantaggi del servizio: una scarsa libreria musicale.

Nella scelta di un genere, il servizio offre una serie di playlist disponibili, tra le quali è ancora difficile trovare quelle adatte a causa di uno strano algoritmo di selezione.

Inoltre, anche dopo aver selezionato l'una o l'altra playlist durante l'ascolto, risulta che quasi tutte le playlist contengono composizioni musicali che vengono spesso utilizzate come musica di sottofondo o come melodie di accompagnamento. Ancora una volta, il motivo, a quanto pare, è nella scarsa libreria musicale.

Impostazioni di ricerca

Un altro punto in cui ti piace o no, ma attiri l'attenzione. Purtroppo, al momento non sarà possibile ordinare le playlist in base a una caratteristica così naturale come la musica nazionale, straniera o mista. Ad esempio, voglio trovare una playlist con musica rock, ma tale che ci siano solo artisti stranieri o, al contrario, nazionali.

Purtroppo, un tale lusso non è stato offerto. O ascolti confuso, o cerchi una playlist già assemblata in anticipo, e anche il gatto ha pianto. È estremamente scomodo e frustrante, perché finora (e, spero, questo sarà corretto), gli algoritmi credono che Morgenstern (Dio mi perdoni) sia, si scopre, rock, e stanno costantemente cercando di vendermelo . E qui arriviamo alla prossima limitazione illogica ed estremamente offensiva.

Impossibile non mettere mi piace

Sì, è vero. Al momento, il servizio non ti consente di contrassegnare artisti o brani specifici come quelli che non vuoi ascoltare. Che ti piaccia o no, ascolterai ciò che il servizio considera popolare e adatto a te. Ad esempio, non percepisco affatto una tale direzione come il rap, in particolare la produzione russa. Ma, ahimè, non ho alcuna possibilità di rifiutarmi di ascoltarlo.

Niente antipatie per te, niente "Escludi questo brano/artista" per te. Sì, anche solo per segnare ciò che ti piace, non puoi. È vero, puoi aggiungere ai preferiti, che, a quanto pare, è un analogo del segno "Mi piace", ma non è noto come funziona e se questa scelta verrà presa in considerazione durante la formazione delle playlist. Ma perché non escludere interpreti e composizioni? Questo è il dolore più grande per me in questo momento. Vediamo cosa succede dopo, ma posso presumere che il pulsante "Escludi artista" apparirà dopo che il servizio avrà acquisito una libreria musicale a tutti gli effetti, composta principalmente da brani reali, popolari e non, e non, come è ora, misti con musica di sottofondo, perché in un determinato momento si ha la sensazione che un gioco sia in esecuzione in background sul telefono, in cui è in corso la riproduzione della schermata iniziale.

Sì, ma c'è un promemoria di quanto sia bello essere un abbonato premium. Perché così fastidioso?

Raccomandazioni

Guardando questo articolo, ci si chiede perché ho scelto le mie preferenze proprio all'inizio. Perché ho segnato generi e artisti? In che modo i miei Rob Zombie e Manowar scelti si adattano al nuovo pop e al caldo Tik Tok?

Chi sono i Miyagi e di cosa parla la loro canzone "Patron"? Personalmente sono completamente disinteressato, non voglio nemmeno scoprirlo, ma devo vederlo nella pagina iniziale e non ho possibilità di liberarmene. Oh sì, ma se fai clic accidentalmente su qualcosa offerto nella pagina iniziale, uscirà da tutte le crepe in quantità tali che vorrai rimuovere la fonte di questa oscenità e non aprirla mai. E allo stesso tempo, è impossibile eliminare ciò che hai ascoltato dalla cronologia. Ebbene sì, mi sono emozionato, non c'è (sì) una reazione così acuta, ma è comunque molto spiacevole.

Pertanto, dato tutto quanto sopra sui consigli, possiamo concludere che funzionano secondo un algoritmo molto strano e, a quanto pare, sono impostati per costringere il cliente ad ascoltare ciò che è nella libreria musicale ad ogni costo, indipendentemente dai suoi gusti e preferenze.

Huawei Musica. Occhio critico

I servizi di musica in streaming hanno prosperato come funghi dopo la pioggia e sembra che ogni azienda più o meno grande stia cercando di creare un proprio servizio simile per ampliare il portafoglio di servizi forniti e raggiungere un vasto pubblico, non dipendere da altri e, ovviamente, fare soldi, se possibile.

Huawei ha lanciato il proprio servizio musicale in Russia (puoi scaricarlo da AppGallery o da risorse di terze parti. L'applicazione non è disponibile nel Play Market), che non potevo passare da me, un appassionato amante della musica portatile e un utente di lunga data di servizi di streaming.

Al momento, il mio servizio musicale principale è da molto tempo Spotify, che, sebbene non sia più il migliore in termini di qualità del suono tra tutti i servizi, come una volta, ha un sacco di altri vantaggi, tra cui un'ampia libreria musicale, impostazioni flessibili della playlist e fantastici algoritmi per selezionare la musica in base agli interessi e ai brani ascoltati in precedenza.

Ma anche le cose e i fenomeni più convenienti e buoni tendono a dare fastidio, quindi la ricerca del meglio non si ferma. Così, il servizio musicale Huawei è entrato nel mio campo visivo.

Un ulteriore motivo per provare il servizio è stato il fatto che il mio telefono principale è un dispositivo Huawei, in cui questo servizio musicale era preinstallato nel firmware, poiché faceva parte del lettore musicale standard "Music". Dato che agli utenti dei telefoni Huawei viene fornito un periodo di prova gratuito di tre mesi, è stata sollevata la questione se provare o meno.

Realtà e prospettive del mercato delle professioni informatiche

Quali sono le professioni più popolari e altamente pagate?

Recensione dello smartphone Samsung Galaxy A22s 5G (SM A226B/DSN)

Uno smartphone di nicchia con supporto 5G a un prezzo minimo: non è nemmeno sul sito Web Samsung, ma è venduto in Russia. Confronta con Galaxy A22: ne vale la pena?

Test Kia Picanto. L'ultima delle city car

In qualche modo impercettibilmente, quasi tutte le city car compatte hanno lasciato la Russia, che ha sostituito le berline di classe compatta e le liftback come Hyundai Solaris e Skoda Rapid. Ci sono sempre due vere city car rimaste sul nostro mercato, questo è l'eroe del nostro materiale Kia Picanto e Chevrolet Spark, insieme alla sua controparte con il marchio Ravon.

Recensione delle cuffie TCL TW30 MoveAudio S600 TWS

Qualsiasi produttore di smartphone decente è obbligato a offrire le proprie cuffie TWS con sé. Così TCL ha introdotto a dicembre sul mercato russo non solo uno smartphone di punta, ma anche un headset di punta. Vediamo cosa è successo...

Guardando al futuro, devo dire che questa non è una recensione, ma piuttosto un primo sguardo, una storia su ciò che è stato notato, ciò che ha attirato la mia attenzione, ciò che mi ha sorpreso nel bene e nel male.

Interfaccia

Quindi, la prima cosa che noti è l'interfaccia: è realizzata nello stile di una shell proprietaria e supporta l'installazione di temi.

La gestione viene eseguita in modo insolito: si tratta di elenchi verticali con sezioni orizzontali, ognuno dei quali ha accesso a impostazioni flessibili, per accedervi è necessario toccare i quattro punti nell'angolo in alto a destra. Dell'insolito: la modalità party, che consente di combinare più telefoni collegati a un punto di accesso e riprodurre la stessa melodia su tutti i telefoni, creando un suono surround. Curioso. Dovrò provarlo e scrivere delle impressioni in una recensione completa, che scriverò entro giovedì prossimo.

Al primo avvio, ti viene richiesto di specificare le tue preferenze musicali e ciò a cui presti immediatamente attenzione è che l'elenco di queste preferenze è piuttosto breve... Dopo aver scelto le tue preferenze, ti viene chiesto di selezionare gli artisti, il elenco di cui anche non brilla di varietà. E questa caratteristica non è un'omissione, ma una conseguenza di uno dei maggiori svantaggi del servizio: una scarsa libreria musicale.

Nella scelta di un genere, il servizio offre una serie di playlist disponibili, tra le quali è ancora difficile trovare quelle adatte a causa di uno strano algoritmo di selezione.

Inoltre, anche dopo aver selezionato l'una o l'altra playlist durante l'ascolto, risulta che quasi tutte le playlist contengono composizioni musicali che vengono spesso utilizzate come musica di sottofondo o come melodie di accompagnamento. Ancora una volta, il motivo, a quanto pare, è nella scarsa libreria musicale.

Impostazioni di ricerca

Un altro punto in cui ti piace o no, ma attiri l'attenzione. Purtroppo, al momento non sarà possibile ordinare le playlist in base a una caratteristica così naturale come la musica nazionale, straniera o mista. Ad esempio, voglio trovare una playlist con musica rock, ma tale che ci siano solo artisti stranieri o, al contrario, nazionali.

Purtroppo, un tale lusso non è stato offerto. O ascolti confuso, o cerchi una playlist già assemblata in anticipo, e anche il gatto ha pianto. È estremamente scomodo e frustrante, perché finora (e, spero, questo sarà corretto), gli algoritmi credono che Morgenstern (Dio mi perdoni) sia, si scopre, rock, e stanno costantemente cercando di vendermelo . E qui arriviamo alla prossima limitazione illogica ed estremamente offensiva.

Impossibile non mettere mi piace

Sì, è vero. Al momento, il servizio non ti consente di contrassegnare artisti o brani specifici come quelli che non vuoi ascoltare. Che ti piaccia o no, ascolterai ciò che il servizio considera popolare e adatto a te. Ad esempio, non percepisco affatto una tale direzione come il rap, in particolare la produzione russa. Ma, ahimè, non ho alcuna possibilità di rifiutarmi di ascoltarlo.

Niente antipatie per te, niente "Escludi questo brano/artista" per te. Sì, anche solo per segnare ciò che ti piace, non puoi. È vero, puoi aggiungere ai preferiti, che, a quanto pare, è un analogo del segno "Mi piace", ma non è noto come funziona e se questa scelta verrà presa in considerazione durante la formazione delle playlist. Ma perché non escludere interpreti e composizioni? Questo è il dolore più grande per me in questo momento. Vediamo cosa succede dopo, ma posso presumere che il pulsante "Escludi artista" apparirà dopo che il servizio avrà acquisito una libreria musicale a tutti gli effetti, composta principalmente da brani reali, popolari e non, e non, come è ora, misti con musica di sottofondo, perché in un determinato momento si ha la sensazione che un gioco sia in esecuzione in background sul telefono, in cui è in corso la riproduzione della schermata iniziale.

E sì, c'è un promemoria di quanto sia bello essere un membro premium. Perché così fastidioso?

Raccomandazioni

Guardando questo articolo, ci si chiede perché ho scelto le mie preferenze proprio all'inizio. Perché ho segnato generi e artisti? In che modo i miei Rob Zombie e Manowar scelti si adattano al nuovo pop e al caldo Tik Tok?

Chi sono i Miyagi e di cosa parla la loro canzone "Patron"? Personalmente sono completamente disinteressato, non voglio nemmeno scoprirlo, ma devo vederlo nella pagina iniziale e non ho possibilità di liberarmene. Oh sì, ma se fai clic accidentalmente su qualcosa offerto nella pagina iniziale, uscirà da tutte le crepe in quantità tali che vorrai rimuovere la fonte di questa oscenità e non aprirla mai. E allo stesso tempo, è impossibile eliminare ciò che hai ascoltato dalla cronologia. Ebbene sì, mi sono emozionato, non c'è (sì) una reazione così acuta, ma è comunque molto spiacevole.

Pertanto, dato tutto quanto sopra sui consigli, possiamo concludere che funzionano secondo un algoritmo molto strano e, a quanto pare, sono impostati per costringere il cliente ad ascoltare ciò che è nella libreria musicale ad ogni costo, indipendentemente dai suoi gusti e preferenze.

Huawei Musica. Occhio critico

I servizi di musica in streaming hanno prosperato come funghi dopo la pioggia e sembra che ogni azienda più o meno grande stia cercando di creare un proprio servizio simile per ampliare il portafoglio di servizi forniti e raggiungere un vasto pubblico, non dipendere da altri e, ovviamente, fare soldi, se possibile.

Huawei ha lanciato il proprio servizio musicale in Russia (puoi scaricarlo da AppGallery o da risorse di terze parti. L'applicazione non è disponibile nel Play Market), che non potevo passare da me, un appassionato amante della musica portatile e un utente di lunga data di servizi di streaming.

Al momento, il mio servizio musicale principale è da molto tempo Spotify, che, sebbene non sia più il migliore in termini di qualità del suono tra tutti i servizi, come una volta, ha un sacco di altri vantaggi, tra cui un'ampia libreria musicale, impostazioni flessibili della playlist e fantastici algoritmi per selezionare la musica in base agli interessi e ai brani ascoltati in precedenza.

Ma anche le cose e i fenomeni più convenienti e buoni tendono a dare fastidio, quindi la ricerca del meglio non si ferma. Così, il servizio musicale Huawei è entrato nel mio campo visivo.

Un ulteriore motivo per provare il servizio è stato il fatto che il mio telefono principale è un dispositivo Huawei, in cui questo servizio musicale era preinstallato nel firmware, poiché faceva parte del lettore musicale standard "Music". Dato che agli utenti dei telefoni Huawei viene fornito un periodo di prova gratuito di tre mesi, è stata sollevata la questione se provare o meno.

Realtà e prospettive del mercato delle professioni informatiche

Quali sono le professioni più popolari e altamente pagate?

Recensione dello smartphone Samsung Galaxy A22s 5G (SM A226B/DSN)

Uno smartphone di nicchia con supporto 5G a un prezzo minimo: non è nemmeno sul sito Web Samsung, ma è venduto in Russia. Confronta con Galaxy A22: ne vale la pena?

Test Kia Picanto. L'ultima delle city car

In qualche modo impercettibilmente, quasi tutte le city car compatte hanno lasciato la Russia, che ha sostituito le berline di classe compatta e le liftback come Hyundai Solaris e Skoda Rapid. Ci sono sempre due vere city car rimaste sul nostro mercato, questo è l'eroe del nostro materiale Kia Picanto e Chevrolet Spark, insieme alla sua controparte con il marchio Ravon.

Recensione delle cuffie TCL TW30 MoveAudio S600 TWS

Qualsiasi produttore di smartphone decente è obbligato a offrire le proprie cuffie TWS con sé. Così TCL ha introdotto a dicembre sul mercato russo non solo uno smartphone di punta, ma anche un headset di punta. Vediamo cosa è successo...

Guardando al futuro, devo dire che questa non è una recensione, ma piuttosto un primo sguardo, una storia su ciò che è stato notato, ciò che ha attirato la mia attenzione, ciò che mi ha sorpreso nel bene e nel male.

Interfaccia

Quindi, la prima cosa che noti è l'interfaccia: è realizzata nello stile di una shell proprietaria e supporta l'installazione di temi.

La gestione viene eseguita in modo insolito: si tratta di elenchi verticali con sezioni orizzontali, ognuno dei quali ha accesso a impostazioni flessibili, per accedervi è necessario toccare i quattro punti nell'angolo in alto a destra. Dell'insolito: la modalità party, che consente di combinare più telefoni collegati a un punto di accesso e riprodurre la stessa melodia su tutti i telefoni, creando un suono surround. Curioso. Dovrò provarlo e scrivere delle impressioni in una recensione completa, che scriverò entro giovedì prossimo.

Al primo avvio, ti viene richiesto di specificare le tue preferenze musicali e ciò a cui presti immediatamente attenzione è che l'elenco di queste preferenze è piuttosto breve... Dopo aver scelto le tue preferenze, ti viene chiesto di selezionare gli artisti, il elenco di cui anche non brilla di varietà. E questa caratteristica non è un'omissione, ma una conseguenza di uno dei maggiori svantaggi del servizio: una scarsa libreria musicale.

Nella scelta di un genere, il servizio offre una serie di playlist disponibili, tra le quali è ancora difficile trovare quelle adatte a causa di uno strano algoritmo di selezione.

Inoltre, anche dopo aver selezionato l'una o l'altra playlist durante l'ascolto, risulta che quasi tutte le playlist contengono composizioni musicali che vengono spesso utilizzate come musica di sottofondo o come melodie di accompagnamento. Ancora una volta, il motivo, a quanto pare, è nella scarsa libreria musicale.

Impostazioni di ricerca

Un altro punto in cui ti piace o no, ma attiri l'attenzione. Purtroppo, al momento non sarà possibile ordinare le playlist in base a una caratteristica così naturale come la musica nazionale, straniera o mista. Ad esempio, voglio trovare una playlist con musica rock, ma tale che ci siano solo artisti stranieri o, al contrario, nazionali.

Purtroppo, un tale lusso non è stato offerto. O ascolti confuso, o cerchi una playlist già assemblata in anticipo, e anche il gatto ha pianto. È estremamente scomodo e frustrante, perché finora (e, spero, questo sarà corretto), gli algoritmi credono che Morgenstern (Dio mi perdoni) sia, si scopre, rock, e stanno costantemente cercando di vendermelo . E qui arriviamo alla prossima limitazione illogica ed estremamente offensiva.

Impossibile non mettere mi piace

Sì, è vero. Al momento, il servizio non ti consente di contrassegnare artisti o brani specifici come quelli che non vuoi ascoltare. Che ti piaccia o no, ascolterai ciò che il servizio considera popolare e adatto a te. Ad esempio, non percepisco affatto una tale direzione come il rap, in particolare la produzione russa. Ma, ahimè, non ho alcuna possibilità di rifiutarmi di ascoltarlo.

Niente antipatie per te, niente "Escludi questo brano/artista" per te. Sì, anche solo per segnare ciò che ti piace, non puoi. È vero, puoi aggiungere ai preferiti, che, a quanto pare, è un analogo del segno "Mi piace", ma non è noto come funziona e se questa scelta verrà presa in considerazione durante la formazione delle playlist. Ma perché non escludere interpreti e composizioni? Questo è il dolore più grande per me in questo momento. Vediamo cosa succede dopo, ma posso presumere che il pulsante "Escludi artista" apparirà dopo che il servizio avrà acquisito una libreria musicale a tutti gli effetti, composta principalmente da brani reali, popolari e non, e non, come è ora, misti con musica di sottofondo, perché in un determinato momento si ha la sensazione che un gioco sia in esecuzione in background sul telefono, in cui è in corso la riproduzione della schermata iniziale.

Sì, ma c'è un promemoria di quanto sia bello essere un abbonato premium. Perché così fastidioso?

Raccomandazioni

Guardando questo articolo, ci si chiede perché ho scelto le mie preferenze proprio all'inizio. Perché ho segnato generi e artisti? In che modo i miei Rob Zombie e Manowar scelti si adattano al nuovo pop e al caldo Tik Tok?

Chi sono i Miyagi e di cosa parla la loro canzone "Patron"? Personalmente sono completamente disinteressato, non voglio nemmeno scoprirlo, ma devo vederlo nella pagina iniziale e non ho possibilità di liberarmene. Oh sì, ma se fai clic accidentalmente su qualcosa offerto nella pagina iniziale, uscirà da tutte le crepe in quantità tali che vorrai rimuovere la fonte di questa oscenità e non aprirla mai. E allo stesso tempo, è impossibile eliminare ciò che hai ascoltato dalla cronologia. Ebbene sì, mi sono emozionato, non c'è (sì) una reazione così acuta, ma è comunque molto spiacevole.

Pertanto, dato tutto quanto sopra sui consigli, possiamo concludere che funzionano secondo un algoritmo molto strano e, a quanto pare, sono impostati per costringere il cliente ad ascoltare ciò che è nella libreria musicale ad ogni costo, indipendentemente dai suoi gusti e preferenze.

Huawei Musica. Occhio critico

I servizi di musica in streaming hanno prosperato come funghi dopo la pioggia e sembra che ogni azienda più o meno grande stia cercando di creare un proprio servizio simile per ampliare il portafoglio di servizi forniti e raggiungere un vasto pubblico, non dipendere da altri e, ovviamente, fare soldi, se possibile.

Huawei ha lanciato il proprio servizio musicale in Russia (puoi scaricarlo da AppGallery o da risorse di terze parti. L'applicazione non è disponibile nel Play Market), che non potevo passare da me, un appassionato amante della musica portatile e un utente di lunga data di servizi di streaming.

Al momento, il mio servizio musicale principale è da molto tempo Spotify, che, sebbene non sia più il migliore in termini di qualità del suono tra tutti i servizi, come una volta, ha un sacco di altri vantaggi, tra cui un'ampia libreria musicale, impostazioni flessibili della playlist e fantastici algoritmi per selezionare la musica in base agli interessi e ai brani ascoltati in precedenza.

Ma anche le cose e i fenomeni più convenienti e buoni tendono a dare fastidio, quindi la ricerca del meglio non si ferma. Così, il servizio musicale Huawei è entrato nel mio campo visivo.

Un ulteriore motivo per provare il servizio è stato il fatto che il mio telefono principale è un dispositivo Huawei, in cui questo servizio musicale era preinstallato nel firmware, poiché faceva parte del lettore musicale standard "Music". Dato che agli utenti dei telefoni Huawei viene fornito un periodo di prova gratuito di tre mesi, è stata sollevata la questione se provare o meno.

Realtà e prospettive del mercato delle professioni informatiche

Quali sono le professioni più popolari e altamente pagate?

Recensione dello smartphone Samsung Galaxy A22s 5G (SM A226B/DSN)

Uno smartphone di nicchia con supporto 5G a un prezzo minimo: non è nemmeno sul sito Web Samsung, ma è venduto in Russia. Confronta con Galaxy A22: ne vale la pena?

Test Kia Picanto. L'ultima delle city car

In qualche modo impercettibilmente, quasi tutte le city car compatte hanno lasciato la Russia, che ha sostituito le berline di classe compatta e le liftback come Hyundai Solaris e Skoda Rapid. Ci sono sempre due vere city car rimaste sul nostro mercato, questo è l'eroe del nostro materiale Kia Picanto e Chevrolet Spark, insieme alla sua controparte con il marchio Ravon.

Recensione delle cuffie TCL TW30 MoveAudio S600 TWS

Qualsiasi produttore di smartphone decente è obbligato a offrire le proprie cuffie TWS con sé. Così TCL ha introdotto a dicembre sul mercato russo non solo uno smartphone di punta, ma anche un headset di punta. Vediamo cosa è successo...

Guardando al futuro, devo dire che questa non è una recensione, ma piuttosto un primo sguardo, una storia su ciò che è stato notato, ciò che ha attirato la mia attenzione, ciò che mi ha sorpreso nel bene e nel male.

Interfaccia

Quindi, la prima cosa che noti è l'interfaccia: è realizzata nello stile di una shell proprietaria e supporta l'installazione di temi.

La gestione viene eseguita in modo insolito: si tratta di elenchi verticali con sezioni orizzontali, ognuno dei quali ha accesso a impostazioni flessibili, per accedervi è necessario toccare i quattro punti nell'angolo in alto a destra. Dell'insolito: la modalità party, che consente di combinare più telefoni collegati a un punto di accesso e riprodurre la stessa melodia su tutti i telefoni, creando un suono surround. Curioso. Dovrò provarlo e scrivere delle impressioni in una recensione completa, che scriverò entro giovedì prossimo.

Al primo avvio, ti viene richiesto di specificare le tue preferenze musicali e ciò a cui presti immediatamente attenzione è che l'elenco di queste preferenze è piuttosto breve... Dopo aver scelto le tue preferenze, ti viene chiesto di selezionare gli artisti, il elenco di cui anche non brilla di varietà. E questa caratteristica non è un'omissione, ma una conseguenza di uno dei maggiori svantaggi del servizio: una scarsa libreria musicale.

Nella scelta di un genere, il servizio offre una serie di playlist disponibili, tra le quali è ancora difficile trovare quelle adatte a causa di uno strano algoritmo di selezione.

Inoltre, anche dopo aver selezionato l'una o l'altra playlist durante l'ascolto, risulta che quasi tutte le playlist contengono composizioni musicali che vengono spesso utilizzate come musica di sottofondo o come melodie di accompagnamento. Ancora una volta, il motivo, a quanto pare, è nella scarsa libreria musicale.

Impostazioni di ricerca

Un altro punto in cui ti piace o no, ma attiri l'attenzione. Purtroppo, al momento non sarà possibile ordinare le playlist in base a una caratteristica così naturale come la musica nazionale, straniera o mista. Ad esempio, voglio trovare una playlist con musica rock, ma tale che ci siano solo artisti stranieri o, al contrario, nazionali.

Purtroppo, un tale lusso non è stato offerto. O ascolti confuso, o cerchi una playlist già assemblata in anticipo, e anche il gatto ha pianto. È estremamente scomodo e frustrante, perché finora (e, spero, questo sarà corretto), gli algoritmi credono che Morgenstern (Dio mi perdoni) sia, si scopre, rock, e stanno costantemente cercando di vendermelo . E qui arriviamo alla prossima limitazione illogica ed estremamente offensiva.

Impossibile non mettere mi piace

Sì, è vero. Al momento, il servizio non ti consente di contrassegnare artisti o brani specifici come quelli che non vuoi ascoltare. Che ti piaccia o no, ascolterai ciò che il servizio considera popolare e adatto a te. Ad esempio, non percepisco affatto una tale direzione come il rap, in particolare la produzione russa. Ma, ahimè, non ho alcuna possibilità di rifiutarmi di ascoltarlo.

Niente antipatie per te, niente "Escludi questo brano/artista" per te. Sì, anche solo per segnare ciò che ti piace, non puoi. È vero, puoi aggiungere ai preferiti, che, a quanto pare, è un analogo del segno "Mi piace", ma non è noto come funziona e se questa scelta verrà presa in considerazione durante la formazione delle playlist. Ma perché non escludere interpreti e composizioni? Questo è il dolore più grande per me in questo momento. Vediamo cosa succede dopo, ma posso presumere che il pulsante "Escludi artista" apparirà dopo che il servizio avrà acquisito una libreria musicale a tutti gli effetti, composta principalmente da brani reali, popolari e non, e non, come è ora, misti con musica di sottofondo, perché in un determinato momento si ha la sensazione che un gioco sia in esecuzione in background sul telefono, in cui è in corso la riproduzione della schermata iniziale.

E sì, c'è un promemoria di quanto sia bello essere un membro premium. Perché così fastidioso?

Raccomandazioni

Guardando questo articolo, ci si chiede perché ho scelto le mie preferenze proprio all'inizio. Perché ho segnato generi e artisti? In che modo i miei Rob Zombie e Manowar scelti si adattano al nuovo pop e al caldo Tik Tok?

Chi sono i Miyagi e di cosa parla la loro canzone "Patron"? Personalmente sono completamente disinteressato, non voglio nemmeno scoprirlo, ma devo vederlo nella pagina iniziale e non ho possibilità di liberarmene. Oh sì, ma se fai clic accidentalmente su qualcosa offerto nella pagina iniziale, uscirà da tutte le crepe in quantità tali che vorrai rimuovere la fonte di questa oscenità e non aprirla mai. E allo stesso tempo, è impossibile eliminare ciò che hai ascoltato dalla cronologia. Ebbene sì, mi sono emozionato, non c'è (sì) una reazione così acuta, ma è comunque molto spiacevole.

Pertanto, dato tutto quanto sopra sui consigli, possiamo concludere che funzionano secondo un algoritmo molto strano e, a quanto pare, sono impostati per costringere il cliente ad ascoltare ciò che è nella libreria musicale ad ogni costo, indipendentemente dai suoi gusti e preferenze.