it opay

Sony Ericsson: piani, strategia, prodotti. Annuncio 14 giugno

In questo materiale, cercheremo di fornire una breve analisi di ciò che sta accadendo intorno a Sony Ericsson, quali aree di sviluppo stanno diventando promettenti e cosa possiamo aspettarci nel prossimo futuro. Senza pretendere di essere uno studio completo, questo materiale è solo uno dei tentativi di spiegare cosa sta succedendo.

Posizione di mercato di Sony Ericsson

Secondo varie società di ricerca, Sony Ericsson detiene circa l'8% del mercato globale dei terminali mobili nel 2007 e continua ad aumentare le proprie vendite. Se parliamo della posizione del produttore, allora questo è il quarto posto, e il divario da Nokia è ampio, mentre Motorola sta lentamente perdendo quote di mercato a causa di fattori negativi, la debolezza della linea di prodotti (vedi il materiale Motorola Strategy 2007-2008). Relativamente negativo è lo sviluppo di Samsung, che, a causa della debole offerta di dispositivi economici per i mercati emergenti, dell'insufficiente attenzione ai mercati degli operatori, inizia a perdere terreno.

Diamo un'occhiata ai dati sulle vendite globali per il periodo 2005-2006 per trovare il punto di svolta seguito dall'aumento delle vendite dei prodotti Sony Ericsson e descriverne i motivi principali.

< td>13,0% < td>100,0%
Vendita globale (milioni) T2 '05 T3 '05 Q4 '05 2005 Q1 '06 Q2 '06
Nokia 60.8 66.6 83.7 264.9 75.1 78.4
Motorola 33.9 38.7 44.7 146.0 46.1 51.9
Samsung 24.4 26.8 27.2 102.9 29.0 26.3
Sony Ericsson 11.8 13.8< /td> 16.1 51.1 13.3 15.7
LG< /strong> 12.1 15.5 16.2 54.9 15.6 15.3
Altri 44.2 48.8 57.6 197.2 46.6 47.7
Totale 187,2 210,2 245,5 817.0 225.7 235.3
% quota globale Q2 '05 Q3 '05 Q4 '05 2005 Q1 '06 Q2 '06
Nokia 32.5% 31,7% 34,1% 32,4% 33,3% 33,3%
Motorola 18,1% 18,4% 18,2% 17,9% 20,4% 22,1%
Samsung 12,8% 11,1% 12,6% 12,8% 11,2%< /td>
Sony Ericsson 6,3% 6,6% 6,6%< /td> 6,3% 5,9% 6,7%
LG 6,5% 7,4% 6,6% 6,7% 6,9% 6,5%
Altri 23,6% 23,2% 23,5 % 24,1% 20,6% 20,3%
Totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0%
Crescita totale su base annua 17,6% 25,5% 24,9% 20,1% 29. 6% 25,7%

Nel secondo trimestre del 2006 si è verificato un evento significativo: Sony Ericsson ha conquistato nuovamente il 4° posto nel mercato mondiale, scalzando LG da esso. Il successo è dovuto alla forte domanda di telefoni Walkman. Allo stesso tempo, altri produttori stavano appena iniziando a preparare le loro soluzioni con un focus musicale, non c'era un'unica proposta formata da Nokia, Motorola, Samsung.

Famiglie di prodotti

Il concetto di una linea di prodotti unita da un sottomarchio, un marchio separato, ha dimostrato la sua fattibilità. Walkman è stato il primo marchio del genere, seguito da CyberShot nel 2006. L'idea dei marchi per ogni linea di prodotto è semplice e consente un migliore posizionamento nel mercato. Con la ricchezza funzionale delle soluzioni, il produttore evidenzia la funzione principale del dispositivo e la mostra, si concentra su di essa. Non esisteva un approccio del genere sul mercato, tutti i produttori hanno cercato di promuovere soluzioni singole o famiglie di prodotti specializzate separate (ad esempio, collezioni di telefoni alla moda di Nokia). Formalmente, lo stesso approccio viene utilizzato da Nokia quando separa le piattaforme S40 e S60, ma il problema è che entrambe le piattaforme combinano troppi dispositivi con funzionalità diverse. Determinare quale dispositivo sembra avere la priorità per ogni tipo di utente è difficile. La scelta di uno smartphone come un certo tipo di dispositivo in commercio non gioca un ruolo, quindi la divisione in piattaforme è più tecnica che di marketing (fino a poco tempo solo così).

Offrendo al mercato e ai consumatori la semplice idea di abbinare il nome di una linea di prodotti a una funzione principale, Sony Ericsson ha creato una nuova direzione nel marketing telefonico. Non è una novità sul mercato, ma questa tecnica non è stata praticamente utilizzata per i telefoni. Tutti i produttori hanno adottato un approccio simile oggi, stanno cercando di combinare i prodotti in una o nell'altra linea, offrendo alcune funzionalità uniche (Ultra Edition di Samsung, L'Amour di Nokia) o creando una famiglia di telefoni (ROKR di Motorola in futuro , XPressMusic di Nokia, in futuro - N-Gage). In questo modo si ottiene la differenziazione del prodotto.

Sony Ericsson ha il vantaggio di avere marchi con una storia, ad esempio Walkman è conosciuto dagli anni '70, infatti, questo è un marchio che ha aperto un'intera direzione nel settore; Il marchio CyberShot è ampiamente utilizzato nel mercato delle fotocamere digitali. L'uso di tali marchi aggiunge ai prodotti maggiore fiducia da parte degli utenti, introduce i dispositivi nel regno del noto. Altri produttori devono fare grandi sforzi per ottenere un effetto simile.Quindi, Nokia, per competere nel mercato dei dispositivi fotografici, dei telefoni, utilizza il marchio Carl Zeiss. Questo approccio significa che l'azienda sta effettivamente cercando di equiparare l'ottica del telefono e la qualità delle immagini, pagando per l'uso di questo marchio. Sony Ericsson evita ciò pubblicizzando e promuovendo la famiglia di prodotti e riducendo i costi di promozione. Formalmente, il denaro risparmiato viene versato in un margine aggiuntivo per i prodotti, che può essere utilizzato sia per la loro promozione, PR, sia investito in sviluppi successivi.

La semplice idea di posizionamento ha un valore monetario, che non va scontato.

Inizio 2007 - la crescita continua

All'inizio del 2007, sia Nokia che Sony Ericsson continuano ad aumentare la loro quota di mercato. Innanzitutto, ciò è dovuto all'"eliminazione" dal mercato di un player come BenQ Siemens, all'indebolimento delle posizioni di Motorola e alla posizione fiacca di LG in molti mercati. Se ci soffermiamo sulla percentuale della quota mondiale delle vendite, la crescita non sembra enorme, solo circa il 2 per cento (dal 5,9 nel 1q06 all'8 per cento nel 2q07). Se partiamo dal fatto che la crescita è stata del 25 per cento della quota di mercato, allora questo sembra più interessante e significativo. Ma diamo un'occhiata ai numeri di vendita dei telefoni stessi.

< td> Q4 2006 < /tbody>
Q1 2006 Q1 2007
Numero di unità spedite (milioni ) 13.3 26.0 21.8
Vendite (milioni di euro .) 1,992 3,782 2,925
Margine lordo % 26,3% 29,0% 30,3%
Risultato operativo (milioni di euro) 143 484 346
Margine operativo % 7,2% 12,8% 11,8%
Utile prima delle imposte (milioni di euro) 151 502 362
Utile netto (milioni di euro) 109 447 254
Prezzo medio di vendita (Euro) 149 146 134

In un anno l'azienda ha quasi raddoppiato la fornitura di telefoni, per un piccolo produttore questo significa una seria riorganizzazione sia della logistica che dei servizi al cliente e, in generale, dell'intera struttura. Una crescita così forte delle vendite significa anche che l'azienda nel 2006 ha preparato il terreno per un'ulteriore crescita (capacità).

Per confronto, ecco i dati per il primo trimestre del 2007 da Nokia. L'azienda ha immesso sul mercato 91,1 milioni di dispositivi (rispetto ai 72 dell'anno precedente), anno in cui è cresciuta del 21%. Allo stesso tempo, il prezzo medio di un telefono Nokia venduto era di 89 euro (quasi la metà di tutti i telefoni venduti costava meno di 49 euro). Il prezzo medio di un telefono Sony Ericsson era di 134 euro (+33%).

Il segmento del budget è la chiave per le vendite future

Sulla base del prezzo medio dei telefoni Sony Ericsson, vediamo che l'azienda non è molto forte nel segmento budget, sebbene abbia vendite significative di quei modelli presentati. Senza ampliare la propria presenza nel segmento budget, l'azienda si lascia da un lato una nicchia di crescita del mercato, dall'altro mantiene elevate vendite nel segmento medio. Ci saranno cambiamenti in questo campo nel 2007-2008?

Possiamo affermare con sicurezza che l'azienda non prevede cambiamenti drastici nella sua politica di saturazione del mercato con prodotti economici. Il compito principale è mantenere la percentuale di vendita di prodotti economici e aumentare le vendite nel segmento di 100 euro e oltre. Cioè, l'azienda non si basa tanto sul costo dei prodotti, ma sul vantaggio nel design, sulla forza del marchio rispetto alla concorrenza. L'azienda si rende conto che è inutile combattere contro le soluzioni super-budget di Nokia e Motorola, poiché il margine di vendita di tali prodotti è minimo. Allo stesso tempo, è presente anche l'impatto negativo di tali prodotti sulla percezione del marchio, fungendo da una sorta di ancoraggio nella vendita di telefoni più costosi.

Arima è il partner tradizionale di Sony Ericsson nella produzione di soluzioni di fascia bassa e da molti anni i suoi prodotti vengono forniti con il marchio dell'azienda. Nel 2007 escono dalla fabbrica non solo i modelli della serie J, ma anche i clamshell economici della serie Z, nonché i monoblocchi della serie K (segmento inferiore). Per il 2008, Sony Ericsson ha già effettuato ordini con questo produttore per 20 milioni di terminali.

All'inizio del 2007, Sony Ericsson ha anche stipulato un accordo con Sagem secondo cui i prodotti a marchio Sony Ericsson e i relativi adattamenti software sarebbero stati disponibili a partire dalla fine del 2007. Lavorare con Sagem è vantaggioso per Sony Ericsson, poiché l'azienda riceve prodotti tecnici già pronti e la relativa produzione. Aggiungendo il software e il design del telefono, il produttore riceve prodotti di alta qualità ed è in grado di implementarli, cosa che la stessa Sagem non può fare. Il volume di produzione dei telefoni Sagem per Sony Ericsson nel 2008 potrebbe raggiungere i 12 milioni di unità. Inoltre, queste non saranno tanto soluzioni economiche quanto modelli nella fascia di prezzo da 85 a 160 euro.

Quando si promuovono dispositivi di fascia bassa, l'accento sarà posto solo sui mercati emergenti, ad esempio il mercato indiano. Allo stesso tempo, l'azienda non prevede di offrire ampiamente soluzioni economiche in Europa, per farne la sua offerta shock. Qui l'azienda intende offrire i prodotti del segmento di prezzo medio nel modo più completo possibile.

Prodotti di design: i primi segnali

Nella linea di prodotti di Sony Ericsson sono sempre mancati prodotti di design, ovvero telefoni con funzionalità simili ai dispositivi prodotti in serie, ma con design e materiali della custodia insoliti. Se tracciamo parallelismi con Nokia, l'azienda non ha analoghi della serie 8xxx. Qualcuno può tranquillamente affermare che il design dei telefoni di Sony Ericsson è sempre stato un punto di forza (qualcuno, al contrario, ne è insoddisfatto), ma in realtà l'azienda ha sempre unito design e funzionalità. Dopo aver raggiunto un certo livello di vendite, dopo aver creato una storia attorno ai propri prodotti, l'azienda inizia con attenzione ad entrare nel mercato delle soluzioni di design.

Un chiaro limite qui è il fatto che i consumatori sono abituati a un buon rapporto qualità/prezzo, che non è lo stesso per i dispositivi di design e non può esserlo in linea di principio. Vendendo il design e i materiali della custodia, l'azienda vende principalmente l'idea, lasciando la funzionalità al livello delle soluzioni tipiche. Al momento di lanciare i primi prodotti di questo genere, è molto importante non sbagliare con il costo, non renderlo esorbitante, da un lato, e dall'altro, non posizionare il prodotto a livello dei telefoni "ordinari".

Sony Ericsson T650i può essere tranquillamente considerato il primo prodotto di design, che ha un case in metallo, vetro minerale, differisce dal Sony Ericsson K800i non per funzionalità (la fotocamera è solo più semplice), ma piuttosto nell'aspetto. Allo stesso tempo, il costo di questo prodotto al momento del rilascio sarà leggermente superiore al costo del Sony Ericsson K800i al momento del suo rilascio, il che non è tipico.

Il compito principale dell'azienda con questo prodotto è familiarizzare il mercato con il fatto che sono possibili telefoni simili di Sony Ericsson, che oltre alla producibilità, l'azienda può anche offrire un design puro (Nokia è sempre stata forte qui , e quindi i passi di Sony Ericsson sono più cauti) .

Ci sarà un ampliamento della gamma di modelli grazie a tali prodotti? Indubbiamente. Un'altra cosa è che verranno introdotti sul mercato gradualmente e con molta attenzione. L'azienda prepara ciascuno di questi prodotti, concentrandosi sulla percezione del marchio sul mercato, sul numero di persone che sono pronte ad acquistare tali soluzioni e cerca di ridurre al minimo le recensioni negative. Il momento ideale per rilasciare un prodotto Nokia di livello 8xxx è la fine di quest'anno, ma molto probabilmente l'azienda aspetterà fino alla primavera del 2008 per giocare di sicuro. , a mio avviso, il lancio dell'azienda con una linea di prodotti di design avrà successo, rafforzando gradualmente la sua posizione in questo segmento .

Estensione della gamma di modelli

La strategia di Sony Ericsson è estremamente semplice: l'azienda crea prodotti di base e poi li integra in tutti i tipi di variazioni, sia in termini di funzionalità che di design, per creare un'offerta diversificata. Questo approccio è comune a tutti i produttori, ma è utilizzato al meglio solo da Nokia e Samsung. Per Sony Ericsson l'espansione attiva della gamma di modelli è diventata possibile solo a partire dalla metà del 2006. Nel 2007 assistiamo allo sviluppo di questa situazione, che crea un certo onere sui canali di vendita al dettaglio. Il completamento della formazione della gamma modelli, il raggiungimento di un numero finito di modelli presentati contemporaneamente sul mercato (circa 50 prodotti), sarà possibile entro il secondo trimestre del 2008 o poco dopo.

Non possiamo aspettarci uno sviluppo attivo degli smartphone nel 2007, questa situazione è descritta nella recensione del Sony Ericsson P1i, non ci ripeteremo qui.

I prodotti chiave nel 2007 sono la linea Walkman ei prodotti CyberShot. A partire dal terzo trimestre del 2007 assistiamo ad un'ulteriore espansione delle funzionalità della piattaforma A100, analizziamo le novità e valutiamole.

Innovazioni tecnologiche, 2007-2008

Formalmente, tutte le nuove funzionalità si basano esattamente sullo stesso hardware che vediamo nei prodotti attuali. La modifica della componente hardware sarà possibile solo nel 2008, ma per ora si può parlare di ampliare le funzionalità della piattaforma A100.

Architettura dei servizi mobili (MSA). Java Support JSR-248 è uno standard industriale che consolida una serie di standard JSR e ne rende obbligatorio l'uso nella prossima generazione di telefoni cellulari di tutti i produttori. Lo standard descrive anche come le librerie con funzionalità aggiuntive possono interagire. Le caratteristiche principali che JSR-248 aggiunge sono:

  • API Security & Trust Services (JSR 177): transazioni elettroniche, mobile banking e altro
  • API di localizzazione (JSR 179) - Applicazioni di navigazione, GPS
  • API SIP per Java ME (JSR 180) - Funzionalità VoIP per terminali comuni
  • API grafica 3D mobile (JSR 184 1.1) - Grafica 3D
  • API del gestore dei contenuti (JSR 211)
  • API di grafica vettoriale 2D scalabile per Java ME (JSR 226)
  • API di pagamento (JSR 229) - pagamento per transazioni e simili, commercio mobile
  • API per l'internazionalizzazione mobile (JSR 238) - descrizione della localizzazione del prodotto.

Oltre ai principali JSR inclusi in JSR-248, Sony Ericsson ne aggiunge due propri: il supporto per OPEN GL e il supporto per i sensori di movimento integrati. Se la versione corrente della piattaforma Java si chiamava JP-7, alla JSR che includeva tutto quanto sopra veniva assegnato il seguente numero, JP-8.

Sensore di movimento integrato. Conosciamo già l'uso dei sensori di movimento nei prodotti Sony Ericsson. Quindi, in Sony Ericsson W710i viene utilizzato come contapassi, in Sony Ericsson W580i la sua funzionalità è estesa con un diario di allenamento e un'applicazione aggiuntiva, in Sony Ericsson K850i non ci sono queste applicazioni, ma c'è un orientamento automatico del contenuto dello schermo a seconda della posizione del telefono (orientamento automatico). Inoltre, per tutti i dispositivi basati sulla piattaforma JP-8, come nel Sony Ericsson K850i, è possibile l'accesso ai dati dei sensori dalle applicazioni Java. Ciò ti consente di creare giochi che controllano il tuo telefono con il movimento. Un esempio di tale gioco è Marble Madness.

Il secondo esempio di utilizzo del sensore è controllare la musica e la sua riproduzione, questa funzione è implementata nel Sony Ericsson W910i. Devi solo inclinare il telefono su uno dei lati in modo che salti su una canzone, un movimento circolare attiva la riproduzione casuale delle melodie.

Tutte queste funzioni non sono nuove, sono già state trovate nei telefoni Samsung E750/E760, nei dispositivi Nokia, ad esempio Nokia 5500. La differenza principale è che gli sviluppatori hanno accesso a questa funzione e possono creare programmi con usa. A differenza di Nokia, questa funzione è disponibile sui telefoni normali, non sugli smartphone, il che la rende anche più preziosa.

Giochi 3D, acceleratore. Al momento, l'immagine tridimensionale è fornita dal processore principale, non è presente un chip grafico dedicato. Ma dovremmo aspettarci la sua comparsa insieme al lancio della direzione di gioco dei telefoni cellulari PSM a metà del 2008.

Supporto per schede MicroSD. Per la prima volta tra tutti i produttori, Sony Ericsson ha reso possibile l'utilizzo di due tipi di schede di memoria contemporaneamente: M2 e microSD. Il primo prodotto di questo genere è il Sony Ericsson K850i, è possibile inserire qualsiasi tipo di scheda nello stesso slot. Ciò è in risposta alle frequenti osservazioni secondo cui le schede M2 ​​sono significativamente più costose delle schede microSD comparabili (il che non è vero).

L'azienda ha compiuto questo passo consapevolmente, poiché sente l'opportunità di fornire sempre sul mercato schede di grande capacità un po' prima della comparsa delle stesse schede microSD. In questo caso, l'azienda ottiene un chiaro vantaggio. Se hai bisogno di una scheda di grande capacità, acquista M2, se vuoi risparmiare, acquista una microSD.

Navigazione GPS. Creazione di massa di varie applicazioni, adattamento di quelle esistenti per telefoni ordinari. Nel 2007-2008, l'azienda preferisce non utilizzare ricevitori GPS integrati, ma offrirli come cuffie integrate (non è necessaria un'alimentazione separata). La scommessa è sul carattere di massa per Sony Ericsson del segmento dei dispositivi convenzionali su piattaforma A100.

Jack audio da 3,5 mm. Per alcuni prodotti nel 2008 sarà possibile avere un jack da 3,5 mm sul case. Questa è anche una risposta alle frequenti affermazioni sulla necessità di un tale connettore negli strumenti musicali.

Connettore microUSB. Non c'è chiarezza completa su questo connettore, ma appare nella descrizione di un certo numero di prodotti. Sembra probabile che nel 2008 il connettore diventerà standard per i prodotti Sony Ericsson, così come per i telefoni Motorola e Nokia.

Tasti touch sullo schermo. Tecnologia simile a quella utilizzata in Motorola RAZR2 V8 e Sony Ericsson K850i. Sullo schermo vengono visualizzate tre zone sensibili al tocco, tasti contestuali e dipendono dal menu corrente. Questa tecnologia sarà inizialmente equipaggiata solo con dispositivi della fascia di prezzo alta, quindi della fascia media.

Schermate. Concentrandosi sulla risoluzione dello schermo QVGA, la comparsa nel 2008 dei primi due dispositivi con schermi VGA.

Concorso o dopo?

Se prendiamo in considerazione il fatto che la piattaforma LJ di Motorola diventerà un attore importante solo a partire dall'autunno 2008, con l'accumulo di una massa critica di vari prodotti, possiamo aspettarci che le soluzioni tecniche di Sony Ericsson dominino il mercato della telefonia convenzionale. La concorrenza diretta nasce solo con gli smartphone Nokia e anche in questo caso i prodotti sono leggermente diversi. I telefoni ordinari basati sull'S40 di Nokia sono ora posizionati allo stesso prezzo o addirittura più economici, ma non si sovrappongono molto sul mercato, entrambi i produttori preferiscono allevare prodotti all'interno dei segmenti.

Tutto questo ci permette di dire che nel 2007-2008 Sony Ericsson continuerà a crescere attivamente, la sua quota di mercato aumenterà. È uno dei player più attivi, con il massimo potenziale di crescita dovuto ai prezzi elevati, alla mancanza di presenza in numerosi segmenti emergenti e al team più forte di designer e sviluppatori.

Sony Ericsson: piani, strategia, prodotti. Annuncio 14 giugno

In questo materiale, cercheremo di fornire una breve analisi di ciò che sta accadendo intorno a Sony Ericsson, quali aree di sviluppo stanno diventando promettenti e cosa possiamo aspettarci nel prossimo futuro. Senza pretendere di essere uno studio completo, questo materiale è solo uno dei tentativi di spiegare cosa sta succedendo.

Posizione di mercato di Sony Ericsson

Secondo varie società di ricerca, Sony Ericsson detiene circa l'8% del mercato globale dei terminali mobili nel 2007 e continua ad aumentare le proprie vendite. Se parliamo della posizione del produttore, allora questo è il quarto posto, e il divario da Nokia è ampio, mentre Motorola sta lentamente perdendo quote di mercato a causa di fattori negativi, la debolezza della linea di prodotti (vedi il materiale Motorola Strategy 2007-2008). Relativamente negativo è lo sviluppo di Samsung, che, a causa della debole offerta di dispositivi economici per i mercati emergenti, dell'insufficiente attenzione ai mercati degli operatori, inizia a perdere terreno.

Diamo un'occhiata ai dati sulle vendite globali per il periodo 2005-2006 per trovare il punto di svolta seguito dall'aumento delle vendite dei prodotti Sony Ericsson e descriverne i motivi principali.

< td>13,0% < td>100,0%
Vendita globale (milioni) T2 '05 T3 '05 Q4 '05 2005 Q1 '06 Q2 '06
Nokia 60.8 66.6 83.7 264.9 75.1 78.4
Motorola 33.9 38.7 44.7 146.0 46.1 51.9
Samsung 24.4 26.8 27.2 102.9 29.0 26.3
Sony Ericsson 11.8 13.8< /td> 16.1 51.1 13.3 15.7
LG< /strong> 12.1 15.5 16.2 54.9 15.6 15.3
Altri 44.2 48.8 57.6 197.2 46.6 47.7
Totale 187,2 210,2 245,5 817.0 225.7 235.3
% quota globale Q2 '05 Q3 '05 Q4 '05 2005 Q1 '06 Q2 '06
Nokia 32.5% 31,7% 34,1% 32,4% 33,3% 33,3%
Motorola 18,1% 18,4% 18,2% 17,9% 20,4% 22,1%
Samsung 12,8% 11,1% 12,6% 12,8% 11,2%< /td>
Sony Ericsson 6,3% 6,6% 6,6%< /td> 6,3% 5,9% 6,7%
LG 6,5% 7,4% 6,6% 6,7% 6,9% 6,5%
Altri 23,6% 23,2% 23,5 % 24,1% 20,6% 20,3%
Totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0%
Crescita totale su base annua 17,6% 25,5% 24,9% 20,1% 29. 6% 25,7%

Nel secondo trimestre del 2006 si è verificato un evento significativo: Sony Ericsson ha conquistato nuovamente il 4° posto nel mercato mondiale, scalzando LG da esso. Il successo è dovuto alla forte domanda di telefoni Walkman. Allo stesso tempo, altri produttori stavano appena iniziando a preparare le loro soluzioni con un focus musicale, non c'era un'unica proposta formata da Nokia, Motorola, Samsung.

Famiglie di prodotti

Il concetto di una linea di prodotti unita da un sottomarchio, un marchio separato, ha dimostrato la sua fattibilità. Walkman è stato il primo marchio del genere, seguito da CyberShot nel 2006. L'idea dei marchi per ogni linea di prodotto è semplice e consente un migliore posizionamento nel mercato. Con la ricchezza funzionale delle soluzioni, il produttore evidenzia la funzione principale del dispositivo e la mostra, si concentra su di essa. Non esisteva un approccio del genere sul mercato, tutti i produttori hanno cercato di promuovere soluzioni singole o famiglie di prodotti specializzate separate (ad esempio, collezioni di telefoni alla moda di Nokia). Formalmente, lo stesso approccio viene utilizzato da Nokia quando separa le piattaforme S40 e S60, ma il problema è che entrambe le piattaforme combinano troppi dispositivi con funzionalità diverse. Determinare quale dispositivo sembra avere la priorità per ogni tipo di utente è difficile. La scelta di uno smartphone come un certo tipo di dispositivo in commercio non gioca un ruolo, quindi la divisione in piattaforme è più tecnica che di marketing (fino a poco tempo solo così).

Offrendo al mercato e ai consumatori la semplice idea di abbinare il nome di una linea di prodotti a una funzione principale, Sony Ericsson ha creato una nuova direzione nel marketing telefonico. Non è una novità sul mercato, ma questa tecnica non è stata praticamente utilizzata per i telefoni. Tutti i produttori hanno adottato un approccio simile oggi, stanno cercando di combinare i prodotti in una o nell'altra linea, offrendo una sorta di caratteristica unica (Ultra Edition di Samsung, L'Amour di Nokia) o creando una famiglia di telefoni (ROKR di Motorola in il futuro, XPressMusic di Nokia, nel futuro - N-Gage). In questo modo si ottiene la differenziazione del prodotto.

Sony Ericsson ha il vantaggio di avere marchi con una storia, ad esempio Walkman è conosciuto dagli anni '70, infatti, questo è un marchio che ha aperto un'intera direzione nel settore; Il marchio CyberShot è ampiamente utilizzato nel mercato delle fotocamere digitali. L'uso di tali marchi aggiunge ai prodotti maggiore fiducia da parte degli utenti, introduce i dispositivi nel regno del noto. Altri produttori devono fare grandi sforzi per ottenere un effetto simile.Quindi, Nokia, per competere nel mercato dei dispositivi fotografici, dei telefoni, utilizza il marchio Carl Zeiss. Questo approccio significa che l'azienda sta effettivamente cercando di equiparare l'ottica del telefono e la qualità delle immagini, pagando per l'uso di questo marchio. Sony Ericsson evita ciò pubblicizzando e promuovendo la famiglia di prodotti e riducendo i costi di promozione. Formalmente, il denaro risparmiato viene versato in un margine aggiuntivo per i prodotti, che può essere utilizzato sia per la loro promozione, PR, sia investito in sviluppi successivi.

La semplice idea di posizionamento ha un valore monetario, che non va scontato.

Inizio 2007 - la crescita continua

All'inizio del 2007, sia Nokia che Sony Ericsson continuano ad aumentare la loro quota di mercato. Innanzitutto, ciò è dovuto all'"eliminazione" dal mercato di un player come BenQ Siemens, all'indebolimento delle posizioni di Motorola e alla posizione fiacca di LG in molti mercati. Se ci soffermiamo sulla percentuale della quota mondiale delle vendite, la crescita non sembra enorme, solo circa il 2 per cento (dal 5,9 nel 1q06 all'8 per cento nel 2q07). Se partiamo dal fatto che la crescita è stata del 25 per cento della quota di mercato, allora questo sembra più interessante e significativo. Ma diamo un'occhiata ai numeri di vendita dei telefoni stessi.

< td> Q4 2006 < /tbody>
Q1 2006 Q1 2007
Numero di unità spedite (milioni ) 13.3 26.0 21.8
Vendite (milioni di euro .) 1,992 3,782 2,925
Margine lordo % 26,3% 29,0% 30,3%
Risultato operativo (milioni di euro) 143 484 346
Margine operativo % 7,2% 12,8% 11,8%
Utile prima delle imposte (milioni di euro) 151 502 362
Utile netto (milioni di euro) 109 447 254
Prezzo medio di vendita (Euro) 149 146 134

In un anno l'azienda ha quasi raddoppiato la fornitura di telefoni, per un piccolo produttore questo significa una seria riorganizzazione sia della logistica che dei servizi al cliente e, in generale, dell'intera struttura. Una crescita così forte delle vendite significa anche che l'azienda nel 2006 ha preparato il terreno per un'ulteriore crescita (capacità).

Per confronto, ecco i dati per il primo trimestre del 2007 da Nokia. L'azienda ha immesso sul mercato 91,1 milioni di dispositivi (rispetto ai 72 dell'anno precedente), anno in cui è cresciuta del 21%. Allo stesso tempo, il prezzo medio di un telefono Nokia venduto era di 89 euro (quasi la metà di tutti i telefoni venduti costava meno di 49 euro). Il prezzo medio di un telefono Sony Ericsson era di 134 euro (+33%).

Il segmento del budget è la chiave per le vendite future

Sulla base del prezzo medio dei telefoni Sony Ericsson, vediamo che l'azienda non è molto forte nel segmento budget, sebbene abbia vendite significative di quei modelli presentati. Senza ampliare la propria presenza nel segmento budget, l'azienda si lascia da un lato una nicchia di crescita del mercato, dall'altro mantiene elevate vendite nel segmento medio. Ci saranno cambiamenti in questo campo nel 2007-2008?

Possiamo affermare con sicurezza che l'azienda non prevede cambiamenti drastici nella sua politica di saturazione del mercato con prodotti economici. Il compito principale è mantenere la percentuale di vendita di prodotti economici e aumentare le vendite nel segmento di 100 euro e oltre. Cioè, l'azienda non si basa tanto sul costo dei prodotti, ma sul vantaggio nel design, sulla forza del marchio rispetto alla concorrenza. L'azienda si rende conto che è inutile combattere contro le soluzioni super-budget di Nokia e Motorola, poiché il margine di vendita di tali prodotti è minimo. Allo stesso tempo, è presente anche l'impatto negativo di tali prodotti sulla percezione del marchio, fungendo da una sorta di ancoraggio nella vendita di telefoni più costosi.

Arima è il partner tradizionale di Sony Ericsson nella produzione di soluzioni di fascia bassa e da molti anni i suoi prodotti vengono forniti con il marchio dell'azienda. Nel 2007 escono dalla fabbrica non solo i modelli della serie J, ma anche i clamshell economici della serie Z, nonché i monoblocchi della serie K (segmento inferiore). Per il 2008, Sony Ericsson ha già effettuato ordini con questo produttore per 20 milioni di terminali.

All'inizio del 2007, Sony Ericsson ha anche stipulato un accordo con Sagem secondo cui i suoi prodotti a marchio Sony Ericsson e i relativi adattamenti software sarebbero stati disponibili dalla fine del 2007. Lavorare con Sagem è vantaggioso per Sony Ericsson, poiché l'azienda riceve prodotti tecnici già pronti e la relativa produzione. Aggiungendo il software e il design del telefono, il produttore riceve prodotti di alta qualità ed è in grado di implementarli, cosa che la stessa Sagem non può fare. Il volume di produzione dei telefoni Sagem per Sony Ericsson nel 2008 potrebbe raggiungere i 12 milioni di unità. Inoltre, queste non saranno tanto soluzioni economiche quanto modelli nella fascia di prezzo da 85 a 160 euro.

Quando si promuovono dispositivi economici, l'accento sarà posto solo sui mercati emergenti, ad esempio il mercato indiano. Allo stesso tempo, l'azienda non prevede di offrire ampiamente soluzioni economiche in Europa, per farne la sua offerta shock. Qui l'azienda intende offrire i prodotti del segmento di prezzo medio nel modo più completo possibile.

Prodotti di design: i primi segnali

Nella linea di prodotti di Sony Ericsson sono sempre mancati prodotti di design, ovvero telefoni con funzionalità simili ai dispositivi prodotti in serie, ma con design e materiali della custodia insoliti. Se tracciamo parallelismi con Nokia, l'azienda non ha analoghi della serie 8xxx. Qualcuno può tranquillamente affermare che il design dei telefoni di Sony Ericsson è sempre stato un punto di forza (qualcuno, al contrario, ne è insoddisfatto), ma in realtà l'azienda ha sempre unito design e funzionalità. Dopo aver raggiunto un certo livello di vendite, dopo aver creato una storia attorno ai propri prodotti, l'azienda inizia con attenzione ad entrare nel mercato delle soluzioni di design.

Un chiaro limite qui è il fatto che i consumatori sono abituati a un buon rapporto qualità/prezzo, che non è lo stesso per i dispositivi di design e non può esserlo in linea di principio. Vendendo il design e i materiali della custodia, l'azienda vende principalmente l'idea, lasciando la funzionalità al livello delle soluzioni tipiche. Al momento di lanciare i primi prodotti di questo genere, è molto importante non sbagliare con il costo, non renderlo esorbitante, da un lato, e dall'altro, non posizionare il prodotto a livello dei telefoni "ordinari".

Sony Ericsson T650i può essere tranquillamente considerato il primo prodotto di design, che ha un case in metallo, vetro minerale, differisce dal Sony Ericsson K800i non per funzionalità (la fotocamera è solo più semplice), ma piuttosto nell'aspetto. Allo stesso tempo, il costo di questo prodotto al momento del rilascio sarà leggermente superiore al costo del Sony Ericsson K800i al momento del suo rilascio, il che non è tipico.

Il compito principale dell'azienda con questo prodotto è familiarizzare il mercato con il fatto che sono possibili telefoni simili di Sony Ericsson, che oltre alla producibilità, l'azienda può anche offrire un design puro (Nokia è sempre stata forte qui , e quindi i passi di Sony Ericsson sono più cauti) .

Ci sarà un ampliamento della gamma di modelli grazie a tali prodotti? Indubbiamente. Un'altra cosa è che verranno introdotti sul mercato gradualmente e con molta attenzione. L'azienda prepara ciascuno di questi prodotti, concentrandosi sulla percezione del marchio sul mercato, sul numero di persone che sono pronte ad acquistare tali soluzioni e cerca di ridurre al minimo le recensioni negative. Il momento ideale per rilasciare un prodotto Nokia di livello 8xxx è la fine di quest'anno, ma molto probabilmente l'azienda aspetterà fino alla primavera del 2008 per giocare di sicuro. , a mio avviso, il lancio dell'azienda con una linea di prodotti di design avrà successo, rafforzando gradualmente la sua posizione in questo segmento .

Estensione della gamma di modelli

La strategia di Sony Ericsson è estremamente semplice: l'azienda crea prodotti di base e poi li integra in tutti i tipi di variazioni, sia in termini di funzionalità che di design, per creare un'offerta diversificata. Questo approccio è comune a tutti i produttori, ma è utilizzato al meglio solo da Nokia e Samsung. Per Sony Ericsson l'espansione attiva della gamma di modelli è diventata possibile solo a partire dalla metà del 2006. Nel 2007 assistiamo allo sviluppo di questa situazione, che crea un certo onere sui canali di vendita al dettaglio. Il completamento della formazione della gamma modelli, il raggiungimento di un numero finito di modelli presentati contemporaneamente sul mercato (circa 50 prodotti), sarà possibile entro il secondo trimestre del 2008 o poco dopo.

Non possiamo aspettarci uno sviluppo attivo degli smartphone nel 2007, questa situazione è descritta nella recensione del Sony Ericsson P1i, non ci ripeteremo qui.

I prodotti chiave nel 2007 sono la linea Walkman ei prodotti CyberShot. A partire dal terzo trimestre del 2007 assistiamo ad un'ulteriore espansione delle funzionalità della piattaforma A100, analizziamo le novità e valutiamole.

Innovazioni tecnologiche, 2007-2008

Formalmente, tutte le nuove funzionalità si basano esattamente sullo stesso hardware che vediamo nei prodotti attuali. La modifica della componente hardware sarà possibile solo nel 2008, ma per ora si può parlare di ampliare le funzionalità della piattaforma A100.

Architettura dei servizi mobili (MSA). Java Support JSR-248 è uno standard industriale che consolida una serie di standard JSR e ne rende obbligatorio l'uso nella prossima generazione di telefoni cellulari di tutti i produttori. Lo standard descrive anche come le librerie con funzionalità aggiuntive possono interagire. Le caratteristiche principali che JSR-248 aggiunge sono:

  • API Security & Trust Services (JSR 177): transazioni elettroniche, mobile banking e altro
  • API di localizzazione (JSR 179) - Applicazioni di navigazione, GPS
  • API SIP per Java ME (JSR 180) - Funzionalità VoIP per terminali comuni
  • API grafica 3D mobile (JSR 184 1.1) - Grafica 3D
  • API del gestore dei contenuti (JSR 211)
  • API di grafica vettoriale 2D scalabile per Java ME (JSR 226)
  • API di pagamento (JSR 229) - pagamento per transazioni e simili, commercio mobile
  • API per l'internazionalizzazione mobile (JSR 238) - descrizione della localizzazione del prodotto.

Oltre ai principali JSR inclusi in JSR-248, Sony Ericsson ne aggiunge due propri: il supporto per OPEN GL e il supporto per i sensori di movimento integrati. Se la versione corrente della piattaforma Java si chiamava JP-7, alla JSR che includeva tutto quanto sopra veniva assegnato il seguente numero, JP-8.

Sensore di movimento integrato. Conosciamo già l'uso dei sensori di movimento nei prodotti Sony Ericsson. Quindi, in Sony Ericsson W710i viene utilizzato come contapassi, in Sony Ericsson W580i la sua funzionalità è estesa con un diario di allenamento e un'applicazione aggiuntiva, in Sony Ericsson K850i non ci sono queste applicazioni, ma c'è un orientamento automatico del contenuto dello schermo a seconda della posizione del telefono (orientamento automatico). Inoltre, per tutti i dispositivi basati sulla piattaforma JP-8, come nel Sony Ericsson K850i, è possibile l'accesso ai dati dei sensori dalle applicazioni Java. Ciò ti consente di creare giochi che controllano il tuo telefono con il movimento. Un esempio di tale gioco è Marble Madness.

Il secondo esempio di utilizzo del sensore è controllare la musica e la sua riproduzione, questa funzione è implementata nel Sony Ericsson W910i. Devi solo inclinare il telefono su uno dei lati in modo che salti su una canzone, un movimento circolare attiva la riproduzione casuale delle melodie.

Tutte queste funzioni non sono nuove, sono già state trovate nei telefoni Samsung E750/E760, nei dispositivi Nokia, ad esempio Nokia 5500. La differenza principale è che gli sviluppatori hanno accesso a questa funzione e possono creare programmi con usa. A differenza di Nokia, questa funzione è disponibile sui telefoni normali, non sugli smartphone, il che la rende anche più preziosa.

Giochi 3D, acceleratore. Al momento, l'immagine tridimensionale è fornita dal processore principale, non è presente un chip grafico dedicato. Ma dovremmo aspettarci la sua comparsa insieme al lancio della direzione di gioco dei telefoni cellulari PSM a metà del 2008.

Supporto per schede MicroSD. Per la prima volta tra tutti i produttori, Sony Ericsson ha reso possibile l'utilizzo di due tipi di schede di memoria contemporaneamente: M2 e microSD. Il primo prodotto di questo genere è il Sony Ericsson K850i, è possibile inserire qualsiasi tipo di scheda nello stesso slot. Ciò è in risposta alle frequenti osservazioni secondo cui le schede M2 ​​sono significativamente più costose delle schede microSD comparabili (il che non è vero).

L'azienda ha compiuto questo passo consapevolmente, poiché sente l'opportunità di fornire sempre sul mercato schede di grande capacità un po' prima della comparsa delle stesse schede microSD. In questo caso, l'azienda ottiene un chiaro vantaggio. Se hai bisogno di una scheda di grande capacità, acquista M2, se vuoi risparmiare, acquista una microSD.

Navigazione GPS. Creazione di massa di varie applicazioni, adattamento di quelle esistenti per telefoni ordinari. Nel 2007-2008, l'azienda preferisce non utilizzare ricevitori GPS integrati, ma offrirli come cuffie integrate (non è necessaria un'alimentazione separata). La scommessa è sul carattere di massa per Sony Ericsson del segmento dei dispositivi convenzionali su piattaforma A100.

Jack audio da 3,5 mm. Per alcuni prodotti nel 2008 sarà possibile avere un jack da 3,5 mm sul case. Questa è anche una risposta alle frequenti affermazioni sulla necessità di un tale connettore negli strumenti musicali.

Connettore microUSB. Non c'è chiarezza completa su questo connettore, ma appare nella descrizione di un certo numero di prodotti. Sembra probabile che nel 2008 il connettore diventerà standard per i prodotti Sony Ericsson, così come per i telefoni Motorola e Nokia.

Tasti touch sullo schermo. Tecnologia simile a quella utilizzata in Motorola RAZR2 V8 e Sony Ericsson K850i. Sullo schermo vengono visualizzate tre zone sensibili al tocco, tasti contestuali e dipendono dal menu corrente. Questa tecnologia sarà inizialmente equipaggiata solo con dispositivi della fascia di prezzo alta, quindi della fascia media.

Schermate. Concentrandosi sulla risoluzione dello schermo QVGA, la comparsa nel 2008 dei primi due dispositivi con schermi VGA.

Concorso o dopo?

Se prendiamo in considerazione il fatto che la piattaforma LJ di Motorola diventerà un attore importante solo a partire dall'autunno 2008, con l'accumulo di una massa critica di vari prodotti, possiamo aspettarci che le soluzioni tecniche di Sony Ericsson dominino il mercato della telefonia convenzionale. La concorrenza diretta nasce solo con gli smartphone Nokia e anche in questo caso i prodotti sono leggermente diversi. I telefoni ordinari basati sull'S40 di Nokia sono ora posizionati allo stesso prezzo o addirittura più economici, ma non si sovrappongono molto sul mercato, entrambi i produttori preferiscono allevare prodotti all'interno dei segmenti.

Tutto questo ci permette di dire che nel 2007-2008 Sony Ericsson continuerà a crescere attivamente, la sua quota di mercato aumenterà. È uno dei player più attivi, con il massimo potenziale di crescita dovuto ai prezzi elevati, alla mancanza di presenza in numerosi segmenti emergenti e al team più forte di designer e sviluppatori.

Sony Ericsson: piani, strategia, prodotti. Annuncio 14 giugno

In questo materiale, cercheremo di fornire una breve analisi di ciò che sta accadendo intorno a Sony Ericsson, quali aree di sviluppo stanno diventando promettenti e cosa possiamo aspettarci nel prossimo futuro. Senza pretendere di essere uno studio completo, questo materiale è solo uno dei tentativi di spiegare cosa sta succedendo.

Posizione di mercato di Sony Ericsson

Secondo varie società di ricerca, Sony Ericsson detiene circa l'8% del mercato globale dei terminali mobili nel 2007 e continua ad aumentare le proprie vendite. Se parliamo della posizione del produttore, allora questo è il quarto posto, e il divario da Nokia è ampio, mentre Motorola sta lentamente perdendo quote di mercato a causa di fattori negativi, la debolezza della linea di prodotti (vedi il materiale Motorola Strategy 2007-2008). Relativamente negativo è lo sviluppo di Samsung, che, a causa della debole offerta di dispositivi economici per i mercati emergenti, dell'insufficiente attenzione ai mercati degli operatori, inizia a perdere terreno.

Diamo un'occhiata ai dati sulle vendite globali per il periodo 2005-2006 per trovare il punto di svolta seguito dall'aumento delle vendite dei prodotti Sony Ericsson e descriverne i motivi principali.

< td>13,0% < td>100,0%
Vendita globale (milioni) T2 '05 T3 '05 Q4 '05 2005 Q1 '06 Q2 '06
Nokia 60.8 66.6 83.7 264.9 75.1 78.4
Motorola 33.9 38.7 44.7 146.0 46.1 51.9
Samsung 24.4 26.8 27.2 102.9 29.0 26.3
Sony Ericsson 11.8 13.8< /td> 16.1 51.1 13.3 15.7
LG< /strong> 12.1 15.5 16.2 54.9 15.6 15.3
Altri 44.2 48.8 57.6 197.2 46.6 47.7
Totale 187,2 210,2 245,5 817.0 225.7 235.3
% quota globale Q2 '05 Q3 '05 Q4 '05 2005 Q1 '06 Q2 '06
Nokia 32.5% 31,7% 34,1% 32,4% 33,3% 33,3%
Motorola 18,1% 18,4% 18,2% 17,9% 20,4% 22,1%
Samsung 12,8% 11,1% 12,6% 12,8% 11,2%< /td>
Sony Ericsson 6,3% 6,6% 6,6%< /td> 6,3% 5,9% 6,7%
LG 6,5% 7,4% 6,6% 6,7% 6,9% 6,5%
Altri 23,6% 23,2% 23,5 % 24,1% 20,6% 20,3%
Totale 100.0% 100.0% 100.0% 100.0% 100.0%
Crescita totale su base annua 17,6% 25,5% 24,9% 20,1% 29. 6% 25,7%

Nel secondo trimestre del 2006 si è verificato un evento significativo: Sony Ericsson ha conquistato nuovamente il 4° posto nel mercato mondiale, scalzando LG da esso. Il successo è dovuto alla forte domanda di telefoni Walkman. Allo stesso tempo, altri produttori stavano appena iniziando a preparare le loro soluzioni con un focus musicale, non c'era un'unica proposta formata da Nokia, Motorola, Samsung.

Famiglie di prodotti

Il concetto di una linea di prodotti unita da un sottomarchio, un marchio separato, ha dimostrato la sua fattibilità. Walkman è stato il primo marchio del genere, seguito da CyberShot nel 2006. L'idea dei marchi per ogni linea di prodotto è semplice e consente un migliore posizionamento nel mercato. Con la ricchezza funzionale delle soluzioni, il produttore evidenzia la funzione principale del dispositivo e la mostra, si concentra su di essa. Non esisteva un approccio del genere sul mercato, tutti i produttori hanno cercato di promuovere soluzioni singole o famiglie di prodotti specializzate separate (ad esempio, collezioni di telefoni alla moda di Nokia). Formalmente, lo stesso approccio viene utilizzato da Nokia quando separa le piattaforme S40 e S60, ma il problema è che entrambe le piattaforme combinano troppi dispositivi con funzionalità diverse. Determinare quale dispositivo sembra avere la priorità per ogni tipo di utente è difficile. La scelta di uno smartphone come un certo tipo di dispositivo in commercio non gioca un ruolo, quindi la divisione in piattaforme è più tecnica che di marketing (fino a poco tempo solo così).

Offrendo al mercato e ai consumatori la semplice idea di abbinare il nome di una linea di prodotti a una funzione principale, Sony Ericsson ha creato una nuova direzione nel marketing telefonico. Non è una novità sul mercato, ma questa tecnica non è stata praticamente utilizzata per i telefoni. Tutti i produttori hanno adottato un approccio simile oggi, stanno cercando di combinare i prodotti in una o nell'altra linea, offrendo alcune funzionalità uniche (Ultra Edition di Samsung, L'Amour di Nokia) o creando una famiglia di telefoni (ROKR di Motorola in futuro , XPressMusic di Nokia, in futuro - N-Gage). In questo modo si ottiene la differenziazione del prodotto.

Sony Ericsson ha il vantaggio di avere marchi con una storia, ad esempio Walkman è conosciuto dagli anni '70, infatti, questo è un marchio che ha aperto un'intera direzione nel settore; Il marchio CyberShot è ampiamente utilizzato nel mercato delle fotocamere digitali. L'uso di tali marchi aggiunge ai prodotti maggiore fiducia da parte degli utenti, introduce i dispositivi nel regno del noto. Altri produttori devono fare grandi sforzi per ottenere un effetto simile.Quindi, Nokia, per competere nel mercato dei dispositivi fotografici, dei telefoni, utilizza il marchio Carl Zeiss. Questo approccio significa che l'azienda sta effettivamente cercando di equiparare l'ottica del telefono e la qualità delle immagini, pagando per l'uso di questo marchio. Sony Ericsson evita ciò pubblicizzando e promuovendo la famiglia di prodotti e riducendo i costi di promozione. Formalmente, il denaro risparmiato viene versato in un margine aggiuntivo per i prodotti, che può essere utilizzato sia per la loro promozione, PR, sia investito in sviluppi successivi.

La semplice idea di posizionamento ha un valore monetario, che non va scontato.

Inizio 2007 - la crescita continua

All'inizio del 2007, sia Nokia che Sony Ericsson continuano ad aumentare la loro quota di mercato. Innanzitutto, ciò è dovuto all'"eliminazione" dal mercato di un player come BenQ Siemens, all'indebolimento delle posizioni di Motorola e alla posizione fiacca di LG in molti mercati. Se ci soffermiamo sulla percentuale della quota mondiale delle vendite, la crescita non sembra enorme, solo circa il 2 per cento (dal 5,9 nel 1q06 all'8 per cento nel 2q07). Se partiamo dal fatto che la crescita è stata del 25 per cento della quota di mercato, allora questo sembra più interessante e significativo. Ma diamo un'occhiata ai numeri di vendita dei telefoni stessi.

< td> Q4 2006 < /tbody>
Q1 2006 Q1 2007
Numero di unità spedite (milioni ) 13.3 26.0 21.8
Vendite (milioni di euro .) 1,992 3,782 2,925
Margine lordo % 26,3% 29,0% 30,3%
Risultato operativo (milioni di euro) 143 484 346
Margine operativo % 7,2% 12,8% 11,8%
Utile prima delle imposte (milioni di euro) 151 502 362
Utile netto (milioni di euro) 109 447 254
Prezzo medio di vendita (Euro) 149 146 134

In un anno l'azienda ha quasi raddoppiato la fornitura di telefoni, per un piccolo produttore questo significa una seria riorganizzazione sia della logistica che dei servizi al cliente e, in generale, dell'intera struttura. Una crescita così forte delle vendite significa anche che l'azienda nel 2006 ha preparato il terreno per un'ulteriore crescita (capacità).

Per confronto, ecco i dati per il primo trimestre del 2007 da Nokia. L'azienda ha immesso sul mercato 91,1 milioni di dispositivi (rispetto ai 72 dell'anno precedente), anno in cui è cresciuta del 21%. Allo stesso tempo, il prezzo medio di un telefono Nokia venduto era di 89 euro (quasi la metà di tutti i telefoni venduti costava meno di 49 euro). Il prezzo medio di un telefono Sony Ericsson era di 134 euro (+33%).

Il segmento del budget è la chiave per le vendite future

Sulla base del prezzo medio dei telefoni Sony Ericsson, vediamo che l'azienda non è molto forte nel segmento budget, sebbene abbia vendite significative di quei modelli presentati. Senza ampliare la propria presenza nel segmento budget, l'azienda si lascia da un lato una nicchia di crescita del mercato, dall'altro mantiene elevate vendite nel segmento medio. Ci saranno cambiamenti in questo campo nel 2007-2008?

Possiamo affermare con sicurezza che l'azienda non prevede cambiamenti drastici nella sua politica di saturazione del mercato con prodotti economici. Il compito principale è mantenere la percentuale di vendita di prodotti economici e aumentare le vendite nel segmento di 100 euro e oltre. Cioè, l'azienda non si basa tanto sul costo dei prodotti, ma sul vantaggio nel design, sulla forza del marchio rispetto alla concorrenza. L'azienda si rende conto che è inutile combattere contro le soluzioni super-budget di Nokia e Motorola, poiché il margine di vendita di tali prodotti è minimo. Allo stesso tempo, è presente anche l'impatto negativo di tali prodotti sulla percezione del marchio, fungendo da una sorta di ancoraggio nella vendita di telefoni più costosi.

Arima è il partner tradizionale di Sony Ericsson nella produzione di soluzioni di fascia bassa e da molti anni i suoi prodotti vengono forniti con il marchio dell'azienda. Nel 2007 escono dalla fabbrica non solo i modelli della serie J, ma anche i clamshell economici della serie Z, nonché i monoblocchi della serie K (segmento inferiore). Per il 2008, Sony Ericsson ha già effettuato ordini con questo produttore per 20 milioni di terminali.

All'inizio del 2007, Sony Ericsson ha anche stipulato un accordo con Sagem secondo cui i prodotti a marchio Sony Ericsson e i relativi adattamenti software sarebbero stati disponibili a partire dalla fine del 2007. Lavorare con Sagem è vantaggioso per Sony Ericsson, poiché l'azienda riceve prodotti tecnici già pronti e la relativa produzione. Aggiungendo il software e il design del telefono, il produttore riceve prodotti di alta qualità ed è in grado di implementarli, cosa che la stessa Sagem non può fare. Il volume di produzione dei telefoni Sagem per Sony Ericsson nel 2008 potrebbe raggiungere i 12 milioni di unità. Inoltre, queste non saranno tanto soluzioni economiche quanto modelli nella fascia di prezzo da 85 a 160 euro.

Quando si promuovono dispositivi di fascia bassa, l'accento sarà posto solo sui mercati emergenti, ad esempio il mercato indiano. Allo stesso tempo, l'azienda non prevede di offrire ampiamente soluzioni economiche in Europa, per farne la sua offerta shock. Qui l'azienda intende offrire i prodotti del segmento di prezzo medio nel modo più completo possibile.

Prodotti di design: i primi segnali

Nella linea di prodotti di Sony Ericsson sono sempre mancati prodotti di design, ovvero telefoni con funzionalità simili ai dispositivi prodotti in serie, ma con design e materiali della custodia insoliti. Se tracciamo parallelismi con Nokia, l'azienda non ha analoghi della serie 8xxx. Qualcuno può tranquillamente affermare che il design dei telefoni di Sony Ericsson è sempre stato un punto di forza (qualcuno, al contrario, ne è insoddisfatto), ma in realtà l'azienda ha sempre unito design e funzionalità. Dopo aver raggiunto un certo livello di vendite, dopo aver creato una storia attorno ai propri prodotti, l'azienda inizia con attenzione ad entrare nel mercato delle soluzioni di design.

Un chiaro limite qui è il fatto che i consumatori sono abituati a un buon rapporto qualità/prezzo, che non è lo stesso per i dispositivi di design e non può esserlo in linea di principio. Vendendo il design e i materiali della custodia, l'azienda vende principalmente l'idea, lasciando la funzionalità al livello delle soluzioni tipiche. Al momento di lanciare i primi prodotti di questo genere, è molto importante non sbagliare con il costo, non renderlo esorbitante, da un lato, e dall'altro, non posizionare il prodotto a livello dei telefoni "ordinari".

Sony Ericsson T650i può essere tranquillamente considerato il primo prodotto di design, che ha un case in metallo, vetro minerale, differisce dal Sony Ericsson K800i non per funzionalità (la fotocamera è solo più semplice), ma piuttosto nell'aspetto. Allo stesso tempo, il costo di questo prodotto al momento del rilascio sarà leggermente superiore al costo del Sony Ericsson K800i al momento del suo rilascio, il che non è tipico.

Il compito principale dell'azienda con questo prodotto è familiarizzare il mercato con il fatto che sono possibili telefoni simili di Sony Ericsson, che oltre alla producibilità, l'azienda può anche offrire un design puro (Nokia è sempre stata forte qui , e quindi i passi di Sony Ericsson sono più cauti) .

Ci sarà un ampliamento della gamma di modelli grazie a tali prodotti? Indubbiamente. Un'altra cosa è che verranno introdotti sul mercato gradualmente e con molta attenzione. L'azienda prepara ciascuno di questi prodotti, concentrandosi sulla percezione del marchio sul mercato, sul numero di persone che sono pronte ad acquistare tali soluzioni e cerca di ridurre al minimo le recensioni negative. Il momento ideale per rilasciare un prodotto Nokia di livello 8xxx è la fine di quest'anno, ma molto probabilmente l'azienda aspetterà fino alla primavera del 2008 per giocare di sicuro. , a mio avviso, il lancio dell'azienda con una linea di prodotti di design avrà successo, rafforzando gradualmente la sua posizione in questo segmento .

Estensione della gamma di modelli

La strategia di Sony Ericsson è estremamente semplice: l'azienda crea prodotti di base e poi li integra in tutti i tipi di variazioni, sia in termini di funzionalità che di design, per creare un'offerta diversificata. Questo approccio è comune a tutti i produttori, ma è utilizzato al meglio solo da Nokia e Samsung. Per Sony Ericsson l'espansione attiva della gamma di modelli è diventata possibile solo a partire dalla metà del 2006. Nel 2007 assistiamo allo sviluppo di questa situazione, che crea un certo onere sui canali di vendita al dettaglio. Il completamento della formazione della gamma modelli, il raggiungimento di un numero finito di modelli presentati contemporaneamente sul mercato (circa 50 prodotti), sarà possibile entro il secondo trimestre del 2008 o poco dopo.

Non possiamo aspettarci uno sviluppo attivo degli smartphone nel 2007, questa situazione è descritta nella recensione del Sony Ericsson P1i, non ci ripeteremo qui.

I prodotti chiave nel 2007 sono la linea Walkman ei prodotti CyberShot. A partire dal terzo trimestre del 2007 assistiamo ad un'ulteriore espansione delle funzionalità della piattaforma A100, analizziamo le novità e valutiamole.

Innovazioni tecnologiche, 2007-2008

Formalmente, tutte le nuove funzionalità si basano esattamente sullo stesso hardware che vediamo nei prodotti attuali. La modifica della componente hardware sarà possibile solo nel 2008, ma per ora si può parlare di ampliare le funzionalità della piattaforma A100.

Architettura dei servizi mobili (MSA). Java Support JSR-248 è uno standard industriale che consolida una serie di standard JSR e ne rende obbligatorio l'uso nella prossima generazione di telefoni cellulari di tutti i produttori. Lo standard descrive anche come le librerie con funzionalità aggiuntive possono interagire. Le caratteristiche principali che JSR-248 aggiunge sono:

  • API Security & Trust Services (JSR 177): transazioni elettroniche, mobile banking e altro
  • API di localizzazione (JSR 179) - Applicazioni di navigazione, GPS
  • API SIP per Java ME (JSR 180) - Funzionalità VoIP per terminali comuni
  • API grafica 3D mobile (JSR 184 1.1) - Grafica 3D
  • API del gestore dei contenuti (JSR 211)
  • API di grafica vettoriale 2D scalabile per Java ME (JSR 226)
  • API di pagamento (JSR 229) - pagamento per transazioni e simili, commercio mobile
  • API per l'internazionalizzazione mobile (JSR 238) - descrizione della localizzazione del prodotto.

Oltre ai principali JSR inclusi in JSR-248, Sony Ericsson ne aggiunge due propri: il supporto per OPEN GL e il supporto per i sensori di movimento integrati. Se la versione corrente della piattaforma Java si chiamava JP-7, alla JSR che includeva tutto quanto sopra veniva assegnato il seguente numero, JP-8.

Sensore di movimento integrato. Conosciamo già l'uso dei sensori di movimento nei prodotti Sony Ericsson. Quindi, in Sony Ericsson W710i viene utilizzato come contapassi, in Sony Ericsson W580i la sua funzionalità è estesa con un diario di allenamento e un'applicazione aggiuntiva, in Sony Ericsson K850i non ci sono queste applicazioni, ma c'è un orientamento automatico del contenuto dello schermo a seconda della posizione del telefono (orientamento automatico). Inoltre, per tutti i dispositivi basati sulla piattaforma JP-8, come nel Sony Ericsson K850i, è possibile l'accesso ai dati dei sensori dalle applicazioni Java. Ciò ti consente di creare giochi che controllano il tuo telefono con il movimento. Un esempio di tale gioco è Marble Madness.

Il secondo esempio di utilizzo del sensore è controllare la musica e la sua riproduzione, questa funzione è implementata nel Sony Ericsson W910i. Devi solo inclinare il telefono su uno dei lati in modo che salti su una canzone, un movimento circolare attiva la riproduzione casuale delle melodie.

Tutte queste funzioni non sono nuove, sono già state trovate nei telefoni Samsung E750/E760, nei dispositivi Nokia, ad esempio Nokia 5500. La differenza principale è che gli sviluppatori hanno accesso a questa funzione e possono creare programmi con usa. A differenza di Nokia, questa funzione è disponibile sui telefoni normali, non sugli smartphone, il che la rende anche più preziosa.

Giochi 3D, acceleratore. Al momento, l'immagine tridimensionale è fornita dal processore principale, non è presente un chip grafico dedicato. Ma dovremmo aspettarci la sua comparsa insieme al lancio della direzione di gioco dei telefoni cellulari PSM a metà del 2008.

Supporto per schede MicroSD. Per la prima volta tra tutti i produttori, Sony Ericsson ha reso possibile l'utilizzo di due tipi di schede di memoria contemporaneamente: M2 e microSD. Il primo prodotto di questo genere è Sony Ericsson K850i, è possibile inserire qualsiasi tipo di scheda nello stesso slot. Ciò è in risposta alle frequenti osservazioni secondo cui le schede M2 ​​sono significativamente più costose delle schede microSD comparabili (il che non è vero).

L'azienda ha compiuto questo passo consapevolmente, poiché sente l'opportunità di fornire sempre sul mercato schede di grande capacità un po' prima della comparsa delle stesse schede microSD. In questo caso, l'azienda ottiene un chiaro vantaggio. Se hai bisogno di una scheda di grande capacità, acquista M2, se vuoi risparmiare, acquista una microSD.

Navigazione GPS. Creazione di massa di varie applicazioni, adattamento di quelle esistenti per telefoni ordinari. Nel 2007-2008, l'azienda preferisce non utilizzare ricevitori GPS integrati, ma offrirli come cuffie integrate (non è necessaria un'alimentazione separata). La scommessa è sul carattere di massa per Sony Ericsson del segmento dei dispositivi convenzionali su piattaforma A100.

Jack audio da 3,5 mm. Per alcuni prodotti nel 2008 sarà possibile avere un jack da 3,5 mm sul case. Questa è anche una risposta alle frequenti affermazioni sulla necessità di un tale connettore negli strumenti musicali.

Connettore microUSB. Non c'è chiarezza completa su questo connettore, ma appare nella descrizione di un certo numero di prodotti. Sembra probabile che nel 2008 il connettore diventerà standard per i prodotti Sony Ericsson, così come per i telefoni Motorola e Nokia.

Tasti touch sullo schermo. Tecnologia simile a quella utilizzata in Motorola RAZR2 V8 e Sony Ericsson K850i. Sullo schermo vengono visualizzate tre zone sensibili al tocco, tasti contestuali e dipendono dal menu corrente. Questa tecnologia sarà inizialmente equipaggiata solo con dispositivi della fascia di prezzo alta, quindi della fascia media.

Schermate. Concentrandosi sulla risoluzione dello schermo QVGA, la comparsa nel 2008 dei primi due dispositivi con schermi VGA.

Concorso o dopo?

Se prendiamo in considerazione il fatto che la piattaforma LJ di Motorola diventerà un attore importante solo a partire dall'autunno 2008, con l'accumulo di una massa critica di vari prodotti, possiamo aspettarci che le soluzioni tecniche di Sony Ericsson dominino il mercato della telefonia convenzionale. La concorrenza diretta nasce solo con gli smartphone Nokia e anche in questo caso i prodotti sono leggermente diversi. I telefoni ordinari basati sull'S40 di Nokia sono ora posizionati allo stesso prezzo o addirittura più economici, ma non si sovrappongono molto sul mercato, entrambi i produttori preferiscono allevare prodotti all'interno dei segmenti.

Tutto questo ci permette di dire che nel 2007-2008 Sony Ericsson continuerà a crescere attivamente, la sua quota di mercato aumenterà. Questo è uno degli attori più attivi, con il massimo potenziale di crescita dovuto ai prezzi elevati, alla mancanza di presenza in una serie di segmenti emergenti, oltre al team più forte di designer e sviluppatori.

Sony Ericsson: piani, strategia, prodotti. Annuncio 14 giugno

In questo materiale, cercheremo di fornire una breve analisi di ciò che sta accadendo intorno a Sony Ericsson, quali aree di sviluppo stanno diventando promettenti e cosa possiamo aspettarci nel prossimo futuro. Senza pretendere di essere uno studio completo, questo materiale è solo uno dei tentativi di spiegare cosa sta succedendo.

Posizione di mercato di Sony Ericsson

Secondo varie società di ricerca, Sony Ericsson detiene circa l'8% del mercato globale dei terminali mobili nel 2007 e continua ad aumentare le proprie vendite. Se parliamo della posizione del produttore, allora questo è il quarto posto, e il divario da Nokia è ampio, mentre Motorola sta lentamente perdendo quote di mercato a causa di fattori negativi, la debolezza della linea di prodotti (vedi il materiale Motorola Strategy 2007-2008). Relativamente negativo è lo sviluppo di Samsung, che, a causa della debole offerta di dispositivi economici per i mercati emergenti, dell'insufficiente attenzione ai mercati degli operatori, inizia a perdere terreno.

Diamo un'occhiata ai dati sulle vendite globali per il periodo 2005-2006 per trovare il punto di svolta seguito dall'aumento delle vendite dei prodotti Sony Ericsson e descriverne i motivi principali.

Global Sell-in (milioni) Q2 '05 Q3 '05 Q4 '05 2005 Q1 '06 Q2 '06 Nokia 60.8 66.6 83.7 264.9 75.1 78.4 Motorola 38.9 38.7 44.7 146.0 46.1 51.9 Samsung 24.4 26.8 27.2 102.9 26.0 27.2 102.9 29.0 26.3 Sony Ericsson 11.8 13,8 16.1 51.1 13.3 15.7 LG 12.1 15.5 16.2 54.9 15.5 15.3 Altri 44.2 48.8 57.6 197.2 48.8 57.6 197.2 46.6 47.7 Totale 187.2 210.2 245.5 817.0 210.2 245.5 817.0 225.7 235.5 817.0 225.7 235.3 Global Share% Q2 '05 Q3 '05 Q4 '05 2005 Q1 '06 Q2 '06 Nokia 32,5% 31,7% 34,1% 32,4% 33,3% 33,3% Motorola 18,1% 18,4% 18,2% 17,9% 20,4% 22,1% Samsung 13,0% 12,8% 11,1% 12,6% 12,8% 11,2% Sony Ericsson 6,3% 6,6% 6,6% 6,6% .7.9 6,6% 6,7% 6,9% 6,5% Altri 23,6% 23,2% 23,5% 24,1% 20,6% 20,3% Totale 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 25,7%

Nel secondo trimestre del 2006 si è verificato un evento significativo: Sony Ericsson ha conquistato nuovamente il 4° posto nel mercato mondiale, scalzando LG da esso. Il successo è dovuto alla forte domanda di telefoni Walkman. Allo stesso tempo, altri produttori stavano appena iniziando a preparare le loro soluzioni con un focus musicale, non c'era un'unica proposta formata da Nokia, Motorola, Samsung.

Famiglie di prodotti

Il concetto di una linea di prodotti unita da un sottomarchio, un marchio separato, ha dimostrato la sua fattibilità. Walkman è stato il primo marchio del genere, seguito da CyberShot nel 2006. L'idea dei marchi per ogni linea di prodotto è semplice e consente un migliore posizionamento nel mercato. Con la ricchezza funzionale delle soluzioni, il produttore evidenzia la funzione principale del dispositivo e la mostra, si concentra su di essa. Non esisteva un approccio del genere sul mercato, tutti i produttori hanno cercato di promuovere soluzioni singole o famiglie di prodotti specializzate separate (ad esempio, collezioni di telefoni alla moda di Nokia). Formalmente, lo stesso approccio viene utilizzato da Nokia quando separa le piattaforme S40 e S60, ma il problema è che entrambe le piattaforme combinano troppi dispositivi con funzionalità diverse. Determinare quale dispositivo sembra avere la priorità per ogni tipo di utente è difficile. La scelta di uno smartphone come un certo tipo di dispositivo in commercio non gioca un ruolo, quindi la divisione in piattaforme è più tecnica che di marketing (fino a poco tempo solo così).

Offrendo al mercato e ai consumatori la semplice idea di abbinare il nome di una linea di prodotti a una funzione principale, Sony Ericsson ha creato una nuova direzione nel marketing telefonico. Non è una novità sul mercato, ma questa tecnica non è stata praticamente utilizzata per i telefoni. Tutti i produttori hanno adottato un approccio simile oggi, stanno cercando di combinare i prodotti in una o nell'altra linea, offrendo alcune funzionalità uniche (Ultra Edition di Samsung, L'Amour di Nokia) o creando una famiglia di telefoni (ROKR di Motorola in futuro , XPressMusic di Nokia, in futuro - N-Gage). In questo modo si ottiene la differenziazione del prodotto.

Sony Ericsson ha il vantaggio di avere marchi con una storia, ad esempio Walkman è conosciuto dagli anni '70, infatti, questo è un marchio che ha aperto un'intera direzione nel settore; Il marchio CyberShot è ampiamente utilizzato nel mercato delle fotocamere digitali. L'uso di tali marchi aggiunge ai prodotti maggiore fiducia da parte degli utenti, introduce i dispositivi nel regno del noto. Altri produttori devono fare grandi sforzi per ottenere un effetto simile. Quindi, Nokia, per competere nel mercato dei dispositivi fotografici, dei telefoni, utilizza il marchio Carl Zeiss. Questo approccio significa che l'azienda sta effettivamente cercando di equiparare l'ottica del telefono e la qualità delle immagini, pagando per l'uso di questo marchio. Sony Ericsson evita ciò pubblicizzando e promuovendo la famiglia di prodotti e riducendo i costi di promozione. Formalmente, il denaro risparmiato viene versato in un margine aggiuntivo per i prodotti, che può essere utilizzato sia per la loro promozione, PR, sia investito in sviluppi successivi.

La semplice idea di posizionamento ha un valore monetario, che non va scontato.

Inizio 2007 - la crescita continua

All'inizio del 2007, sia Nokia che Sony Ericsson continuano ad aumentare la loro quota di mercato. Innanzitutto, ciò è dovuto all'"eliminazione" dal mercato di un player come BenQ Siemens, all'indebolimento delle posizioni di Motorola e alla posizione fiacca di LG in molti mercati. Se ci soffermiamo sulla percentuale della quota mondiale delle vendite, la crescita non sembra enorme, solo circa il 2 per cento (dal 5,9 nel 1q06 all'8 per cento nel 2q07). Se partiamo dal fatto che la crescita è stata del 25 per cento della quota di mercato, allora questo sembra più interessante e significativo. Ma diamo un'occhiata ai numeri di vendita dei telefoni stessi.

1° trimestre 2006 4° trimestre 2006 1° trimestre 2007 Numero di unità spedite (milioni) 13,3 26,0 21,8 Vendite (milioni di euro) 1.992 3.782 2.925 Margine lordo % 26,3% 29,0% 30,3% Risultato operativo (milioni di euro) 143 484 346 Margine operativo % 7,2% 12,8% 11,8% Risultato prima delle imposte (mln di euro) 151 502 362 Risultato netto (mln di euro) 109 447 254 Prezzo medio di vendita (euro) 149 146 134

In un anno l'azienda ha quasi raddoppiato la fornitura di telefoni, per un piccolo produttore questo significa una seria riorganizzazione sia della logistica che dei servizi al cliente e, in generale, dell'intera struttura. Una crescita così forte delle vendite significa anche che l'azienda nel 2006 ha preparato il terreno per un'ulteriore crescita (capacità).

Per confronto, ecco i dati per il primo trimestre del 2007 da Nokia. L'azienda ha immesso sul mercato 91,1 milioni di dispositivi (rispetto ai 72 dell'anno precedente), anno in cui è cresciuta del 21%. Allo stesso tempo, il prezzo medio di un telefono Nokia venduto era di 89 euro (quasi la metà di tutti i telefoni venduti costava meno di 49 euro). Il prezzo medio di un telefono Sony Ericsson era di 134 euro (+33%).

Il segmento del budget è la chiave per le vendite future

Sulla base del prezzo medio dei telefoni Sony Ericsson, vediamo che l'azienda non è molto forte nel segmento budget, sebbene abbia vendite significative di quei modelli presentati. Senza ampliare la propria presenza nel segmento budget, l'azienda si lascia da un lato una nicchia di crescita del mercato, dall'altro mantiene elevate vendite nel segmento medio. Ci saranno cambiamenti in questo campo nel 2007-2008?

Possiamo affermare con sicurezza che l'azienda non prevede cambiamenti drastici nella sua politica di saturazione del mercato con prodotti economici. Il compito principale è mantenere la percentuale di vendita di prodotti economici e aumentare le vendite nel segmento di 100 euro e oltre. Cioè, l'azienda non si basa tanto sul costo dei prodotti, ma sul vantaggio nel design, sulla forza del marchio rispetto alla concorrenza. L'azienda si rende conto che è inutile combattere contro le soluzioni super-budget di Nokia e Motorola, poiché il margine di vendita di tali prodotti è minimo. Allo stesso tempo, è presente anche l'impatto negativo di tali prodotti sulla percezione del marchio, fungendo da una sorta di ancoraggio nella vendita di telefoni più costosi.

Arima è il partner tradizionale di Sony Ericsson nella produzione di soluzioni di fascia bassa e da molti anni i suoi prodotti vengono forniti con il marchio dell'azienda. Nel 2007 escono dalla fabbrica non solo i modelli della serie J, ma anche i clamshell economici della serie Z, nonché i monoblocchi della serie K (segmento inferiore). Per il 2008, Sony Ericsson ha già effettuato ordini con questo produttore per 20 milioni di terminali.

All'inizio del 2007, Sony Ericsson ha anche stipulato un accordo con Sagem secondo cui i prodotti a marchio Sony Ericsson e i relativi adattamenti software sarebbero stati disponibili a partire dalla fine del 2007. Lavorare con Sagem è vantaggioso per Sony Ericsson, poiché l'azienda riceve prodotti tecnici già pronti e la relativa produzione. Aggiungendo il software e il design del telefono, il produttore riceve prodotti di alta qualità ed è in grado di implementarli, cosa che la stessa Sagem non può fare. Il volume di produzione dei telefoni Sagem per Sony Ericsson nel 2008 potrebbe raggiungere i 12 milioni di unità. Inoltre, queste non saranno tanto soluzioni economiche quanto modelli nella fascia di prezzo da 85 a 160 euro.

Quando si promuovono dispositivi di fascia bassa, l'accento sarà posto solo sui mercati emergenti, ad esempio il mercato indiano. Allo stesso tempo, l'azienda non prevede di offrire ampiamente soluzioni economiche in Europa, per farne la sua offerta shock. Qui l'azienda intende offrire i prodotti del segmento di prezzo medio nel modo più completo possibile.

Prodotti di design: i primi segnali

Nella linea di prodotti di Sony Ericsson sono sempre mancati prodotti di design, ovvero telefoni con funzionalità simili ai dispositivi prodotti in serie, ma con design e materiali della custodia insoliti. Se tracciamo parallelismi con Nokia, l'azienda non ha analoghi della serie 8xxx. Qualcuno può tranquillamente affermare che il design dei telefoni di Sony Ericsson è sempre stato un punto di forza (qualcuno, al contrario, ne è insoddisfatto), ma in realtà l'azienda ha sempre unito design e funzionalità. Dopo aver raggiunto un certo livello di vendite, dopo aver creato una storia attorno ai propri prodotti, l'azienda inizia con attenzione ad entrare nel mercato delle soluzioni di design.

Un chiaro limite qui è il fatto che i consumatori sono abituati a un buon rapporto qualità/prezzo, che non è lo stesso per i dispositivi di design e non può esserlo in linea di principio. Vendendo il design e i materiali della custodia, l'azienda vende principalmente l'idea, lasciando la funzionalità al livello delle soluzioni tipiche. Al momento di lanciare i primi prodotti di questo genere, è molto importante non sbagliare con il costo, non renderlo esorbitante, da un lato, e dall'altro, non posizionare il prodotto a livello dei telefoni "ordinari".

Sony Ericsson T650i può essere tranquillamente considerato il primo prodotto di design, che ha un case in metallo, vetro minerale, differisce dal Sony Ericsson K800i non per funzionalità (la fotocamera è solo più semplice), ma piuttosto nell'aspetto. Allo stesso tempo, il costo di questo prodotto al momento del rilascio sarà leggermente superiore al costo del Sony Ericsson K800i al momento del suo rilascio, il che non è tipico.

Il compito principale dell'azienda con questo prodotto è familiarizzare il mercato con il fatto che sono possibili telefoni simili di Sony Ericsson, che oltre alla producibilità, l'azienda può anche offrire un design puro (Nokia è sempre stata forte qui , e quindi i passi di Sony Ericsson sono più cauti) .

Ci sarà un ampliamento della gamma di modelli grazie a tali prodotti? Indubbiamente. Un'altra cosa è che verranno introdotti sul mercato gradualmente e con molta attenzione. L'azienda prepara ciascuno di questi prodotti, concentrandosi sulla percezione del marchio sul mercato, sul numero di persone che sono pronte ad acquistare tali soluzioni e cerca di ridurre al minimo le recensioni negative. Il momento ideale per rilasciare un prodotto Nokia di livello 8xxx è la fine di quest'anno, ma molto probabilmente l'azienda aspetterà fino alla primavera del 2008 per giocare di sicuro. A mio avviso, l'impresa con il ramo di progettazione dei prodotti per l'azienda avrà successo, progressivamente rafforzerà la sua posizione in questo segmento.

Ci sarà un ampliamento della gamma di modelli grazie a tali prodotti? Indubbiamente. Un'altra cosa è che verranno introdotti sul mercato gradualmente e con molta attenzione. L'azienda prepara ciascuno di questi prodotti, concentrandosi sulla percezione del marchio sul mercato, sul numero di persone che sono pronte ad acquistare tali soluzioni e cerca di ridurre al minimo le recensioni negative. Il momento ideale per rilasciare un prodotto Nokia di livello 8xxx è la fine di quest'anno, ma molto probabilmente l'azienda aspetterà fino alla primavera del 2008 per giocare di sicuro. A mio avviso, un'impresa con un ramo di progettazione di prodotti per l'azienda avrà successo. progressivamente rafforzerà le sue posizioni in questo segmento.

Estensione della gamma di modelli

La strategia di Sony Ericsson è estremamente semplice: l'azienda crea prodotti di base e poi li integra in tutti i tipi di variazioni, sia in termini di funzionalità che di design, per creare un'offerta diversificata. Questo approccio è comune a tutti i produttori, ma è utilizzato al meglio solo da Nokia e Samsung. Per Sony Ericsson l'espansione attiva della gamma di modelli è diventata possibile solo a partire dalla metà del 2006. Nel 2007 assistiamo allo sviluppo di questa situazione, che crea un certo onere sui canali di vendita al dettaglio. Il completamento della formazione della gamma modelli, il raggiungimento di un numero finito di modelli presentati contemporaneamente sul mercato (circa 50 prodotti), sarà possibile entro il secondo trimestre del 2008 o poco dopo.

Non possiamo aspettarci uno sviluppo attivo degli smartphone nel 2007, questa situazione è descritta nella recensione del Sony Ericsson P1i, non ci ripeteremo qui.

I prodotti chiave nel 2007 sono la linea Walkman ei prodotti CyberShot. A partire dal terzo trimestre del 2007 assistiamo ad un'ulteriore espansione delle funzionalità della piattaforma A100, analizziamo le novità e valutiamole.

Innovazioni tecnologiche, 2007-2008

Formalmente, tutte le nuove funzionalità si basano esattamente sullo stesso hardware che vediamo nei prodotti attuali. La modifica della componente hardware sarà possibile solo nel 2008, ma per ora si può parlare di ampliare le funzionalità della piattaforma A100.

Architettura dei servizi mobili (MSA). Java Support JSR-248 è uno standard industriale che consolida una serie di standard JSR e ne rende obbligatorio l'uso nella prossima generazione di telefoni cellulari di tutti i produttori. Lo standard descrive anche come le librerie con funzionalità aggiuntive possono interagire. Le caratteristiche principali che JSR-248 aggiunge sono:

  • API Security & Trust Services (JSR 177): transazioni elettroniche, mobile banking e altro
  • API di localizzazione (JSR 179) - Applicazioni di navigazione, GPS
  • API SIP per Java ME (JSR 180) - Funzionalità VoIP per terminali comuni
  • API grafica 3D mobile (JSR 184 1.1) - Grafica 3D
  • API del gestore dei contenuti (JSR 211)
  • API di grafica vettoriale 2D scalabile per Java ME (JSR 226)
  • API di pagamento (JSR 229) - pagamento per transazioni e simili, commercio mobile
  • API per l'internazionalizzazione mobile (JSR 238) - descrizione della localizzazione del prodotto.

Oltre ai principali JSR inclusi in JSR-248, Sony Ericsson ne aggiunge due propri: il supporto per OPEN GL e il supporto per i sensori di movimento integrati. Se la versione corrente della piattaforma Java si chiamava JP-7, alla JSR che includeva tutto quanto sopra veniva assegnato il seguente numero, JP-8.

Sensore di movimento integrato. Conosciamo già l'uso dei sensori di movimento nei prodotti Sony Ericsson. Quindi, in Sony Ericsson W710i viene utilizzato come contapassi, in Sony Ericsson W580i la sua funzionalità è estesa con un diario di allenamento e un'applicazione aggiuntiva, in Sony Ericsson K850i non ci sono queste applicazioni, ma c'è un orientamento automatico del contenuto dello schermo a seconda della posizione del telefono (orientamento automatico). Inoltre, per tutti i dispositivi basati sulla piattaforma JP-8, come nel Sony Ericsson K850i, è possibile l'accesso ai dati dei sensori dalle applicazioni Java. Ciò ti consente di creare giochi che controllano il tuo telefono con il movimento. Un esempio di tale gioco è Marble Madness.

Il secondo esempio di utilizzo del sensore è controllare la musica e la sua riproduzione, questa funzione è implementata nel Sony Ericsson W910i. Devi solo inclinare il telefono su uno dei lati in modo che salti su una canzone, un movimento circolare attiva la riproduzione casuale delle melodie.

Tutte queste funzioni non sono nuove, sono già state trovate nei telefoni Samsung E750/E760, nei dispositivi Nokia, ad esempio Nokia 5500. La differenza principale è che gli sviluppatori hanno accesso a questa funzione e possono creare programmi con usa. A differenza di Nokia, questa funzione è disponibile sui telefoni normali, non sugli smartphone, il che la rende anche più preziosa.

Giochi 3D, acceleratore. Al momento, l'immagine tridimensionale è fornita dal processore principale, non è presente un chip grafico dedicato. Ma dovremmo aspettarci la sua comparsa insieme al lancio della direzione di gioco dei telefoni cellulari PSM a metà del 2008.

Supporta schede microSD. Per la prima volta tra tutti i produttori, Sony Ericsson ha reso possibile l'utilizzo di due tipi di schede di memoria contemporaneamente: M2 e microSD. Il primo prodotto di questo genere è il Sony Ericsson K850i, è possibile inserire qualsiasi tipo di scheda nello stesso slot. Ciò è in risposta alle frequenti osservazioni secondo cui le schede M2 ​​sono significativamente più costose delle schede microSD comparabili (il che non è vero).

L'azienda ha compiuto questo passo consapevolmente, poiché sente l'opportunità di fornire sempre sul mercato schede di grande capacità un po' prima della comparsa delle stesse schede microSD. In questo caso, l'azienda ottiene un chiaro vantaggio. Se hai bisogno di una scheda di grande capacità, acquista M2, se vuoi risparmiare, acquista una microSD.

Navigazione GPS. Creazione di massa di varie applicazioni, adattamento di quelle esistenti per telefoni ordinari. Nel 2007-2008, l'azienda preferisce non utilizzare ricevitori GPS integrati, ma offrirli come cuffie integrate (non è necessaria un'alimentazione separata). La scommessa è sul carattere di massa per Sony Ericsson del segmento dei dispositivi convenzionali su piattaforma A100.

Jack audio da 3,5 mm. Per alcuni prodotti nel 2008 sarà possibile avere un jack da 3,5 mm sul case. Questa è anche una risposta alle frequenti affermazioni sulla necessità di un tale connettore negli strumenti musicali.

Connettore MicroUSB. Non c'è chiarezza completa su questo connettore, ma appare nella descrizione di un certo numero di prodotti. Sembra probabile che nel 2008 il connettore diventerà standard per i prodotti Sony Ericsson, così come per i telefoni Motorola e Nokia.

Tocca i tasti sullo schermo. Tecnologia simile a quella utilizzata in Motorola RAZR2 V8 e Sony Ericsson K850i. Sullo schermo vengono visualizzate tre zone sensibili al tocco, tasti contestuali e dipendono dal menu corrente. Questa tecnologia sarà inizialmente equipaggiata solo con dispositivi della fascia di prezzo alta, quindi della fascia media.

Schermate. Concentrandosi sulla risoluzione dello schermo QVGA, la comparsa nel 2008 dei primi due dispositivi con schermi VGA.

Concorso o dopo?

Se prendiamo in considerazione il fatto che la piattaforma LJ di Motorola diventerà un attore importante solo a partire dall'autunno 2008, con l'accumulo di una massa critica di vari prodotti, possiamo aspettarci che le soluzioni tecniche di Sony Ericsson dominino il mercato della telefonia convenzionale. La concorrenza diretta nasce solo con gli smartphone Nokia e anche in questo caso i prodotti sono leggermente diversi. I telefoni ordinari basati sull'S40 di Nokia sono ora posizionati allo stesso prezzo o addirittura più economici, ma non si sovrappongono molto sul mercato, entrambi i produttori preferiscono allevare prodotti all'interno dei segmenti.

Tutto questo ci permette di dire che nel 2007-2008 Sony Ericsson continuerà a crescere attivamente, la sua quota di mercato aumenterà. È uno dei player più attivi, con il massimo potenziale di crescita dovuto ai prezzi elevati, alla mancanza di presenza in numerosi segmenti emergenti e al team più forte di designer e sviluppatori.