it opay

La batteria di uno smartphone: miti, idee sbagliate, come caricare e cosa fare

Per molti anni abbiamo aspettato una svolta nella tecnologia delle batterie, la durata della batteria è uno dei parametri chiave per uno smartphone e viene alla ribalta per la maggior parte degli utenti. Sfortunatamente, non c'è stata una svolta in questa direzione, ma le tecnologie sono cambiate in modo inimmaginabile, spesso le persone rimangono prigioniere di stereotipi, fiabe ascoltate da qualche parte sui forum e in rete. In questo voluminoso materiale cercheremo di capire insieme cosa è importante e cosa no quando si lavora con la batteria di uno smartphone e come impostare correttamente il proprio dispositivo.

Dire che nulla nella tecnologia delle batterie per smartphone e altri dispositivi elettronici è cambiato negli ultimi anni significa ammettere che per tutto questo tempo sono stato in animazione sospesa e ho perso eventi chiave. Molto è cambiato, ma non la nostra percezione di questo problema. Lascia che ti ricordi che quasi tutte le batterie degli smartphone e delle altre apparecchiature oggi non sono rimovibili, l'utente non ha accesso ad esse. Allo stesso tempo, la batteria non è percepita da molti come un materiale di consumo, sebbene lo sia. Maggiore è il chilometraggio condizionale della batteria, ovvero il numero di cicli di carica-scarica, minore è la capacità rispetto all'originale. Una tale batteria tollera peggio gli sbalzi di temperatura e può spegnersi al freddo, anche se il telefono mostra una carica del 40% (questo è un problema molto comune sui vecchi iPhone, è molto meno comune sugli smartphone Android). Ma proprio all'inizio è necessario definire alcuni termini.

Perché i mAh sono una cattiva caratteristica della batteria

L'utente valuta la batteria di uno smartphone in base a un solo parametro: la capacità della batteria. Ad esempio, se uno smartphone ha una batteria da 5000 mAh, allora va bene, ma una batteria da 3000 mAh, secondo molti, è più debole e il dispositivo funzionerà di meno. In realtà, tutto dipende da una combinazione di parametri: il chipset e la sua efficienza energetica, risoluzione e diagonale dello schermo, nonché il suo tipo. Questa è una dispersione di fattori che vengono in qualche modo dimenticati, quindi viene presa in considerazione solo la capacità nominale indicata dal produttore. Ma c'è un grosso problema con la capacità misurata in mAh, spesso non rispecchia le effettive caratteristiche della batteria.

Ricordi quale tensione nominale emette la batteria del tuo smartphone? Sono sicuro di no. Non preoccuparti, non lo so nemmeno io a memoria e non ho alcuna voglia di controllare o calcolare questo parametro. Dobbiamo sapere che la tensione può essere diversa: 1,2 V o 3,6 V, 7,4 V o 14,8 V. Allo stesso tempo, una batteria con una capacità di 3000 mAh può avere una tensione di 3,6 V o 14,8 V. La capacità di una batteria con una tensione di 14,8 V sarà quasi 4 volte superiore alla prima. Pertanto, è corretto utilizzare un altro parametro, ovvero i wattora (Wh o Wh). Ad esempio, la batteria del Galaxy S20 Ultra ha una capacità di 5000 mAh, ma 19,25 Wh (3,85 V). È molto o poco? Diamo un'occhiata ai laptop, hanno batterie della stessa capacità, ma funzionano con una tensione di 11,1 V, che ci dà 56 Wh. Allo stesso tempo, una tale batteria in un laptop non è solo più grande in termini di capacità reale, ma è anche più grande per dimensioni e peso. A seconda degli elementi utilizzati, la batteria di un laptop può essere 2,5-3 volte più grande (sia dimensioni che peso!). Purtroppo sul mercato ha messo radici la misura in mAh, che non è del tutto corretta e non rispecchia appieno le capacità della batteria. Ma quello che abbiamo è quello che abbiamo, e spesso le aziende cinesi della classe media non si preoccupano affatto di specificare parametri aggiuntivi.

Un altro punto relativo alla capacità della batteria è quanto la capacità effettiva potrebbe differire da quella dichiarata. Nella produzione di batterie non ce ne sono due uguali, la loro capacità varia leggermente e questo è normale. Le persone che sono lontane dalla produzione credono che sarà giusto indicare per ogni dispositivo la capacità della batteria che ha effettivamente. Poi su ogni scatola bisognerebbe scrivere qualcosa del genere: 4923 mAh, 5028 mAh e così via. Lo spread può sempre essere sia alto che basso. Ogni produttore di batterie e, di conseguenza, dispositivi etichetta le batterie secondo gli standard. E qui arriviamo a un trucco in cui cadono le piccole aziende, spesso possono etichettare la batteria al limite. L'errore massimo per la maggior parte dei paesi è del 10%. Immagina di avere una batteria da 5000 mAh, puoi effettivamente indicare non questa capacità (il che sarebbe onesto e corretto), ma, ad esempio, 5500 mAh. E in termini di standard, non romperai nulla. Questo è positivo per il marketing, negativo per il consumatore e la percezione del marchio in futuro.

I grandi produttori non giocano con i numeri, cercano di evitarli. La procedura stessa è progettata in modo tale che i dispositivi siano sottoposti a test a laboratori indipendenti, dove viene misurata la capacità della batteria in diversi dispositivi. Ad esempio, è ampiamente utilizzato il metodo IEC 61960. Nelle descrizioni dei prodotti Samsung, è spesso possibile vedere una nota a piè di pagina relativa alla capacità della batteria: “I risultati dei test tipici sono stati ottenuti in laboratori di terze parti. Un valore tipico è un valore medio che tiene conto della variazione delle misurazioni della capacità di diversi campioni di batteria secondo la norma IEC 61960. Il valore della capacità nominale (minima) è 4900 mAh. La durata effettiva della batteria può variare in base all'ambiente di rete, ai modelli di utilizzo e ad altri fattori.

L'approccio di Samsung prevede che l'azienda fissi un valore minimo di 4900 mAh. Ciò non significa affatto che lo stesso S20 Ultra abbia una batteria di tale capacità. Non ero troppo pigro e ho chiesto al centro assistenza di misurare la batteria del mio telefono, la sua capacità si è rivelata 5020 mAh. Per alcuni, questa potrebbe essere una capacità nell'intervallo di 4950 mAh. Sì, Samsung dichiara sempre un parametro leggermente più piccolo per posare le cannucce. Ma qui non c'è il 10%, come nei prodotti di alcuni produttori di secondo livello.

Ricarica rapida o wireless: c'è un danno o manca?

C'è un mito persistente secondo cui la ricarica rapida o wireless uccide la batteria. Questo è un mito, ma è estremamente tenace e ci sono testimoni che affermano che la batteria del telefono diventa rapidamente inutilizzabile, perde la sua capacità nominale. Citano persino schermate di programmi acquistati che tengono traccia del numero di cicli di carica/scarica e della capacità della batteria per confermarlo. Il difetto logico sta nel fatto che non esiste un gruppo di controllo dello stesso smartphone, con lo stesso set di software e profilo di utilizzo, ma con ricarica lenta. Sono sicuro che la variazione dell'usura della batteria rientrerà nell'errore statistico.

Il danno maggiore alla batteria è causato dal calore, più precisamente dal surriscaldamento della batteria. Continuerà a funzionare in qualsiasi condizione, del resto utilizziamo smartphone anche nel Sahara, dove le temperature spesso superano i 40 gradi all'ombra. Ma il punto è che questo non è molto utile a lungo termine, la durata della batteria sarà ridotta. E qui devi dividere questa domanda in due: c'è il riscaldamento della batteria durante la ricarica (qualsiasi carica, solo il grado è diverso), così come il riscaldamento dalle condizioni esterne, che dipende dalla temperatura dell'aria, dalla luce solare diretta. Non dovresti aver paura del riscaldamento, questo fa parte della durata della batteria. Ma se hai la possibilità di caricare il tuo smartphone senza appoggiarlo alla batteria, alla luce diretta del sole, sul cruscotto di un'auto, allora questo ti sarà di grande aiuto.

Recentemente ho visto una scena molto interessante, una ragazza ha consegnato il suo smartphone a un centro di assistenza: non ha funzionato come avrebbe dovuto. Ho già colto lo stadio della rabbia, quando l'adorabile signorina batteva i piedi, urlava e chiedeva sangue. Il suo costoso smartphone era rotto e il servizio si è rifiutato di ripararlo! Dalle spiegazioni dello sfortunato maestro, che diede per la decima, e forse la centesima volta, fu possibile ricostruire il quadro del disastro. La ragazza stava caricando il suo smartphone mentre faceva il bagno (non farlo mai, puoi ucciderti!), il posto più vicino dove mettere il telefono era il radiatore della batteria. Il “matrimonio” svelato dalla ragazza consisteva nel fatto che di solito lo smartphone si caricava velocemente, ma sulla batteria si rifiutava di farlo e si scottava (anche se, secondo lei, la batteria non era così calda). Rifiutò di ascoltare le argomentazioni del maestro, minacciata di corte e punizioni celesti. Nella sua visione del mondo, un telefono così costoso dovrebbe essere in grado di ricaricarsi ovunque. Mi è piaciuto particolarmente il passaggio: “Sì, anche se volessi caricarlo sott'acqua, dovrebbe funzionare. Ma non sono uno sciocco, ho studiato bene a scuola, so che la corrente nell'acqua è Nalumunye Jomayi male, può colpire duramente. Non lo faccio! Ma cosa lo sta fermando sulla batteria. ”.

Le persone esperte sanno che il riscaldamento della batteria inizia a verificarsi quando la carica raggiunge l'80% della capacità nominale, questa è la fase in cui aumenta l'usura della batteria. Si scopre che ci sono persone che monitorano come si sta caricando la batteria e rimuovono i loro smartphone dalla carica quando raggiungono l'80%. Certo, se ti piace farlo, allora puoi farlo, hai voglia di farlo. Ma questo è un esercizio del tutto inutile, poiché i moderni smartphone sono in grado di autoregolarsi ed evitare il surriscaldamento.

Diamo un'occhiata allo stesso S20 Ultra, nel kit è inclusa la ricarica rapida da 25W, puoi acquistare un caricabatterie da 45W separatamente. E qui inizia il divertimento: puoi caricare la batteria fino al 100% in circa 70-75 minuti. La differenza risulta essere insignificante.

In 30 minuti, il caricabatterie da 45 W carica la batteria del 70%, ma il caricabatterie da 25 W carica fino al 62%. Per quanto mi riguarda, questa differenza è del tutto irrilevante. Perché succede? Il riscaldamento della batteria funge da limitazione, per la carica a 45 W è più forte quando raggiunge il 70-75% della capacità nominale, quindi la velocità di carica diminuisce e alla fine si ottiene più o meno lo stesso tempo. Samsung ha implementato questi limiti per massimizzare la durata della batteria. Ma questo rende praticamente inutile l'utilizzo di un caricabatterie da 45 W.

I produttori cinesi hanno blocchi di ricarica da 40-50 W, inoltre mostrano una carica della batteria di 4000-5000 mAh in mezz'ora, il livello di carica cambia davanti ai nostri occhi. Sembra fantastico! E, naturalmente, è molto conveniente.

Quanto può uno smartphone sopravvivere a una tale carica e non avere conseguenze? I produttori affermano che se ne sono presi cura. Ho deciso di testarlo nella pratica, a dicembre 2019 ho iniziato a caricare quotidianamente il mio smartphone utilizzando un caricabatterie da 40W. Dopo tre mesi e cento cicli completi, è stata misurata la capacità della batteria, ridotta del 14% rispetto al valore nominale. Questo è un risultato molto alto, che mostra il livello di usura. L'unico momento incomprensibile è stato che il tempo di ricarica è rimasto invariato, ci sono voluti esattamente lo stesso numero di minuti di prima. Quindi, quando ricevi una ricarica così veloce, c'è ancora un problema, dove senza di essa.

Nelle impostazioni dello smartphone, di norma, puoi disattivare la ricarica rapida, tutto dipende dalle tue idee sulla bellezza e su come si consumerà la batteria. Secondo me la ricarica rapida è ciò che cambia completamente la percezione di uno smartphone e il modo in cui lo utilizziamo. E ricordando che la batteria è un materiale di consumo, non dovresti disattivare tale ricarica.

Batteria dello smartphone: miti, idee sbagliate, come caricare e cosa fai

Con la ricarica wireless, tutto è esattamente lo stesso, ma lì, a causa della fisica del processo, il riscaldamento è un componente inevitabile. Il controller della batteria regola la carica e la velocità, quindi è fisicamente impossibile danneggiare lo smartphone con una tale carica.

Importante! Non lesinare sugli accessori per il tuo smartphone. La ricarica rapida delle ultime generazioni richiede spesso un cavo da 5A, quelli convenzionali non sono adatti. E se lo smartphone rileva che stai utilizzando la ricarica rapida e un semplice cavo, la velocità di ricarica viene automaticamente ridotta. Cavi e caricatori non originali per mancini possono bruciare il controller della batteria, provocando un incendio o addirittura un'esplosione. Negli ultimi anni, almeno alcune persone sono state ferite dall'utilizzo di accessori non originali, ma ci sono stati anche morti per scosse elettriche o per l'esplosione di un telefono vicino alla testa. Non è uno scherzo!

I flagship utilizzano non solo batterie più grandi, ma anche speciali sistemi di raffreddamento (sia per il processore che per il case nel suo insieme). Migliore è il sistema di dissipazione del calore, maggiore sarà la durata della batteria. Su dispositivi economici, questo è qualcosa su cui il produttore può risparmiare e quindi la durata della batteria è inferiore, l'usura da riscaldamento è maggiore. In questo caso, le batterie stesse possono essere esattamente le stesse.

Come ricarichiamo i nostri smartphone: nuovi scenari con la ricarica rapida

Le abitudini degli utenti non cambiano molto rapidamente, ma lo fanno. Una volta caricavamo i nostri telefoni lasciandoli in carica durante la notte. Non c'è niente di sbagliato nella batteria (il buon senso dice il contrario, e c'è anche un mito del genere), ma è diventato superfluo con l'avvento della ricarica rapida o wireless.

Fai un piccolo sondaggio su Twitter su come carichi i tuoi smartphone.

Batteria dello smartphone: miti, idee sbagliate, come caricare e cosa fai

Quasi la metà degli intervistati lascia lo smartphone in carica durante la notte, questa è un'abitudine che ci è venuta dal passato. Ad esempio, per me è sempre estremamente difficile controllare quanto dura uno smartphone con una singola carica, devo tirarmi su. A casa e in ufficio ho dei caricatori (sia convenzionali che wireless), quindi quando mi muovo per la città metto in ricarica il mio dispositivo. A volte ci vogliono dieci o quindici minuti, a volte più o meno. L'auto ha la ricarica wireless, dove puoi anche ottenere un po' di energia per il tuo smartphone. Per me uno smartphone è uno strumento di lavoro, e viene sfruttato senza pietà (basti pensare che in media il traffico mobile arriva a 7-8 GB al giorno, e questo è sempre fuori casa o in ufficio). Il mio smartphone può gestire un'intera giornata di lavoro al mio ritmo? Decisamente sì.Ma perché organizzarsi una sorta di routine, se è possibile ricaricare il dispositivo di tanto in tanto senza danneggiare la batteria? Ora il mio scenario di ricarica non è più lo stesso di una volta, carico il dispositivo di tanto in tanto quando me lo ricordo. E non ho paura di farlo quando il livello di carica è del 20% o del 60%, per me non ha alcun ruolo. E molte persone fanno esattamente lo stesso. Riflettendo su questo argomento, sono giunto alla conclusione che in questo caso d'uso, il riscaldamento della batteria dovrebbe essere in media inferiore, poiché il tempo totale di ricarica continua è ridotto. Non è il fattore più importante per me perché non penso che una batteria possa e debba durare per sempre. Questo è un articolo di consumo. Ma anche, secondo me, c'è da dire che la batteria dovrebbe durare almeno circa due anni con uso attivo (una delle condizioni è la ricarica giornaliera).

Secondo me, la tecnologia è cambiata in modo tale che non ha senso lasciare uno smartphone in carica, è necessario caricarlo nei momenti in cui non serve, nel frattempo. Capita spesso al mattino che il mio smartphone mostri il 10-15% di carica, una decina di anni fa questo mi ha costretto a portare con me una batteria esterna e a ricaricarla in viaggio. Oggi mi bastano 15-30 minuti mentre mi lavo, faccio colazione o mi preparo per avere almeno metà della carica della batteria.

Un problema altrettanto importante per quanto riguarda la batteria non è solo come si carica la batteria, ma anche come è configurato lo smartphone, in quali modalità lo si utilizza. Spesso, un orario di lavoro breve è direttamente correlato al fatto che le persone semplicemente non capiscono cosa hanno incluso, perché ne hanno bisogno e l'orario di lavoro può variare in modo significativo. Volevo combinare tutto all'interno di un unico materiale, ma per non interferire con questi argomenti in un mucchio, li ho divisi.

La batteria di uno smartphone: miti, idee sbagliate, come caricare e cosa fare

Per molti anni abbiamo aspettato una svolta nella tecnologia delle batterie, la durata della batteria è uno dei parametri chiave per uno smartphone e viene alla ribalta per la maggior parte degli utenti. Sfortunatamente, non c'è stata una svolta in questa direzione, ma le tecnologie sono cambiate in modo inimmaginabile, spesso le persone rimangono prigioniere di stereotipi, fiabe ascoltate da qualche parte sui forum e in rete. In questo voluminoso materiale cercheremo di capire insieme cosa è importante e cosa no quando si lavora con la batteria di uno smartphone e come impostare correttamente il proprio dispositivo.

Dire che nulla nella tecnologia delle batterie per smartphone e altri dispositivi elettronici è cambiato negli ultimi anni significa ammettere che per tutto questo tempo sono stato in animazione sospesa e ho perso eventi chiave. Molto è cambiato, ma non la nostra percezione di questo problema. Lascia che ti ricordi che quasi tutte le batterie degli smartphone e delle altre apparecchiature oggi non sono rimovibili, l'utente non ha accesso ad esse. Allo stesso tempo, la batteria non è percepita da molti come un materiale di consumo, sebbene lo sia. Maggiore è il chilometraggio condizionale della batteria, ovvero il numero di cicli di carica-scarica, minore è la capacità rispetto all'originale. Una tale batteria tollera peggio gli sbalzi di temperatura e può spegnersi al freddo, anche se il telefono mostra una carica del 40% (questo è un problema molto comune sui vecchi iPhone, è molto meno comune sugli smartphone Android). Ma proprio all'inizio è necessario definire alcuni termini.

Perché i mAh sono una cattiva caratteristica della batteria

L'utente valuta la batteria di uno smartphone in base a un solo parametro: la capacità della batteria. Ad esempio, se uno smartphone ha una batteria da 5000 mAh, allora va bene, ma una batteria da 3000 mAh, secondo molti, è più debole e il dispositivo funzionerà di meno. In realtà, tutto dipende da una combinazione di parametri: il chipset e la sua efficienza energetica, risoluzione e diagonale dello schermo, nonché il suo tipo. Questa è una dispersione di fattori che vengono in qualche modo dimenticati, quindi viene presa in considerazione solo la capacità nominale indicata dal produttore. Ma c'è un grosso problema con la capacità misurata in mAh, spesso non rispecchia le effettive caratteristiche della batteria.

Ricordi quale tensione nominale emette la batteria del tuo smartphone? Sono sicuro di no. Non preoccuparti, non lo so nemmeno io a memoria e non ho alcuna voglia di controllare o calcolare questo parametro. Dobbiamo sapere che la tensione può essere diversa: 1,2 V o 3,6 V, 7,4 V o 14,8 V. Allo stesso tempo, una batteria con una capacità di 3000 mAh può avere una tensione di 3,6 V o 14,8 V. La capacità di una batteria con una tensione di 14,8 V sarà quasi 4 volte superiore alla prima. Pertanto, è corretto utilizzare un altro parametro, ovvero i wattora (Wh o Wh). Ad esempio, la batteria del Galaxy S20 Ultra ha una capacità di 5000 mAh, ma 19,25 Wh (3,85 V). È tanto o poco? Diamo un'occhiata ai laptop, hanno batterie con la stessa capacità, ma funzionano a 11,1 V, che ci dà 56 Wh. Allo stesso tempo, una tale batteria in un laptop non è solo più grande in termini di capacità reale, ma è anche più grande per dimensioni e peso. A seconda degli elementi utilizzati, la batteria di un laptop può essere 2,5-3 volte più grande (sia dimensioni che peso!). Purtroppo sul mercato ha messo radici la misura in mAh, che non è del tutto corretta e non rispecchia appieno le capacità della batteria. Ma quello che abbiamo è quello che abbiamo e spesso le aziende cinesi di fascia media non si preoccupano affatto di specificare parametri aggiuntivi.

Un altro punto relativo alla capacità della batteria è quanto la capacità effettiva potrebbe differire da quella dichiarata. Nella produzione di batterie non ce ne sono mai due identiche, la loro capacità varia leggermente, e questo è normale. Le persone che sono lontane dalla produzione credono che sarà giusto indicare per ogni dispositivo la capacità della batteria che ha effettivamente. Poi su ogni scatola bisognerebbe scrivere qualcosa del genere: 4923 mAh, 5028 mAh e così via. Lo spread può sempre essere sia alto che basso. Ogni produttore di batterie e, di conseguenza, dispositivi etichetta le batterie secondo gli standard. E qui arriviamo a un trucco in cui cadono le piccole aziende, spesso possono etichettare la batteria al limite. L'errore massimo per la maggior parte dei paesi è del 10%. Immagina di avere una batteria da 5000 mAh, puoi effettivamente indicare non questa capacità (il che sarebbe onesto e corretto), ma, ad esempio, 5500 mAh. E in termini di standard, non romperai nulla. Questo è positivo per il marketing, negativo per il consumatore e la percezione del marchio in futuro.

I grandi produttori non giocano con i numeri, cercano di evitarli. La procedura stessa è progettata in modo tale che i dispositivi siano sottoposti a test a laboratori indipendenti, dove viene misurata la capacità della batteria in diversi dispositivi. Ad esempio, è ampiamente utilizzato il metodo IEC 61960. Nelle descrizioni dei prodotti Samsung, è spesso possibile vedere una nota a piè di pagina relativa alla capacità della batteria: “I risultati dei test tipici sono stati ottenuti in laboratori di terze parti. Un valore tipico è un valore medio che tiene conto della variazione delle misurazioni della capacità di diversi campioni di batteria secondo la norma IEC 61960. Il valore della capacità nominale (minima) è 4900 mAh. La durata effettiva della batteria può variare in base all'ambiente di rete, ai modelli di utilizzo e ad altri fattori.

L'approccio di Samsung prevede che l'azienda fissi un valore minimo di 4900 mAh. Ciò non significa affatto che lo stesso S20 Ultra abbia una batteria di tale capacità. Non ero troppo pigro e ho chiesto al centro assistenza di misurare la batteria del mio telefono, la sua capacità si è rivelata 5020 mAh. Per alcuni, questa potrebbe essere una capacità nell'intervallo di 4950 mAh. Sì, Samsung dichiara sempre un parametro leggermente più piccolo per posare le cannucce. Ma qui non c'è il 10%, come nei prodotti di alcuni produttori di secondo livello.

Ricarica rapida o wireless: c'è un danno o manca?

C'è un mito persistente secondo cui la ricarica rapida o wireless uccide la batteria. Questo è un mito, ma è estremamente tenace e ci sono testimoni che affermano che la batteria del telefono diventa rapidamente inutilizzabile, perde la sua capacità nominale. Citano persino schermate di programmi acquistati che tengono traccia del numero di cicli di carica/scarica e della capacità della batteria per confermarlo. Il difetto logico sta nel fatto che non esiste un gruppo di controllo dello stesso smartphone, con lo stesso set di software e profilo di utilizzo, ma con ricarica lenta. Sono sicuro che la variazione dell'usura della batteria rientrerà nell'errore statistico.

Il danno maggiore alla batteria è causato dal calore, più precisamente dal surriscaldamento della batteria. Continuerà a funzionare in qualsiasi condizione, del resto utilizziamo smartphone anche nel Sahara, dove le temperature spesso superano i 40 gradi all'ombra. Ma il punto è che questo non è molto utile a lungo termine, la durata della batteria sarà ridotta. E qui devi dividere questa domanda in due: c'è il riscaldamento della batteria durante la ricarica (qualsiasi carica, solo il grado è diverso), così come il riscaldamento dalle condizioni esterne, che dipende dalla temperatura dell'aria, dalla luce solare diretta. Non dovresti aver paura del riscaldamento, questo fa parte della durata della batteria. Ma se hai la possibilità di caricare il tuo smartphone senza appoggiarlo alla batteria, alla luce diretta del sole, sul cruscotto di un'auto, allora questo ti sarà di grande aiuto.

Recentemente ho visto una scena molto interessante, una ragazza ha consegnato il suo smartphone a un centro di assistenza: non ha funzionato come avrebbe dovuto. Ho già colto lo stadio della rabbia, quando l'adorabile signorina batteva i piedi, urlava e chiedeva sangue. Il suo costoso smartphone era rotto e il servizio si è rifiutato di ripararlo! Dalle spiegazioni dello sfortunato maestro, che diede per la decima, e forse la centesima volta, fu possibile ricostruire il quadro del disastro. La ragazza stava caricando il suo smartphone mentre faceva il bagno (non farlo mai, puoi ucciderti!), il posto più vicino dove mettere il telefono era il radiatore della batteria. Il “matrimonio” svelato dalla ragazza consisteva nel fatto che di solito lo smartphone si caricava velocemente, ma sulla batteria si rifiutava di farlo e si scottava (anche se, secondo lei, la batteria non era così calda). Rifiutò di ascoltare le argomentazioni del maestro, minacciata di corte e punizioni celesti. Nella sua visione del mondo, un telefono così costoso dovrebbe essere in grado di ricaricarsi ovunque. Mi è piaciuto particolarmente il passaggio: “Sì, anche se volessi caricarlo sott'acqua, dovrebbe funzionare. Ma non sono uno sciocco, ho studiato bene a scuola, so che la corrente nell'acqua è Nalumunye Jomayi male, può colpire duramente. Non lo faccio! Ma cosa lo sta fermando sulla batteria. ”.

Le persone esperte sanno che il riscaldamento della batteria inizia a verificarsi quando la carica raggiunge l'80% della capacità nominale, questa è la fase in cui aumenta l'usura della batteria. Si scopre che ci sono persone che monitorano come si sta caricando la batteria e rimuovono i loro smartphone dalla carica quando raggiungono l'80%. Certo, se ti piace farlo, allora puoi farlo, hai voglia di farlo. Ma questo è un esercizio del tutto inutile, poiché i moderni smartphone sono in grado di autoregolarsi ed evitare il surriscaldamento.

Diamo un'occhiata allo stesso S20 Ultra, nel kit è inclusa la ricarica rapida da 25W, puoi acquistare un caricabatterie da 45W separatamente. E qui inizia il divertimento: puoi caricare la batteria fino al 100% in circa 70-75 minuti. La differenza risulta essere insignificante.

In 30 minuti, il caricabatterie da 45 W carica la batteria del 70%, ma il caricabatterie da 25 W carica fino al 62%. Per quanto mi riguarda, questa differenza è del tutto irrilevante. Perché succede? Il riscaldamento della batteria funge da limitazione, per la carica a 45 W è più forte quando raggiunge il 70-75% della capacità nominale, quindi la velocità di carica diminuisce e alla fine si ottiene più o meno lo stesso tempo. Samsung ha implementato questi limiti per massimizzare la durata della batteria. Ma questo rende praticamente inutile l'utilizzo di un caricabatterie da 45 W.

I produttori cinesi hanno caricabatterie da 40-50W, inoltre mostrano una carica della batteria di 4000-5000 mAh in mezz'ora, il livello di carica cambia davanti ai nostri occhi. Sembra fantastico! E, naturalmente, è molto conveniente.

In che misura uno smartphone può sopravvivere a una tale carica e non avere conseguenze? I produttori affermano che se ne sono presi cura. Ho deciso di testarlo nella pratica, a dicembre 2019 ho iniziato a caricare quotidianamente il mio smartphone utilizzando un caricabatterie da 40W. Dopo tre mesi e cento cicli completi, è stata misurata la capacità della batteria, ridotta del 14% rispetto al valore nominale. Questo è un risultato molto alto, che mostra il livello di usura. L'unico momento incomprensibile è stato che il tempo di ricarica è rimasto invariato, ci sono voluti esattamente lo stesso numero di minuti di prima. Quindi, quando ricevi una ricarica così veloce, c'è ancora un problema, dove senza di essa.

Nelle impostazioni dello smartphone, di norma, puoi disattivare la ricarica rapida, tutto dipende dalle tue idee sulla bellezza e su come si consumerà la batteria. Secondo me la ricarica rapida è ciò che cambia completamente la percezione di uno smartphone e il modo in cui lo utilizziamo. E ricordando che la batteria è un materiale di consumo, non dovresti disattivare tale ricarica.

Batteria dello smartphone: miti, idee sbagliate, come caricare e cosa fai

Con la ricarica wireless, tutto è esattamente lo stesso, ma lì, a causa della fisica del processo, il riscaldamento è un componente inevitabile. Il controller della batteria regola la carica e la velocità, quindi è fisicamente impossibile danneggiare lo smartphone con una tale carica.

Importante! Non lesinare sugli accessori per il tuo smartphone. La ricarica rapida delle ultime generazioni richiede spesso un cavo da 5A, quelli convenzionali non sono adatti. E se lo smartphone rileva che stai utilizzando la ricarica rapida e un semplice cavo, la velocità di ricarica viene automaticamente ridotta. Cavi e caricatori non originali per mancini possono bruciare il controller della batteria, provocando un incendio o addirittura un'esplosione. Negli ultimi anni, almeno alcune persone sono state ferite dall'utilizzo di accessori non originali, ma ci sono stati anche morti per scosse elettriche o per l'esplosione di un telefono vicino alla testa. Non è uno scherzo!

I flagship utilizzano non solo batterie più grandi, ma anche speciali sistemi di raffreddamento (sia per il processore che per il case nel suo insieme). Migliore è il sistema di dissipazione del calore, maggiore sarà la durata della batteria. Su dispositivi economici, questo è qualcosa su cui il produttore può risparmiare e quindi la durata della batteria è inferiore, l'usura da riscaldamento è maggiore. In questo caso, le batterie stesse possono essere esattamente le stesse.

Come ricarichiamo i nostri smartphone: nuovi scenari con la ricarica rapida

Le abitudini degli utenti non cambiano molto rapidamente, ma lo fanno. Una volta caricavamo i nostri telefoni lasciandoli in carica durante la notte. Non c'è niente di sbagliato nella batteria (il buon senso dice il contrario, e c'è anche un mito del genere), ma è diventato superfluo con l'avvento della ricarica rapida o wireless.

Fai un piccolo sondaggio su Twitter su come carichi i tuoi smartphone.

Batteria dello smartphone: miti, idee sbagliate, come caricare e cosa fai

Quasi la metà degli intervistati lascia lo smartphone in carica durante la notte, questa è un'abitudine che ci è venuta dal passato. Ad esempio per me è sempre estremamente difficile controllare quanto funziona uno smartphone con una singola carica, devo tirarmi su. A casa e in ufficio ho dei caricatori (sia convenzionali che wireless), quindi quando mi muovo per la città metto in ricarica il mio dispositivo. A volte ci vogliono dieci o quindici minuti, a volte più o meno. L'auto ha la ricarica wireless, dove puoi anche ottenere un po' di energia per il tuo smartphone. Per me uno smartphone è uno strumento di lavoro, e viene sfruttato senza pietà (basti pensare che in media il traffico mobile arriva a 7-8 GB al giorno, e questo è sempre fuori casa o in ufficio). Il mio smartphone può gestire un'intera giornata di lavoro al mio ritmo? Decisamente sì.Ma perché organizzarsi una sorta di routine, se è possibile ricaricare il dispositivo di tanto in tanto senza danneggiare la batteria? Ora il mio scenario di ricarica non è più lo stesso di una volta, carico il dispositivo di tanto in tanto quando me lo ricordo. E non ho paura di farlo quando il livello di carica è del 20% o del 60%, per me non ha alcun ruolo. E molte persone fanno esattamente lo stesso. Riflettendo su questo argomento, sono giunto alla conclusione che in questo caso d'uso, il riscaldamento della batteria dovrebbe essere in media inferiore, poiché il tempo totale di ricarica continua è ridotto. Non è il fattore più importante per me perché non penso che una batteria possa e debba durare per sempre. Questo è un articolo di consumo. Ma anche, secondo me, c'è da dire che la batteria dovrebbe durare almeno circa due anni con uso attivo (una delle condizioni è la ricarica giornaliera).

Secondo me, la tecnologia è cambiata in modo tale che non ha senso lasciare uno smartphone in carica, è necessario caricarlo nei momenti in cui non serve, nel frattempo. Capita spesso al mattino che il mio smartphone mostri il 10-15% di carica, una decina di anni fa questo mi ha costretto a portare con me una batteria esterna e a ricaricarla in viaggio. Oggi mi bastano 15-30 minuti mentre mi lavo, faccio colazione o mi preparo per avere almeno metà della carica della batteria.

Un problema altrettanto importante per quanto riguarda la batteria non è solo come si carica la batteria, ma anche come è configurato lo smartphone, in quali modalità lo si utilizza. Spesso, un orario di lavoro breve è direttamente correlato al fatto che le persone semplicemente non capiscono cosa hanno incluso, perché ne hanno bisogno e l'orario di lavoro può variare in modo significativo. Volevo combinare tutto all'interno di un unico materiale, ma per non interferire con questi argomenti in un mucchio, li ho divisi.

La batteria di uno smartphone: miti, idee sbagliate, come caricare e cosa fare

Per molti anni abbiamo aspettato una svolta nella tecnologia delle batterie, la durata della batteria è uno dei parametri chiave per uno smartphone e viene alla ribalta per la maggior parte degli utenti. Sfortunatamente, non c'è stata una svolta in questa direzione, ma le tecnologie sono cambiate in modo inimmaginabile, spesso le persone rimangono prigioniere di stereotipi, fiabe ascoltate da qualche parte sui forum e in rete. In questo voluminoso materiale cercheremo di capire insieme cosa è importante e cosa no quando si lavora con la batteria di uno smartphone e come impostare correttamente il proprio dispositivo.

Dire che nulla nella tecnologia delle batterie per smartphone e altri dispositivi elettronici è cambiato negli ultimi anni significa ammettere che per tutto questo tempo sono stato in animazione sospesa e ho perso eventi chiave. Molto è cambiato, ma non la nostra percezione di questo problema. Lascia che ti ricordi che quasi tutte le batterie degli smartphone e delle altre apparecchiature oggi non sono rimovibili, l'utente non ha accesso ad esse. Allo stesso tempo, la batteria non è percepita da molti come un materiale di consumo, sebbene lo sia. Maggiore è il chilometraggio condizionale della batteria, ovvero il numero di cicli di carica-scarica, minore è la capacità rispetto all'originale. Una tale batteria tollera peggio gli sbalzi di temperatura e può spegnersi al freddo, anche se il telefono mostra una carica del 40% (questo è un problema molto comune sui vecchi iPhone, è molto meno comune sugli smartphone Android). Ma proprio all'inizio è necessario definire alcuni termini.

Perché i mAh sono una cattiva caratteristica della batteria

L'utente valuta la batteria di uno smartphone in base a un solo parametro: la capacità della batteria. Ad esempio, se uno smartphone ha una batteria da 5000 mAh, allora va bene, ma una batteria da 3000 mAh, secondo molti, è più debole e il dispositivo funzionerà di meno. In realtà, tutto dipende da una serie di parametri: il chipset e la sua efficienza energetica, risoluzione e diagonale dello schermo, nonché il suo tipo. Questa è una dispersione di fattori che vengono in qualche modo dimenticati, quindi viene presa in considerazione solo la capacità nominale indicata dal produttore. Ma con la capacità misurata in mAh, c'è un grosso problema, spesso non riflette le effettive caratteristiche della batteria.

Ricordi quale tensione nominale emette la batteria del tuo smartphone? Sono sicuro di no. Non preoccuparti, non lo so nemmeno io a memoria e non ho alcuna voglia di controllare o calcolare questo parametro. Dobbiamo sapere che la tensione può essere diversa: 1,2 V o 3,6 V, 7,4 V o 14,8 V. Allo stesso tempo, una batteria con una capacità di 3000 mAh può avere una tensione di 3,6 V o 14,8 V. La capacità di una batteria con una tensione di 14,8 V sarà quasi 4 volte superiore alla prima. Pertanto, è corretto utilizzare un altro parametro, ovvero i wattora (Wh o Wh). Ad esempio, la batteria del Galaxy S20 Ultra ha una capacità di 5000 mAh, ma 19,25 Wh (3,85 V). È tanto o poco? Diamo un'occhiata ai laptop, hanno batterie con la stessa capacità, ma funzionano a 11,1 V, che ci dà 56 Wh. Allo stesso tempo, una tale batteria in un laptop non è solo più grande in termini di capacità reale, ma è anche più grande per dimensioni e peso. A seconda degli elementi utilizzati, la batteria di un laptop può essere 2,5-3 volte più grande (sia dimensioni che peso!). Purtroppo sul mercato ha messo radici la misura in mAh, che non è del tutto corretta e non rispecchia appieno le capacità della batteria. Ma quello che abbiamo è quello che abbiamo e spesso le aziende cinesi di fascia media non si preoccupano affatto di specificare parametri aggiuntivi.

Un altro punto relativo alla capacità della batteria è quanto la capacità effettiva potrebbe differire da quella dichiarata. Nella produzione di batterie non ce ne sono due uguali, la loro capacità varia leggermente e questo è normale. Le persone che sono lontane dalla produzione credono che sarà giusto indicare per ogni dispositivo la capacità della batteria che ha effettivamente. Poi su ogni scatola bisognerebbe scrivere qualcosa del genere: 4923 mAh, 5028 mAh e così via. Lo spread può sempre essere sia alto che basso. Ogni produttore di batterie e, di conseguenza, dispositivi etichetta le batterie secondo gli standard. E qui arriviamo a un trucco in cui cadono le piccole aziende, spesso possono etichettare la batteria al limite. L'errore massimo per la maggior parte dei paesi è del 10%. Immagina di avere una batteria da 5000 mAh, puoi effettivamente indicare non questa capacità (il che sarebbe onesto e corretto), ma, ad esempio, 5500 mAh. E in termini di standard, non romperai nulla. Questo è positivo per il marketing, negativo per il consumatore e la percezione del marchio in futuro.

I grandi produttori non giocano con i numeri, cercano di evitarli. La procedura stessa è progettata in modo tale che i dispositivi siano sottoposti a test a laboratori indipendenti, dove viene misurata la capacità della batteria in diversi dispositivi. Ad esempio, è ampiamente utilizzato il metodo IEC 61960. Nelle descrizioni dei prodotti Samsung, è spesso possibile vedere una nota a piè di pagina relativa alla capacità della batteria: “I risultati dei test tipici sono stati ottenuti in laboratori di terze parti. Un valore tipico è un valore medio che tiene conto della variazione delle misurazioni della capacità di diversi campioni di batteria secondo la norma IEC 61960. Il valore della capacità nominale (minima) è 4900 mAh. La durata effettiva della batteria può variare in base all'ambiente di rete, ai modelli di utilizzo e ad altri fattori.

L'approccio di Samsung prevede che l'azienda fissi un valore minimo di 4900 mAh. Ciò non significa affatto che lo stesso S20 Ultra abbia una batteria di tale capacità. Non ero troppo pigro e ho chiesto al centro assistenza di misurare la batteria del mio telefono, la sua capacità si è rivelata 5020 mAh. Per alcuni, questa potrebbe essere una capacità nell'intervallo di 4950 mAh. Sì, Samsung dichiara sempre un parametro leggermente più piccolo per posare le cannucce. Ma qui non c'è il 10%, come nei prodotti di alcuni produttori di secondo livello.

Ricarica rapida o wireless: c'è un danno o manca?

C'è un mito persistente secondo cui la ricarica rapida o wireless uccide la batteria. Questo è un mito, ma è estremamente tenace e ci sono testimoni che affermano che la batteria del telefono diventa rapidamente inutilizzabile, perde la sua capacità nominale. Citano persino schermate di programmi acquistati che tengono traccia del numero di cicli di carica/scarica e della capacità della batteria per confermarlo. Il difetto logico sta nel fatto che non esiste un gruppo di controllo dello stesso smartphone, con lo stesso set di software e profilo di utilizzo, ma con ricarica lenta. Sono sicuro che la variazione dell'usura della batteria rientrerà nell'errore statistico.

Il danno maggiore alla batteria è causato dal calore, più precisamente dal surriscaldamento della batteria. Continuerà a funzionare in qualsiasi condizione, del resto utilizziamo smartphone anche nel Sahara, dove le temperature spesso superano i 40 gradi all'ombra. Ma il punto è che questo non è molto utile a lungo termine, la durata della batteria sarà ridotta. E qui devi dividere questa domanda in due: c'è il riscaldamento della batteria durante la ricarica (qualsiasi carica, solo il grado è diverso), così come il riscaldamento dalle condizioni esterne, che dipende dalla temperatura dell'aria, dalla luce solare diretta. Non dovresti aver paura del riscaldamento, questo fa parte della durata della batteria. Ma se hai la possibilità di caricare il tuo smartphone senza appoggiarlo alla batteria, alla luce diretta del sole, sul cruscotto di un'auto, allora questo ti sarà di grande aiuto.

Recentemente ho visto una scena molto interessante, una ragazza ha consegnato il suo smartphone a un centro di assistenza: non ha funzionato come avrebbe dovuto. Ho già colto lo stadio della rabbia, quando l'adorabile signorina batteva i piedi, urlava e chiedeva sangue. Il suo costoso smartphone era rotto e il servizio si è rifiutato di ripararlo! Dalle spiegazioni dello sfortunato maestro, che diede per la decima, e forse la centesima volta, fu possibile ricostruire il quadro del disastro. La ragazza stava caricando il suo smartphone mentre faceva il bagno (non farlo mai, puoi ucciderti!), il posto più vicino dove mettere il telefono era il radiatore della batteria. Il “matrimonio” svelato dalla ragazza consisteva nel fatto che di solito lo smartphone si caricava velocemente, ma sulla batteria si rifiutava di farlo e si scottava (anche se, secondo lei, la batteria non era così calda). Rifiutò di ascoltare le argomentazioni del maestro, minacciata di corte e punizioni celesti. Nella sua visione del mondo, un telefono così costoso dovrebbe essere in grado di ricaricarsi ovunque. Mi è piaciuto particolarmente il passaggio: “Sì, anche se volessi caricarlo sott'acqua, dovrebbe funzionare. Ma non sono uno sciocco, ho studiato bene a scuola, so che la corrente nell'acqua è Nalumunye Jomayi male, può colpire duramente. Non lo faccio! Ma cosa lo sta fermando sulla batteria. ”.

Gli esperti sanno che il riscaldamento della batteria inizia a verificarsi quando la carica raggiunge l'80% della capacità nominale, questa è la fase in cui aumenta l'usura della batteria. Si scopre che ci sono persone che monitorano come si sta caricando la batteria e rimuovono i loro smartphone dalla carica quando raggiungono l'80%. Certo, se ti piace farlo, allora puoi farlo, hai voglia di farlo. Ma questo è un esercizio del tutto inutile, poiché i moderni smartphone sono in grado di autoregolarsi ed evitare il surriscaldamento.

Diamo un'occhiata allo stesso S20 Ultra, nel kit è inclusa la ricarica rapida da 25W, puoi acquistare un caricabatterie da 45W separatamente. E qui inizia il divertimento: puoi caricare la batteria fino al 100% in circa 70-75 minuti. La differenza risulta essere insignificante.

In 30 minuti, il caricabatterie da 45 W carica la batteria del 70%, ma il caricabatterie da 25 W carica fino al 62%. Quanto a me, questa differenza non è affatto fondamentale. Perché succede? Il riscaldamento della batteria funge da limitazione, per la carica a 45 W è più forte quando raggiunge il 70-75% della capacità nominale, quindi la velocità di carica diminuisce e alla fine si ottiene più o meno lo stesso tempo. Samsung ha implementato questi limiti per massimizzare la durata della batteria. Ma questo rende praticamente inutile l'utilizzo di un caricabatterie da 45 W.

I produttori cinesi hanno caricabatterie da 40-50W, inoltre mostrano una carica della batteria di 4000-5000 mAh in mezz'ora, il livello di carica cambia davanti ai nostri occhi. Sembra fantastico! E, naturalmente, è molto conveniente.

In che misura uno smartphone può sopravvivere a una tale carica e non avere conseguenze? I produttori affermano che se ne sono presi cura. Ho deciso di testarlo nella pratica, a dicembre 2019 ho iniziato a caricare quotidianamente il mio smartphone utilizzando un caricabatterie da 40W. Dopo tre mesi e cento cicli completi, è stata misurata la capacità della batteria, ridotta del 14% rispetto al valore nominale. Questo è un risultato molto alto, che mostra il livello di usura. L'unico momento incomprensibile è stato che il tempo di ricarica è rimasto invariato, ci sono voluti esattamente lo stesso numero di minuti di prima. Quindi, quando ricevi una ricarica così veloce, c'è ancora un problema, dove senza di essa.

Nelle impostazioni dello smartphone, di norma, puoi disattivare la ricarica rapida, tutto dipende dalle tue idee sulla bellezza e su come si consumerà la batteria. Secondo me la ricarica rapida è ciò che cambia completamente la percezione di uno smartphone e il modo in cui lo utilizziamo. E ricordando che la batteria è un materiale di consumo, non dovresti disattivare tale ricarica.

Batteria dello smartphone: miti, idee sbagliate, come caricare e cosa fai

Con la ricarica wireless, tutto è esattamente lo stesso, ma lì, a causa della fisica del processo, il riscaldamento è un componente inevitabile. Il controller della batteria regola la carica e la velocità, quindi è fisicamente impossibile danneggiare lo smartphone con una tale carica.

Importante! Non lesinare sugli accessori per il tuo smartphone. La ricarica rapida delle ultime generazioni richiede spesso un cavo da 5A, quelli convenzionali non sono adatti. E se lo smartphone rileva che stai utilizzando la ricarica rapida e un semplice cavo, la velocità di ricarica viene automaticamente ridotta. Cavi e caricatori non originali per mancini possono bruciare il controller della batteria, provocando un incendio o addirittura un'esplosione. Negli ultimi anni, almeno alcune persone sono state ferite dall'utilizzo di accessori non originali, ma ci sono stati anche morti per scosse elettriche o per l'esplosione di un telefono vicino alla testa. Non è uno scherzo!

I flagship utilizzano non solo batterie più grandi, ma anche speciali sistemi di raffreddamento (sia per il processore che per il case nel suo insieme). Migliore è il sistema di dissipazione del calore, maggiore sarà la durata della batteria. Su dispositivi economici, questo è qualcosa su cui il produttore può risparmiare e quindi la durata della batteria è inferiore, l'usura da riscaldamento è maggiore. In questo caso, le batterie stesse possono essere esattamente le stesse.

Come ricarichiamo i nostri smartphone: nuovi scenari con la ricarica rapida

Le abitudini degli utenti non cambiano molto rapidamente, ma lo fanno. Una volta caricavamo i nostri telefoni lasciandoli in carica durante la notte. Non c'è niente di sbagliato nella batteria (il buon senso dice il contrario, e c'è anche un mito del genere), ma è diventato superfluo con l'avvento della ricarica rapida o wireless.

Fai un piccolo sondaggio su Twitter su come carichi i tuoi smartphone.

Batteria dello smartphone: miti, idee sbagliate, come caricare e cosa fai

Quasi la metà degli intervistati lascia lo smartphone in carica durante la notte, questa è un'abitudine che ci è venuta dal passato. Ad esempio per me è sempre estremamente difficile controllare quanto funziona uno smartphone con una singola carica, devo tirarmi su. A casa e in ufficio ho dei caricatori (sia convenzionali che wireless), quindi quando mi muovo per la città metto in ricarica il mio dispositivo. A volte ci vogliono dieci o quindici minuti, a volte più o meno. L'auto ha la ricarica wireless, dove puoi anche ottenere un po' di energia per il tuo smartphone. Per me uno smartphone è uno strumento di lavoro, e viene sfruttato senza pietà (basti pensare che in media il traffico mobile arriva a 7-8 GB al giorno, e questo è sempre fuori casa o in ufficio). Il mio smartphone può gestire un'intera giornata di lavoro al mio ritmo? Decisamente sì.Ma perché organizzarsi una sorta di routine, se è possibile ricaricare il dispositivo di tanto in tanto senza danneggiare la batteria? Ora il mio scenario di ricarica non è più lo stesso di una volta, carico il dispositivo di tanto in tanto quando me lo ricordo. E non ho paura di farlo quando il livello di carica è del 20% o del 60%, per me non ha alcun ruolo. E molte persone fanno esattamente lo stesso. Riflettendo su questo argomento, sono giunto alla conclusione che in questo caso d'uso, il riscaldamento della batteria dovrebbe essere in media inferiore, poiché il tempo totale di ricarica continua è ridotto. Non è il fattore più importante per me perché non penso che una batteria possa e debba durare per sempre. Questo è un articolo di consumo. Ma anche, secondo me, c'è da dire che la batteria dovrebbe durare almeno circa due anni con uso attivo (una delle condizioni è la ricarica giornaliera).

Secondo me, la tecnologia è cambiata in modo tale che non ha senso lasciare uno smartphone in carica, è necessario caricarlo nei momenti in cui non serve, nel frattempo. Capita spesso al mattino che il mio smartphone mostri il 10-15% di carica, una decina di anni fa questo mi ha costretto a portare con me una batteria esterna e a ricaricarla in viaggio. Oggi mi bastano 15-30 minuti mentre mi lavo, faccio colazione o mi preparo per avere almeno metà della carica della batteria.

Un problema altrettanto importante per quanto riguarda la batteria non è solo come si carica la batteria, ma anche come è configurato lo smartphone, in quali modalità lo si utilizza. Spesso, un orario di lavoro breve è direttamente correlato al fatto che le persone semplicemente non capiscono cosa hanno incluso, perché ne hanno bisogno e l'orario di lavoro può variare in modo significativo. Volevo combinare tutto all'interno di un unico materiale, ma per non interferire con questi argomenti in un mucchio, li ho divisi.

La batteria di uno smartphone: miti, idee sbagliate, come caricare e cosa fare

Per molti anni abbiamo aspettato una svolta nella tecnologia delle batterie, la durata della batteria è uno dei parametri chiave per uno smartphone e viene alla ribalta per la maggior parte degli utenti. Sfortunatamente, non c'è stata una svolta in questa direzione, ma le tecnologie sono cambiate in modo inimmaginabile, spesso le persone rimangono prigioniere di stereotipi, fiabe ascoltate da qualche parte sui forum e in rete. In questo voluminoso materiale cercheremo di capire insieme cosa è importante e cosa no quando si lavora con la batteria di uno smartphone e come impostare correttamente il proprio dispositivo.

Dire che nulla nella tecnologia delle batterie per smartphone e altri dispositivi elettronici è cambiato negli ultimi anni significa ammettere che per tutto questo tempo sono stato in animazione sospesa e ho perso eventi chiave. Molto è cambiato, ma non la nostra percezione di questo problema. Lascia che ti ricordi che quasi tutte le batterie degli smartphone e delle altre apparecchiature oggi non sono rimovibili, l'utente non ha accesso ad esse. Allo stesso tempo, la batteria non è percepita da molti come un materiale di consumo, sebbene lo sia. Maggiore è il chilometraggio condizionale della batteria, ovvero il numero di cicli di carica-scarica, minore è la capacità rispetto all'originale. Una tale batteria tollera peggio gli sbalzi di temperatura e può spegnersi al freddo, anche se il telefono mostra una carica del 40% (questo è un problema molto comune sui vecchi iPhone, è molto meno comune sugli smartphone Android). Ma proprio all'inizio è necessario definire alcuni termini.

Perché i mAh sono una cattiva caratteristica della batteria

L'utente valuta la batteria di uno smartphone in base a un solo parametro: la capacità della batteria. Ad esempio, se uno smartphone ha una batteria da 5000 mAh, allora va bene, ma una batteria da 3000 mAh, secondo molti, è più debole e il dispositivo funzionerà di meno. In realtà, tutto dipende da una combinazione di parametri: il chipset e la sua efficienza energetica, risoluzione e diagonale dello schermo, nonché il suo tipo. Questa è una dispersione di fattori che vengono in qualche modo dimenticati, quindi viene presa in considerazione solo la capacità nominale indicata dal produttore. Ma c'è un grosso problema con la capacità misurata in mAh, spesso non rispecchia le effettive caratteristiche della batteria.

Ricordi quale tensione nominale emette la batteria del tuo smartphone? Sono sicuro di no. Non preoccuparti, non lo so nemmeno io a memoria e non ho alcuna voglia di controllare o calcolare questo parametro. Dobbiamo sapere che la tensione può essere diversa: 1,2 V o 3,6 V, 7,4 V o 14,8 V. Allo stesso tempo, una batteria con una capacità di 3000 mAh può avere una tensione di 3,6 V o 14,8 V. La capacità di una batteria con una tensione di 14,8 V sarà quasi 4 volte superiore alla prima. Pertanto, è corretto utilizzare un altro parametro, ovvero i wattora (Wh o Wh). Ad esempio, la batteria del Galaxy S20 Ultra ha una capacità di 5000 mAh, ma 19,25 Wh (3,85 V). È molto o poco? Diamo un'occhiata ai laptop, hanno batterie della stessa capacità, ma funzionano con una tensione di 11,1 V, che ci dà 56 Wh. Allo stesso tempo, una tale batteria in un laptop non è solo più grande in termini di capacità reale, ma è anche più grande per dimensioni e peso. A seconda degli elementi utilizzati, la batteria di un laptop può essere 2,5-3 volte più grande (sia dimensioni che peso!). Purtroppo sul mercato ha messo radici la misura in mAh, che non è del tutto corretta e non rispecchia appieno le capacità della batteria. Ma quello che abbiamo è quello che abbiamo, e spesso le aziende cinesi della classe media non si preoccupano affatto di specificare parametri aggiuntivi.

Un altro punto relativo alla capacità della batteria è quanto la capacità effettiva potrebbe differire da quella dichiarata. Nella produzione di batterie non ce ne sono due uguali, la loro capacità varia leggermente e questo è normale. Le persone che sono lontane dalla produzione credono che sarà giusto indicare per ogni dispositivo la capacità della batteria che ha effettivamente. Poi su ogni scatola bisognerebbe scrivere qualcosa del genere: 4923 mAh, 5028 mAh e così via. Lo spread può sempre essere sia alto che basso. Ogni produttore di batterie e, di conseguenza, dispositivi etichetta le batterie secondo gli standard. E qui arriviamo a un trucco in cui cadono le piccole aziende, spesso possono etichettare la batteria al limite. L'errore massimo per la maggior parte dei paesi è del 10%. Immagina di avere una batteria da 5000 mAh, puoi effettivamente indicare non questa capacità (il che sarebbe onesto e corretto), ma, ad esempio, 5500 mAh. E in termini di standard, non romperai nulla. Questo è positivo per il marketing, negativo per il consumatore e la percezione del marchio in futuro.

I grandi produttori non giocano con i numeri, cercano di evitarli. La procedura stessa è progettata in modo tale che i dispositivi siano sottoposti a test a laboratori indipendenti, dove viene misurata la capacità della batteria in diversi dispositivi. Ad esempio, è ampiamente utilizzato il metodo IEC 61960. Nelle descrizioni dei prodotti Samsung, è spesso possibile vedere una nota a piè di pagina relativa alla capacità della batteria: “I risultati dei test tipici sono stati ottenuti in laboratori di terze parti. Un valore tipico è un valore medio che tiene conto della variazione delle misurazioni della capacità di diversi campioni di batteria secondo la norma IEC 61960. Il valore della capacità nominale (minima) è 4900 mAh. La durata effettiva della batteria può variare in base all'ambiente di rete, ai modelli di utilizzo e ad altri fattori.

L'approccio di Samsung prevede che l'azienda fissi un valore minimo di 4900 mAh. Ciò non significa affatto che lo stesso S20 Ultra abbia una batteria di tale capacità. Non ero troppo pigro e ho chiesto al centro assistenza di misurare la batteria del mio telefono, la sua capacità si è rivelata 5020 mAh. Per alcuni, questa potrebbe essere una capacità nell'intervallo di 4950 mAh. Sì, Samsung dichiara sempre un parametro leggermente più piccolo per posare le cannucce. Ma qui non c'è il 10%, come nei prodotti di alcuni produttori di secondo livello.

Ricarica rapida o wireless: c'è un danno o manca?

C'è un mito persistente secondo cui la ricarica rapida o wireless uccide la batteria. Questo è un mito, ma è estremamente tenace e ci sono testimoni che affermano che la batteria del telefono diventa rapidamente inutilizzabile, perde la sua capacità nominale. Citano persino schermate di programmi acquistati che tengono traccia del numero di cicli di carica/scarica e della capacità della batteria per confermarlo. Il difetto logico sta nel fatto che non esiste un gruppo di controllo dello stesso smartphone, con lo stesso set di software e profilo di utilizzo, ma con ricarica lenta. Sono sicuro che la variazione dell'usura della batteria rientrerà nell'errore statistico.

Il danno maggiore alla batteria è causato dal calore, più precisamente dal surriscaldamento della batteria. Continuerà a funzionare in qualsiasi condizione, del resto utilizziamo smartphone anche nel Sahara, dove le temperature spesso superano i 40 gradi all'ombra. Ma il punto è che questo non è molto utile a lungo termine, la durata della batteria sarà ridotta. E qui devi dividere questa domanda in due: c'è il riscaldamento della batteria durante la ricarica (qualsiasi carica, solo il grado è diverso), così come il riscaldamento dalle condizioni esterne, che dipende dalla temperatura dell'aria, dalla luce solare diretta. Non dovresti aver paura del riscaldamento, questo fa parte della durata della batteria. Ma se hai la possibilità di caricare il tuo smartphone senza appoggiarlo alla batteria, alla luce diretta del sole, sul cruscotto di un'auto, allora questo ti sarà di grande aiuto.

Recentemente ho visto una scena molto interessante, una ragazza ha consegnato il suo smartphone a un centro di assistenza: non ha funzionato come avrebbe dovuto. Ho già colto lo stadio della rabbia, quando l'adorabile signorina batteva i piedi, urlava e chiedeva sangue. Il suo costoso smartphone era rotto e il servizio si è rifiutato di ripararlo! Dalle spiegazioni dello sfortunato maestro, che diede per la decima, e forse la centesima volta, fu possibile ricostruire il quadro del disastro. La ragazza stava caricando il suo smartphone mentre faceva il bagno (non farlo mai, puoi ucciderti!), il posto più vicino dove mettere il telefono era il radiatore della batteria. Il “matrimonio” svelato dalla ragazza consisteva nel fatto che di solito lo smartphone si caricava velocemente, ma sulla batteria si rifiutava di farlo e si scottava (anche se, secondo lei, la batteria non era così calda). Rifiutò di ascoltare le argomentazioni del maestro, minacciata di corte e punizioni celesti. Nella sua visione del mondo, un telefono così costoso dovrebbe essere in grado di ricaricarsi ovunque. Mi è piaciuto particolarmente il passaggio: “Sì, anche se volessi caricarlo sott'acqua, dovrebbe funzionare. Ma non sono uno sciocco, ho studiato bene a scuola, so che la corrente nell'acqua è Nalumunye Jomayi cattiva, può colpire duramente. Non lo faccio! Ma cosa lo sta fermando sulla batteria. ”.

Di recente ho visto una scena molto interessante, la ragazza ha consegnato il suo smartphone al centro servizi: non ha funzionato come dovrebbe. Ho già colto lo stadio della rabbia, quando l'adorabile signorina batteva i piedi, urlava e chiedeva sangue. Il suo costoso smartphone era rotto e il servizio si è rifiutato di ripararlo! Dalle spiegazioni dello sfortunato maestro, che diede per la decima, e forse la centesima volta, fu possibile ricostruire il quadro del disastro. La ragazza stava caricando il suo smartphone mentre faceva il bagno (non farlo mai, puoi ucciderti!), il posto più vicino dove mettere il telefono era il radiatore della batteria. Il “matrimonio” svelato dalla ragazza consisteva nel fatto che di solito lo smartphone si caricava velocemente, ma sulla batteria si rifiutava di farlo e si scottava (anche se, secondo lei, la batteria non era così calda). Rifiutò di ascoltare le argomentazioni del maestro, minacciata di corte e punizioni celesti. Nella sua visione del mondo, un telefono così costoso dovrebbe essere in grado di ricaricarsi ovunque. Mi è piaciuto particolarmente il passaggio: “Sì, anche se volessi caricarlo sott'acqua, dovrebbe funzionare. Ma non sono uno sciocco, ho studiato bene a scuola, so che la corrente nell'acqua c'è Nalumunye Jomayi Nalumunye Jomayi cattivo, può colpire duramente. Non lo faccio! Ma cosa lo sta fermando sulla batteria. ".

Le persone esperte sanno che il riscaldamento della batteria inizia a verificarsi quando la carica raggiunge l'80% della capacità nominale, questa è la fase in cui aumenta l'usura della batteria. Si scopre che ci sono persone che monitorano come si sta caricando la batteria e rimuovono i loro smartphone dalla carica quando raggiungono l'80%. Certo, se ti piace farlo, allora puoi farlo, hai voglia di farlo. Ma questo è un esercizio del tutto inutile, poiché i moderni smartphone sono in grado di autoregolarsi ed evitare il surriscaldamento.

Diamo un'occhiata allo stesso S20 Ultra, nel kit è inclusa la ricarica rapida da 25W, puoi acquistare un caricabatterie da 45W separatamente. E qui inizia il divertimento: puoi caricare la batteria fino al 100% in circa 70-75 minuti. La differenza risulta essere insignificante.

In 30 minuti, il caricabatterie da 45 W carica la batteria del 70%, ma il caricabatterie da 25 W carica fino al 62%. Per quanto mi riguarda, questa differenza è del tutto irrilevante. Perché succede? Il riscaldamento della batteria funge da limitazione, per la carica a 45 W è più forte quando raggiunge il 70-75% della capacità nominale, quindi la velocità di carica diminuisce e alla fine si ottiene più o meno lo stesso tempo. Samsung ha implementato questi limiti per massimizzare la durata della batteria. Ma questo rende praticamente inutile l'utilizzo di un caricabatterie da 45 W.

I produttori cinesi hanno caricabatterie da 40-50W, inoltre mostrano una carica della batteria di 4000-5000 mAh in mezz'ora, il livello di carica cambia davanti ai nostri occhi. Sembra fantastico! E, naturalmente, è molto conveniente.

In che misura uno smartphone può sopravvivere a una tale carica e non avere conseguenze? I produttori affermano che se ne sono presi cura. Ho deciso di testarlo nella pratica, a dicembre 2019 ho iniziato a caricare quotidianamente il mio smartphone utilizzando un caricabatterie da 40W. Dopo tre mesi e cento cicli completi, è stata misurata la capacità della batteria, ridotta del 14% rispetto al valore nominale. Questo è un risultato molto alto, che mostra il livello di usura. L'unico momento incomprensibile è stato che il tempo di ricarica è rimasto invariato, ci sono voluti esattamente lo stesso numero di minuti di prima. Quindi, quando ricevi una ricarica così veloce, c'è ancora un problema, dove senza di essa.

Nelle impostazioni dello smartphone, di norma, puoi disattivare la ricarica rapida, tutto dipende dalle tue idee sulla bellezza e su come si consumerà la batteria. Secondo me la ricarica rapida è ciò che cambia completamente la percezione di uno smartphone e il modo in cui lo utilizziamo. E ricordando che la batteria è un materiale di consumo, non dovresti disattivare tale ricarica.

Con la ricarica wireless, tutto è esattamente lo stesso, ma lì, a causa della fisica del processo, il riscaldamento è un componente inevitabile. Il controller della batteria regola la carica e la velocità, quindi è fisicamente impossibile danneggiare lo smartphone con una tale carica.

Importante! Non lesinare sugli accessori per il tuo smartphone. La ricarica rapida delle ultime generazioni richiede spesso un cavo da 5A, quelli convenzionali non sono adatti. E se lo smartphone rileva che stai utilizzando la ricarica rapida e un semplice cavo, la velocità di ricarica viene automaticamente ridotta. Cavi e caricatori non originali per mancini possono bruciare il controller della batteria, provocando un incendio o addirittura un'esplosione. Negli ultimi anni, almeno alcune persone sono state ferite dall'utilizzo di accessori non originali, ma ci sono stati anche morti per scosse elettriche o per l'esplosione di un telefono vicino alla testa. Non è uno scherzo!

I flagship utilizzano non solo batterie più grandi, ma anche speciali sistemi di raffreddamento (sia per il processore che per il case nel suo insieme). Migliore è il sistema di dissipazione del calore, maggiore sarà la durata della batteria. Su dispositivi economici, questo è qualcosa su cui il produttore può risparmiare e quindi la durata della batteria è inferiore, l'usura da riscaldamento è maggiore. In questo caso, le batterie stesse possono essere esattamente le stesse.

Come ricarichiamo i nostri smartphone: nuovi scenari con la ricarica rapida

Le abitudini degli utenti non cambiano molto rapidamente, ma lo fanno. Una volta caricavamo i nostri telefoni lasciandoli in carica durante la notte. Non c'è niente di sbagliato nella batteria (il buon senso dice il contrario, e c'è anche un mito del genere), ma è diventato superfluo con l'avvento della ricarica rapida o wireless.

Fai un piccolo sondaggio su Twitter su come carichi i tuoi smartphone.

Quasi la metà degli intervistati lascia lo smartphone in carica durante la notte, questa è un'abitudine che ci è venuta dal passato. Ad esempio, per me è sempre estremamente difficile controllare quanto dura uno smartphone con una singola carica, devo tirarmi su. A casa e in ufficio ho dei caricatori (sia convenzionali che wireless), quindi quando mi muovo per la città metto in ricarica il mio dispositivo. A volte ci vogliono dieci o quindici minuti, a volte più o meno. L'auto ha la ricarica wireless, dove puoi anche ottenere un po' di energia per il tuo smartphone. Per me uno smartphone è uno strumento di lavoro, e viene sfruttato senza pietà (basti pensare che in media il traffico mobile arriva a 7-8 GB al giorno, e questo è sempre fuori casa o in ufficio). Il mio smartphone può gestire un'intera giornata di lavoro al mio ritmo? Decisamente sì. Ma perché organizzarsi una sorta di routine, se è possibile ricaricare il dispositivo di tanto in tanto senza danneggiare la batteria? Ora il mio scenario di ricarica non è più lo stesso di una volta, carico il dispositivo di tanto in tanto quando me lo ricordo.E non ho paura di farlo quando il livello di carica è del 20% o del 60%, per me non ha alcun ruolo. E molte persone fanno esattamente lo stesso. Riflettendo su questo argomento, sono giunto alla conclusione che in questo caso d'uso, il riscaldamento della batteria dovrebbe essere in media inferiore, poiché il tempo totale di ricarica continua è ridotto. Non è il fattore più importante per me perché non penso che una batteria possa e debba durare per sempre. Questo è un articolo di consumo. Ma anche, secondo me, c'è da dire che la batteria dovrebbe durare almeno circa due anni con uso attivo (una delle condizioni è la ricarica giornaliera).

Secondo me, la tecnologia è cambiata in modo tale che non ha senso lasciare uno smartphone in carica, è necessario caricarlo nei momenti in cui non serve, nel frattempo. Capita spesso al mattino che il mio smartphone mostri il 10-15% di carica, una decina di anni fa questo mi ha costretto a portare con me una batteria esterna e a ricaricarla in viaggio. Oggi mi bastano 15-30 minuti mentre mi lavo, faccio colazione o mi preparo per avere almeno metà della carica della batteria.

Un problema altrettanto importante per quanto riguarda la batteria non è solo come si carica la batteria, ma anche come è configurato lo smartphone, in quali modalità lo si utilizza. Spesso, un orario di lavoro breve è direttamente correlato al fatto che le persone semplicemente non capiscono cosa hanno incluso, perché ne hanno bisogno e l'orario di lavoro può variare in modo significativo. Volevo combinare tutto all'interno di un unico materiale, ma per non interferire con questi argomenti in un mucchio, li ho divisi.