it opay

Sony presenta la tecnologia del sensore CMOS multistrato con pixel del transistor a 2 strati

Sony ha svelato quella che sostiene essere la prima tecnologia di sensore di immagine CMOS multistrato al mondo con un pixel a transistor a 2 strati. Mentre i fotodiodi e i pixel transistor dei sensori di immagine CMOS convenzionali si trovano sullo stesso substrato, il nuovo design di Sony li colloca su livelli diversi. La nuova architettura consente di raddoppiare approssimativamente il segnale di saturazione rispetto ai sensori convenzionali. Inoltre, amplia la gamma dinamica e riduce la quantità di rumore, migliorando notevolmente le prestazioni dell'immagine. La nuova struttura dei pixel manterrà e migliorerà le loro proprietà anche quando la loro dimensione sarà ridotta.

Un sensore di immagine CMOS multistrato standard ha una struttura costituita da un "chip di pixel" (pixel retroilluminati) posizionato sopra un chip logico in cui si formano i circuiti di elaborazione del segnale. All'interno del chip pixel, su Annunci gratuiti in Kiambu, i fotodiodi sono posizionati sullo stesso substrato per convertire la luce in segnali elettrici, nonché transistor pixel per pilotare questi segnali. Aumentare il livello di saturazione massimizzando la capacità del fotodiodo entro i limiti di questo fattore di forma è essenziale per ottenere un'elevata qualità dell'immagine con un'ampia gamma dinamica.

La tecnologia proprietaria di Sony utilizza fotodiodi e transistor pixel su substrati separati che sono impilati uno sopra l'altro. Mentre nei sensori di immagine CMOS multistrato convenzionali, al contrario, fotodiodi e transistor pixel si trovano uno accanto all'altro sullo stesso substrato.

Sony intende utilizzare la nuova tecnologia per migliorare la qualità delle fotocamere, ad esempio negli smartphone.

Sony presenta la tecnologia del sensore CMOS multistrato con pixel del transistor a 2 strati

Sony ha svelato quella che sostiene essere la prima tecnologia di sensore di immagine CMOS multistrato al mondo con un pixel a transistor a 2 strati. Mentre i fotodiodi e i pixel transistor dei sensori di immagine CMOS convenzionali si trovano sullo stesso substrato, il nuovo design di Sony li colloca su livelli diversi. La nuova architettura consente di raddoppiare approssimativamente il segnale di saturazione rispetto ai sensori convenzionali. Inoltre, amplia la gamma dinamica e riduce la quantità di rumore, migliorando notevolmente le prestazioni dell'immagine. La nuova struttura dei pixel manterrà e migliorerà le loro proprietà anche quando la loro dimensione sarà ridotta.

Un sensore di immagine CMOS multistrato standard ha una struttura costituita da un "chip di pixel" (pixel retroilluminati) posizionato sopra un chip logico in cui si formano i circuiti di elaborazione del segnale. All'interno del chip pixel, su Annunci gratuiti in Kiambu, i fotodiodi sono posizionati sullo stesso substrato per convertire la luce in segnali elettrici, nonché transistor pixel per pilotare questi segnali. Aumentare il livello di saturazione massimizzando la capacità del fotodiodo entro i limiti di questo fattore di forma è essenziale per ottenere un'elevata qualità dell'immagine con un'ampia gamma dinamica.

La tecnologia proprietaria di Sony utilizza fotodiodi e transistor pixel su substrati separati che sono impilati uno sopra l'altro. Mentre nei sensori di immagine CMOS multistrato convenzionali, al contrario, fotodiodi e transistor pixel si trovano uno accanto all'altro sullo stesso substrato.

Sony intende utilizzare la nuova tecnologia per migliorare la qualità delle fotocamere, ad esempio negli smartphone.

Sony presenta la tecnologia del sensore CMOS multistrato con pixel del transistor a 2 strati

Sony ha svelato quella che sostiene essere la prima tecnologia di sensore di immagine CMOS multistrato al mondo con un pixel a transistor a 2 strati. Mentre i fotodiodi e i pixel transistor dei sensori di immagine CMOS convenzionali si trovano sullo stesso substrato, il nuovo design di Sony li colloca su livelli diversi. La nuova architettura consente di raddoppiare approssimativamente il segnale di saturazione rispetto ai sensori convenzionali. Inoltre, amplia la gamma dinamica e riduce la quantità di rumore, migliorando notevolmente le prestazioni dell'immagine. La nuova struttura dei pixel manterrà e migliorerà le loro proprietà anche quando la loro dimensione sarà ridotta.

Un sensore di immagine CMOS multistrato standard ha una struttura costituita da un "chip di pixel" (pixel retroilluminati) posizionato sopra un chip logico in cui si formano i circuiti di elaborazione del segnale. All'interno del chip pixel, su Annunci gratuiti in Kiambu, i fotodiodi sono posizionati sullo stesso substrato per convertire la luce in segnali elettrici, nonché transistor pixel per pilotare questi segnali. Aumentare il livello di saturazione massimizzando la capacità del fotodiodo entro i limiti di questo fattore di forma è essenziale per ottenere un'elevata qualità dell'immagine con un'ampia gamma dinamica.

La tecnologia proprietaria di Sony utilizza fotodiodi e transistor pixel su substrati separati che sono impilati uno sopra l'altro. Mentre nei sensori di immagine CMOS multistrato convenzionali, al contrario, fotodiodi e transistor pixel si trovano uno accanto all'altro sullo stesso substrato.

Sony intende utilizzare la nuova tecnologia per migliorare la qualità delle fotocamere, ad esempio negli smartphone.

Sony presenta la tecnologia del sensore CMOS multistrato con pixel del transistor a 2 strati

Sony ha svelato quella che sostiene essere la prima tecnologia di sensore di immagine CMOS multistrato al mondo con un pixel a transistor a 2 strati. Mentre i fotodiodi e i pixel transistor dei sensori di immagine CMOS convenzionali si trovano sullo stesso substrato, il nuovo design di Sony li colloca su livelli diversi. La nuova architettura consente di raddoppiare approssimativamente il segnale di saturazione rispetto ai sensori convenzionali. Inoltre, espande la gamma dinamica e riduce la quantità di rumore, migliorando notevolmente le prestazioni dell'immagine. La nuova struttura dei pixel manterrà e migliorerà le loro proprietà anche quando la loro dimensione sarà ridotta.

Un sensore di immagine CMOS multistrato standard ha una struttura costituita da un "chip di pixel" (pixel retroilluminati) posizionato sopra un chip logico in cui si formano i circuiti di elaborazione del segnale. All'interno del chip pixel degli annunci gratuiti a Kiambu, sullo stesso substrato, ci sono fotodiodi per convertire la luce in segnali elettrici, nonché transistor pixel per pilotare quei segnali. Aumentare il livello di saturazione massimizzando la capacità del fotodiodo entro i limiti di questo fattore di forma è essenziale per ottenere un'elevata qualità dell'immagine con un'ampia gamma dinamica.

Un sensore di immagine CMOS multistrato standard ha una struttura costituita da un "chip di pixel" (pixel retroilluminati) posizionato sopra un chip logico in cui si formano i circuiti di elaborazione del segnale. All'interno del chip pixel Annunci gratuiti a Kiambu Annunci gratuiti a Kiambu lo stesso substrato contiene fotodiodi per convertire la luce in segnali elettrici, nonché transistor pixel per controllare questi segnali. Aumentare il livello di saturazione massimizzando la capacità del fotodiodo entro i limiti di questo fattore di forma è essenziale per ottenere un'elevata qualità dell'immagine con un'ampia gamma dinamica.

La tecnologia proprietaria di Sony utilizza fotodiodi e transistor pixel su substrati separati che sono impilati uno sopra l'altro. Mentre nei sensori di immagine CMOS multistrato convenzionali, al contrario, fotodiodi e transistor pixel si trovano uno accanto all'altro sullo stesso substrato.

Sony intende utilizzare la nuova tecnologia per migliorare la qualità delle fotocamere, ad esempio negli smartphone.