it opay

LTE. Minsk 2008

La prima dimostrazione della trasmissione di dati sulla rete LTE nella CSI si è svolta il 28 ottobre a Minsk. Gli esperti considerano la tecnologia LTE come una delle possibili reti di quarta generazione da costruire, un'alternativa alla quale è la tecnologia Wi-Max in uplink. Le apparecchiature LTE possono essere implementate sulle frequenze 700, 900, 1800, 2100 e 2600 MHz. Le soluzioni Nokia Siemens Networks consentono una transizione graduale dalle reti 3G alle reti 4G installando un nuovo software.

Le apparecchiature per trasmettere e ricevere un segnale occupano pochissimo spazio. L'unità trasmittente è abbastanza compatta, ma il ricevitore di prova è piuttosto grande per gli standard mobili. Non puoi metterlo in tasca e nemmeno nello zaino. Ma non dimentichiamo quali erano i primi cellulari e cosa sono diventati ora.

Durante la presentazione, è stata effettuata una trasmissione in diretta da WEB-camera installate proprio lì. Il sistema non è stato implementato a piena capacità, tuttavia, anche con la configurazione minima, la velocità di trasferimento dei dati era di 155 Kbps e la velocità di ricezione era di 1,78 Mbps. Dal dispositivo ricevente, il segnale è stato trasmesso direttamente a laptop e pannelli LCD. La soluzione è di prova, ma Apparecchiature per TV e DVD Startimes in Tanzania i rappresentanti dell'azienda si aspettano che al momento Nel prossimo futuro appariranno dispositivi terminali per il funzionamento con tecnologia LTE. Questi possono essere moduli integrati per laptop, soluzioni con chiavetta USB e, naturalmente, terminali mobili con supporto per la tecnologia LTE.

Durante la presentazione è stato dimostrato il business case per l'introduzione di reti 4G basate sulla tecnologia LTE.

Le basi per l'introduzione della nuova tecnologia di trasmissione dati sono tre fattori principali. In primo luogo, l'aumento previsto della base di abbonati entro il 2013 è stimato in un miliardo e mezzo di utenti. In secondo luogo, il volume dei contenuti scaricati sta aumentando esponenzialmente. Nel solo 2007, il volume dei video visti su YouTube ha superato l'intero volume di traffico trasmesso su Internet nel 2000. Allo stesso tempo, il volume dei contenuti “pesanti” contenenti video e audio in alta risoluzione è in costante aumento. Ad oggi, la qualità dei contenuti trasmessi è limitata proprio dalla velocità di trasferimento dei dati. Il terzo fattore è l'emergere di molti operatori di piani tariffari illimitati per la trasmissione dei dati. Ciò non fa che enfatizzare la tendenza generale degli operatori a ricercare ulteriori fonti di reddito a causa della costante diminuzione del traffico voce. Finora, questa tendenza è solo visibile, ma, tuttavia, esiste.

Il presupposto per lo sviluppo di protocolli di trasmissione dati a banda larga nelle reti mobili è il costante sviluppo di terminali terminali, che già superano le capacità degli operatori cellulari in termini di capacità. La liberalizzazione dello spettro delle frequenze contribuisce anche allo sviluppo di nuove tecnologie. Di recente, molti paesi hanno ritirato le proprie strutture di alimentazione dalla gamma di frequenze adatta allo sviluppo dell'accesso a banda larga. Allo stesso tempo, gli abbonati preferiscono prevedere in anticipo i costi per il traffico mobile e, idealmente, ricevere Internet illimitato a un prezzo ragionevole.

Pertanto, gli operatori sono semplicemente costretti a implementare tecnologie che forniscono una forte riduzione dei costi per byte di informazioni trasmesse al fine di mantenere la redditività.

La soluzione basata su tecnologia LTE consente di aumentare gradualmente il picco di velocità dei dati su un'unica soluzione hardware tramite un aggiornamento software. Cioè, con l'aumento della domanda di volumi di traffico, l'operatore ha l'opportunità di aumentare le velocità di trasferimento dei dati senza reinstallare l'apparecchiatura sottostante. Anche l'emergere di terminali mobili che supportano la tecnologia LTE dovrebbe diventare una fase logica di tale transizione. La comparsa dei primi terminali per abbonati potrebbe verificarsi già nel 2009, ma la loro distribuzione di massa è prevista per il 2010-2011.

Le prime reti di prova dovrebbero apparire nel 2009, nel 2010 è previsto il lancio di reti commerciali e la comparsa dei primi terminali, ed entro il 2011 le reti basate su tecnologia LTE dovrebbero apparire a livello nazionale. A questo punto, anche il traffico vocale verrà trasmesso utilizzando la tecnologia LTE.

È curioso che in questo caso la soluzione sia accettabile per tutti gli operatori mobili, quindi alla presentazione hanno partecipato sia il responsabile di MTS che il top management di Velcom. Allo stesso tempo, la tecnologia è un forte concorrente della tecnologia WiMax in sviluppo parallelo. Soprattutto se si considera che non esiste ancora un unico standard WiMax adatto alle reti fisse e mobili. A questo proposito, non mi sembra per niente incredibile che si possano sviluppare anche accessi a banda larga basati su LTE e per utenti “fissi”, tanto più che presto compariranno anche soluzioni per laptop o adattatori per reti domestiche. Valutando le prospettive di concorrenza tra LTE e WiMax, Sidorovich ha affermato che, a suo avviso, la tecnologia WiMax è una soluzione di nicchia, di scarsa utilità per i terminali mobili. Allo stesso tempo, LTE può essere utilizzato come soluzione stazionaria. Chissà, forse molto presto smetteremo semplicemente di dividere Internet in fisso e mobile? Almeno ci sono i prerequisiti per questo.

Vorrei soffermarmi su un altro punto. Teoricamente, la tecnologia consente di utilizzare lo spettro di frequenza attualmente utilizzato nelle comunicazioni GSM. Sembrerebbe che cosa impedisce oggi agli operatori di costruire reti di terza, e poi di quarta generazione sullo spettro di frequenze già esistente? Per me personalmente, la risposta a questa domanda non è stata semplice. Secondo gli specialisti nel campo delle comunicazioni GSM, il problema dell'utilizzo dello spettro di frequenze esistente è, in primo luogo, che esso è già utilizzato nella rete GSM, e il suo sgombero oggi a spese degli abbonati GSM è poco attraente dal punto di vista economico . Il secondo fattore che ostacola la realizzazione di reti di terza generazione a frequenze di 900 MHz è la mancanza di terminali in grado di operare a questa frequenza con un flusso ad alta velocità. Quindi l'uso dello spettro di frequenza nella regione dei 900 MHz è piuttosto teoricamente possibile o giustificato economicamente a lungo termine. In ogni caso, la nuova gamma di frequenze non sarà mai superflua e vediamo quali sforzi stanno facendo gli operatori di telefonia mobile per ottenerla e metterla in esercizio commerciale.

LTE. Minsk 2008

La prima dimostrazione della trasmissione di dati sulla rete LTE nella CSI si è svolta il 28 ottobre a Minsk. Gli esperti considerano la tecnologia LTE come una delle possibili reti di quarta generazione da costruire, un'alternativa alla quale è la tecnologia Wi-Max in uplink. Le apparecchiature LTE possono essere implementate sulle frequenze 700, 900, 1800, 2100 e 2600 MHz. Le soluzioni Nokia Siemens Networks consentono una transizione graduale dalle reti 3G alle reti 4G installando un nuovo software.

Le apparecchiature per trasmettere e ricevere un segnale occupano pochissimo spazio. L'unità trasmittente è abbastanza compatta, ma il ricevitore di prova è piuttosto grande per gli standard mobili. Non puoi metterlo in tasca e nemmeno nello zaino. Ma non dimentichiamo quali erano i primi cellulari e cosa sono diventati ora.

Durante la presentazione, è stata effettuata una trasmissione in diretta da WEB-camera installate proprio lì. Il sistema non è stato implementato a piena capacità, tuttavia, anche con la configurazione minima, la velocità di trasferimento dei dati era di 155 Kbps e la velocità di ricezione era di 1,78 Mbps. Dal dispositivo ricevente, il segnale è stato trasmesso direttamente a laptop e pannelli LCD. La soluzione è di prova, ma Apparecchiature per TV e DVD Startimes in Tanzania i rappresentanti dell'azienda si aspettano che al momento Nel prossimo futuro appariranno dispositivi terminali per il funzionamento con tecnologia LTE. Questi possono essere moduli integrati per laptop, soluzioni con chiavetta USB e, naturalmente, terminali mobili con supporto per la tecnologia LTE.

Durante la presentazione è stato dimostrato il business case per l'introduzione di reti 4G basate sulla tecnologia LTE.

Le basi per l'introduzione della nuova tecnologia di trasmissione dati sono tre fattori principali. In primo luogo, l'aumento previsto della base di abbonati entro il 2013 è stimato in un miliardo e mezzo di utenti. In secondo luogo, il volume dei contenuti scaricati sta aumentando esponenzialmente. Nel solo 2007, il volume dei video visti su YouTube ha superato l'intero volume di traffico trasmesso su Internet nel 2000. Allo stesso tempo, il volume dei contenuti “pesanti” contenenti video e audio in alta risoluzione è in costante aumento. Ad oggi, la qualità dei contenuti trasmessi è limitata proprio dalla velocità di trasferimento dei dati. Il terzo fattore è l'emergere di molti operatori di piani tariffari illimitati per la trasmissione dei dati. Ciò non fa che enfatizzare la tendenza generale degli operatori a ricercare ulteriori fonti di reddito a causa della costante diminuzione del traffico voce. Finora, questa tendenza è solo visibile, ma, tuttavia, esiste.

Il presupposto per lo sviluppo di protocolli di trasmissione dati a banda larga nelle reti mobili è il costante sviluppo di terminali terminali, che già superano le capacità degli operatori cellulari in termini di capacità. La liberalizzazione dello spettro delle frequenze contribuisce anche allo sviluppo di nuove tecnologie. Di recente, molti paesi hanno ritirato le proprie strutture di alimentazione dalla gamma di frequenze adatta allo sviluppo dell'accesso a banda larga. Allo stesso tempo, gli abbonati preferiscono prevedere in anticipo i costi per il traffico mobile e, idealmente, ricevere Internet illimitato a un prezzo ragionevole.

Pertanto, gli operatori sono semplicemente costretti a implementare tecnologie che forniscono una forte riduzione dei costi per byte di informazioni trasmesse al fine di mantenere la redditività.

La soluzione basata su tecnologia LTE consente di aumentare gradualmente il picco di velocità dei dati su un'unica soluzione hardware tramite un aggiornamento software. Cioè, con l'aumento della domanda di volumi di traffico, l'operatore ha l'opportunità di aumentare le velocità di trasferimento dei dati senza reinstallare l'apparecchiatura sottostante. Anche l'emergere di terminali mobili che supportano la tecnologia LTE dovrebbe diventare una fase logica di tale transizione. La comparsa dei primi terminali per abbonati potrebbe verificarsi già nel 2009, ma la loro distribuzione di massa è prevista per il 2010-2011.

Le prime reti di prova dovrebbero apparire nel 2009, nel 2010 è previsto il lancio di reti commerciali e la comparsa dei primi terminali, ed entro il 2011 le reti basate su tecnologia LTE dovrebbero apparire a livello nazionale. A questo punto, anche il traffico vocale verrà trasmesso utilizzando la tecnologia LTE.

È curioso che in questo caso la soluzione sia accettabile per tutti gli operatori mobili, quindi alla presentazione hanno partecipato sia il responsabile di MTS che il top management di Velcom. Allo stesso tempo, la tecnologia è un forte concorrente della tecnologia WiMax in sviluppo parallelo. Soprattutto se si considera che non esiste ancora un unico standard WiMax adatto alle reti fisse e mobili. A questo proposito, non mi sembra per niente incredibile che si possano sviluppare anche accessi a banda larga basati su LTE e per utenti “fissi”, tanto più che presto compariranno anche soluzioni per laptop o adattatori per reti domestiche. Valutando le prospettive di concorrenza tra LTE e WiMax, Sidorovich ha affermato che, a suo avviso, la tecnologia WiMax è una soluzione di nicchia, di scarsa utilità per i terminali mobili. Allo stesso tempo, LTE può essere utilizzato come soluzione stazionaria. Chissà, forse molto presto smetteremo semplicemente di dividere Internet in fisso e mobile? Almeno ci sono i prerequisiti per questo.

Vorrei soffermarmi su un altro punto. Teoricamente, la tecnologia consente di utilizzare lo spettro di frequenza attualmente utilizzato nelle comunicazioni GSM. Sembrerebbe che cosa impedisce oggi agli operatori di costruire reti di terza, e poi di quarta generazione sullo spettro di frequenze già esistente? Per me personalmente, la risposta a questa domanda non è stata semplice. Secondo gli specialisti nel campo delle comunicazioni GSM, il problema dell'utilizzo dello spettro di frequenze esistente è, in primo luogo, che esso è già utilizzato nella rete GSM, e il suo sgombero oggi a spese degli abbonati GSM è poco attraente dal punto di vista economico . Il secondo fattore che ostacola la realizzazione di reti di terza generazione a frequenze di 900 MHz è la mancanza di terminali in grado di operare a questa frequenza con un flusso ad alta velocità. Quindi l'uso dello spettro di frequenza nella regione dei 900 MHz è piuttosto teoricamente possibile o giustificato economicamente a lungo termine. In ogni caso, la nuova gamma di frequenze non sarà mai superflua e vediamo quali sforzi stanno facendo gli operatori di telefonia mobile per ottenerla e metterla in esercizio commerciale.

LTE. Minsk 2008

La prima dimostrazione della trasmissione di dati sulla rete LTE nella CSI si è svolta il 28 ottobre a Minsk. Gli esperti considerano la tecnologia LTE come una delle possibili reti di quarta generazione da costruire, un'alternativa alla quale è la tecnologia Wi-Max in uplink. Le apparecchiature LTE possono essere implementate sulle frequenze 700, 900, 1800, 2100 e 2600 MHz. Le soluzioni Nokia Siemens Networks consentono una transizione graduale dalle reti 3G alle reti 4G installando un nuovo software.

Le apparecchiature per trasmettere e ricevere un segnale occupano pochissimo spazio. L'unità di trasmissione è abbastanza compatta, ma il ricevitore di prova è piuttosto grande per gli standard mobili. Non puoi metterlo in tasca e nemmeno nello zaino. Ma non dimentichiamo quali erano i primi cellulari e cosa sono diventati ora.

Durante la presentazione, è stata effettuata una trasmissione in diretta da WEB-camera installate proprio lì. Il sistema non è stato implementato a piena capacità, tuttavia, anche con la configurazione minima, la velocità di trasferimento dei dati era di 155 Kbps e la velocità di ricezione era di 1,78 Mbps. Dal dispositivo ricevente, il segnale è stato trasmesso direttamente a laptop e pannelli LCD. La soluzione è di prova, ma Apparecchiature per TV e DVD Startimes in Tanzania i rappresentanti dell'azienda si aspettano che al momento Nel prossimo futuro appariranno dispositivi terminali per il funzionamento con tecnologia LTE. Questi possono essere moduli integrati per laptop, soluzioni con chiavetta USB e, naturalmente, terminali mobili con supporto per la tecnologia LTE.

Durante la presentazione è stato dimostrato il business case per l'introduzione di reti 4G basate sulla tecnologia LTE.

Le basi per l'introduzione della nuova tecnologia di trasmissione dati sono tre fattori principali. In primo luogo, l'aumento previsto della base di abbonati entro il 2013 è stimato in un miliardo e mezzo di utenti. In secondo luogo, il volume dei contenuti scaricati sta aumentando esponenzialmente. Nel solo 2007, il volume dei video visti su YouTube ha superato l'intero volume di traffico trasmesso su Internet nel 2000. Allo stesso tempo, il volume dei contenuti “pesanti” contenenti video e audio in alta risoluzione è in costante aumento. Ad oggi, la qualità dei contenuti trasmessi è limitata proprio dalla velocità di trasferimento dei dati. Il terzo fattore è l'emergere di molti operatori di piani tariffari illimitati per la trasmissione dei dati. Ciò non fa che enfatizzare la tendenza generale degli operatori a ricercare ulteriori fonti di reddito a causa della costante diminuzione del traffico voce. Finora, questa tendenza è solo visibile, ma, tuttavia, esiste.

Il presupposto per lo sviluppo di protocolli di trasferimento dati a banda larga nelle reti mobili è il costante sviluppo di terminali terminali, che già superano le capacità degli operatori cellulari nelle loro capacità. La liberalizzazione dello spettro delle frequenze contribuisce anche allo sviluppo di nuove tecnologie. Di recente, molti paesi hanno ritirato le proprie strutture di alimentazione dalla gamma di frequenze adatta allo sviluppo dell'accesso a banda larga. Allo stesso tempo, gli abbonati preferiscono prevedere in anticipo i costi per il traffico mobile e, idealmente, ricevere Internet illimitato a un prezzo ragionevole.

Pertanto, gli operatori sono semplicemente costretti a implementare tecnologie che forniscono una forte riduzione dei costi per byte di informazioni trasmesse al fine di mantenere la redditività.

La soluzione basata su tecnologia LTE consente di aumentare gradualmente il picco di velocità dei dati su un'unica soluzione hardware tramite un aggiornamento software. Cioè, con l'aumento della domanda di volumi di traffico, l'operatore ha l'opportunità di aumentare le velocità di trasferimento dei dati senza reinstallare l'apparecchiatura sottostante. Anche l'emergere di terminali mobili che supportano la tecnologia LTE dovrebbe diventare una fase logica di tale transizione. La comparsa dei primi terminali per abbonati potrebbe verificarsi già nel 2009, ma la loro distribuzione di massa è prevista per il 2010-2011.

Le prime reti di prova dovrebbero apparire nel 2009, nel 2010 è previsto il lancio di reti commerciali e la comparsa dei primi terminali, ed entro il 2011 le reti basate su tecnologia LTE dovrebbero apparire a livello nazionale. A questo punto, anche il traffico vocale verrà trasmesso utilizzando la tecnologia LTE.

È curioso che in questo caso la soluzione sia accettabile per tutti gli operatori mobili, quindi alla presentazione hanno partecipato sia il responsabile di MTS che il top management di Velcom. Allo stesso tempo, la tecnologia è un forte concorrente della tecnologia WiMax in sviluppo parallelo. Soprattutto se si considera che non esiste ancora un unico standard WiMax adatto alle reti fisse e mobili. A questo proposito, non mi sembra per niente incredibile che si possano sviluppare anche accessi a banda larga basati su LTE e per utenti “fissi”, tanto più che presto compariranno anche soluzioni per laptop o adattatori per reti domestiche. Valutando le prospettive di concorrenza tra LTE e WiMax, Sidorovich ha affermato che, a suo avviso, la tecnologia WiMax è una soluzione di nicchia, di scarsa utilità per i terminali mobili. Allo stesso tempo, LTE può essere utilizzato come soluzione stazionaria. Chissà, forse molto presto smetteremo semplicemente di dividere Internet in fisso e mobile? Almeno ci sono i prerequisiti per questo.

Vorrei soffermarmi su un altro punto. Teoricamente, la tecnologia consente di utilizzare lo spettro di frequenza attualmente utilizzato nelle comunicazioni GSM. Sembrerebbe che cosa impedisce oggi agli operatori di costruire reti di terza, e poi di quarta generazione sullo spettro di frequenze già esistente? Per me personalmente, la risposta a questa domanda non è stata semplice. Secondo gli specialisti nel campo delle comunicazioni GSM, il problema dell'utilizzo dello spettro di frequenze esistente è, in primo luogo, che esso è già utilizzato nella rete GSM, e il suo sgombero oggi a spese degli abbonati GSM è poco attraente dal punto di vista economico . Il secondo fattore che ostacola la realizzazione di reti di terza generazione a frequenze di 900 MHz è la mancanza di terminali in grado di operare a questa frequenza con un flusso ad alta velocità. Quindi l'uso dello spettro di frequenza nella regione dei 900 MHz è piuttosto teoricamente possibile o giustificato economicamente a lungo termine. In ogni caso, la nuova gamma di frequenze non sarà mai superflua e vediamo quali sforzi stanno facendo gli operatori di telefonia mobile per ottenerla e metterla in esercizio commerciale.

LTE. Minsk 2008

La prima dimostrazione della trasmissione di dati sulla rete LTE nella CSI si è svolta il 28 ottobre a Minsk. Gli esperti considerano la tecnologia LTE come una delle possibili reti di quarta generazione da costruire, un'alternativa alla quale è la tecnologia Wi-Max in uplink. Le apparecchiature LTE possono essere implementate sulle frequenze 700, 900, 1800, 2100 e 2600 MHz. Le soluzioni Nokia Siemens Networks consentono una transizione graduale dalle reti 3G alle reti 4G installando un nuovo software.

Le apparecchiature per trasmettere e ricevere un segnale occupano pochissimo spazio. L'unità trasmittente è abbastanza compatta, ma il ricevitore di prova è piuttosto grande per gli standard mobili. Non puoi metterlo in tasca e nemmeno nello zaino. Ma non dimentichiamo quali erano i primi cellulari e cosa sono diventati ora.

Durante la presentazione, è stata effettuata una trasmissione in diretta da WEB-camera installate proprio lì. Il sistema non è stato implementato a piena capacità, tuttavia, anche con la configurazione minima, la velocità di trasferimento dei dati era di 155 Kbps e la velocità di ricezione era di 1,78 Mbps. Dal dispositivo ricevente, il segnale è stato trasmesso direttamente a laptop e pannelli LCD. La soluzione è di prova, ma Startimes TV & DVD Equipment in Tanzania, i rappresentanti dell'azienda prevedono che i dispositivi finali per la tecnologia LTE appariranno in un futuro molto prossimo. Questi possono essere moduli integrati per laptop, soluzioni con chiavetta USB e, naturalmente, terminali mobili con supporto per la tecnologia LTE.

Durante la presentazione, è stata effettuata una trasmissione in diretta da WEB-camera installate proprio lì. Il sistema non è stato implementato a piena capacità, tuttavia, anche con la configurazione minima, la velocità di trasferimento dei dati era di 155 Kbps e la velocità di ricezione era di 1,78 Mbps. Dal dispositivo ricevente, il segnale è stato trasmesso direttamente a laptop e pannelli LCD. La soluzione è test, ma Apparecchiature Startimes TV e DVD in Tanzania Apparecchiature TV e DVD Startimes in Tanzania I rappresentanti dell'azienda contano sul fatto che in un futuro molto prossimo appariranno dispositivi terminali per il funzionamento su tecnologia LTE. Questi possono essere moduli integrati per laptop, soluzioni con chiavetta USB e, naturalmente, terminali mobili con supporto per la tecnologia LTE.

Durante la presentazione è stato dimostrato il business case per l'introduzione di reti 4G basate sulla tecnologia LTE.

Le basi per l'introduzione della nuova tecnologia di trasmissione dati sono tre fattori principali. In primo luogo, l'aumento previsto della base di abbonati entro il 2013 è stimato in un miliardo e mezzo di utenti. In secondo luogo, il volume dei contenuti scaricati sta aumentando esponenzialmente. Nel solo 2007, il volume dei video visti su YouTube ha superato l'intero volume di traffico trasmesso su Internet nel 2000. Allo stesso tempo, il volume dei contenuti “pesanti” contenenti video e audio in alta risoluzione è in costante aumento. Ad oggi, la qualità dei contenuti trasmessi è limitata proprio dalla velocità di trasferimento dei dati. Il terzo fattore è l'emergere di piani dati illimitati per molti operatori. Ciò non fa che enfatizzare la tendenza generale degli operatori a cercare ulteriori fonti di reddito per la costante diminuzione del traffico voce. Finora, questa tendenza è solo visibile, ma, tuttavia, esiste.

Il presupposto per lo sviluppo di protocolli di trasmissione dati a banda larga nelle reti mobili è il costante sviluppo di terminali terminali, che già superano le capacità degli operatori cellulari in termini di capacità. La liberalizzazione dello spettro delle frequenze contribuisce anche allo sviluppo di nuove tecnologie. Di recente, molti paesi hanno ritirato le proprie strutture di alimentazione dalla gamma di frequenze adatta allo sviluppo dell'accesso a banda larga. Allo stesso tempo, gli abbonati preferiscono prevedere in anticipo i costi per il traffico mobile e, idealmente, ricevere Internet illimitato a un prezzo ragionevole.

Pertanto, gli operatori sono semplicemente costretti a implementare tecnologie che forniscono una forte riduzione dei costi per byte di informazioni trasmesse al fine di mantenere la redditività.

La soluzione basata su tecnologia LTE consente di aumentare gradualmente il picco di velocità dei dati su un'unica soluzione hardware tramite un aggiornamento software. Cioè, con l'aumento della domanda di volumi di traffico, l'operatore ha l'opportunità di aumentare le velocità di trasferimento dei dati senza reinstallare l'apparecchiatura sottostante. Anche l'emergere di terminali mobili che supportano la tecnologia LTE dovrebbe diventare una fase logica di tale transizione. La comparsa dei primi terminali per abbonati potrebbe verificarsi già nel 2009, ma la loro distribuzione di massa è prevista per il 2010-2011.

Le prime reti di prova dovrebbero apparire nel 2009, nel 2010 è previsto il lancio di reti commerciali e la comparsa dei primi terminali, ed entro il 2011 le reti basate su tecnologia LTE dovrebbero apparire a livello nazionale. A questo punto, anche il traffico vocale verrà trasmesso utilizzando la tecnologia LTE.

È curioso che in questo caso la soluzione sia accettabile per tutti gli operatori mobili, quindi alla presentazione hanno partecipato sia il responsabile di MTS che il top management di Velcom. Allo stesso tempo, la tecnologia è un forte concorrente della tecnologia WiMax in sviluppo parallelo. Soprattutto se si considera che non esiste ancora un unico standard WiMax adatto alle reti fisse e mobili. A questo proposito, non mi sembra per niente incredibile che si possano sviluppare anche accessi a banda larga basati su LTE e per utenti “fissi”, tanto più che presto compariranno anche soluzioni per laptop o adattatori per reti domestiche. Valutando le prospettive di concorrenza tra LTE e WiMax, Sidorovich ha affermato che, a suo avviso, la tecnologia WiMax è una soluzione di nicchia, di scarsa utilità per i terminali mobili. Allo stesso tempo, LTE può essere utilizzato come soluzione stazionaria. Chissà, forse molto presto smetteremo semplicemente di dividere Internet in fisso e mobile? Almeno ci sono i prerequisiti per questo.

Vorrei soffermarmi su un altro punto. Teoricamente, la tecnologia consente di utilizzare lo spettro di frequenza attualmente utilizzato nelle comunicazioni GSM. Sembrerebbe che cosa impedisce oggi agli operatori di costruire reti di terza, e poi di quarta generazione sullo spettro di frequenze già esistente? Per me personalmente, la risposta a questa domanda non è stata semplice. Secondo gli specialisti nel campo delle comunicazioni GSM, il problema dell'utilizzo dello spettro di frequenze esistente è, in primo luogo, che esso è già utilizzato nella rete GSM, e il suo sgombero oggi a spese degli abbonati GSM è poco attraente dal punto di vista economico . Il secondo fattore che ostacola la realizzazione di reti di terza generazione a frequenze di 900 MHz è la mancanza di terminali in grado di operare a questa frequenza con un flusso ad alta velocità. Quindi l'uso dello spettro di frequenza nella regione dei 900 MHz è piuttosto teoricamente possibile o giustificato economicamente a lungo termine. In ogni caso, la nuova gamma di frequenze non sarà mai superflua e vediamo quali sforzi stanno facendo gli operatori di telefonia mobile per ottenerla e metterla in esercizio commerciale.