it opay

Volvo XC60 Recharge: perché abbiamo bisogno di un ibrido plug-in?

Questo articolo non è un test autonomo della Volvo XC60 Recharge, poiché abbiamo già pubblicato materiale sulla XC60 e la versione ibrida plug-in non presenta molte differenze. Quindi qui parleremo solo di questa classe di auto usando l'esempio di Volvo e la fattibilità di acquistarle.

Test Volvo XC60. Dalla Svezia con amore

La precedente generazione del crossover Volvo XC60 è stato il modello più venduto in nove anni di produzione. Il successore introdotto nel 2017 sarà in grado di ripetere il suo successo.

Per cominciare, vorrei sfatare un paio di miti sugli ibridi plug-in (ibridi plug-in) che circolano in rete e di cui ho sentito parlare da amici. La prima è che tali auto non possono essere parcheggiate in città nei luoghi per veicoli elettrici, poiché i loro proprietari, come nel caso delle auto con motore a combustione interna, possono ricevere una multa o addirittura essere evacuati. Ho contattato espressamente il Dipartimento dei Trasporti della città di Mosca per chiarire la situazione, e questo è quello che mi hanno risposto:

"I posti speciali presso le stazioni di ricarica sono dotati di segnaletica stradale 3.27" È vietata la sosta", 8.4.15 "Tranne il tipo di veicolo" e 8.24 "Un carro attrezzi è in funzione."

Le auto dotate esclusivamente di motori a combustione interna non possono parcheggiare nei luoghi indicati. Questi posti sono creati appositamente per i veicoli elettrici e ibridi ricaricabili in modo da effettuare ricariche tempestive.

Cioè, è ufficialmente consentito parcheggiare in luoghi per veicoli elettrici per ibridi plug-in, il proprietario non dovrebbe temere una multa o un'evacuazione se si è fermato in un posto del genere per ricaricare l'auto. L'unica cosa da tenere a mente è che, a differenza dei veicoli elettrici, gli ibridi non hanno diritto ai vantaggi del parcheggio gratuito in città, quindi il tempo di parcheggio dovrà essere pagato secondo le tariffe. Quest'ultimo, ovviamente, è triste, poiché la ricarica nel centro di Mosca (la tariffa è di 380 rubli all'ora), dove, infatti, la maggior parte delle stazioni di ricarica urbane è installata in misura maggiore, il proprietario dell'ibrido lo farà costa un bel soldo. Se sei ancora in città per lavoro, perché non utilizzare la rete di ricarica cittadina e alimentare la tua Volvo XC60 Recharge. Dovrai comunque pagare il parcheggio e poi ricaricare.

A proposito, in questo articolo abbiamo parlato dei vantaggi per i veicoli elettrici e della disponibilità di stazioni di ricarica a Mosca:

Un'auto elettrica in una grande città. Parte 1

In questo articolo, ti diremo quali modelli di auto elettriche vengono forniti al nostro mercato, quali vantaggi hanno i proprietari di treni elettrici e come stanno andando le cose con l'infrastruttura per il trasporto elettrico all'inizio del 2021 a Mosca.. .

Il secondo mito che sento anche regolarmente è che gli ibridi plug-in non possono accedere alle stazioni di ricarica chiuse di Rosseti e MGTS. Mi sono rivolto a Rosseti per un chiarimento (la situazione è simile a MGTS) e questa è la risposta che ho ricevuto:

"L'accesso alle stazioni di ricarica di Rosseti a Mosca e nella regione di Mosca viene attualmente effettuato utilizzando una speciale carta cliente, che i proprietari di veicoli elettrici possono ricevere gratuitamente presso l'ufficio clienti centrale della regione di Rosseti di Mosca all'indirizzo: Mosca, st. Vavilova, d.7B. Per i possessori di veicoli elettrici ibridi plug-in, l'ottenimento di una carta è disponibile su base generale.

Per ottenere una carta cliente, è necessario:

* porta con te il passaporto e la carta di circolazione

* compila la domanda di tessera

* ottieni una carta cliente, attiva la carta chiamando la Linea Light 8 (800) 220-0-220 (la carta verrà attivata entro 24 ore)".

Come puoi vedere, qui tutto è simile alle auto elettriche: compili un questionario, vieni una volta all'ufficio centrale di un fornitore di servizi e ricevi un'ambita tessera che ti dà accesso alle stazioni di ricarica chiuse. Ho seguito questa procedura e tutto è davvero semplice.

Realtà e prospettive del mercato delle professioni informatiche

Quali sono le professioni più popolari e altamente pagate?

Recensione dello smartphone Samsung Galaxy A22s 5G (SM A226B/DSN)

Uno smartphone di nicchia con supporto 5G a un prezzo minimo: non è nemmeno sul sito Web Samsung, ma è venduto in Russia. Confronta con Galaxy A22: ne vale la pena?

Test Kia Picanto. L'ultima delle city car

In qualche modo impercettibilmente, quasi tutte le city car compatte hanno lasciato la Russia, che ha sostituito le berline di classe compatta e le liftback come Hyundai Solaris e Skoda Rapid. Ci sono sempre due vere city car rimaste sul nostro mercato, questo è l'eroe del nostro materiale Kia Picanto e Chevrolet Spark, insieme alla sua controparte con il marchio Ravon.

Recensione delle cuffie TCL TW30 MoveAudio S600 TWS

Qualsiasi produttore di smartphone decente è obbligato a offrire le proprie cuffie TWS con sé. Così TCL ha introdotto a dicembre sul mercato russo non solo uno smartphone di punta, ma anche un headset di punta. Vediamo cosa è successo...

Ora, infatti, passiamo alla Volvo XC60 Recharge. Visivamente, questa è una normale XC60, fatta eccezione per il portello sul parafango anteriore sinistro, sotto il quale è nascosto il connettore di tipo 2. Le principali differenze sono nascoste nelle viscere dell'auto, dove sotto il cofano abbiamo un convenzionale turbo da 320 CV motore a benzina, e sull'asse posteriore è presente un motore elettrico separato da 87 CV, alimentato da una batteria da 11,4 kilowattora nascosta nel tunnel centrale. Meccanicamente, entrambi i motori non sono collegati in alcun modo e tutto il controllo e la distribuzione delle risorse spetta all'elettronica dell'auto.

La batteria, sebbene minuscola rispetto a quella delle auto elettriche a tutti gli effetti, viene caricata, francamente, lentamente, su normali "pilastri di ricarica" ​​di tipo 2, una carica completa richiede circa 3 ore. Sembra che il produttore non abbia integrato la ricarica rapida nell'auto, poiché fino a 43,5 kW di potenza possono essere disponibili tramite il Tipo 2, e qui sembra che il caricabatterie per auto utilizzi lo standard 7,4 kW. Puoi anche caricare l'auto da una rete convenzionale a 220/230 volt, il tempo di ricarica in questo caso richiederà dalle 4,5 alle 6 ore. È interessante notare che dalla fabbrica la Volvo XC60 Recharge è dotata solo di un cavo per il collegamento a una normale presa di corrente, mentre il cavo di Tipo 2, che nella maggior parte dei casi sarà necessario collegare alle stazioni di ricarica, deve essere ordinato come optional o acquistato separatamente dal rivenditore.

Una batteria Volvo XC60 Recharge completamente carica, secondo il produttore, dovrebbe durare al massimo 54 km, secondo il metodo di prova per autovetture WLTP. In realtà la carica è sufficiente per poco più di 30 km nella modalità città ottimale per un'auto elettrica. Inoltre questa cifra è disponibile nel periodo estivo, per il periodo invernale, puoi tranquillamente ridurre questo chilometraggio del 20%. 30 km in elettrico sono un numero esiguo, d'altronde, ad esempio, il mio chilometraggio giornaliero abituale è di 32-35 km, quindi quasi mi inserisco nella cifra a disposizione di Volvo. Ma a differenza dei veicoli elettrici a tutti gli effetti, per un ibrido plug-in, devi assolutamente avere un caricabatterie a casa o in ufficio, oppure una stazione di ricarica deve trovarsi a 2-3 km da te. Se non c'è ricarica nelle vicinanze, l'uso di un ibrido plug-in praticamente scompare.

E il consumo di carburante? Tutto è abbastanza buono qui. Con una batteria carica in modalità ibrida in città, ho ottenuto 0,3 litri ogni 100 km, il valore non è zero, poiché il sistema accende il motore a combustione interna durante le brusche accelerazioni (quando l'acceleratore viene premuto oltre il 50% (circa) o durante un kickdown). Sempre in città, ma con una batteria quasi scarica, il consumo è risultato essere di circa 4-4,5 litri, poiché in questo caso l'elettronica inizia più spesso a collegare il motore a combustione interna.Con una batteria completamente scarica, il consumo sale già a 7-8 litri ogni 100 km. Qui vale la pena dire che il motore elettrico in questo caso funziona come un mild hybrid, il sistema di recupero dell'energia ricarica la batteria e dà immediatamente la carica ricevuta, aiutando nelle partenze o nelle accelerazioni intense. In autostrada la Volvo XC60 Recharge consuma circa 6 litri ogni 100 km, il motore elettrico praticamente non viene utilizzato, ma il sistema di recupero ne carica costantemente la batteria. È vero, per 260 km di corsa, è stata in grado di ricaricare la batteria solo 1/8, questo è stato sufficiente solo per un paio di chilometri in città.

Articoli per neonati e bambini in Etiopia

Volvo XC60 Recharge ha anche la possibilità di caricare completamente la batteria dell'auto dal motore a combustione interna, l'opzione è abilitata separatamente tramite il menu. In questa modalità, il motore elettrico è completamente spento e il consumo di carburante aumenta fino a 9,5-10 litri. In generale, tale ricarica costerà comunque al proprietario meno di un parcheggio di tre ore in centro città, quindi a volte puoi usarlo. Ad esempio, quando torni in città percorrendo l'autostrada, ricarichi la batteria, e direttamente in città stessa utilizzi la carica già ricevuta.

All'interno del veicolo, l'ibrido plug-in sarà riconosciuto dal "pozzo" destro sul cruscotto virtuale, che mostra le informazioni sulla potenza elettrica disponibile e la scala di recupero energetico, e accanto - informazioni sulla batteria carica e chilometraggio elettrico disponibile. Inoltre, nel menu di selezione della modalità di guida vengono visualizzate voci aggiuntive relative al sistema ibrido.

In movimento, durante la guida a trazione elettrica, l'abitacolo della Volvo XC60 Recharge è completamente silenzioso, inerente ai veicoli elettrici, solo nei momenti di forte accelerazione si inizia a sentire il motore a combustione collegato. Inoltre, oltre al rumore del motore a benzina che si accende, non si riconosce più in alcun modo il passaggio, è assolutamente fluido e invisibile in movimento. La potenza del motore elettrico è completamente sufficiente quando si guida in città, ma se all'improvviso ne hai bisogno di più, qui il motore a benzina turbo verrà in soccorso. In termini di controllo, l'ibrida XC60, a mio avviso, non differisce dal suo analogo con un motore a combustione interna.

Gli ibridi plug-in, a differenza dei veicoli elettrici, non sono esenti da tasse, quindi nel caso della Volvo XC60 Recharge, dovrai pagare 320 CV. (viene considerata solo la potenza del motore a combustione interna) alle tariffe della tua regione e dovrai anche pagare una tassa sul lusso. Anche l'azzeramento dei dazi all'importazione sugli ibridi non si applica, quindi qui si paga tutto per intero.

Chi potrebbe essere interessato a un ibrido plug-in? A mio avviso, per i residenti della metropoli o del circondario, che hanno accesso a una colonnina o presa per la ricarica giornaliera dell'auto e il cui chilometraggio giornaliero standard non supera i 60 km. Idealmente, si carica la batteria di notte, si va al lavoro al mattino, utilizzando il motore elettrico e si riaccende l'auto la sera. Il consumo di carburante in questo caso si avrà un minimo, come, del resto, il costo dell'energia elettrica. Se in casa e in ufficio non si ha accesso a una presa di corrente, o se non ci sono colonnine di ricarica nel raggio di 2-3 km, allora non ha particolare senso acquistare una ibrida plug-in. Il chilometraggio elettrico qui non è alto come in un'auto elettrica, quindi non è razionale cercare una stazione di ricarica da qualche parte, perché lungo la strada spenderai tutta l'energia ricevuta, inoltre, la velocità di ricarica di Volvo è bassa, quindi è anche una perdita di tempo. Se la Volvo XC60 Recharge avesse un'autonomia elettrica di almeno 100 km, sarebbe stato più divertente e 30-35 km non sono il chilometraggio per il quale vale la pena cercare la ricarica in città.

E quindi la Volvo XC60 Recharge è un'opzione interessante per le persone che hanno l'opportunità di ricaricare regolarmente l'auto e per la città possono utilizzare le capacità elettriche dell'auto e per i viaggi - già un motore a benzina, poiché il serbatoio è come un normale XC60, per 71 litri. Per coloro che non hanno l'opportunità di caricare regolarmente l'auto, è più facile guardare ai veicoli elettrici ibridi leggeri che stanno comparendo da Volvo e da altre case automobilistiche.

I prezzi per la Volvo XC60 Recharge non possono essere definiti bassi, partono da 6.359.000 rubli per un'auto abbastanza riccamente equipaggiata. I prezzi per una normale XC60 con motore a combustione interna partono da 4.099.000 rubli.

Volvo XC60 Recharge: perché abbiamo bisogno di un ibrido plug-in?

Questo articolo non è un test autonomo della Volvo XC60 Recharge, poiché abbiamo già pubblicato materiale sulla XC60 e la versione ibrida plug-in non presenta molte differenze. Quindi qui parleremo solo di questa classe di auto usando l'esempio di Volvo e la fattibilità di acquistarle.

Test Volvo XC60. Dalla Svezia con amore

La precedente generazione del crossover Volvo XC60 è stato il modello più venduto in nove anni di produzione. Il successore introdotto nel 2017 sarà in grado di ripetere il suo successo.

Per cominciare, vorrei sfatare un paio di miti sugli ibridi plug-in (ibridi plug-in) che circolano in rete e di cui ho sentito parlare da amici. La prima è che tali auto non possono essere parcheggiate in città nei luoghi per veicoli elettrici, poiché i loro proprietari, come nel caso delle auto con motore a combustione interna, possono ricevere una multa o addirittura essere evacuati. Ho contattato espressamente il Dipartimento dei Trasporti della città di Mosca per chiarire la situazione, e questo è quello che mi hanno risposto:

"I posti speciali presso le stazioni di ricarica sono dotati di segnaletica stradale 3.27" È vietata la sosta", 8.4.15 "Tranne il tipo di veicolo" e 8.24 "Un carro attrezzi è in funzione."

È vietato parcheggiare nei luoghi indicati ai veicoli dotati esclusivamente di motore a combustione interna. Questi posti sono creati appositamente per i veicoli elettrici e ibridi ricaricabili in modo da effettuare ricariche tempestive.

Cioè, è ufficialmente consentito parcheggiare in luoghi per veicoli elettrici per ibridi plug-in, il proprietario non dovrebbe temere una multa o un'evacuazione se si è fermato in un posto del genere per ricaricare l'auto. L'unica cosa da tenere a mente è che, a differenza dei veicoli elettrici, gli ibridi non hanno diritto ai vantaggi del parcheggio gratuito in città, quindi il tempo di parcheggio dovrà essere pagato secondo le tariffe. Quest'ultimo, ovviamente, è triste, poiché la ricarica nel centro di Mosca (la tariffa è di 380 rubli all'ora), dove, infatti, la maggior parte delle stazioni di ricarica urbane è installata in misura maggiore, il proprietario dell'ibrido lo farà costa un bel soldo. Se sei ancora in città per lavoro, perché non utilizzare la rete di ricarica cittadina e alimentare la tua Volvo XC60 Recharge. Dovrai comunque pagare il parcheggio e poi ricaricare.

A proposito, abbiamo parlato dei vantaggi per i veicoli elettrici e della disponibilità di stazioni di ricarica a Mosca in questo materiale:

Un'auto elettrica in una grande città. Parte 1

In questo articolo, ti diremo quali modelli di auto elettriche vengono forniti al nostro mercato, quali vantaggi hanno i proprietari di treni elettrici e come stanno andando le cose con l'infrastruttura per il trasporto elettrico all'inizio del 2021 a Mosca.. .

Il secondo mito che sento anche regolarmente è che gli ibridi plug-in non possono accedere alle stazioni di ricarica chiuse di Rosseti e MGTS. Mi sono rivolto a Rosseti per un chiarimento (la situazione è simile a MGTS) e questa è la risposta che ho ricevuto:

"L'accesso alle stazioni di ricarica di Rosseti a Mosca e nella regione di Mosca viene attualmente effettuato utilizzando una speciale carta cliente, che i proprietari di veicoli elettrici possono ricevere gratuitamente presso l'ufficio clienti centrale della regione di Rosseti di Mosca all'indirizzo: Mosca, st. Vavilova, d.7B. Per i possessori di veicoli elettrici ibridi plug-in, l'ottenimento di una carta è disponibile su base generale.

Per ottenere una carta cliente, è necessario:

* porta con te il passaporto e la carta di circolazione

* compila la domanda di tessera

* ottieni una carta cliente, attiva la carta chiamando la Linea Light 8 (800) 220-0-220 (la carta verrà attivata entro 24 ore)".

Come puoi vedere, qui tutto è simile alle auto elettriche: compili un questionario, vieni una volta all'ufficio centrale di un fornitore di servizi e ricevi un'ambita tessera che ti dà accesso alle stazioni di ricarica chiuse. Ho seguito questa procedura e tutto è davvero semplice.

Realtà e prospettive del mercato delle professioni informatiche

Quali sono le professioni più popolari e altamente pagate?

Recensione dello smartphone Samsung Galaxy A22s 5G (SM A226B/DSN)

Uno smartphone di nicchia con supporto 5G a un prezzo minimo: non è nemmeno sul sito Web Samsung, ma è venduto in Russia. Confronta con Galaxy A22: ne vale la pena?

Test Kia Picanto. L'ultima delle city car

In qualche modo impercettibilmente, quasi tutte le city car compatte hanno lasciato la Russia, che ha sostituito le berline di classe compatta e le liftback come Hyundai Solaris e Skoda Rapid. Ci sono sempre due vere city car rimaste sul nostro mercato, questo è l'eroe del nostro materiale Kia Picanto e Chevrolet Spark, insieme alla sua controparte con il marchio Ravon.

Recensione delle cuffie TCL TW30 MoveAudio S600 TWS

Qualsiasi produttore di smartphone decente è obbligato a offrire le proprie cuffie TWS con sé. Così TCL ha introdotto a dicembre sul mercato russo non solo uno smartphone di punta, ma anche un headset di punta. Vediamo cosa è successo...

Ora, infatti, passiamo alla Volvo XC60 Recharge. Visivamente, questa è una normale XC60, fatta eccezione per il portello sul parafango anteriore sinistro, sotto il quale è nascosto il connettore di tipo 2. Le principali differenze sono nascoste nelle viscere dell'auto, dove sotto il cofano abbiamo un convenzionale turbo da 320 CV motore a benzina, e sull'asse posteriore è presente un motore elettrico separato da 87 CV, alimentato da una batteria da 11,4 kilowattora nascosta nel tunnel centrale. Meccanicamente, entrambi i motori non sono collegati in alcun modo e tutto il controllo e la distribuzione delle risorse spetta all'elettronica dell'auto.

La batteria, sebbene minuscola rispetto a quella delle auto elettriche a tutti gli effetti, viene caricata, francamente, lentamente, su normali "pilastri di ricarica" ​​di tipo 2, una carica completa richiede circa 3 ore. Sembra che il produttore non abbia integrato la ricarica rapida nell'auto, poiché fino a 43,5 kW di potenza possono essere disponibili tramite il Tipo 2, e qui sembra che il caricabatterie per auto utilizzi lo standard 7,4 kW. Puoi anche caricare l'auto da una rete convenzionale a 220/230 volt, il tempo di ricarica in questo caso richiederà dalle 4,5 alle 6 ore. È interessante notare che dalla fabbrica la Volvo XC60 Recharge è dotata solo di un cavo per il collegamento a una normale presa di corrente, mentre il cavo di Tipo 2, che nella maggior parte dei casi sarà necessario collegare alle stazioni di ricarica, deve essere ordinato come optional o acquistato separatamente dal rivenditore.

Una batteria Volvo XC60 Recharge completamente carica, secondo il produttore, dovrebbe durare al massimo 54 km, secondo il metodo di prova per autovetture WLTP. In realtà la carica è sufficiente per poco più di 30 km nella modalità città ottimale per un'auto elettrica. Inoltre questa cifra è disponibile nel periodo estivo, per il periodo invernale, puoi tranquillamente ridurre questo chilometraggio del 20%. 30 km in elettrico sono un numero esiguo, d'altronde, ad esempio, il mio chilometraggio giornaliero abituale è di 32-35 km, quindi quasi mi inserisco nella cifra a disposizione di Volvo. Ma a differenza dei veicoli elettrici a tutti gli effetti, per un ibrido plug-in, devi assolutamente avere un caricabatterie a casa o in ufficio, oppure una stazione di ricarica deve trovarsi a 2-3 km da te. Se non c'è ricarica nelle vicinanze, l'uso di un ibrido plug-in praticamente scompare.

E il consumo di carburante? Tutto è abbastanza buono qui. Con una batteria carica in modalità ibrida in città, ho ottenuto 0,3 litri ogni 100 km, il valore non è zero, poiché il sistema accende il motore a combustione interna durante le brusche accelerazioni (quando l'acceleratore viene premuto oltre il 50% (circa) o durante un kickdown). Sempre in città, ma con una batteria quasi scarica, il consumo è risultato essere di circa 4-4,5 litri, poiché in questo caso l'elettronica inizia più spesso a collegare il motore a combustione interna.Con una batteria completamente scarica, il consumo sale già a 7-8 litri ogni 100 km. Qui vale la pena dire che il motore elettrico in questo caso funziona come un mild hybrid, il sistema di recupero dell'energia ricarica la batteria e dà immediatamente la carica ricevuta, aiutando nelle partenze o nelle accelerazioni intense. In autostrada la Volvo XC60 Recharge consuma circa 6 litri ogni 100 km, il motore elettrico praticamente non viene utilizzato, ma il sistema di recupero ne carica costantemente la batteria. È vero, per 260 km di corsa, è stata in grado di ricaricare la batteria solo 1/8, questo è stato sufficiente solo per un paio di chilometri in città.

Articoli per neonati e bambini in Etiopia

Volvo XC60 Recharge ha anche la possibilità di caricare completamente la batteria dell'auto dal motore a combustione interna, l'opzione è abilitata separatamente tramite il menu. In questa modalità, il motore elettrico è completamente spento e il consumo di carburante aumenta fino a 9,5-10 litri. In generale, tale ricarica costerà comunque al proprietario meno di un parcheggio di tre ore in centro città, quindi a volte puoi usarlo. Ad esempio, quando torni in città percorrendo l'autostrada, ricarichi la batteria, e direttamente in città stessa utilizzi la carica già ricevuta.

All'interno del veicolo, l'ibrido plug-in sarà riconosciuto dal "pozzo" destro sul cruscotto virtuale, che mostra le informazioni sulla potenza elettrica disponibile e la scala di recupero energetico, e accanto - informazioni sulla batteria carica e chilometraggio elettrico disponibile. Inoltre, nel menu di selezione della modalità di guida vengono visualizzate voci aggiuntive relative al sistema ibrido.

In movimento, durante la guida a trazione elettrica, l'abitacolo della Volvo XC60 Recharge è completamente silenzioso, inerente ai veicoli elettrici, solo nei momenti di forte accelerazione si inizia a sentire il motore a combustione collegato. Inoltre, oltre al rumore del motore a benzina che si accende, non si riconosce più in alcun modo il passaggio, è assolutamente fluido e invisibile in movimento. La potenza del motore elettrico è completamente sufficiente quando si guida in città, ma se all'improvviso ne hai bisogno di più, qui il motore a benzina turbo verrà in soccorso. In termini di controllo, l'ibrida XC60, a mio avviso, non differisce dal suo analogo con un motore a combustione interna.

Gli ibridi plug-in, a differenza dei veicoli elettrici, non sono esenti da tasse, quindi nel caso della Volvo XC60 Recharge, dovrai pagare 320 CV. (viene considerata solo la potenza del motore a combustione interna) alle tariffe della tua regione e dovrai anche pagare una tassa sul lusso. Anche l'azzeramento dei dazi all'importazione sugli ibridi non si applica, quindi qui si paga tutto per intero.

Chi potrebbe essere interessato a un ibrido plug-in? A mio avviso, per i residenti della metropoli o del circondario, che hanno accesso a una colonnina o presa per la ricarica giornaliera dell'auto e il cui chilometraggio giornaliero standard non supera i 60 km. Idealmente, si carica la batteria di notte, si va al lavoro al mattino, utilizzando il motore elettrico e si riaccende l'auto la sera. Il consumo di carburante in questo caso si avrà un minimo, come, del resto, il costo dell'energia elettrica. Se in casa e in ufficio non si ha accesso a una presa di corrente, o se non ci sono colonnine di ricarica nel raggio di 2-3 km, allora non ha particolare senso acquistare una ibrida plug-in. Il chilometraggio elettrico qui non è alto come in un'auto elettrica, quindi non è razionale cercare una stazione di ricarica da qualche parte, perché lungo la strada spenderai tutta l'energia ricevuta, inoltre, la velocità di ricarica di Volvo è bassa, quindi è anche una perdita di tempo. Se la Volvo XC60 Recharge avesse un'autonomia elettrica di almeno 100 km, sarebbe stato più divertente e 30-35 km non sono il chilometraggio per il quale vale la pena cercare la ricarica in città.

E quindi la Volvo XC60 Recharge è un'opzione interessante per le persone che hanno l'opportunità di ricaricare regolarmente l'auto e per la città possono utilizzare le capacità elettriche dell'auto e per i viaggi - già un motore a benzina, poiché il serbatoio è come un normale XC60, per 71 litri. Per coloro che non hanno l'opportunità di caricare regolarmente l'auto, è più facile guardare ai veicoli elettrici ibridi leggeri che stanno comparendo da Volvo e da altre case automobilistiche.

I prezzi per la Volvo XC60 Recharge non possono essere definiti bassi, partono da 6.359.000 rubli per un'auto abbastanza riccamente equipaggiata. I prezzi per una normale XC60 con motore a combustione interna partono da 4.099.000 rubli.

Volvo XC60 Recharge: perché abbiamo bisogno di un ibrido plug-in?

Questo articolo non è un test autonomo della Volvo XC60 Recharge, poiché abbiamo già pubblicato materiale sulla XC60 e la versione ibrida plug-in non presenta molte differenze. Quindi qui parleremo solo di questa classe di auto usando l'esempio di Volvo e la fattibilità di acquistarle.

Test Volvo XC60. Dalla Svezia con amore

La precedente generazione del crossover Volvo XC60 è stato il modello più venduto in nove anni di produzione. Il successore introdotto nel 2017 sarà in grado di ripetere il suo successo.

Per cominciare, vorrei sfatare un paio di miti sugli ibridi plug-in (ibridi plug-in) che circolano in rete e di cui ho sentito parlare da amici. La prima è che tali auto non possono essere parcheggiate in città nei luoghi per veicoli elettrici, poiché i loro proprietari, come nel caso delle auto con motore a combustione interna, possono ricevere una multa o addirittura essere evacuati. Ho contattato espressamente il Dipartimento dei Trasporti della città di Mosca per chiarire la situazione, e questo è quello che mi hanno risposto:

"I posti speciali presso le stazioni di ricarica sono dotati di segnaletica stradale 3.27" È vietata la sosta", 8.4.15 "Tranne il tipo di veicolo" e 8.24 "Un carro attrezzi è in funzione."

Le auto dotate esclusivamente di motori a combustione interna non possono parcheggiare nei luoghi indicati. Questi posti sono creati appositamente per i veicoli elettrici e ibridi ricaricabili in modo da effettuare ricariche tempestive.

Cioè, è ufficialmente consentito parcheggiare in luoghi per veicoli elettrici per ibridi plug-in, il proprietario non dovrebbe temere una multa o un'evacuazione se si è fermato in un posto del genere per ricaricare l'auto. L'unica cosa da tenere a mente è che, a differenza dei veicoli elettrici, gli ibridi non hanno diritto ai vantaggi del parcheggio gratuito in città, quindi il tempo di parcheggio dovrà essere pagato secondo le tariffe. Quest'ultimo, ovviamente, è triste, poiché la ricarica nel centro di Mosca (la tariffa è di 380 rubli all'ora), dove, infatti, la maggior parte delle stazioni di ricarica urbane è installata in misura maggiore, il proprietario dell'ibrido lo farà costa un bel soldo. Se sei ancora in città per lavoro, perché non utilizzare la rete di ricarica cittadina e alimentare la tua Volvo XC60 Recharge. Dovrai comunque pagare il parcheggio e poi ricaricare.

A proposito, in questo articolo abbiamo parlato dei vantaggi per i veicoli elettrici e della disponibilità di stazioni di ricarica a Mosca:

Un'auto elettrica in una grande città. Parte 1

In questo articolo, ti diremo quali modelli di auto elettriche vengono forniti al nostro mercato, quali vantaggi hanno i proprietari di treni elettrici e come stanno andando le cose con l'infrastruttura per il trasporto elettrico all'inizio del 2021 a Mosca.. .

Il secondo mito che sento anche regolarmente è che gli ibridi plug-in non possono accedere alle stazioni di ricarica chiuse di Rosseti e MGTS. Mi sono rivolto a Rosseti per un chiarimento (la situazione è simile a MGTS) e questa è la risposta che ho ricevuto:

"L'accesso alle stazioni di ricarica di Rosseti a Mosca e nella regione di Mosca viene attualmente effettuato utilizzando una speciale carta cliente, che i proprietari di veicoli elettrici possono ricevere gratuitamente presso l'ufficio clienti centrale della regione di Rosseti di Mosca all'indirizzo: Mosca, st. Vavilova, d.7B. Per i possessori di veicoli elettrici ibridi plug-in, l'ottenimento di una carta è disponibile su base generale.

Per ottenere una carta cliente, è necessario:

* porta con te il passaporto e la carta di circolazione

* compila la domanda di tessera

* ottieni una carta cliente, attiva la carta chiamando la Linea Light 8 (800) 220-0-220 (la carta verrà attivata entro 24 ore)".

Come puoi vedere, qui tutto è simile alle auto elettriche: compili un questionario, vieni una volta all'ufficio centrale di un fornitore di servizi e ricevi un'ambita tessera che ti dà accesso alle stazioni di ricarica chiuse. Ho seguito questa procedura e tutto è davvero semplice.

Realtà e prospettive del mercato delle professioni informatiche

Quali sono le professioni più popolari e altamente pagate?

Recensione dello smartphone Samsung Galaxy A22s 5G (SM A226B/DSN)

Uno smartphone di nicchia con supporto 5G a un prezzo minimo: non è nemmeno sul sito Web Samsung, ma è venduto in Russia. Confronta con Galaxy A22: ne vale la pena?

Test Kia Picanto. L'ultima delle city car

In qualche modo impercettibilmente, quasi tutte le city car compatte hanno lasciato la Russia, che ha sostituito le berline di classe compatta e le liftback come Hyundai Solaris e Skoda Rapid. Ci sono sempre due vere city car rimaste sul nostro mercato, questo è l'eroe del nostro materiale Kia Picanto e Chevrolet Spark, insieme alla sua controparte con il marchio Ravon.

Recensione delle cuffie TCL TW30 MoveAudio S600 TWS

Qualsiasi produttore di smartphone decente è obbligato a offrire le proprie cuffie TWS con sé. Così TCL ha introdotto a dicembre sul mercato russo non solo uno smartphone di punta, ma anche un headset di punta. Vediamo cosa è successo...

Ora, infatti, passiamo alla Volvo XC60 Recharge. Visivamente, questa è una normale XC60, fatta eccezione per il portello sul parafango anteriore sinistro, sotto il quale è nascosto il connettore di tipo 2. Le principali differenze sono nascoste nelle viscere dell'auto, dove sotto il cofano abbiamo un convenzionale turbo da 320 CV motore a benzina, e sull'asse posteriore è presente un motore elettrico separato da 87 CV, alimentato da una batteria da 11,4 kilowattora nascosta nel tunnel centrale. Meccanicamente, entrambi i motori non sono collegati in alcun modo e tutto il controllo e la distribuzione delle risorse spetta all'elettronica dell'auto.

La batteria, sebbene minuscola rispetto a quella delle auto elettriche a tutti gli effetti, viene caricata, francamente, lentamente, su normali "pilastri di ricarica" ​​di tipo 2, una carica completa richiede circa 3 ore. Sembra che il produttore non abbia integrato la ricarica rapida nell'auto, poiché fino a 43,5 kW di potenza possono essere disponibili tramite il Tipo 2, e qui sembra che il caricabatterie per auto utilizzi lo standard 7,4 kW. Puoi anche caricare l'auto da una rete convenzionale a 220/230 volt, il tempo di ricarica in questo caso richiederà dalle 4,5 alle 6 ore. È interessante notare che dalla fabbrica la Volvo XC60 Recharge è dotata solo di un cavo per il collegamento a una normale presa di corrente, mentre il cavo di Tipo 2, che nella maggior parte dei casi sarà necessario collegare alle stazioni di ricarica, deve essere ordinato come optional o acquistato separatamente dal rivenditore.

Una batteria Volvo XC60 Recharge completamente carica, secondo il produttore, dovrebbe durare al massimo 54 km, secondo il metodo di prova per autovetture WLTP. In realtà la carica è sufficiente per poco più di 30 km nella modalità città ottimale per un'auto elettrica. Inoltre questa cifra è disponibile nel periodo estivo, per il periodo invernale, puoi tranquillamente ridurre questo chilometraggio del 20%. 30 km in elettrico sono un numero esiguo, d'altronde, ad esempio, il mio chilometraggio giornaliero abituale è di 32-35 km, quindi quasi mi inserisco nella cifra a disposizione di Volvo. Ma a differenza dei veicoli elettrici a tutti gli effetti, per un ibrido plug-in, devi assolutamente avere un caricabatterie a casa o in ufficio, oppure una stazione di ricarica deve trovarsi a 2-3 km da te. Se non c'è ricarica nelle vicinanze, l'uso di un ibrido plug-in praticamente scompare.

E il consumo di carburante? Tutto è abbastanza buono qui. Con una batteria carica in modalità ibrida in città, ho ottenuto 0,3 litri ogni 100 km, il valore non è zero, poiché il sistema accende il motore a combustione interna durante le brusche accelerazioni (quando l'acceleratore viene premuto oltre il 50% (circa) o durante un kickdown). Sempre in città, ma con una batteria quasi scarica, il consumo è risultato essere di circa 4-4,5 litri, poiché in questo caso l'elettronica inizia più spesso a collegare il motore a combustione interna.Con una batteria completamente scarica, il consumo sale già a 7-8 litri ogni 100 km. Qui vale la pena dire che il motore elettrico in questo caso funziona come un mild hybrid, il sistema di recupero dell'energia ricarica la batteria e dà immediatamente la carica ricevuta, aiutando nelle partenze o nelle accelerazioni intense. In autostrada la Volvo XC60 Recharge consuma circa 6 litri ogni 100 km, il motore elettrico praticamente non viene utilizzato, ma il sistema di recupero ne carica costantemente la batteria. È vero, per 260 km di corsa, è stata in grado di ricaricare la batteria solo 1/8, questo è stato sufficiente solo per un paio di chilometri in città.

Articoli per neonati e bambini in Etiopia

Volvo XC60 Recharge ha anche la possibilità di caricare completamente la batteria dell'auto dal motore a combustione interna, l'opzione è abilitata separatamente tramite il menu. In questa modalità, il motore elettrico è completamente spento e il consumo di carburante aumenta fino a 9,5-10 litri. In generale, tale ricarica costerà comunque al proprietario meno di un parcheggio di tre ore in centro città, quindi a volte puoi usarlo. Ad esempio, quando torni in città percorrendo l'autostrada, ricarichi la batteria, e direttamente in città stessa utilizzi la carica già ricevuta.

All'interno del veicolo, l'ibrido plug-in sarà riconosciuto dal "pozzo" destro sul cruscotto virtuale, che mostra le informazioni sulla potenza elettrica disponibile e la scala di recupero energetico, e accanto - informazioni sulla batteria carica e chilometraggio elettrico disponibile. Inoltre, nel menu di selezione della modalità di guida vengono visualizzate voci aggiuntive relative al sistema ibrido.

In movimento, durante la guida a trazione elettrica, l'abitacolo della Volvo XC60 Recharge è completamente silenzioso, inerente ai veicoli elettrici, solo nei momenti di forte accelerazione si inizia a sentire il motore a combustione collegato. Inoltre, oltre al rumore del motore a benzina che si accende, non si riconosce più in alcun modo il passaggio, è assolutamente fluido e invisibile in movimento. La potenza del motore elettrico è completamente sufficiente quando si guida in città, ma se all'improvviso ne hai bisogno di più, qui il motore a benzina turbo verrà in soccorso. In termini di controllo, l'ibrida XC60, a mio avviso, non differisce dal suo analogo con un motore a combustione interna.

Gli ibridi plug-in, a differenza dei veicoli elettrici, non sono esenti da tasse, quindi nel caso della Volvo XC60 Recharge, dovrai pagare 320 CV. (viene considerata solo la potenza del motore a combustione interna) alle tariffe della tua regione e dovrai anche pagare una tassa sul lusso. Anche l'azzeramento dei dazi all'importazione sugli ibridi non si applica, quindi qui si paga tutto per intero.

Chi potrebbe essere interessato a un ibrido plug-in? A mio avviso, per i residenti della metropoli o del circondario, che hanno accesso a una colonnina o presa per la ricarica giornaliera dell'auto e il cui chilometraggio giornaliero standard non supera i 60 km. Idealmente, si carica la batteria di notte, si va al lavoro al mattino, utilizzando il motore elettrico e si riaccende l'auto la sera. Il consumo di carburante in questo caso si avrà un minimo, come, del resto, il costo dell'energia elettrica. Se in casa e in ufficio non si ha accesso a una presa di corrente, o se non ci sono colonnine di ricarica nel raggio di 2-3 km, allora non ha particolare senso acquistare una ibrida plug-in. Il chilometraggio elettrico qui non è alto come in un'auto elettrica, quindi non è razionale cercare una stazione di ricarica da qualche parte, perché lungo la strada spenderai tutta l'energia ricevuta, inoltre, la velocità di ricarica di Volvo è bassa, quindi è anche una perdita di tempo. Se la Volvo XC60 Recharge avesse un'autonomia elettrica di almeno 100 km, sarebbe stato più divertente e 30-35 km non sono il chilometraggio per il quale vale la pena cercare la ricarica in città.

E quindi la Volvo XC60 Recharge è un'opzione interessante per le persone che hanno l'opportunità di ricaricare regolarmente l'auto e per la città possono utilizzare le capacità elettriche dell'auto e per i viaggi - già un motore a benzina, poiché il serbatoio è come un normale XC60, per 71 litri. Per coloro che non hanno l'opportunità di caricare regolarmente l'auto, è più facile guardare ai veicoli elettrici ibridi leggeri che stanno comparendo da Volvo e da altre case automobilistiche.

I prezzi per la Volvo XC60 Recharge non possono essere definiti bassi, partono da 6.359.000 rubli per un'auto abbastanza riccamente equipaggiata. I prezzi per una normale XC60 con motore a combustione interna partono da 4.099.000 rubli.

Volvo XC60 Recharge: perché abbiamo bisogno di un ibrido plug-in?

Questo articolo non è un test autonomo della Volvo XC60 Recharge, poiché abbiamo già pubblicato materiale sulla XC60 e la versione ibrida plug-in non presenta molte differenze. Quindi qui parleremo solo di questa classe di auto usando l'esempio di Volvo e la fattibilità di acquistarle.

Test Volvo XC60. Dalla Svezia con amore

La precedente generazione del crossover Volvo XC60 è stato il modello più venduto in nove anni di produzione. Il successore introdotto nel 2017 sarà in grado di ripetere il suo successo.

Per cominciare, vorrei sfatare un paio di miti sugli ibridi plug-in (ibridi plug-in) che circolano in rete e di cui ho sentito parlare da amici. La prima è che tali auto non possono essere parcheggiate in città nei luoghi per veicoli elettrici, poiché i loro proprietari, come nel caso delle auto con motore a combustione interna, possono ricevere una multa o addirittura essere evacuati. Ho contattato espressamente il Dipartimento dei Trasporti della città di Mosca per chiarire la situazione, e questo è quello che mi hanno risposto:

"I posti speciali presso le stazioni di ricarica sono dotati di segnaletica stradale 3.27" È vietata la sosta", 8.4.15 "Tranne il tipo di veicolo" e 8.24 "Un carro attrezzi è in funzione."

È vietato parcheggiare nei luoghi indicati ai veicoli dotati esclusivamente di motore a combustione interna. Questi posti sono creati appositamente per i veicoli elettrici e ibridi ricaricabili in modo da effettuare ricariche tempestive.

Cioè, è ufficialmente consentito parcheggiare in luoghi per veicoli elettrici per ibridi plug-in, il proprietario non dovrebbe temere una multa o un'evacuazione se si è fermato in un posto del genere per ricaricare l'auto. L'unica cosa da tenere a mente è che, a differenza dei veicoli elettrici, gli ibridi non hanno diritto ai vantaggi del parcheggio gratuito in città, quindi il tempo di parcheggio dovrà essere pagato secondo le tariffe. Quest'ultimo, ovviamente, è triste, poiché la ricarica nel centro di Mosca (la tariffa è di 380 rubli all'ora), dove, infatti, la maggior parte delle stazioni di ricarica urbane è installata in misura maggiore, il proprietario dell'ibrido lo farà costa un bel soldo. Se sei ancora in città per lavoro, perché non utilizzare la rete di ricarica cittadina e alimentare la tua Volvo XC60 Recharge. Dovrai comunque pagare il parcheggio e poi ricaricare.

A proposito, in questo articolo abbiamo parlato dei vantaggi per i veicoli elettrici e della disponibilità di stazioni di ricarica a Mosca:

Un'auto elettrica in una grande città. Parte 1

In questo articolo, ti diremo quali modelli di auto elettriche vengono forniti al nostro mercato, quali vantaggi hanno i proprietari di treni elettrici e come stanno andando le cose con l'infrastruttura per il trasporto elettrico all'inizio del 2021 a Mosca.. .

Il secondo mito che sento anche regolarmente è che gli ibridi plug-in non possono accedere alle stazioni di ricarica chiuse di Rosseti e MGTS. Mi sono rivolto a Rosseti per un chiarimento (la situazione è simile a MGTS) e questa è la risposta che ho ricevuto:

"L'accesso alle stazioni di ricarica di Rosseti a Mosca e nella regione di Mosca viene attualmente effettuato utilizzando una speciale carta cliente, che i proprietari di veicoli elettrici possono ricevere gratuitamente presso l'ufficio clienti centrale della regione di Rosseti di Mosca all'indirizzo: Mosca, st. Vavilova, d.7B. Per i possessori di veicoli elettrici ibridi plug-in, l'ottenimento di una carta è disponibile su base generale. Per ottenere una carta cliente, è necessario:

* porta con te il passaporto e la carta di circolazione

* compila la domanda di tessera

* ottieni una carta cliente, attiva la carta chiamando la Linea Light 8 (800) 220-0-220 (la carta verrà attivata entro 24 ore)".

Come puoi vedere, qui tutto è simile alle auto elettriche: compili un questionario, vieni una volta all'ufficio centrale di un fornitore di servizi e ricevi un'ambita tessera che ti dà accesso alle stazioni di ricarica chiuse. Ho seguito questa procedura e tutto è davvero semplice.

Realtà e prospettive del mercato delle professioni informatiche

Quali sono le professioni più popolari e altamente pagate?

Recensione dello smartphone Samsung Galaxy A22s 5G (SM A226B/DSN)

Uno smartphone di nicchia con supporto 5G a un prezzo minimo: non è nemmeno sul sito Web Samsung, ma è venduto in Russia. Confronta con Galaxy A22: ne vale la pena?

Test Kia Picanto. L'ultima delle city car

In qualche modo impercettibilmente, quasi tutte le city car compatte hanno lasciato la Russia, che ha sostituito le berline di classe compatta e le liftback come Hyundai Solaris e Skoda Rapid. Ci sono sempre due vere city car rimaste sul nostro mercato, questo è l'eroe del nostro materiale Kia Picanto e Chevrolet Spark, insieme alla sua controparte con il marchio Ravon.

Recensione delle cuffie TCL TW30 MoveAudio S600 TWS

Qualsiasi produttore di smartphone decente è obbligato a offrire le proprie cuffie TWS con sé. Così TCL ha introdotto a dicembre sul mercato russo non solo uno smartphone di punta, ma anche un headset di punta. Vediamo cosa è successo...

Ora, infatti, passiamo alla Volvo XC60 Recharge. Visivamente, questa è una normale XC60, fatta eccezione per il portello sul parafango anteriore sinistro, sotto il quale è nascosto il connettore di tipo 2. Le principali differenze sono nascoste nelle viscere dell'auto, dove sotto il cofano abbiamo un convenzionale turbo da 320 CV motore a benzina, e sull'asse posteriore è presente un motore elettrico separato da 87 CV, alimentato da una batteria da 11,4 kilowattora nascosta nel tunnel centrale. Meccanicamente, entrambi i motori non sono collegati in alcun modo e tutto il controllo e la distribuzione delle risorse spetta all'elettronica dell'auto.

La batteria, sebbene minuscola rispetto a quella delle auto elettriche a tutti gli effetti, viene caricata, francamente, lentamente, su normali "pilastri di ricarica" ​​di tipo 2, una carica completa richiede circa 3 ore. Sembra che il produttore non abbia integrato la ricarica rapida nell'auto, poiché fino a 43,5 kW di potenza possono essere disponibili tramite il Tipo 2, e qui sembra che il caricabatterie per auto utilizzi lo standard 7,4 kW. Puoi anche caricare l'auto da una rete convenzionale a 220/230 volt, il tempo di ricarica in questo caso richiederà dalle 4,5 alle 6 ore. È interessante notare che dalla fabbrica la Volvo XC60 Recharge è dotata solo di un cavo per il collegamento a una normale presa di corrente, mentre il cavo di Tipo 2, che nella maggior parte dei casi sarà necessario collegare alle stazioni di ricarica, deve essere ordinato come optional o acquistato separatamente dal rivenditore.

Una batteria Volvo XC60 Recharge completamente carica, secondo il produttore, dovrebbe durare al massimo 54 km, secondo il metodo di prova per autovetture WLTP. In realtà la carica è sufficiente per poco più di 30 km nella modalità città ottimale per un'auto elettrica. Inoltre questa cifra è disponibile nel periodo estivo, per il periodo invernale, puoi tranquillamente ridurre questo chilometraggio del 20%. 30 km in elettrico sono un numero esiguo, d'altronde, ad esempio, il mio chilometraggio giornaliero abituale è di 32-35 km, quindi quasi mi inserisco nella cifra a disposizione di Volvo. Ma a differenza dei veicoli elettrici a tutti gli effetti, per un ibrido plug-in, devi assolutamente avere un caricabatterie a casa o in ufficio, oppure una stazione di ricarica deve trovarsi a 2-3 km da te. Se non c'è ricarica nelle vicinanze, l'uso di un ibrido plug-in praticamente scompare.

E il consumo di carburante? Tutto è abbastanza buono qui. Con una batteria carica in modalità ibrida in città, ho ottenuto 0,3 litri ogni 100 km, il valore non è zero, poiché il sistema accende il motore a combustione interna durante le brusche accelerazioni (quando l'acceleratore viene premuto oltre il 50% (circa) o durante un kickdown). Sempre in città, ma con una batteria quasi scarica, il consumo è risultato essere di circa 4-4,5 litri, poiché in questo caso l'elettronica inizia più spesso a collegare il motore a combustione interna. Con una batteria completamente scarica, il consumo sale già a 7-8 litri ogni 100 km. Qui vale la pena dire che il motore elettrico in questo caso funziona come un mild hybrid, il sistema di recupero dell'energia ricarica la batteria e dà immediatamente la carica ricevuta, aiutando nelle partenze o nelle accelerazioni intense. In autostrada la Volvo XC60 Recharge consuma circa 6 litri ogni 100 km, il motore elettrico praticamente non viene utilizzato, ma il sistema di recupero ne carica costantemente la batteria. È vero, per 260 km di corsa, è stata in grado di ricaricare la batteria solo 1/8, questo è stato sufficiente solo per un paio di chilometri in città.

Articoli per neonati e bambini in Etiopia Articoli per neonati e bambini in Etiopia

Volvo XC60 Recharge ha anche la possibilità di caricare completamente la batteria dell'auto dal motore a combustione interna, l'opzione è abilitata separatamente tramite il menu. In questa modalità, il motore elettrico è completamente spento e il consumo di carburante aumenta fino a 9,5-10 litri. In generale, tale ricarica costerà comunque al proprietario meno di un parcheggio di tre ore in centro città, quindi a volte puoi usarlo. Ad esempio, quando torni in città percorrendo l'autostrada, ricarichi la batteria, e direttamente in città stessa utilizzi la carica già ricevuta.

All'interno del veicolo, l'ibrido plug-in sarà riconosciuto dal "pozzo" destro sul cruscotto virtuale, che mostra le informazioni sulla potenza elettrica disponibile e la scala di recupero energetico, e accanto - informazioni sulla batteria carica e chilometraggio elettrico disponibile. Inoltre, nel menu di selezione della modalità di guida vengono visualizzate voci aggiuntive relative al sistema ibrido.

In movimento, durante la guida a trazione elettrica, l'abitacolo della Volvo XC60 Recharge è completamente silenzioso, inerente ai veicoli elettrici, solo nei momenti di forte accelerazione si inizia a sentire il motore a combustione collegato. Inoltre, oltre al rumore del motore a benzina che si accende, non si riconosce più in alcun modo il passaggio, è assolutamente fluido e invisibile in movimento. La potenza del motore elettrico è completamente sufficiente quando si guida in città, ma se all'improvviso ne hai bisogno di più, qui il motore a benzina turbo verrà in soccorso. In termini di controllo, l'ibrida XC60, a mio avviso, non differisce dal suo analogo con un motore a combustione interna.

Gli ibridi plug-in, a differenza dei veicoli elettrici, non sono esenti da tasse, quindi nel caso della Volvo XC60 Recharge, dovrai pagare 320 CV. (viene considerata solo la potenza del motore a combustione interna) alle tariffe della tua regione e dovrai anche pagare una tassa sul lusso. Anche l'azzeramento dei dazi all'importazione sugli ibridi non si applica, quindi qui si paga tutto per intero.

Chi potrebbe essere interessato a un ibrido plug-in? A mio avviso, per i residenti della metropoli o del circondario, che hanno accesso a una colonnina o presa per la ricarica giornaliera dell'auto e il cui chilometraggio giornaliero standard non supera i 60 km. Idealmente, si carica la batteria di notte, si va al lavoro al mattino, utilizzando il motore elettrico e si riaccende l'auto la sera. Il consumo di carburante in questo caso si avrà un minimo, come, del resto, il costo dell'energia elettrica. Se a casa e in ufficio non hai accesso a una presa di corrente, o se non ci sono stazioni di ricarica nel raggio di 2-3 km, allora non ha senso acquistare un ibrido plug-in.Il chilometraggio elettrico qui non è alto come in un'auto elettrica, quindi non è razionale cercare una stazione di ricarica da qualche parte, perché lungo la strada spenderai tutta l'energia ricevuta, inoltre, la velocità di ricarica di Volvo è bassa, quindi è anche una perdita di tempo. Se la Volvo XC60 Recharge avesse un'autonomia elettrica di almeno 100 km, sarebbe stato più divertente e 30-35 km non sono il chilometraggio per il quale vale la pena cercare la ricarica in città.

E quindi la Volvo XC60 Recharge è un'opzione interessante per le persone che hanno l'opportunità di ricaricare regolarmente l'auto e per la città possono utilizzare le capacità elettriche dell'auto e per i viaggi - già un motore a benzina, poiché il serbatoio è come un normale XC60, per 71 litri. Per coloro che non hanno l'opportunità di caricare regolarmente l'auto, è più facile guardare ai veicoli elettrici ibridi leggeri che stanno comparendo da Volvo e da altre case automobilistiche.

I prezzi per la Volvo XC60 Recharge non possono essere definiti bassi, partono da 6.359.000 di rubli per un'auto piuttosto ricca in termini di equipaggiamento. I prezzi per una normale XC60 con motore a combustione interna partono da 4.099.000 rubli.